Maria Vittoria DELL'ANNA

Maria Vittoria DELL'ANNA

Ricercatore Universitario

Settore Scientifico Disciplinare L-FIL-LET/12: LINGUISTICA ITALIANA.

Dipartimento di Studi Umanistici

Edificio Codacci Pisanelli - Piazza Arco di Trionfo, 1 - LECCE (LE)

Ufficio, Piano terra

Telefono +39 0832 29 6065

Abilitata al ruolo di Professore Associato (Abilitazione scientifica nazionale, I tornata [2012])

Abilitata al ruolo di Professore Ordinario (Abilitazione scientifica nazionale, tornata 2016-18, V quadrimestre)

Area di competenza:

Linguistica italiana

Orario di ricevimento

Giovedì 9-11 (eventuali modifiche saranno comunicate per tempo su questa bacheca). Gli interessati sono invitati a concordare l'appuntamento per posta elettronica.

E' sempre possibile contattare la docente per posta elettronica.

Visualizza QR Code Scarica la Visit Card

Curriculum Vitae

 

 Leggi CV ed elenco delle pubblicazioni nel file PDF allegato al link sottostante

 

 

 

 

 

Scarica curriculum vitae

Didattica

A.A. 2018/2019

LINGUA ITALIANA

Corso di laurea LINGUE, CULTURE E LETTERATURE STRANIERE

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 54.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI

Percorso PERCORSO COMUNE

LINGUISTICA ITALIANA

Corso di laurea SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE

Lingua ITALIANO

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI

Percorso PERCORSO COMUNE

A.A. 2017/2018

LINGUISTICA ITALIANA

Corso di laurea SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE

Lingua ITALIANO

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI

Percorso PERCORSO COMUNE

A.A. 2016/2017

LINGUA ITALIANA

Corso di laurea LINGUE, CULTURE E LETTERATURE STRANIERE

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 54.0 Ore Studio individuale: 171.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI

Percorso PERCORSO COMUNE

LINGUISTICA ITALIANA

Corso di laurea LETTERE

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 240.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI

Percorso CLASSICO

A.A. 2015/2016

LABORATORIO DI SCRITTURA

Corso di laurea LETTERE

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 30.0 Ore Studio individuale: 120.0

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI

Percorso PERCORSO COMUNE

Torna all'elenco
LINGUA ITALIANA

Corso di laurea LINGUE, CULTURE E LETTERATURE STRANIERE

Settore Scientifico Disciplinare L-FIL-LET/12

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 54.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 24/09/2018 al 18/01/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Buona conoscenza della grammatica italiana

La variazione linguistica. L’italiano contemporaneo e le sue varietà; l’italiano standard; linee di tendenza.

Le strutture dell’italiano. Fonologia e grafia; morfologia e morfosintassi; sintassi della frase, sintassi del periodo; punteggiatura, ordine delle parole e sintassi marcata; lessico e morfologia lessicale.

Il testo e le tipologie testuali; elementi di testualità.

Il contatto linguistico (con particolare riferimento agli aspetti lessicali). La lingua italiana nel mondo.

Breve profilo di storia della lingua italiana dalla nascita dell’italiano a oggi.

Il corso mira 1) a far conoscere la variazione linguistica in dimensione sincronica, le varietà del repertorio linguistico italiano dall’Unità d’Italia a oggi e gli sviluppi e le tendenze dell’italiano contemporaneo; specifica attenzione verrà dedicata alle dinamiche del contatto linguistico tra l’italiano e le altre lingue e ai temi dell’italiano nel mondo e del mondo in italiano; 2) a far conoscere i principali momenti della storia linguistica del nostro Paese (dalla nascita dell’italiano a oggi).

Al termine del corso gli studenti acquisiranno 1) la capacità e l’abilità di descrivere e interpretare i fatti linguistici contemporanei (anche con riferimento o a partire dall’analisi di testi parlati, scritti e trasmessi di varia natura e di vario genere) e di individuare, osservare e valutare il ruolo dell’italiano quale lingua di cultura in Europa e nel mondo e i fenomeni del contatto interlinguistico con particolare riguardo alla situazione attuale; 2) la capacità e l’abilità di descrivere e interpretare le vicende linguistiche italiane secondo la dimensione diacronica.

Lezione frontale, anche con l’aiuto di presentazioni in PowerPoint; lettura e commento linguistico di testi; discussione di materiali forniti in aula e consultazione di materiale bibliografico di approfondimento.

