Giuseppe CERAUDO

Giuseppe CERAUDO

Professore II Fascia (Associato)

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/09: TOPOGRAFIA ANTICA.

Dipartimento di Beni Culturali

Edificio Corpo 2 - Via Dalmazio Birago, 64 - LECCE (LE)

Ufficio, Piano terra

Telefono +39 0832 29 5626

di Topografia Antica (L-ANT/09) presso il Dipartimento di Beni Culturali

Area di competenza:

Settore Scientifico-Disciplinare: L-ANT/09 "Topografia Antica"

Insegnamenti:

Topografia Antica (Laurea Triennale - Archeologia)

Aerofotogrammetria e Aerotopografia Archeologica (Laurea Triennale)

Topografia Antica (Scuola di Specializzazione in Archeologia "Dinu Adamesteanu")

Coordinatore del Dottorato di ricerca in Topografia dell'Italia Antica 

 

Orario di ricevimento

Su appuntamento, concordandolo con il docente, presso il Dip.to di Beni Culturali, via D. Birago, 64.

Recapiti aggiuntivi

Studio 0832-295626 LabTAF 0832-295513/14 LARES 0832-295607

Visualizza QR Code Scarica la Visit Card

Curriculum Vitae

Nato a Roma il 13 ottobre 1963, si è laureato in Lettere, con indirizzo archeologico, il 19 marzo 1991 presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” con votazione 110/110 e lode. Tesi di Laurea in Topografia di Roma e dell’Italia antica, dal titolo “La topografia antica di Petelia e del suo territorio”.

 

Professore associato presso la Facoltà di Beni Culturali dell’Università del Salento a Lecce, fin dalla laurea ha svolto attività di ricerca nell’ambito della disciplina “Topografia antica” indirizzando i suoi interessi nel settore della cartografia archeologica, della ricognizione sul campo, del rilievo e della documentazione grafica, dell’archeologia subacquea, della aerotopografia e verso un nuovo settore di ricerca come la fotogrammetria finalizzata.

 

·      Dal 2001 fa parte del collegio dei docenti del Dottorato di Ricerca in Topografia antica, sedi consorziate Salerno, Roma, Viterbo, Lecce, sede amministrativa Lecce. Dal 2012 ne è il Coordinatore.

·      Dal gennaio 2002 è docente presso la Scuola di Specializzazione in Archeologia classica e Medievale dell’Università di Lecce della materia “Tecniche automatiche di rilevamento e documentazione” e “Topografia dell’Italia antica”.

 

Inoltre

 

- Direttore responsabile della rivista “Archeologia aerea. Studi di Aerotopografia archeologica” .

Topografia Antica

Programma AA 2017-2018

1° Semestre

Crediti: 9 CFU

Testi d’esame

I. Frequentanti:

Parte generale Per un quadro informativo generale su diverse tematiche della disciplina si possono consultare:

- G. BONORA, P.L. DALL’AGLIO, S. PATITUCCI, G. UGGERI, LA TOPOGRAFIA ANTICA, BOLOGNA 2000;

- L. QUILICI, S. QUILICI GIGLI, Introduzione alla topografia antica, Bologna 2004;

- J.P. ADAM, L’arte di costruire presso i romani, Firenze 1994;

- F. PICCARRETA, G. CERAUDO, Manuale di aerofotografia archeologica, Bari 2000. 

Bibliografia di riferimento utile per approfondimenti e programma non frequentanti visibile nel documento a fianco in Risorse correlate 

Calendario Esami AA 2017-2018

25 gennaio 2018, ore 9:30 15 febbraio 2018, ore 9:30

19 aprile 2018, ore 9:30

24 maggio 2018, ore 9:30

28 giugno 2018, ore 9:30 12 luglio 2018, ore 9:30

Eventuali appelli straordinari potranno essere concordati con il Docente

 

Aerofotogrammetria e Aerotopografia archeologica

Programma AA 2017-2018

1° Semestre

 

Crediti: 9 CFU

 

Testi d’esame:

Frequentanti

Parte generale:

 

- F. Piccarreta - G. Ceraudo, Manuale di Aerofotografia Archeologica. Metodologia, tecniche e applicazioni, Bari, Edipuglia, 2000;


Bibliografia di riferimento utile per approfondimenti

- G. CERAUDO - F. PICCARRETA (a cura di), Archeologia Aerea. Studi di Aerotopografia Archeologica I, Roma, Libreria dello Stato IPZS, 2004, pp. 47-68, 279-299.

- M. Guaitoli (a cura di), Lo sguardo di Icaro. Le collezioni dell’Aerofototeca Nazionale per la conoscenza del territorio, Catalogo della Mostra, Roma, Campisano Editore, 2003, pp. 103-198;

- C. Musson, R. Palmer, S. Campana, In volo nel passato. Aerofotografia e cartografia archeologica, Firenze, All’Insegna del Giglio, 2005, pp. 15-93, 173-229.

Ulteriori indicazioni bibliografiche, specifiche sui singoli argomenti trattati, saranno fornite nel corso delle lezioni.

Non Frequentanti

Oltre al manuale

- F. Piccarreta - G. Ceraudo, Manuale di Aerofotografia Archeologica. Metodologia, tecniche e applicazioni, Bari, Edipuglia, 2000;

scaricare attraverso il link nelle risorse correlate -Academia.edu/Ceraudo – i seguenti articoli:

-       100 anni di Archeologia aerea in Italia.

-       G. CERAUDO, E.J. SHEPHERD, Italian aerial photographic archives: holdings and case study.

-       Progetto ‘Ager Aquinas’. Indagini aerotopografiche finalizzate allo studio della città romana di Aquinum (Lazio, Italia).

Prima di sostenere l’esame è obbligatorio concordare con il Docente un’esercitazione pratica di “stereoscopia”.


Esercitazioni

Il corso verrà integrato da esercitazioni in laboratorio relative alle tematiche affrontate durante le lezioni in aula.

 

Calendario Esami AA 2017-2018

26 gennaio 2018, ore 9:30 16 febbraio 2018, ore 9:30

20 aprile 2018, ore 9:30 

25 maggio 2018, ore 9:30

29 giugno 2018, ore 9:30 13 luglio 2018, ore 9:30

 

Eventuali appelli straordinari potranno essere concordati con il Docente

Orario di ricevimento:

il giovedì presso il Dipartimento di Beni Culturali (ex Inapli), Via D. Birago 64.

Recapiti docente

Sede: Dipartimento di Beni Culturali; ex Inapli via D. Birago, 64

Piano: 1°

Tel.: 0832 295513/14

Posta elettronica: giuseppe.ceraudo@unisalento.it


Avviso importante. Per aggiornamenti e notizie, gli studenti sono invitati a consultare la scheda personale docente seguendo il percorso: www.unisalento.it > phonebook > ricerca per nome > vai alla scheda personale

 

 

 

 

Didattica

A.A. 2018/2019

AEROFOTOGRAMMETRIA E AEROTOPOGRAFIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso TECNOLOGICO

LABORATORIO DI AEROFOTOGRAMMETRIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Lingua ITALIANO

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso TECNOLOGICO

LABORATORIO DI TOPOGRAFIA ANTICA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Lingua ITALIANO

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

TOPOGRAFIA DELL'ITALIA ANTICA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

A.A. 2017/2018

AEROFOTOGRAMMETRIA E AEROTOPOGRAFIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso TECNOLOGICO

LABORATORIO DI AEROFOTOGRAMMETRIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Lingua ITALIANO

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 12.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso TECNOLOGICO

TOPOGRAFIA ANTICA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso ARCHEOLOGICO

TOPOGRAFIA DELL'ITALIA ANTICA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso ARCHEOLOGICO

A.A. 2016/2017

AEROTOPOGRAFIA ARCHEOLOGICA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0 Ore Studio individuale: 108.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

CARTOGRAPHICAL REPRESENTATIONS OF HISTORICAL SITUATIONS (Laboratory)

Corso di laurea EUROPEAN HERITAGE,DIGITAL MEDIA AND THE INFORMATION SOCIETY

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0 Ore Studio individuale: 108.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso INTERNAZIONALE

A.A. 2015/2016

AEROTOPOGRAFIA ARCHEOLOGICA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0 Ore Studio individuale: 108.0

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

CARTOGRAPHICAL REPRESENTATIONS OF HISTORICAL SITUATIONS (Laboratory)

Corso di laurea EUROPEAN HERITAGE,DIGITAL MEDIA AND THE INFORMATION SOCIETY

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0 Ore Studio individuale: 108.0

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso INTERNAZIONALE

LABORATORIO DI AEROTOPOGRAFIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 12.0 Ore Studio individuale: 13.0

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

A.A. 2014/2015

AEROTOPOGRAFIA ARCHEOLOGICA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0 Ore Studio individuale: 108.0

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

LABORATORIO DI AEROTOPOGRAFIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 7.0 Ore Studio individuale: 18.0

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

A.A. 2013/2014

LABORATORIO DI AEROTOPOGRAFIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 7.0 Ore Studio individuale: 18.0

Anno accademico di erogazione 2013/2014

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

Torna all'elenco
AEROFOTOGRAMMETRIA E AEROTOPOGRAFIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/09

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 24/09/2018 al 25/01/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso TECNOLOGICO (A69)

Lo studente che accede a questo insegnamento dovrebbe avere almeno una conoscenza generale della disciplina “Topografia antica”. E’ auspicabile che conosca almeno una lingua straniera che gli permetta l’autonoma consultazione di letteratura secondaria in una delle lingue europee.Lo studente che accede a questo insegnamento dovrebbe avere almeno una conoscenza generale della disciplina “Topografia antica”. E’ auspicabile che conosca almeno una lingua straniera che gli permetta l’autonoma consultazione di letteratura secondaria in una delle lingue europee.

