Simonetta FRASCHETTI

Simonetta FRASCHETTI

Professore II Fascia (Associato)

Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche ed Ambientali

Centro Ecotekne Pal. B - S.P. 6, Lecce - Monteroni - LECCE (LE)

Ufficio, Piano terra

Telefono +39 0832 29 8853

Ecologia SSD BIO/07 Laboratorio di Biologia Marina Dipartimento di Scienze e Tecnologie per l’Ambiente Università del Salento, Lecce Orcid: orcid.org/0000-0002-1780-1651

Area di competenza:

Biodiversità ambiente marino

Ecologia Sperimentale

Analisi impatto ambientale popolamenti costieri

Conservazione ambiente marino

Pianificazione spaziale marittima

Design Aree Marine Protette

Restoration ecology

 

 

Orario di ricevimento

Campionamenti, didattica e impegni istituzionali rendono difficile stabilire un orario preciso. Prego inviare una mail per definire un orario di incontro

Visualizza QR Code Scarica la Visit Card

Curriculum Vitae

 

Simonetta Fraschetti, Laurea in Scienze Biologiche cum laude (Università di Genova) e PhD in Scienze Ambientali (Scienze Marine), è Professore Associato di Ecologia, presso il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche e Ambientali (DiSTeBA) dell’Università del Salento (Lecce) a partire dal 2011. Nel 2014, ottiene l’Abilitazione Scientifica Nazionale come Professore Ordinario di Ecologia. Insegna Marine Biology and Ecology (4+2 cfu) per il Corso di Laurea Magistrale in Coastal and Marine Biology and Ecology (in Inglese, classe LM-6), e Biodiversità e Funzionamento dei Sistemi Ecologici (4+2 cfu) per il Corso di Laurea Triennale in Scienze e Tecnologie Biologiche ed Ambientali (classe L-32). E’ attualmente vice Presidente del Consiglio Didattico del Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Biologiche e Ambientali. Fa parte del Dottorato di Scienze Biologiche ed Ambientali dell’Università del Salento.

 

IL mio CV è allegato

 

Scarica curriculum vitae

Pubblicazioni

Autore/Coautore di 85 articoli su riviste ISI, 7 libri scientifici internazionali, 6 capitoli di libri italiani (http://scholar.google.it/citations?hl=en&user=debN35MAAAAJ&view_op=list_works&cstart=60).

 

 L'elenco è disponibile nel pdf allegato

 

Scarica pubblicazioni

Temi di ricerca

Si occupa di biodiversità in ambiente marino e utilizza ricerca di campo, esperimenti di natura manipolativa e analisi spaziali per comprendere i processi che ne determinano le modalità di distribuzione. La gestione e la conservazione dell’ambiente marino-costiero sono centrali nella sua ricerca unitamente alla valutazione di pressioni multiple e ad azioni di recupero di sistemi degradati. Lo studio di tematiche di ecologia di base come le modalità di distribuzione, di abbondanza e diversità di organismi in ambiente marino è indispensabile per la valutazione degli effetti degli impatti antropici. Principal investigator o responsabile di Unità Locale di Ricerca in progetti nazionali / internazionali (AMAre, MERCES, ADRIPLAN, CoCoNeT, MEDISEH MAREA, MARBEF, VECTORS, PEW, BIORES) nell’ambito dei quali ha instaurato una rete consolidata di relazioni internazionali, è rappresentante Italiano nella figura di MC Member nella Cost Action CA15121 in the COST Advancing marine conservation in the European and contiguous seas (MarCons, http://www.cost.eu/COST_Actions/ca/CA15121). Questi progetti hanno consentito di affrontare problematiche a larga scala (e.g. effetti di stress multipli, gestione integrale della fascia costiera), di identificare priorità di conservazione e strumenti adeguati per risolvere problemi ambientali complessi individuando strategie di mitigazione efficaci. In questo contesto, grande attenzione è anche rivolta allo studio di Aree Marine Protette (design, siting, identificazione di network) motivata dalla convinzione che siano uno strumento importante per limitare gli effetti di alcune attività antropiche consentendo il recupero della biodiversità e di diverse proprietà ecosistemiche. Il recente finanziamento per progetto Interreg MED AMAre, di cui è PI, consentirà di affrontare in diverse AMP del Mediterraneo il tema della pianificazione spaziale marittima per migliorare la conservazione della biodiversità, con la produzione di scenari alternativi di uso del territorio marino-costiero attraverso il coinvolgimento diretto di diverse categorie di stakeholder, per l’individuazione e la risoluzione di eventuali conflitti tramite l’utilizzo di software specifici. Al di là delle fruttuose interazioni internazionali, ha una collaborazione intensa con le più importanti istituzioni locali (Regione Puglia, Provincia, Acquedotto Pugliese, Aree Marine Protette ) per migliorare la gestione e la conservazione del territorio.