Prova scritta, fissata soltanto nel primo appello della prima sessione d’esame, sul programma segnalato alla lettera A (per gli studenti frequentanti) o alla lettera B (per gli studenti non frequentanti) della sezione “Programma e testi per la preparazione dell’esame”. La prova consisterà in un test a domande aperte e chiuse. La prova valuterà conoscenza e padronanza dei contenuti e originalità di elaborazione scritta anche con riferimento al lessico tecnico della disciplina. Chi non superi la prova o ne rifiuti il voto sosterrà l’esame orale in appelli successivi al primo.

Prova orale, in tutte le sessioni d’esame. Il colloquio verterà sul programma d’esame segnalato alla lettera A (frequentanti) o alla lettera B (non frequentanti) della sezione “Programma e testi per la preparazione dell’esame”. Il colloquio valuterà conoscenza e padronanza dei contenuti e originalità di elaborazione anche con riferimento al lessico tecnico della disciplina.

 

Gli studenti si prenoteranno agli esami utilizzando esclusivamente il sistema VOL.

2018: 31 gennaio, 2 febbraio (h. 9 [aula Sp4 Sperimentale-Tabacchi] prova scritta, riservata agli studenti di Scienze della Comunicazione nell'a.a. 2017-18), 20 febbraio, 19 aprile, 21 maggio (laureandi sessione estiva 2017-18), 5 giugno, 26 giugno; 18 settembre, 9 ottobre (studenti fuori corso, in debito d'esame e laureandi sessione autunnale), 4 dicembre. N.B. Dagli esami del 18/9 e 4/12 sono esclusi gli studenti a.a. 2018-19.

 

2019: 22 gennaio (prova orale aperta a tutti; prova scritta, in alternativa a quella orale, aperta a studenti frequentanti e non frequentanti di Scienze della Comunicazione e di LLCCLLSS a.a. 2018-19 [seguire indicazioni nella sezione "Modalità dell'esame" della scheda insegnamento]), 6 febbraio, 23 aprile (studenti fuori corso, percorsi internazionali, laureandi sessione estiva), 28 maggio, 18 giugno, 9 luglio.

Gli studenti si prenoteranno agli esami utilizzando esclusivamente il sistema VOL.

Gli esami orali si svolgeranno nello studio n. 1 dell’edificio Codacci Pisanelli (con inizio alle ore 9, se non diversamente specificato in bacheca).

Commissione d’esame: Maria Vittoria Dell’Anna, Immacolata Tempesta, Salvatore De Masi.

Lingua italiana

a.a. 2018-19; 9 CFU

docente: Prof.ssa Maria Vittoria Dell’Anna

 

Corso di laurea: Lingue, culture e letterature straniere                 

Semestre: I; ore di lezione: 54

Titolo: L’italiano contemporaneo. Aspetti, tendenze, dinamiche di variazione e contatto linguistico

 

Contenuti del corso; obiettivi, abilità da acquisire

Contenuti

La variazione linguistica. L’italiano contemporaneo e le sue varietà; l’italiano standard; linee di tendenza.

Le strutture dell’italiano. Fonologia e grafia; morfologia e morfosintassi; sintassi della frase, sintassi del periodo; punteggiatura, ordine delle parole e sintassi marcata; lessico e morfologia lessicale.

Il testo e le tipologie testuali; elementi di testualità.

Il contatto linguistico (con particolare riferimento agli aspetti lessicali). La lingua italiana nel mondo.

Breve profilo di storia della lingua italiana dalla nascita dell’italiano a oggi.

Obiettivi, abilità da acquisire

Il corso mira 1) a far conoscere la variazione linguistica in dimensione sincronica, le varietà del repertorio linguistico italiano dall’Unità d’Italia a oggi e gli sviluppi e le tendenze dell’italiano contemporaneo; specifica attenzione verrà dedicata alle dinamiche del contatto linguistico tra l’italiano e le altre lingue e ai temi dell’italiano nel mondo e del mondo in italiano; 2) a far conoscere i principali momenti della storia linguistica del nostro Paese (dalla nascita dell’italiano a oggi).

Al termine del corso gli studenti acquisiranno 1) la capacità e l’abilità di descrivere e interpretare i fatti linguistici contemporanei (anche con riferimento o a partire dall’analisi di testi parlati, scritti e trasmessi di varia natura e di vario genere) e di individuare, osservare e valutare il ruolo dell’italiano quale lingua di cultura in Europa e nel mondo e i fenomeni del contatto interlinguistico con particolare riguardo alla situazione attuale; 2) la capacità e l’abilità di descrivere e interpretare le vicende linguistiche italiane secondo la dimensione diacronica.