Questo insegnamento vuole proporre gli strumenti culturali di base necessari per la comprensione e la lettura dei documenti aerofotografici in vista dell’individuazione, analisi e documentazione dei dati relativi agli studi di “Topografia archeologica”.

Questo insegnamento vuole proporre gli strumenti culturali di base necessari per la comprensione e la lettura dei documenti aerofotografici in vista dell’individuazione, analisi e documentazione dei dati relativi agli studi di “Topografia archeologica”. Sono previste esercitazioni pratiche di lettura stereoscopica delle immagini e di fotointerpretazione archeologica e di familiarizzazione con elementari procedimenti di calcolo matematico. Inoltre, si vuole fornire un’informazione generale ma approfondita su un argomento specialistico quale quello della fotogrammetria finalizzata ai Beni Culturali. Partendo da notizie sulla fotogrammetria generica, si arriva ad analizzare il problema relativo alla finalizzazione di questa tecnica per i nostri usi ed a fornire alcune indicazioni utili e necessarie per la realizzazione di una “cartografia archeologica” specifica.

Lezioni frontali in aula, lezioni all’aperto in aree archeologiche. Il corso verrà integrato da esercitazioni in laboratorio relative alle tematiche affrontate durante le lezioni in aula.

La valutazione del percorso di studio degli studenti e del loro raggiungimento degli obiettivi didattici avverranno attraverso le seguenti prove:

• Prove in itinere (relative al di consolidamento delle conoscenze durante lo svolgimento del corso)

• Esoneri scritti parziali (relativi a singole parti del corso)

• Esame orale finale.

Nel corso dei singoli esami parziali sarà valutata la conoscenza di sezioni del corso in riferimento al materiale didattico indicato per lo studio e dei temi trattati a lezione (il voto sarà espresso in trentesimi e contribuirà alla media finale). In sede di esame finale si valuterà, oltre alla conoscenza dei testi indicati per lo studio, del materiale didattico e la padronanza dei temi approfonditi a lezione, anche l’effettivo raggiungimento, da parte dello studente, degli obiettivi sopra indicati per il corso. Elementi di valutazione complementari saranno la proprietà di espressione, la capacità critica e di collegamento con altri ambiti del sapere. La frequenza ai corsi costituirà elemento di apprezzamento della valutazione dello studente, anche in termini di incremento del voto di media.

Prima di sostenere l’esame è obbligatorio concordare con il Docente un’esercitazione pratica di “stereoscopia”.

La commissione d’esame è così composta: Giuseppe Ceraudo (Presidente), Adriana Valchera (membro), Carla M. Amici (membro), Giovanna Cera (membro), Veronica Ferrari (membro).

1 appello ordinario (Sessione Estiva VOL 5)  

20 settembre 2018, ore 9:30

 

1 appello d’esame STRAORDINARIO riservato a studenti fuori corso, in debito d’esame e laureandi della sessione autunnale (Sessione Autunnale VOL 6) 4 ottobre 2018, ore 9:30

 

1 appello d’esame (Sessione Autunnale VOL 7).

6 dicembre 2018, ore 9:30

 

2 appelli ordinari (Sessione Invernale VOL 1) 

24 gennaio 2019, ore 9:30

14 febbraio 2019, ore 9:30

 

1 appello d’esame STRAORDINARIO riservato a studenti fuori corso, in debito d’esame e laureandi* della sessione estiva

18 aprile 2019, ore 9:30

 

1 appello d’esame riservato a laureandi della sessione estiva (Sessione Estiva VOL 3)

23 maggio 2019, ore 9:30

 

2  appelli d’esame a.a. 2016/2017 (Sessione Estiva VOL 4)

27 giugno 2019, ore 9:30

11 luglio 2019, ore 9:30

È possibile scaricare attraverso il link nelle risorse correlate - Academia.edu/Ceraudo – il materiale indicato nel corso delle lezioni.

Gli argomenti principali che saranno trattati durante il saranno i seguenti:

  • Cenni di storia e tecnica della fotografia;
  • La fotografia aerea: il modo della ripresa, la scala, la lettura stereoscopica;
  • La fotografia aerea archeologica: storia e applicazioni;
  • Principi di fotointerpretazione archeologica;
  • Il fenomeno delle tracce archeologiche;
  • La lettura e l’interpretazione delle tracce archeologiche;
  • Cenni sul metodo di ripresa delle fotografie finalizzate al settore dei Beni Culturali;
  • Il quadro delle tendenze sulla base della bibliografia specifica.
  • Storia della fotogrammetria;
  • Principi di fotogrammetria;
  • Aerofotogrammetria: storia degli studi e delle applicazioni nel campo archeologico;
  • La fotogrammetria finalizzata;
  • Le operazioni topografiche di appoggio per la fotogrammetria;
  • La fotogrammetria come contenitore informativo;
  • Esempi di fotogrammetrie finalizzate;
  • Il reperimento delle fotografie aeree;
  • Bibliografia specialistica;

Seminari

Nell’ambito del corso potranno essere proposti approfondimenti facoltativi a carattere seminariale. Si tratterà di lavori che implicheranno una parte di studio personale o di gruppo (su specifici temi attinenti al programma), sotto la guida del docente, e una presentazione dei risultati a cura dei singoli o del gruppo di lavoro. Lo svolgimento di un seminario potrà consentire l’esonero di un modulo del corso o di una parte dei CFU relativi, commisurata al lavoro impiegato per la realizzazione. In questo caso saranno oggetto di valutazione sia la qualità dello studio di approfondimento sia quella dell’esposizione dei risultati

I. Frequentanti:

 

Parte generale

- F. Piccarreta - G. Ceraudo, Manuale di Aerofotografia Archeologica. Metodologia, tecniche e applicazioni, Bari, Edipuglia, 2000;

 

Bibliografia di riferimento utile per approfondimenti

- G. Ceraudo - F. Piccarreta (a cura di), Archeologia Aerea. Studi di Aerotopografia Archeologica I, Roma, Libreria dello Stato IPZS, 2004, pp. 47-68, 279-299.

- M. Guaitoli (a cura di), Lo sguardo di Icaro. Le collezioni dell’Aerofototeca Nazionale per la conoscenza del territorio, Catalogo della Mostra, Roma, Campisano Editore, 2003, pp. 103-198;

- C. Musson, R. Palmer, S. Campana, In volo nel passato. Aerofotografia e cartografia archeologica, Firenze, All’Insegna del Giglio, 2005, pp. 15-93, 173-229.

 

Ulteriori indicazioni bibliografiche, specifiche sui singoli argomenti trattati, saranno fornite nel corso delle lezioni.

 

II. Non frequentanti: (se previsto)

Oltre al manuale

- F. Piccarreta - G. Ceraudo, Manuale di Aerofotografia Archeologica. Metodologia, tecniche e applicazioni, Bari, Edipuglia, 2000;

scaricare attraverso il link nelle risorse correlate - Academia.edu/Ceraudo – i seguenti articoli:

Prima di sostenere l’esame è obbligatorio concordare con il Docente un’esercitazione pratica di “stereoscopia”.

AEROFOTOGRAMMETRIA E AEROTOPOGRAFIA (L-ANT/09)
LABORATORIO DI AEROFOTOGRAMMETRIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/09

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 24/09/2018 al 25/01/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso TECNOLOGICO (A69)

Lo studente che accede a questo insegnamento dovrebbe avere almeno una conoscenza generale delle tematiche connesse agli studi di  Topografia Antica.

Questo laboratorio si propone di fornire gli strumenti pratici e le metodologie necessarie per la comprensione e la lettura dei documenti aerofotografici utili all’individuazione, analisi e documentazione dei dati archeologici.

Lo studente alla fine delle attività di laboratorio, avrà acquisito le seguenti competenze:

- Comprensione delle potenzialità nell’utilizzo delle immagini aeree in campo archeologico;

- Analisi dei dati contenuti nelle immagini aeree,

- Lettura approfondita dei documenti (fotointepretazione) finalizzata all’individuazione degli elementi utili alla ricostruzione dei paesaggi antichi.

- Individuazione, interpretazione, posizionamento e schedatura delle tracce archeologiche.

- Conoscenza dei principali sistemi di telerilevamento e dei documenti aerofotografici  per la ricostruzione dei paesaggi antichi.

- Gestione dei dati aereorilevati in sistemi GIS.

- Utilizzo dei droni in archeologia.

Le attività di Laboratorio consistono in una serie di esercitazioni con il docente presso il laboratorio e di alcune ore di osservazione personale dello studente sui materiali messi a disposizione.