 

Programma e testi per la preparazione dell’esame

• A - studenti frequentanti

1) I contenuti delle lezioni e i materiali di volta in volta distribuiti e commentati.

2) I. Bonomi, A. Masini, S. Morgana, M. Piotti, Elementi di linguistica italiana, Roma, Carocci, 2014.

3) M. Palermo, Linguistica italiana, Bologna, il Mulino, 2015 [parte prima, cap. 4 (Lessico); parte terza, capp. 1 (L’italiano nel mondo) e 2 (Il mondo in italiano)].

4) Le seguenti voci dell’Enciclopedia dell’Italiano (Roma, Treccani, 2010) [consultabili in versione integrale anche online, a partire dall’indirizzo www.treccani.it]: bilinguismo e diglossia; calchi; contatto linguistico; emigrazione, italiano dell’; europeismi; forestierismi; italianismi; prestiti.

• B - studenti non frequentanti

1) R. Gualdo, C. Giovanardi, Inglese-Italiano 1 a 1. Tradurre o non tradurre le parole inglesi?, Lecce, Manni, 2008 [capp. 1-3; 20 esempi a scelta tra quelli proposti e commentati nel cap. 4].

2-4) Testi e voci sopraelencati ai punti 2, 3, 4 (con le stesse indicazioni di parti/capitoli).

 

Prerequisiti

Buona conoscenza della grammatica italiana.

 

Docenti coinvolti nel modulo didattico

Docente titolare.

 

Metodi e materiali didattici; modalità di esecuzione delle lezioni.

Lezione frontale, anche con l’aiuto di presentazioni in PowerPoint; lettura e commento linguistico di testi; discussione di materiali forniti in aula e consultazione di materiale bibliografico di approfondimento.

 

Modalità di valutazione degli studenti

Prova scritta, fissata soltanto nel primo appello della prima sessione d’esame, sul programma segnalato alla lettera A (per gli studenti frequentanti) o alla lettera B (per gli studenti non frequentanti) della sezione “Programma e testi per la preparazione dell’esame”. La prova consisterà in un test a domande aperte e chiuse. La prova valuterà conoscenza e padronanza dei contenuti e originalità di elaborazione scritta anche con riferimento al lessico tecnico della disciplina. Chi non superi la prova o ne rifiuti il voto sosterrà l’esame orale in appelli successivi al primo.

Prova orale, in tutte le sessioni d’esame. Il colloquio verterà sul programma d’esame segnalato alla lettera A (frequentanti) o alla lettera B (non frequentanti) della sezione “Programma e testi per la preparazione dell’esame”. Il colloquio valuterà conoscenza e padronanza dei contenuti e originalità di elaborazione anche con riferimento al lessico tecnico della disciplina.

 

Modalità di prenotazione dell’esame e date degli appelli

Gli studenti si prenoteranno agli esami utilizzando esclusivamente il sistema VOL.

• A - studenti frequentanti

1) I contenuti delle lezioni e i materiali di volta in volta distribuiti e commentati.

2) I. Bonomi, A. Masini, S. Morgana, M. Piotti, Elementi di linguistica italiana, Roma, Carocci, 2014.

3) M. Palermo, Linguistica italiana, Bologna, il Mulino, 2015 [parte prima, cap. 4 (Lessico); parte terza, capp. 1 (L’italiano nel mondo) e 2 (Il mondo in italiano)].

4) Le seguenti voci dell’Enciclopedia dell’Italiano (Roma, Treccani, 2010) [consultabili in versione integrale anche online, a partire dall’indirizzo www.treccani.it]: bilinguismo e diglossia; calchi; contatto linguistico; emigrazione, italiano dell’; europeismi; forestierismi; italianismi; prestiti.

• B - studenti non frequentanti

1) R. Gualdo, C. Giovanardi, Inglese-Italiano 1 a 1. Tradurre o non tradurre le parole inglesi?, Lecce, Manni, 2008 [capp. 1-3; 20 esempi a scelta tra quelli proposti e commentati nel cap. 4].

2-4) Testi e voci sopraelencati ai punti 2, 3, 4 (con le stesse indicazioni di parti/capitoli).

LINGUA ITALIANA (L-FIL-LET/12)
LINGUISTICA ITALIANA

Corso di laurea SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE

Settore Scientifico Disciplinare L-FIL-LET/12

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 24/09/2018 al 18/01/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Buona conoscenza della grammatica italiana (fino al livello di preparazione usualmente richiesto a uno studente di scuola secondaria di secondo grado).

La variazione linguistica. L’italiano contemporaneo e le sue varietà; l’italiano standard; linee di tendenza.

Le strutture dell’italiano. Fonologia e grafia; morfologia e morfosintassi; sintassi della frase, sintassi del periodo; punteggiatura, ordine delle parole e sintassi marcata; lessico e morfologia lessicale.

Il testo e le tipologie testuali; elementi di testualità.

Breve profilo di storia della lingua italiana.

Il corso mira 1) a far conoscere la variazione linguistica in dimensione sincronica, le varietà del repertorio linguistico italiano dall’Unità d’Italia a oggi e gli sviluppi e le tendenze dell’italiano contemporaneo. Specifica attenzione verrà prestata al rapporto tra lingua e mezzi di comunicazione (radio, tv, stampa, Internet) e al tema dei linguaggi settoriali (tra gli altri: politica, diritto e istituzioni, burocrazia), su cui si organizzeranno percorsi di approfondimento anche in forma partecipata e laboratoriale; 2) a far conoscere i principali momenti della storia linguistica del nostro Paese (dalla nascita dell’italiano a oggi).

Al termine del corso gli studenti acquisiranno 1) la capacità e l’abilità di descrivere e interpretare i fatti linguistici contemporanei (anche con riferimento o a partire dall’analisi di testi parlati, scritti e trasmessi di varia natura e di vario genere) e di individuare, osservare e valutare il ruolo dell’italiano nella società della comunicazione; 2) la capacità e l’abilità di descrivere e interpretare le vicende linguistiche italiane secondo la dimensione diacronica.

Lezione frontale, in italiano, anche con l’ausilio di strumenti informatici; lettura e commento linguistico di testi; discussione di materiali forniti in aula e consultazione di materiale bibliografico.

Sono previsti approfondimenti tematici, accompagnati da momenti di autoverifica e da esercitazioni mirate con correzione e discussione collettiva e di gruppo in aula.

La frequenza delle lezioni è vivamente consigliata.

Prova scritta, fissata soltanto nel primo appello della prima sessione d’esame, sul programma segnalato alla lettera A (per gli studenti frequentanti) o alla lettera B (per gli studenti non frequentanti) della sezione “Programma e testi per la preparazione dell’esame”. La prova (distinta per studenti frequentanti e non frequentanti) consisterà in un test a domande aperte e chiuse: 24 domande chiuse (5 risposte, di cui una sola valida, per ogni domanda), 2 domande aperte (risposte di circa 15-20 righe). I punteggi saranno così assegnati: per le domande chiuse, 1 punto per ogni risposta esatta, 0 punti per ogni risposta non data, -0,10 punti per ogni risposta sbagliata; per le domande aperte, da 0 a 3 punti in base alla conoscenza e alla padronanza dei contenuti e all'originalità di elaborazione scritta anche con riferimento al lessico tecnico della disciplina. Chi non superi la prova o ne rifiuti il voto sosterrà l’esame orale in appelli successivi al primo.

Prova orale, in tutte le sessioni d’esame. Il colloquio verterà sul programma d’esame segnalato alla lettera A (frequentanti) o alla lettera B (non frequentanti) della sezione “Programma e testi per la preparazione dell’esame”. Il colloquio valuterà conoscenza e padronanza dei contenuti e originalità di elaborazione orale anche con riferimento al lessico tecnico della disciplina.

2018: 31 gennaio, 2 febbraio (h. 9 [aula Sp4 Sperimentale-Tabacchi] prova scritta, riservata agli studenti di Scienze della Comunicazione nell'a.a. 2017-18), 20 febbraio, 19 aprile, 21 maggio (laureandi sessione estiva 2017-18), 5 giugno, 26 giugno; 18 settembre, 9 ottobre (studenti fuori corso, in debito d'esame e laureandi sessione autunnale), 4 dicembre. N.B. Dagli esami del 18/9 e 4/12 sono esclusi gli studenti a.a. 2018-19.

 

2019: 22 gennaio (prova orale aperta a tutti; prova scritta, in alternativa a quella orale, aperta a studenti frequentanti e non frequentanti di Scienze della Comunicazione e di LLCCLLSS a.a. 2018-19 [seguire indicazioni nella sezione "Modalità dell'esame" della scheda insegnamento]), 6 febbraio, 23 aprile (studenti fuori corso, percorsi internazionali, laureandi sessione estiva), 28 maggio, 18 giugno, 9 luglio.

 

Gli studenti si prenoteranno agli esami utilizzando esclusivamente il sistema VOL.

Gli esami orali si svolgeranno nello studio n. 1 dell’edificio Codacci Pisanelli (con inizio alle ore 9, se non diversamente specificato in bacheca).