La valutazione del corso si esplica attraverso idoneità al completamento delle ore previste dal credito formativo.

La verbalizzazione di n. 1 CFU previsto per il Laboratorio avrà luogo in coincidenza con le date stabilite per gli appelli d’esame dell’insegnamento di Aerofotogrammetria e Aerotopografia

Durante il Laboratorio si acquisiranno competenze specifiche sull’uso delle immagini aeree in archeologia.

Sono previste esercitazioni pratiche di lettura stereoscopica delle immagini e di fotointerpretazione archeologica.

Inoltre, si vuole fornire un’informazione generale ma approfondita su un argomento specialistico quale quello della fotogrammetria finalizzata ai Beni Culturali. Partendo da notizie sulla fotogrammetria generica, si arriva ad analizzare il problema relativo alla finalizzazione di questa tecnica per i nostri usi ed a fornire alcune indicazioni utili e necessarie per la realizzazione di una “cartografia archeologica” specifica. Verranno inoltre trattati temi di Remote e Proximal Sensing.

- F. Piccarreta - G. Ceraudo, Manuale di Aerofotografia Archeologica. Metodologia, tecniche e applicazioni, Bari, Edipuglia, 2000;

Ulteriori indicazioni bibliografiche, specifiche sui singoli argomenti trattati, saranno fornite nel corso delle lezioni.

LABORATORIO DI AEROFOTOGRAMMETRIA (L-ANT/09)
LABORATORIO DI TOPOGRAFIA ANTICA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/09

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 24/09/2018 al 25/01/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

Conoscenze di Storia greca, Storia romana, Topografia antica

Il "Laboratorio di Topografia Antica", organizzato parallelamente al corso di Topografia dell'Italia Antica, prevede una serie di esercitazioni su: cartografia (IGM, Carte Tecniche Regionali, catastali, aerofotogrammetrici ecc.), cartografia archeologica, fotografia aerea, cartografia numerica e Sistemi Informativi Territoriali.

Uso e lettura delle carte topografiche (cartografia IGM, Carte Tecniche Regionali, catastali, aerofotogrammetrici ecc.); fotografia aerea: uso, lettura, applicazioni, nozioni di aerofotogrammetria; la carta archeologica quale base e strumento per la lettura storica del territorio; utilizzo della cartografia numerica; utilizzo del Sistema Informativo Territoriale per i Beni Culturali del territorio italiano sviluppato dal Laboratorio di Topografia antica e Fotogrammetria dell'Università del Salento.

Le attività del "Laboratorio di Topografia Antica" si svolgono in forma seminariale, con il contributo e il supporto dei dottori di ricerca e dei dottorandi che sviluppano attività di ricerca all'interno del Laboratorio di Topografia antica e Fotogrammetria.

La partecipazione alle attività seminariali del "Laboratorio di Topografia Antica" deve essere documentata tramite firma di presenza degli studenti. Tale partecipazione consente l’acquisizione di n. 1 CFU.

La verbalizzazione di n. 1 CFU previsto per il "Laboratorio di Topografia Antica" avrà luogo in coincidenza con le date stabilite per gli appelli d’esame dell’insegnamento di Topografia dell'Italia Antica.

Il materiale didattico verrà fornito durante le esercitazioni.

Il materiale didattico verrà fornito durante le esercitazioni.

LABORATORIO DI TOPOGRAFIA ANTICA (L-ANT/09)
TOPOGRAFIA DELL'ITALIA ANTICA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/09

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 24/09/2018 al 25/01/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

La carta archeologica quale base e strumento per la lettura storica e per la corretta gestione del territorio; utilizzo della cartografia numerica; utilizzo del Sistema Informativo Territoriale per i Beni Culturali del territorio italiano sviluppato dal Laboratorio di Topografia antica e Fotogrammetria dell'Università del Salento. Metodi e mezzi della ricerca topografica; la carta archeologica quale base e strumento per la letturastorica e per la corretta gestione del territorio; analisi topografica, metodi di lettura critici e ricostruzione dei paesaggi antichi nelle diverse fasi; tipologie dell’insediamento antico, urbanistica;

Il corso intende approfondire la problematica dell'analisi del territorio attraverso la realizzazione della carta archeologica, intesa quale base e strumento per la lettura storica e per la corretta gestione del territorio.

In particolare, oltre alle applicazioni tradizionali verranno fornite nozioni di base per l'utilizzo della cartografia numerica e dei sistemi informativi territoriali.

 - Lezioni frontali.

 - Esercitazioni - parallelamente al corso verranno organizzati cicli di esercitazioni su: cartografia e cartografia archeologica, fotografia aerea, documentazione archeologica di territori, monumenti, materiali mobili.

 - Seminario - durante il corso verrà sviluppato un seminario didattico con attività di analisi topografica sul campo in centri urbani e nel territorio; frequenza obbligatoria con esercitazione scritta.

 - Laboratorio - durante il corso verrà sviluppato un laboratorio specificamente dedicato all'uso e alla conoscenza del Sistema Informativo Territoriale per i Beni Culturali del territorio italiano sviluppato dal Laboratorio di Topografia antica e Fotogrammetria, con analisi bibliografica, schedatura e implementazione della documentazione archeologica relativa alle Unità Topografiche Superiori (UTS).

Frequenza obbligatoria con esercitazione scritta. Nei casi di reale impedimento o di particolari problemi, il laboratorio può essere sostituito da approfondimenti su temi da concordare, con elaborato scritto.

Esame orale. Lo studente verrà valutato in base alla conoscenza delle principali tematiche inerenti la Topografia antica, l'analisi del territorio e l'uso dei Sistemi Informativi Territoriali. Si terrà conto anche dei risultati raggiunti con il seminario e la stesura dell'elaborato scritto.

1 appello ordinario (Sessione Estiva VOL 5) 

20 settembre 2018, ore 9:30

 

1 appello d’esame STRAORDINARIO riservato a studenti fuori corso, in debito d’esame e laureandi della sessione autunnale (Sessione Autunnale VOL 6)

4 ottobre 2018, ore 9:30

 

1 appello d’esame (Sessione Autunnale VOL 7).

6 dicembre 2018, ore 9:30

 

2 appelli ordinari (Sessione Invernale VOL 1) 

24 gennaio 2019, ore 9:30

14 febbraio 2019, ore 9:30

 

1 appello d’esame STRAORDINARIO riservato a studenti fuori corso, in debito d’esame e laureandi* della sessione estiva

18 aprile 2019, ore 9:30

 

1 appello d’esame riservato a laureandi della sessione estiva (Sessione Estiva VOL 3)

23 maggio 2019, ore 9:30

 

2  appelli d’esame a.a. 2016/2017 (Sessione Estiva VOL 4)

27 giugno 2019, ore 9:30

11 luglio 2019, ore 9:30

Il materiale didattico è costituito dagli articoli o parti di volumi consigliati; 

scaricare attraverso il link nelle risorse correlate - Academia.edu/Ceraudo – il materiale indicato nel corso delle lezioni.

Ulteriore materiale didattico verrà fornito durante le lezioni.

Ulteriori argomenti trattati riguarderanno:

Viabilità: terminologia, aspetti giuridici, metodi di ricerca; analisi di sistemi viari antichi.

Evoluzione storica del territorio, divisioni e assegnazioni agrarie, centuriazione: mezzi di ricerca.

Analisi topografica, metodi di lettura critici e ricostruzione dei paesaggi antichi nelle diverse fasi.

Tipologie dell’insediamento antico, urbanistica: fondamenti, mezzi di studio e metodi di analisi; esempi di insediamenti preistorici e protostorici, abitati indigeni dell’Italia antica, colonie greche, città romane.

I. Frequentanti:

Parte generale

Per un quadro informativo generale su diverse tematiche della disciplina si possono consultare:

- L. Quilici, S. Quilici Gigli, Introduzione alla topografia antica, Bologna 2004;

- J.P. Adam, L’arte di costruire presso i romani, Firenze 1994;

- F. Piccarreta, G. Ceraudo, Manuale di aerofotografia archeologica, Bari 2000.

 

Bibliografia di riferimento utile per gli approfondimenti

Guaitoli M., I Sistemi Informativi Territoriali in rapporto al patrimonio archeologico, in Problemi della “Chora” Coloniale dall’Occidente al Mar Nero, Atti del XL Convegno di Studi sulla Magna Grecia, 2000, Taranto 2001, pp. 385-402; Guaitoli M., Dalla cartografia numerica finalizzata ai sistemi informativi territoriali, in Guaitoli M. (a cura di), Lo sguardo di Icaro. Le collezioni dell’Aerofototeca Nazionale per la conoscenza del territorio, Catalogo della Mostra, Roma 2003, pp. 101-102; S. Campana, M. Forte (a cura di), Remote sensing in archaeology, XI Ciclo di lezioni sulla ricerca applicata in archeologia, Certosa di Pontignano (Siena), 6-11 dicembre 1999, Siena 2001.4.

Per alcune tematiche specifiche si possono consultare:

P. SOMMELLA, Italia antica.Urbanistica romana, Roma 1988; G. SCHMIEDT, Atlante aerofotografico delle sedi umane scomparse in Italia, voll. II-III, Firenze 1970; F. CASTAGNOLI, Topografia antica, un metodo di studio, Roma 1992; M. GUAITOLI (a cura di), Quaderni BACT - Beni Archeologici Conoscenza e Tecnologie, 1.2, Lecce 1997; M. GUAITOLI (a cura di), Lo sguardo di Icaro. Le collezioni dell’Aerofototeca Nazionale per la conoscenza del territorio, Roma 2003; F. CASTAGNOLI, G.A. MANSUELLI, N. ALFIERI, Geografia e topografia storica, in Enciclopedia Classica, Sezione III, vol. X, Tomo III-IV, pp. 223-238; L. BOSIO, La Tabula Peutingeriana, Rimini 1983, pp. 13-23; F. CASTAGNOLI, Le ricerche sui resti della centuriazione, Roma 1958; G. RADKE, Viae publicae romanae, Bologna 1981, pp. 7-15, 19-35, 47-72.

Ulteriori indicazioni bibliografiche, specifiche sui singoli argomenti trattati, saranno fornite nel corso delle lezioni.

 

II. Non frequentanti:

Per le caratteristiche della disciplina, la frequenza alle lezioni, esercitazioni e attività pratiche è

insostituibile; tuttavia gli studenti che si trovassero nella oggettiva impossibilità di frequentare,

oltre ai manuali, hanno la possibilità di concordare un programma sostitutivo (scaricare attraverso il link nelle risorse correlate - Academia.edu/Ceraudo – gli articoli che verranno indicati).

TOPOGRAFIA DELL'ITALIA ANTICA (L-ANT/09)
AEROFOTOGRAMMETRIA E AEROTOPOGRAFIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/09

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 25/09/2017 al 19/01/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso TECNOLOGICO (A69)

Lo studente che accede a questo insegnamento dovrebbe avere almeno una conoscenza generale della disciplina “Topografia antica”. E’ auspicabile che conosca almeno una lingua straniera che gli permetta l’autonoma consultazione di letteratura secondaria in una delle lingue europee.Lo studente che accede a questo insegnamento dovrebbe avere almeno una conoscenza generale della disciplina “Topografia antica”. E’ auspicabile che conosca almeno una lingua straniera che gli permetta l’autonoma consultazione di letteratura secondaria in una delle lingue europee.

Questo insegnamento vuole proporre gli strumenti culturali di base necessari per la comprensione e la lettura dei documenti aerofotografici in vista dell’individuazione, analisi e documentazione dei dati relativi agli studi di “Topografia archeologica”.

Questo insegnamento vuole proporre gli strumenti culturali di base necessari per la comprensione e la lettura dei documenti aerofotografici in vista dell’individuazione, analisi e documentazione dei dati relativi agli studi di “Topografia archeologica”. Sono previste esercitazioni pratiche di lettura stereoscopica delle immagini e di fotointerpretazione archeologica e di familiarizzazione con elementari procedimenti di calcolo matematico. Inoltre, si vuole fornire un’informazione generale ma approfondita su un argomento specialistico quale quello della fotogrammetria finalizzata ai Beni Culturali. Partendo da notizie sulla fotogrammetria generica, si arriva ad analizzare il problema relativo alla finalizzazione di questa tecnica per i nostri usi ed a fornire alcune indicazioni utili e necessarie per la realizzazione di una “cartografia archeologica” specifica.

Lezioni frontali in aula, lezioni all’aperto in aree archeologiche. Il corso verrà integrato da esercitazioni in laboratorio relative alle tematiche affrontate durante le lezioni in aula.

La valutazione del percorso di studio degli studenti e del loro raggiungimento degli obiettivi didattici avverranno attraverso le seguenti prove:

• Prove in itinere (relative al di consolidamento delle conoscenze durante lo svolgimento del corso)

• Esoneri scritti parziali (relativi a singole parti del corso)

• Esame orale finale.

Nel corso dei singoli esami parziali sarà valutata la conoscenza di sezioni del corso in riferimento al materiale didattico indicato per lo studio e dei temi trattati a lezione (il voto sarà espresso in trentesimi e contribuirà alla media finale). In sede di esame finale si valuterà, oltre alla conoscenza dei testi indicati per lo studio, del materiale didattico e la padronanza dei temi approfonditi a lezione, anche l’effettivo raggiungimento, da parte dello studente, degli obiettivi sopra indicati per il corso. Elementi di valutazione complementari saranno la proprietà di espressione, la capacità critica e di collegamento con altri ambiti del sapere. La frequenza ai corsi costituirà elemento di apprezzamento della valutazione dello studente, anche in termini di incremento del voto di media.

Prima di sostenere l’esame è obbligatorio concordare con il Docente un’esercitazione pratica di “stereoscopia”.

La commissione d’esame è così composta: Giuseppe Ceraudo (Presidente), Adriana Valchera (membro), Carla M. Amici (membro), Giovanna Cera (membro), Veronica Ferrari (membro).

1 appello ordinario (Sessione Estiva VOL 5)  

20 settembre 2018, ore 9:30

 

1 appello d’esame STRAORDINARIO riservato a studenti fuori corso, in debito d’esame e laureandi della sessione autunnale (Sessione Autunnale VOL 6) 4 ottobre 2018, ore 9:30

 

1 appello d’esame (Sessione Autunnale VOL 7).

6 dicembre 2018, ore 9:30

 

2 appelli ordinari (Sessione Invernale VOL 1) 

24 gennaio 2019, ore 9:30

14 febbraio 2019, ore 9:30

 

1 appello d’esame STRAORDINARIO riservato a studenti fuori corso, in debito d’esame e laureandi* della sessione estiva

18 aprile 2019, ore 9:30

 

1 appello d’esame riservato a laureandi della sessione estiva (Sessione Estiva VOL 3)

23 maggio 2019, ore 9:30

 

2  appelli d’esame a.a. 2016/2017 (Sessione Estiva VOL 4)

27 giugno 2019, ore 9:30

11 luglio 2019, ore 9:30

È possibile scaricare attraverso il link nelle risorse correlate - Academia.edu/Ceraudo – il materiale indicato nel corso delle lezioni.

Gli argomenti principali che saranno trattati durante il saranno i seguenti:

  • Cenni di storia e tecnica della fotografia;
  • La fotografia aerea: il modo della ripresa, la scala, la lettura stereoscopica;
  • La fotografia aerea archeologica: storia e applicazioni;
  • Principi di fotointerpretazione archeologica;
  • Il fenomeno delle tracce archeologiche;
  • La lettura e l’interpretazione delle tracce archeologiche;
  • Cenni sul metodo di ripresa delle fotografie finalizzate al settore dei Beni Culturali;
  • Il quadro delle tendenze sulla base della bibliografia specifica.
  • Storia della fotogrammetria;
  • Principi di fotogrammetria;
  • Aerofotogrammetria: storia degli studi e delle applicazioni nel campo archeologico;
  • La fotogrammetria finalizzata;
  • Le operazioni topografiche di appoggio per la fotogrammetria;
  • La fotogrammetria come contenitore informativo;
  • Esempi di fotogrammetrie finalizzate;
  • Il reperimento delle fotografie aeree;
  • Bibliografia specialistica;

Seminari

Nell’ambito del corso potranno essere proposti approfondimenti facoltativi a carattere seminariale. Si tratterà di lavori che implicheranno una parte di studio personale o di gruppo (su specifici temi attinenti al programma), sotto la guida del docente, e una presentazione dei risultati a cura dei singoli o del gruppo di lavoro. Lo svolgimento di un seminario potrà consentire l’esonero di un modulo del corso o di una parte dei CFU relativi, commisurata al lavoro impiegato per la realizzazione. In questo caso saranno oggetto di valutazione sia la qualità dello studio di approfondimento sia quella dell’esposizione dei risultati

I. Frequentanti:

 

Parte generale

- F. Piccarreta - G. Ceraudo, Manuale di Aerofotografia Archeologica. Metodologia, tecniche e applicazioni, Bari, Edipuglia, 2000;

 

Bibliografia di riferimento utile per approfondimenti

- G. Ceraudo - F. Piccarreta (a cura di), Archeologia Aerea. Studi di Aerotopografia Archeologica I, Roma, Libreria dello Stato IPZS, 2004, pp. 47-68, 279-299.

- M. Guaitoli (a cura di), Lo sguardo di Icaro. Le collezioni dell’Aerofototeca Nazionale per la conoscenza del territorio, Catalogo della Mostra, Roma, Campisano Editore, 2003, pp. 103-198;

- C. Musson, R. Palmer, S. Campana, In volo nel passato. Aerofotografia e cartografia archeologica, Firenze, All’Insegna del Giglio, 2005, pp. 15-93, 173-229.

 

Ulteriori indicazioni bibliografiche, specifiche sui singoli argomenti trattati, saranno fornite nel corso delle lezioni.

 

II. Non frequentanti: (se previsto)

Oltre al manuale

- F. Piccarreta - G. Ceraudo, Manuale di Aerofotografia Archeologica. Metodologia, tecniche e applicazioni, Bari, Edipuglia, 2000;

scaricare attraverso il link nelle risorse correlate - Academia.edu/Ceraudo – i seguenti articoli:

Prima di sostenere l’esame è obbligatorio concordare con il Docente un’esercitazione pratica di “stereoscopia”.