Commissione d’esame: Maria Vittoria Dell’Anna, Immacolata Tempesta, Salvatore De Masi.

Modalità di prenotazione dell’esame e date degli appelli

Gli studenti si prenoteranno agli esami utilizzando esclusivamente il sistema VOL.

Gli esami orali si svolgeranno nello studio n. 1 dell’edificio Codacci Pisanelli (con inizio alle ore 9, se non diversamente specificato in bacheca).

Commissione d’esame: Maria Vittoria Dell’Anna, Immacolata Tempesta, Salvatore De Masi.

Linguistica italiana

a.a. 2018-19; 12 CFU

docente: Prof.ssa Maria Vittoria Dell’Anna

 

 

Corso di laurea: Scienze della Comunicazione                                 

Semestre: I; ore di lezione: 60

Titolo: Variazione e varietà linguistiche nell’Italia di oggi.

 

 

Contenuti del corso; obiettivi, abilità da acquisire

Contenuti

La variazione linguistica. L’italiano contemporaneo e le sue varietà; l’italiano standard; linee di tendenza.

Le strutture dell’italiano. Fonologia e grafia; morfologia e morfosintassi; sintassi della frase, sintassi del periodo; punteggiatura, ordine delle parole e sintassi marcata; lessico e morfologia lessicale.

Il testo e le tipologie testuali; elementi di testualità.

Breve profilo di storia della lingua italiana dalla nascita dell’italiano a oggi.

Obiettivi, abilità da acquisire

Il corso mira 1) a far conoscere la variazione linguistica in dimensione sincronica, le varietà del repertorio linguistico italiano dall’Unità d’Italia a oggi e gli sviluppi e le tendenze dell’italiano contemporaneo. Specifica attenzione verrà prestata al rapporto tra lingua e mezzi di comunicazione (radio, tv, stampa, Internet) e al tema dei linguaggi settoriali (tra gli altri: politica, diritto e istituzioni, burocrazia), su cui si organizzeranno percorsi di approfondimento anche in forma partecipata e laboratoriale; 2) a far conoscere i principali momenti della storia linguistica del nostro Paese (dalla nascita dell’italiano a oggi).

Al termine del corso gli studenti acquisiranno 1) la capacità e l’abilità di descrivere e interpretare i fatti linguistici contemporanei (anche con riferimento o a partire dall’analisi di testi parlati, scritti e trasmessi di varia natura e di vario genere) e di individuare, osservare e valutare il ruolo dell’italiano nella società della comunicazione; 2) la capacità e l’abilità di descrivere e interpretare le vicende linguistiche italiane secondo la dimensione diacronica.

 

Programma e testi per la preparazione dell’esame

• A - studenti frequentanti

1) I contenuti delle lezioni e i materiali di volta in volta distribuiti e commentati.

2) C. Giovanardi, E. De Roberto, L’italiano: strutture, comunicazione, testi, Pearson, 2018.

3) S. Morgana, Breve storia della lingua italiana, Roma, Carocci, 2009 (ristampa 2018).

• B - studenti non frequentanti

1) I. Bonomi, A. Masini, S. Morgana, M. Piotti, Elementi di linguistica italiana, Roma, Carocci, 2014.

2) G. Antonelli, L’italiano nella società della comunicazione 2.0, Bologna, il Mulino, 2016.

3) R. Gualdo, L’italiano dei giornali, Roma, Carocci, 2017.

 

Prerequisiti

 

Buona conoscenza della grammatica italiana (fino al livello di preparazione usualmente richiesto a uno studente di scuola secondaria di secondo grado).

 

Docenti coinvolti nel modulo didattico

Docente titolare.

 

Metodi e materiali didattici; modalità di esecuzione delle lezioni.

Lezione frontale, in italiano, anche con l’ausilio di strumenti informatici; lettura e commento linguistico di testi; discussione di materiali forniti in aula e consultazione di materiale bibliografico.

Sono previsti approfondimenti tematici, accompagnati da momenti di autoverifica e da esercitazioni mirate con correzione e discussione collettiva e di gruppo in aula.

La frequenza delle lezioni è vivamente consigliata.