AEROFOTOGRAMMETRIA E AEROTOPOGRAFIA (L-ANT/09)
LABORATORIO DI AEROFOTOGRAMMETRIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/09

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 12.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 26/02/2018 al 25/05/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso TECNOLOGICO (A69)

Lo studente che accede a questo insegnamento dovrebbe avere almeno una conoscenza generale delle tematiche connesse agli studi di  Topografia Antica.

Questo laboratorio si propone di fornire gli strumenti pratici e le metodologie necessarie per la comprensione e la lettura dei documenti aerofotografici utili all’individuazione, analisi e documentazione dei dati archeologici.

Lo studente alla fine delle attività di laboratorio, avrà acquisito le seguenti competenze:

- Comprensione delle potenzialità nell’utilizzo delle immagini aeree in campo archeologico;

- Analisi dei dati contenuti nelle immagini aeree,

- Lettura approfondita dei documenti (fotointepretazione) finalizzata all’individuazione degli elementi utili alla ricostruzione dei paesaggi antichi.

- Individuazione, interpretazione, posizionamento e schedatura delle tracce archeologiche.

- Conoscenza dei principali sistemi di telerilevamento e dei documenti aerofotografici  per la ricostruzione dei paesaggi antichi.

- Gestione dei dati aereorilevati in sistemi GIS.

- Utilizzo dei droni in archeologia.

Le attività di Laboratorio consistono in una serie di esercitazioni con il docente presso il laboratorio e di alcune ore di osservazione personale dello studente sui materiali messi a disposizione.

La valutazione del corso si esplica attraverso idoneità al completamento delle ore previste dal credito formativo.

La verbalizzazione di n. 1 CFU previsto per il Laboratorio avrà luogo in coincidenza con le date stabilite per gli appelli d’esame dell’insegnamento di Aerofotogrammetria e Aerotopografia

Durante il Laboratorio si acquisiranno competenze specifiche sull’uso delle immagini aeree in archeologia.

Sono previste esercitazioni pratiche di lettura stereoscopica delle immagini e di fotointerpretazione archeologica.

Inoltre, si vuole fornire un’informazione generale ma approfondita su un argomento specialistico quale quello della fotogrammetria finalizzata ai Beni Culturali. Partendo da notizie sulla fotogrammetria generica, si arriva ad analizzare il problema relativo alla finalizzazione di questa tecnica per i nostri usi ed a fornire alcune indicazioni utili e necessarie per la realizzazione di una “cartografia archeologica” specifica. Verranno inoltre trattati temi di Remote e Proximal Sensing.

- F. Piccarreta - G. Ceraudo, Manuale di Aerofotografia Archeologica. Metodologia, tecniche e applicazioni, Bari, Edipuglia, 2000;

Ulteriori indicazioni bibliografiche, specifiche sui singoli argomenti trattati, saranno fornite nel corso delle lezioni.

LABORATORIO DI AEROFOTOGRAMMETRIA (L-ANT/09)
TOPOGRAFIA ANTICA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/09

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 25/09/2017 al 19/01/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso ARCHEOLOGICO (A68)

Lo studente che accede a questo insegnamento dovrebbe avere conoscenze di base di Storia Antica.  E’ auspicabile la conoscenza di almeno una lingua straniera. 

Il corso intende fornire una serie di nozioni riguardanti gli aspetti generali della disciplina

Metodi e mezzi della ricerca topografica; la carta archeologica quale base e strumento per la lettura storica e per la corretta gestione del territorio; analisi topografica, metodi di lettura critici e ricostruzione dei paesaggi antichi nelle diverse fasi; tipologie dell’insediamento antico, urbanistica; sviluppo urbanistico della città di Roma

Lezioni frontali.

Esercitazioni - parallelamente al corso verranno organizzati cicli di esercitazioni su: cartografia e cartografia archeologica, fotografia aerea, documentazione archeologica di territori, monumenti, materiali mobili.

Seminario - durante il corso verrà sviluppato un seminario didattico con attività di analisi topografica sul campo in centri urbani e nel territorio; frequenza obbligatoria con esercitazione scritta.

Nei casi di reale impedimento all'attività sul campo o di particolari problemi, il seminario può essere sostituito da approfondimenti su temi da concordare, con elaborato scritto. 
 

Esame orale. Lo studente verrà valutato in base alla conoscenza delle principali tematiche inerenti la Topografia antica; si terrà conto anche dei risultati raggiunti con il seminario e la stesura dell'elaborato scritto.

1 appello ordinario (Sessione Estiva VOL 5)  Dal 1° al 22 settembre 2017

21 settembre 2017, ore 9:30 
 
1 appello d’esame STRAORDINARIO riservato a studenti fuori corso, in debito d’esame e laureandi della sessione autunnale (Sessione Autunnale VOL 6) Dal 2 al 13 ottobre settembre 2017

5 ottobre 2017, ore 9:30 
 
1 appello d’esame (Sessione Autunnale VOL 7) Dal 4 al 15 dicembre 2017. Sono esclusi da questo appello gli esami relativi ai Corsi tenuti nel I semestre a.a. 2017/2018 (che inizieranno a partire dal 22 gennaio 2018)

7 dicembre 2017, ore 9:30 
 
2 appelli ordinari (Sessione Invernale VOL 1)  Dal 22 gennaio al 23 febbraio 2018

25 gennaio 2018, ore 9:30

15 febbraio 2018, ore 9:30 
 
1 appello d’esame STRAORDINARIO riservato a studenti fuori corso, in debito d’esame e laureandi* della sessione estiva a.a. 2017/2018 limitatamente ai corsi di insegnamento del I semestre a.a. 2017/2018, pena blocco automatico verbalizzazione on-line (Sessione Invernale VOL 2)  Dal 19 al 27 aprile 2018

19 aprile 2018, ore 9:30 
 
1 appello d’esame riservato a laureandi della sessione estiva (Sessione Estiva VOL 3) Dal 21 al 25 maggio 2018

24 maggio 2018, ore 9:30 
 
2  appelli d’esame a.a. 2016/2017 (Sessione Estiva VOL 4) Dal 28 maggio al 31 luglio 2018

28 giugno 2018, ore 9:30

12 luglio 2018, ore 9:30 
 

Scaricare attraverso il link nelle risorse correlate - Academia.edu/Ceraudo – gli articoli che verranno indicati

Il corso intende fornire una serie di nozioni riguardanti gli aspetti generali della disciplina: metodi e mezzi della ricerca topografica; fonti scritte, epigrafiche, iconografiche, archeologiche; carte topografiche (cartografie disponibili, caratteristiche, limiti, campi d'impiego); fotografia aerea: uso, lettura, applicazioni, nozioni di aerofotogrammetria; tecnica edilizia e costruttiva; ricognizione archeologica: tecniche, limiti, documentazione. La carta archeologica quale base e strumento per la lettura storica e per la corretta gestione del territorio: finalità, utenza reale e potenziale; applicazioni tradizionali; cartografia numerica e sistemi informativi territoriali. Viabilità: terminologia, aspetti giuridici, metodi di ricerca; analisi di sistemi viari antichi. Evoluzione storica del territorio, divisioni e assegnazioni agrarie, centuriazione: mezzi di ricerca. Analisi topografica, metodi di lettura critici e ricostruzione dei paesaggi antichi nelle diverse fasi. Tipologie dell’insediamento antico, urbanistica: fondamenti, mezzi di studio e metodi di analisi; esempi di insediamenti preistorici e protostorici, abitati indigeni dell’Italia antica, colonie greche, città romane

I. Frequentanti:

Parte generale Per un quadro informativo generale su diverse tematiche della disciplina si possono consultare: -  G. BONORA, P.L. DALL’AGLIO, S. PATITUCCI, G. UGGERI, LA TOPOGRAFIA ANTICA, BOLOGNA 2000;  - L. QUILICI, S. QUILICI GIGLI, Introduzione alla topografia antica, Bologna 2004;  - J.P. ADAM, L’arte di costruire presso i romani, Firenze 1994;  - F. PICCARRETA, G. CERAUDO, Manuale di aerofotografia archeologica, Bari 2000. 
 
Bibliografia di riferimento utile per approfondimenti E. GRECO, M. TORELLI, Urbanistica delle città greche, Bari 1980; P. SOMMELLA, Italia antica. Urbanistica romana, Roma 1988; F. CASTAGNOLI, Roma antica, Profilo urbanistico, Roma 1985. Per alcune tematiche specifiche si possono consultare: G. SCHMIEDT, Atlante aerofotografico delle sedi umane scomparse in Italia, voll. II-III, Firenze 1970; F. CASTAGNOLI, Topografia antica, un metodo di studio, Roma 1992; M. GUAITOLI (a cura di), Quaderni BACT - Beni Archeologici Conoscenza e Tecnologie, 1.2, Lecce 1997; M. GUAITOLI (a cura di), Lo sguardo di Icaro. Le collezioni dell’Aerofototeca Nazionale per la conoscenza del territorio, Roma 2003; F. CASTAGNOLI, G.A. MANSUELLI, N. ALFIERI, Geografia e topografia storica, in Enciclopedia Classica, Sezione III, vol. X, Tomo III-IV, pp. 223-238; L. BOSIO, La Tabula Peutingeriana, Rimini 1983, pp. 13-23; F. CASTAGNOLI, Le ricerche sui resti della centuriazione, Roma 1958; G. RADKE, Viae publicae romanae, Bologna 1981, pp. 7-15, 19-35, 4772.  
Ulteriori indicazioni bibliografiche, specifiche sui singoli argomenti trattati, saranno fornite nel corso delle lezioni. 
 
II. Non frequentanti: (se previsto)

Per le caratteristiche della disciplina, la frequenza alle lezioni, esercitazioni e attività pratiche è insostituibile; tuttavia gli studenti che si trovassero nella oggettiva impossibilità di frequentare, oltre ai manuali, hanno la possibilità di concordare un programma sostitutivo (scaricare attraverso il link nelle risorse correlate - Academia.edu/Ceraudo – gli articoli che verranno indicati). 

TOPOGRAFIA ANTICA (L-ANT/09)
TOPOGRAFIA DELL'ITALIA ANTICA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/09

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 25/09/2017 al 19/01/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso ARCHEOLOGICO (A68)

Lo studente che accede a questo insegnamento dovrebbe avere conoscenze di base di Storia Antica.  E’ auspicabile la conoscenza di almeno una lingua straniera. 

Il corso intende fornire una serie di nozioni riguardanti gli aspetti generali della disciplina

Metodi e mezzi della ricerca topografica; la carta archeologica quale base e strumento per la lettura storica e per la corretta gestione del territorio; analisi topografica, metodi di lettura critici e ricostruzione dei paesaggi antichi nelle diverse fasi; tipologie dell’insediamento antico, urbanistica; sviluppo urbanistico della città di Roma

Lezioni frontali.

Esercitazioni - parallelamente al corso verranno organizzati cicli di esercitazioni su: cartografia e cartografia archeologica, fotografia aerea, documentazione archeologica di territori, monumenti, materiali mobili.

Seminario - durante il corso verrà sviluppato un seminario didattico con attività di analisi topografica sul campo in centri urbani e nel territorio; frequenza obbligatoria con esercitazione scritta.

Nei casi di reale impedimento all'attività sul campo o di particolari problemi, il seminario può essere sostituito da approfondimenti su temi da concordare, con elaborato scritto. 
 

Esame orale. Lo studente verrà valutato in base alla conoscenza delle principali tematiche inerenti la Topografia antica; si terrà conto anche dei risultati raggiunti con il seminario e la stesura dell'elaborato scritto.

1 appello ordinario (Sessione Estiva VOL 5)  Dal 1° al 22 settembre 2017

21 settembre 2017, ore 9:30 
 
1 appello d’esame STRAORDINARIO riservato a studenti fuori corso, in debito d’esame e laureandi della sessione autunnale (Sessione Autunnale VOL 6) Dal 2 al 13 ottobre settembre 2017

5 ottobre 2017, ore 9:30 
 
1 appello d’esame (Sessione Autunnale VOL 7) Dal 4 al 15 dicembre 2017. Sono esclusi da questo appello gli esami relativi ai Corsi tenuti nel I semestre a.a. 2017/2018 (che inizieranno a partire dal 22 gennaio 2018)

7 dicembre 2017, ore 9:30 
 
2 appelli ordinari (Sessione Invernale VOL 1)  Dal 22 gennaio al 23 febbraio 2018

25 gennaio 2018, ore 9:30

15 febbraio 2018, ore 9:30 
 
1 appello d’esame STRAORDINARIO riservato a studenti fuori corso, in debito d’esame e laureandi* della sessione estiva a.a. 2017/2018 limitatamente ai corsi di insegnamento del I semestre a.a. 2017/2018, pena blocco automatico verbalizzazione on-line (Sessione Invernale VOL 2)  Dal 19 al 27 aprile 2018

19 aprile 2018, ore 9:30 
 
1 appello d’esame riservato a laureandi della sessione estiva (Sessione Estiva VOL 3) Dal 21 al 25 maggio 2018

24 maggio 2018, ore 9:30 
 
2  appelli d’esame a.a. 2016/2017 (Sessione Estiva VOL 4) Dal 28 maggio al 31 luglio 2018

28 giugno 2018, ore 9:30

12 luglio 2018, ore 9:30 
 

Scaricare attraverso il link nelle risorse correlate - Academia.edu/Ceraudo – gli articoli che verranno indicati

Il corso intende fornire una serie di nozioni riguardanti gli aspetti generali della disciplina: metodi e mezzi della ricerca topografica; fonti scritte, epigrafiche, iconografiche, archeologiche; carte topografiche (cartografie disponibili, caratteristiche, limiti, campi d'impiego); fotografia aerea: uso, lettura, applicazioni, nozioni di aerofotogrammetria; tecnica edilizia e costruttiva; ricognizione archeologica: tecniche, limiti, documentazione. La carta archeologica quale base e strumento per la lettura storica e per la corretta gestione del territorio: finalità, utenza reale e potenziale; applicazioni tradizionali; cartografia numerica e sistemi informativi territoriali. Viabilità: terminologia, aspetti giuridici, metodi di ricerca; analisi di sistemi viari antichi. Evoluzione storica del territorio, divisioni e assegnazioni agrarie, centuriazione: mezzi di ricerca. Analisi topografica, metodi di lettura critici e ricostruzione dei paesaggi antichi nelle diverse fasi. Tipologie dell’insediamento antico, urbanistica: fondamenti, mezzi di studio e metodi di analisi; esempi di insediamenti preistorici e protostorici, abitati indigeni dell’Italia antica, colonie greche, città romane

I. Frequentanti:

Parte generale Per un quadro informativo generale su diverse tematiche della disciplina si possono consultare: -  G. BONORA, P.L. DALL’AGLIO, S. PATITUCCI, G. UGGERI, LA TOPOGRAFIA ANTICA, BOLOGNA 2000;  - L. QUILICI, S. QUILICI GIGLI, Introduzione alla topografia antica, Bologna 2004;  - J.P. ADAM, L’arte di costruire presso i romani, Firenze 1994;  - F. PICCARRETA, G. CERAUDO, Manuale di aerofotografia archeologica, Bari 2000. 
 
Bibliografia di riferimento utile per approfondimenti E. GRECO, M. TORELLI, Urbanistica delle città greche, Bari 1980; P. SOMMELLA, Italia antica. Urbanistica romana, Roma 1988; F. CASTAGNOLI, Roma antica, Profilo urbanistico, Roma 1985. Per alcune tematiche specifiche si possono consultare: G. SCHMIEDT, Atlante aerofotografico delle sedi umane scomparse in Italia, voll. II-III, Firenze 1970; F. CASTAGNOLI, Topografia antica, un metodo di studio, Roma 1992; M. GUAITOLI (a cura di), Quaderni BACT - Beni Archeologici Conoscenza e Tecnologie, 1.2, Lecce 1997; M. GUAITOLI (a cura di), Lo sguardo di Icaro. Le collezioni dell’Aerofototeca Nazionale per la conoscenza del territorio, Roma 2003; F. CASTAGNOLI, G.A. MANSUELLI, N. ALFIERI, Geografia e topografia storica, in Enciclopedia Classica, Sezione III, vol. X, Tomo III-IV, pp. 223-238; L. BOSIO, La Tabula Peutingeriana, Rimini 1983, pp. 13-23; F. CASTAGNOLI, Le ricerche sui resti della centuriazione, Roma 1958; G. RADKE, Viae publicae romanae, Bologna 1981, pp. 7-15, 19-35, 4772.  
Ulteriori indicazioni bibliografiche, specifiche sui singoli argomenti trattati, saranno fornite nel corso delle lezioni. 
 
II. Non frequentanti: (se previsto)

Per le caratteristiche della disciplina, la frequenza alle lezioni, esercitazioni e attività pratiche è insostituibile; tuttavia gli studenti che si trovassero nella oggettiva impossibilità di frequentare, oltre ai manuali, hanno la possibilità di concordare un programma sostitutivo (scaricare attraverso il link nelle risorse correlate - Academia.edu/Ceraudo – gli articoli che verranno indicati). 