 

Modalità di valutazione degli studenti

Prova scritta, fissata soltanto nel primo appello della prima sessione d’esame, sul programma segnalato alla lettera A (per gli studenti frequentanti) o alla lettera B (per gli studenti non frequentanti) della sezione “Programma e testi per la preparazione dell’esame”. La prova (distinta per studenti frequentanti e non frequentanti) consisterà in un test a domande aperte e chiuse: 24 domande chiuse (5 risposte, di cui una sola valida, per ogni domanda), 2 domande aperte (risposte di circa 15-20 righe). I punteggi saranno così assegnati: per le domande chiuse, 1 punto per ogni risposta esatta, 0 punti per ogni risposta non data, -0,10 punti per ogni risposta sbagliata; per le domande aperte, da 0 a 3 punti in base alla conoscenza e alla padronanza dei contenuti e all'originalità di elaborazione scritta anche con riferimento al lessico tecnico della disciplina. Chi non superi la prova o ne rifiuti il voto sosterrà l’esame orale in appelli successivi al primo.

Prova orale, in tutte le sessioni d’esame. Il colloquio verterà sul programma d’esame segnalato alla lettera A (frequentanti) o alla lettera B (non frequentanti) della sezione “Programma e testi per la preparazione dell’esame”. Il colloquio valuterà conoscenza e padronanza dei contenuti e originalità di elaborazione anche con riferimento al lessico tecnico della disciplina.

 

Modalità di prenotazione dell’esame e date degli appelli

Gli studenti si prenoteranno agli esami utilizzando esclusivamente il sistema VOL.

Gli esami orali si svolgeranno nello studio n. 1 dell’edificio Codacci Pisanelli (con inizio alle ore 9, se non diversamente specificato in bacheca).

 

Commissione d’esame

Maria Vittoria Dell’Anna, Immacolata Tempesta, Salvatore De Masi.

Lecce, giugno 2018                           Maria Vittoria Dell’Anna

• A - studenti frequentanti

1) I contenuti delle lezioni e i materiali di volta in volta distribuiti e commentati.

2) C. Giovanardi, E. De Roberto, L’italiano: strutture, comunicazione, testi, Pearson, 2018.

3) S. Morgana, Breve storia della lingua italiana, Roma, Carocci, 2009 (ristampa 2018).

• B - studenti non frequentanti

1) I. Bonomi, A. Masini, S. Morgana, M. Piotti, Elementi di linguistica italiana, Roma, Carocci, 2014.

2) G. Antonelli, L’italiano nella società della comunicazione 2.0, Bologna, il Mulino, 2016 [riferirsi a questa edizione].

3) R. Gualdo, L’italiano dei giornali, Roma, Carocci, 2017.

 

LINGUISTICA ITALIANA (L-FIL-LET/12)
LINGUISTICA ITALIANA

Corso di laurea SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE

Settore Scientifico Disciplinare L-FIL-LET/12

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 25/09/2017 al 19/01/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Linguistica italiana

a.a. 2017-18; 12 CFU

docente: Prof.ssa Maria Vittoria Dell’Anna

 

Corso di laurea: Scienze della Comunicazione

Semestre: I; ore di lezione: 60

Titolo: Variazione e varietà linguistiche nell’Italia di oggi.

 

Presentazione e obiettivi del corso; abilità da acquisire

Il corso mira 1) a far conoscere la variazione linguistica in dimensione sincronica, le varietà del repertorio linguistico italiano dall’Unità d’Italia a oggi e gli sviluppi e le tendenze dell’italiano contemporaneo. Specifica attenzione verrà prestata al rapporto tra lingua e mezzi di comunicazione (radio, tv, stampa, Internet) e al tema dei linguaggi settoriali (tra gli altri: politica, diritto e istituzioni, burocrazia), su cui si organizzeranno percorsi di approfondimento anche in forma partecipata e laboratoriale; 2) a far conoscere i principali momenti della storia linguistica del nostro Paese (dalla nascita dell’italiano a oggi).

Al termine del corso gli studenti acquisiranno 1) la capacità e l’abilità di descrivere e interpretare i fatti linguistici contemporanei (anche con riferimento o a partire dall’analisi di testi parlati, scritti e trasmessi di varia natura e di vario genere) e di individuare, osservare e valutare il ruolo dell’italiano nella società della comunicazione; 2) la capacità e l’abilità di descrivere e interpretare le vicende linguistiche italiane secondo la dimensione diacronica.

Programma e testi per la preparazione dell’esame

• A - studenti frequentanti

1) I contenuti delle lezioni e i materiali di volta in volta distribuiti e commentati.

2) I. Bonomi, A. Masini, S. Morgana, M. Piotti, Elementi di linguistica italiana, Roma, Carocci, 2014.

3) G. Antonelli, L’italiano nella società della comunicazione 2.0, Bologna, il Mulino, 2016 [riferirsi a questa edizione].