TOPOGRAFIA DELL'ITALIA ANTICA (L-ANT/09)
AEROTOPOGRAFIA ARCHEOLOGICA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/09

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0 Ore Studio individuale: 108.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 26/09/2016 al 20/01/2017)

Lingua

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

AEROTOPOGRAFIA ARCHEOLOGICA (L-ANT/09)
CARTOGRAPHICAL REPRESENTATIONS OF HISTORICAL SITUATIONS (Laboratory)

Corso di laurea EUROPEAN HERITAGE,DIGITAL MEDIA AND THE INFORMATION SOCIETY

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/09

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0 Ore Studio individuale: 108.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 20/02/2017 al 20/05/2017)

Lingua

Percorso INTERNAZIONALE (A56)

CARTOGRAPHICAL REPRESENTATIONS OF HISTORICAL SITUATIONS (Laboratory) (L-ANT/09)
AEROTOPOGRAFIA ARCHEOLOGICA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/09

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0 Ore Studio individuale: 108.0

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 30/09/2015 al 25/01/2016)

Lingua

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

AEROTOPOGRAFIA ARCHEOLOGICA (L-ANT/09)
CARTOGRAPHICAL REPRESENTATIONS OF HISTORICAL SITUATIONS (Laboratory)

Corso di laurea EUROPEAN HERITAGE,DIGITAL MEDIA AND THE INFORMATION SOCIETY

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/09

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0 Ore Studio individuale: 108.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 22/02/2016 al 21/05/2016)

Lingua

Percorso INTERNAZIONALE (A56)

CARTOGRAPHICAL REPRESENTATIONS OF HISTORICAL SITUATIONS (Laboratory) (L-ANT/09)
LABORATORIO DI AEROTOPOGRAFIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/09

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 12.0 Ore Studio individuale: 13.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 03/03/2016 al 06/06/2016)

Lingua

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

LABORATORIO DI AEROTOPOGRAFIA (L-ANT/09)
AEROTOPOGRAFIA ARCHEOLOGICA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/09

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0 Ore Studio individuale: 108.0

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 29/09/2014 al 24/01/2015)

Lingua

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

Sede Lecce - Università degli Studi

AEROTOPOGRAFIA ARCHEOLOGICA (L-ANT/09)
LABORATORIO DI AEROTOPOGRAFIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/09

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 7.0 Ore Studio individuale: 18.0

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 02/03/2015 al 30/05/2015)

Lingua

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

Sede Lecce - Università degli Studi

LABORATORIO DI AEROTOPOGRAFIA (L-ANT/09)
LABORATORIO DI AEROTOPOGRAFIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/09

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 7.0 Ore Studio individuale: 18.0

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno accademico di erogazione 2013/2014

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 03/03/2014 al 06/06/2014)

Lingua

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

Sede Lecce - Università degli Studi

LABORATORIO DI AEROTOPOGRAFIA (L-ANT/09)

Pubblicazioni

 

 

PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE

 

1.             G. Ceraudo, Strongoli-Petelia. Itinerari archeologici. La Curva, Roma-Strongoli (KR) 1994.

 

2.             G. Ceraudo, La cartografia storica e la viabilità antica nel territorio di Petelia-Strongoli, in Rivista del Dipartimento del Territorio II, 2, 1994, pp. 7-26.

 

3.             G. Ceraudo, Sistemi fotogrammetrici per l’aggiornamento cartografico speditivo finalizzato all’archeologia, in Rivista del Dipartimento del Territorio III, 2, 1995, pp. 115-128.

 

4.             G. Ceraudo, A proposito della base marmorea di Manio Megonio Leone rinvenuta a Strongoli “in foro superiore”, in Studi di Antichità VIII, 1, 1995, pp. 275-284.

 

5.             G. Ceraudo, Metodi di rilevamento e trattamento degli elementi archeologici nella fotorestituzione analitica, in Beni Archeologici - Conoscenza e Tecnologie. Metodologie di catalogazione dei beni archeologici 1, 2, Lecce-Bari 1997, pp. 71-76.

 

6.             G. Ceraudo, S. Fogagnolo, Contributo alla topografia dell’abitato messapico di Muro Leccese, in Beni Archeologici - Conoscenza e Tecnologie. Metodologie di catalogazione dei beni archeologici 1, 2, Lecce-Bari 1997, pp. 85-98.

 

7.             G. Ceraudo, Nota su Valesio, in Beni Archeologici - Conoscenza e Tecnologie. Metodologie di catalogazione dei beni archeologici 1, 2, Lecce-Bari 1997, pp. 99-101.

 

8.             G. Ceraudo, Le iscrizioni relative alla fondazione della Chiesa dei SS. Niccolò e Cataldo a Lecce, in Rivista del Dipartimento del Territorio V, 1, 1997, pp. 115-124.

 

9.             G. Ceraudo, La topografia antica del tratto di costa tra la Foce del Neto e Marina di Strongoli. I porti di Petelia, in Archeologia Subacquea II, Roma 1997, pp. 1-10.

 

10.         G. Ceraudo, Indagini topografiche tra la Foce del Neto e Punta Alice (Crotone), in Atti del Convegno di Archeologia Subacquea (Anzio 30/5 - 1/6 1996), Bari 1997, pp. 203-210.

 

11.         G. Ceraudo, F. Esposito, Strutture sommerse a S. Cataldo (Lecce), in Atti del Convegno di Archeologia Subacquea (Anzio 30/5 - 1/6 1996) Bari 1997, pp. 241-244.

 

12.         G. Ceraudo, Applicazioni di fotogrammetria finalizzata tra prese programmate e reperimento di voli storici: il caso di Valesio, in Studi di Antichità X, 1997, pp. 39-54;

 

13.         G. Ceraudo, Nuovi dati dal territorio di Petelia, Atti del Seminario di Studi “Il Bruzio in età romano-repubblicana” (La Roccelletta di Borgia, Catanzaro - Parco Archeologico di Scolacium 2/8/1996), in Klearchos XXXVIII-XXXIX, 1996-97, pp. 83-100.

 

14.         G. Ceraudo, L’aerofotogrammetria finalizzata alla ricerca archeologico-topografica. Applicazioni campione su alcuni centri antichi dell’Italia centro meridionale, (tesi di dottorato), Salerno 1998.

 

15.         G. Ceraudo, Introduzione all’aerofotogrammetria applicata all’archeologia, Il Grande Blu, Ponza (LT) 1999.

 

16.         G. Ceraudo, La cinta muraria di Valesio, in Valisu 9, 1999, pp. 58-62.

 

17.         G. Ceraudo, Petelia: note di topografia antica, in Scienze dell’Antichità 8-9, 1994-1995, Roma 1999, pp. 231-246.

 

18.         G. Ceraudo, Il contributo dell’aerofotogrammetria per la ricostruzione dell’impianto urbano di Aquinum, in Terra dei Volsci. Annali, 2, 1999, pp. 161-168.

 

19.         F. Piccarreta, G. Ceraudo, Manuale di aerofotografia archeologica. Metodologia, tecniche e applicazioni, Edipuglia, Bari 2000.

 

20.         G. Ceraudo, Nuovi dati sulla topografia di Aquinum attraverso la fotointerpretazione archeologica e la ricognizione diretta, in Daidalos III, Studi e ricerche del Dipartimento di scienze del mondo antico, Univ. della Tuscia, 2001, pp. 161-175.

 

21.         G. Ceraudo, C. Gialanella, D.I. Pellandra, Tra terra e mare, nuove indagini lungo la ripa puteolana, in Forma Maris, Atti del Forum Internazionale di Archeologia Subacquea (Pozzuoli 22-24/9/1998); Napoli 2001, pp. 73-83.

 

22.         G. Ceraudo, Aerofotogrammetria e archeologia, in Ferento, civitas splendidissima (catalogo della mostra – Viterbo, 15/11/2002-15/2/2003), Viterbo 2002, pp. 21-22.

 

Post 2002

 

23.         G. Ceraudo, Via Traiana, in S. Le Pera Buranelli - R. Turchetti (a cura di), Sulla Via Appia da Roma a Brindisi. Le fotografie di Thomas Ashby 1891-1925, Roma 2003, pp. 152-155, p. 161.

 

24.         G. Ceraudo, contributi diversi in M. Guaitoli (a cura di), Lo sguardo di Icaro. Le collezioni dell’Aerofoteca Nazionale per la conoscenza del territorio, Roma 2003, pp. 59-60, 75-85, 94-96, 178-184, 194-198, 329-331, 349-356, 357-359, 365-370, 405-411, 431-433, 442-445, 449-453, 516-517.

 

25.         G. Ceraudo, Nuove ricerche sull’urbanistica di Heraclea, in AA.VV., Carta archeologica della Valle del Sinni, X, 1 suppl., Roma 2003, pp. 171-178.

 

26.         G. Ceraudo (a cura di), Ager Aquinas. Aerotopografia archeologica lungo la valle dell’antico Liris, Roma 2004.

 

27.         G. Ceraudo, F. Piccarreta (a cura di), Archeologia Aerea. Studi di Aerotopografia Archeologica I, Roma 2004.

 

28.         G. Ceraudo, Un secolo e un lustro di fotografia aerea archeologica in Italia (1899-2004), in Archeologia Aerea. Studi di Aerotopografia Archeologica I, Roma 2004, pp. 47-68.

 

29.         G. Ceraudo, La via Latina tra Fabrateria Nova e Casinum: precisazioni topografiche e nuovi spunti metodologici, in Archeologia Aerea. Studi di Aerotopografia Archeologica I, Roma 2004, pp. 155-181.

 

30.         G. Ceraudo, Valesio, in M. Guaitoli - V. Cazzato (a cura di), Lo Sguardo di Icaro. Insediamenti del Salento dall’antichità all’età moderna, Galatina (LE) 2005, pp. 45-48.

 

31.         G. Ceraudo, 105 Years of Archaeological Aerial Photography in Italy (1899-2004), in Bourgeois Jean, Meganck Marc (eds), Aerial Photography and Archaeology 2003. A Century of Information, (Archaeological Reports Ghent University, 4), Academia Press, Gent, 2005, pp. 73-86.