4) Un percorso di approfondimento a scelta tra i seguenti:

    a) Lingua e giornali: R. Gualdo, L’italiano dei giornali, Roma, Carocci, 2017 (riferirsi a questa edizione, di imminente uscita).  

    b) Lingua e tv: G. Alfieri-I. Bonomi, Lingua italiana e televisione, Carocci, 2012.

    c) Lingua e burocrazia: S. Lubello, Il linguaggio burocratico, Roma, Carocci, 2014.

    d) Lingua e politica: M.V. Dell’Anna, Lingua italiana e politica, Roma, Carocci, 2010.

    e) Lingua e diritto:

        M.V. Dell’Anna, Linguaggio giuridico e testi giuridici, in Ead., In nome del popolo italiano. Linguaggio giuridico e lingua della sentenza in Italia, Firenze, Cesati, 2017,

                                        pp. 21-52;

        M.V. Dell’Anna, Il lessico giuridico. Proposta di descrizione, in “Lingua nostra”, lxix (2008), pp. 98-110;

        R. Gualdo, Il linguaggio del diritto, in Id.-S. Telve, Linguaggi specialistici dell’italiano, Roma, Carocci, 2012, pp. 411-477.

• B - studenti non frequentanti

1) - L. Serianni, Prima lezione di grammatica, Roma-Bari, Laterza, 2017.

     - Un testo a scelta tra i seguenti:

     T. De Mauro, Storia linguistica dell’Italia repubblicana, Roma-Bari, Laterza, 2014.

     L. Renzi, Come cambia la lingua. L’italiano in movimento, Bologna, il Mulino, 2017.

     F. Sabatini, Lezione di italiano. Grammatica, storia, buon uso. Milano, Mondadori, 2016.

    P. Trifone, Pocoinchiostro. Storia dell’italiano comune, Bologna, il Mulino, 2017.

2-4) Testi sopraelencati ai punti 2 e 3 e un percorso di approfondimento a scelta tra quelli sopraelencati al punto 4.

Prerequisiti

Buona conoscenza della grammatica italiana.

Docenti coinvolti nel modulo didattico

Docente titolare.

Metodi e materiali didattici; modalità di esecuzione delle lezioni.

Lezione frontale, anche con l’aiuto di presentazioni in PowerPoint; lettura e commento linguistico di testi; discussione di materiali forniti in aula e consultazione di materiale bibliografico di approfondimento.

Modalità di valutazione degli studenti

a. Prova scritta, riservata agli studenti frequentanti, da svolgere alla fine del corso (solo un appello) secondo date e modalità che saranno comunicate durante le lezioni. La prova verterà sul programma d’esame segnalato alla lettera A (indicazioni specifiche saranno date anche riguardo al punto 4 [percorso a scelta]).

b. Prova orale, in tutte le altre sessioni d’esame (per studenti non frequentanti e per studenti frequentanti che non abbiano sostenuto/superato la prova scritta o che ne abbiano rifiutato il voto).

Modalità di prenotazione dell’esame e date degli appelli

Gli studenti si prenoteranno agli esami utilizzando esclusivamente il sistema VOL.

Gli esami orali si svolgeranno nello studio n. 1 dell’edificio Codacci Pisanelli secondo il seguente calendario (con inizio alle ore 9, se non diversamente specificato in bacheca): [2018] 31 gennaio, 20 febbraio, 19 aprile, 21 maggio (riservato a laureandi della sessione estiva), 5 giugno, 26 giugno.

N.B. Le date degli appelli di settembre, ottobre e dicembre 2018 saranno comunicate per tempo in base alle finestre d’esame previste dal Calendario Unico di Facoltà sulla sessione autunnale 2017-18.

Commissione d’esame

Maria Vittoria Dell’Anna, Immacolata Tempesta, Salvatore De Masi, Chiara Coluccia.

LINGUISTICA ITALIANA (L-FIL-LET/12)
LINGUA ITALIANA

Corso di laurea LINGUE, CULTURE E LETTERATURE STRANIERE

Settore Scientifico Disciplinare L-FIL-LET/12

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 54.0 Ore Studio individuale: 171.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 26/09/2016 al 20/01/2017)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

LINGUA ITALIANA (L-FIL-LET/12)
LINGUISTICA ITALIANA

Corso di laurea LETTERE

Settore Scientifico Disciplinare L-FIL-LET/12

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 240.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 26/09/2016 al 20/01/2017)

Lingua

Percorso CLASSICO (031)

 

Linguistica italiana

a.a. 2016-17; 12 CFU

docente: Prof.ssa Maria Vittoria Dell’Anna

 

Corso di laurea: L10 - Lettere, curriculum classico

Semestre: I; ore di lezione: 60

Titolo: La variazione e le varietà dell’Italia linguistica oggi

 

Presentazione e obiettivi del corso; abilità da acquisire

Il corso mira 1) a far conoscere la variazione linguistica in dimensione sincronica, le varietà del repertorio linguistico italiano dall’Unità d’Italia a oggi e gli sviluppi e le tendenze dell’italiano contemporaneo; 2) a far conoscere i meccanismi di continuazione/derivazione dell’italiano dal latino nella fonetica, nella morfologia, nella sintassi e nel lessico e i principali momenti della storia linguistica del nostro Paese (dalla nascita dell’italiano a oggi).

Al termine del corso gli studenti acquisiranno 1) la capacità e l’abilità di descrivere e interpretare i fatti linguistici contemporanei, anche con riferimento o a partire dall’analisi di testi parlati, scritti e trasmessi di varia natura e di vario genere; 2) la capacità e l’abilità di descrivere e interpretare i fatti linguistici italiani secondo la dimensione diacronica e di utilizzare i primi strumenti di indagine storico-linguistica di testi letterari e no.

 

Programma e testi per la preparazione dell’esame

• A - studenti frequentanti

1) I contenuti delle lezioni e i materiali di volta in volta distribuiti e commentati.

2) M. Palermo, Linguistica italiana, Bologna, il Mulino, 2015 [parte prima, capp. 1-4; parte seconda, capp. 2-3].

3) G. Patota, Nuovi lineamenti di grammatica storica dell’italiano, Bologna, il Mulino, 2007 [capp. I-V].

4) C. Marazzini, La lingua italiana. Storia, testi, strumenti, Bologna, il Mulino, 2015 (riferirsi a questa edizione) [capp. IV-XXI].

• B - studenti non frequentanti

1) T. De Mauro, Storia linguistica dell’Italia repubblicana. Dal 1946 ai nostri giorni, Laterza, Roma-Bari, 2014.

2-4) Testi sopraelencati ai punti 2, 3, 4 (con le stesse indicazioni di parti/capitoli).

 

Prerequisiti

Buona conoscenza della grammatica italiana e del latino.

 

Docenti coinvolti nel modulo didattico

Docente titolare.

 

Metodi e materiali didattici; modalità di esecuzione delle lezioni.

Lezione frontale, anche con l’aiuto di presentazioni in PowerPoint; lettura e commento linguistico di testi; esercitazioni; discussione di materiali forniti in aula e consultazione di materiale bibliografico di approfondimento.

 

Modalità di valutazione degli studenti

a. Prova scritta, aperta e riservata agli studenti frequentanti, da svolgere  alla fine del corso (solo un appello) secondo modalità che saranno comunicate durante le lezioni. La prova verterà sul programma d’esame segnalato alla lettera A.

b. Prova orale, in tutte le altre sessioni d’esame (per studenti non frequentanti e per studenti frequentanti che non abbiano sostenuto/superato la prova scritta).

 

Modalità di prenotazione dell’esame e date degli appelli

Gli studenti si prenoteranno agli esami utilizzando esclusivamente il sistema VOL.

 

Commissione d’esame

Maria Vittoria Dell’Anna, Immacolata Tempesta, Chiara Coluccia

LINGUISTICA ITALIANA (L-FIL-LET/12)
LABORATORIO DI SCRITTURA

Corso di laurea LETTERE

Settore Scientifico Disciplinare L-FIL-LET/12

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 30.0 Ore Studio individuale: 120.0

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 22/02/2016 al 21/05/2016)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

LABORATORIO DI SCRITTURA (L-FIL-LET/12)

Pubblicazioni

 


Leggi l'elenco delle pubblicazioni nel CV allegato nella sezione "Biografia"

 


 

 

Temi di ricerca

  

Linguaggi specialistici dell'italiano.

Lingua e linguaggi della comunicazione politica e istituzionale.

Linguistica giuridica:

     lingua e diritto nella storia della lingua italiana;

     il lessico del diritto (in sincronia e in diacronia);

     sintassi e testualità della prosa giurisprudenziale contemporanea;

     argomentazione forense (del giudice e dell'avvocato);

     lingua dei testi dell'amministrazione comunitaria.

Diritto e letteratura. Lingua e letteratura nei giuristi scrittori.

Discriminazione e linguaggio di genere. Il genere nella comunicazione giuridica.

Lessicologia e lessicografia settoriali.

 

Risorse correlate

Documenti