 

32.         G. Ceraudo, F. Piccarreta, Fotointerpretazione archeologica, in M. Rotili (a cura di), Benevento nella tarda antichità. Dalla diagnostica archeologica in contrada Cellarulo alla ricostruzione dell’assetto urbano, Napoli 2006, pp. 101-122.

 

33.         G. Ceraudo (a cura di), Le collezioni dell’Aerofototeca Nazionale per la conoscenza del territorio: la Provincia di Frosinone, Frosinone 2006.

 

34.         G. Ceraudo, F. Piccarreta (a cura di), Archeologia Aerea. Studi di Aerotopografia Archeologica II, Roma 2007.

 

35.         G. Ceraudo, L. Castrianni, Giacomo Boni: a Pioneer of the Archaeological Air Photograph, in Proceedings of the VIIth International Conference on Archaeological Prospection, Nitra 2007, p. 125.

 

36.         G. Ceraudo, Cartographie finalisée et Aérotopographie archéologique. La via Trajana et la centuriation attribuée à l'ager Aecanus dans le Tavoliere des Pouilles, in Medieval Europe (4th International Congress of Medieval and Modern Archaeology), Paris 2007, pp. 1-17.

 

37.         A. Nicosia, G. Ceraudo (a cura di), Spigolature Aquinati. Studi storico-archeologici su Aquino e il suo territorio, Atti della Giornata di Studio - Aquino, 19 maggio 2007, Aquino (FR) 2007.

 

38.         G. Ceraudo, Progetto Ager Aquinas. 10 anni di ricerche: risultati e prospettive, in Spigolature Aquinati. Studi storico-archeologici su Aquino e il suo territorio, Atti della Giornata di Studio - Aquino, 19 maggio 2007, Aquino (FR) 2007, pp. 39-48.

 

39.         G. Ceraudo, Miliari della via Latina nel territorio di Aquino, in Spigolature Aquinati. Studi storico-archeologici su Aquino e il suo territorio, Atti della Giornata di Studio - Aquino, 19 maggio 2007, Aquino (FR) 2007, pp. 105-119.

 

40.         G. Ceraudo, Via Gellia: una strada fantasma in Puglia centrale, inStudi di Antichità 12, 2008, pp. 187-203.

 

41.         G. Ceraudo, Sulle tracce della Via Traiana. Indagini aerotopografiche da Aecae a Herdonia, Foggia 2008.

 

42.         G. Ceraudo,Aerial Archaeology in Italy. Recent research and future developments, in R. Lasaponara, N. Masini (Eds), Advances on Remote Sensing forArchaeologyandCultural Heritage Management, Proceedings of the 1st International EARSeL Workshop (CNR - Rome, September 30 – October 4, 2008), pp. 51-54.

 

43.         G. Ceraudo, Progetto “Ager Aquinas”. La carta archeologica di Aquinum e territorio, in Atti del Convegno “Dalle sorgenti alla foce. Il bacino del Liri-Garigliano nell'antichità: culture, contatti, scambi” (Frosinone-Formia, 10-12 novembre 2005), Roma 2008, pp. 145-156.

 

44.         G. Ceraudo, L’antico sistema stradale della Penisola Salentina, in A. Pranzo (a cura di), Salento. Architetture antiche e siti archeologici, Lecce. 2008, pp. 31-35.

 

45.         Laura Castrianni, Giuseppe Ceraudo, History of Military Aerial Photographs in Italy and Addressed Archives, in Images of Conflict: Military Aerial Photography and Archaeology, Cambridge 2008, pp. 165-183.

 

46.         G. Ceraudo, F. Piccarreta (a cura di), Archeologia Aerea. Studi di Aerotopografia Archeologica III, Foggia 2008.

 

47.         G. Ceraudo, Aerial Archaeology in Italy. Recent Research and Future Prospects.The contribution of LabTAF at the University of Salento, in AAerea III, Foggia 2008, pp. 219-232.

 

48.         G. Ceraudo et alii, Indagini archeologiche e aerotopografiche a Sipontum: il “Progetto Siponto”, in AAerea III, Foggia 2008, pp. 119-134.

 

49.         G. Ceraudo, G. Di Giacomo, G. Scardozzi, Tell Tuqan. Topographic mapping, dem and high resolution satellite images, in F. Baffi (ed.), Tell Tuqan. Excavations 2006-2007, Galatina (LE), 2008, pp. 193-210.

 

50.         G. Ceraudo, Indagini aerotopografiche lungo la via Traiana in Daunia, in Atti del29° Convegno Nazionale di San Severo (FG) di “Preistoria, Protostoria e storia della Daunia”, San Severo 2009, pp. 3-18.

 

51.         G. Ceraudo, F. Boschi, Fotografia aerea per l’archeologia, in Groma 2, 2009, pp. 171-186.

 

52.         G. Ceraudo, Un nuovo miliario della Via Traiana dal territorio di Aequum Tuticum, in Epigraphica, LXXI, 2009, pp. 107-118.

 

53.         G. Ceraudo, P.R. Arthur, Investigaţia aeriană şi peisajele medievale din sudul regiunii Apulia, in Rog Palmer, Irina Oberländer-Târnoveanu, Carmen Bem (eds), Arheologie aeriană. În România și Europa [Aerial Archaeology.  In Romania and in Europe], București 2009,pp. 165-171.

 

54.         G. Ceraudo, V. Ferrari, Fonti tradizionali e nuove metodologie d’indagine per la ricostruzione della centuriazione attribuita all’ager Aecanus nel Tavoliere di Puglia, inAgri Centuriati. An International Journal of Ancient Landscapes, Pisa-Roma 6, 2009, pp. 125-141.

 

55.         G. Ceraudo et alii, San Giovanni Incarico (Frosinone): ricerche topografiche e archeologiche sul sito di Fabrateria Nova, in Lazio e Sabina, 6, Roma 2010, pp. 457-469.

 

56.         G. Ceraudo et alii, San Giovanni Incarico (Frosinone): ricerche topografiche e archeologiche sul sito di Fabrateria Nova, in Folder. The Journal of Fasti Online, 2010, 211, pp. 1-17.

 

57.         G. Ceraudo, V. Ferrari (a cura di), La villa romana di Muro Rotto. Paesaggi archeologici nel territorio di Aecae, Foggia 2010.

 

58.         G. Ceraudo, E.J. Shepherd, Italian aerial photographic archives: holdings and case study, in D.C. Cowley, R.A. Standring, M.J. Abicht (eds), 2010, Landscapes Through the Lens: Aerial Photographs and the Historic Environment, Oxbow Books: Oxford 2010, pp. 236-245.

 

59.         G. Ceraudo, Aerial archaeology in Italy, in Photo Interprétation European Journal of Applied Remote Sensing, 2010-1 (volume 46), pp. 12-20; tavv. alle pp. 30-37.

 

60.         G. Ceraudo et alii, La villa romana di Muro Rotto (e dintorni) alla luce delle recenti indagini aerotopografiche e degli scavi nell’agro di Troia, in Atti del30° Convegno Nazionale di San Severo (FG) di “Preistoria, Protostoria e storia della Daunia”, San Severo 2010, pp. 389-406.

 

61.         G. Ceraudo, S. Piro, D. Zamuner, Integrated GPR and Archaeological investigations to study the site of Aquinum (Frosinone, Italy), Proceedings of the XIII International Conference on GPR, Lecce (Italy), 21-25 June 2010. IEEE Catalog n. CFP10538, ISBN 978-1-4244-4605-6. Library Congress 2009904130, pp. 96-100.

 

62.         G. Ceraudo, L’Apulie et la Calabre (Italie). IIe région augustéenne, in Dossier de l'Archéologie, Les Voies romaines autour de la Méditerranée, n. 343, janv.-fév. 2011, pp. 26-31.

 

63.         G. Ceraudo, La via Traiana, découvertes récentes, in Dossier de l'Archéologie, Les Voies romaines autour de la Méditerranée, n. 343, janv.-fév. 2011, pp. 38-43.

 

64.         S. Piro, G. Ceraudo, D. Zamuner, Integrated geophysical and archaeological investigations of Aquinum in Frosinone, Italy, in Archaeological Prospection, 18, DOI: 10.1002/arp409, 2011, pp. 127-138.Published online 12 May 2011 in Wiley Online Library

 

65.         S. Piro, G. Ceraudo, D. Zamuner, M. Kucukdemirci, Multimethodological approach to study the Ancient Aquinum roman town (Frosinone, Italy), Proceedings of 9th International Conference on Archaeological Prospection, Turkey 2011.

 

66.         G. Ceraudo, Il tratto irpino della via Traiana, in M.C. Lenzi (a cura di), Est Locus… L’Irpinia postunitaria, Atripalda (Av) 2011, pp. 42, 110-111.

 

67.         G. Ceraudo et alii, Le ricerche aerotopografiche, in C. Laganara, Siponto. Archeologia di una città abbandonata nel Medioevo, Foggia 2011, pp. 31-39.

 

68.         G. Ceraudo, Aquinum. Campagne di scavo 2009-2011, in Studi Cassinati, XI, 3, 2011, pp. 163-168.

 

69.         G. Ceraudo (a cura di), Archeologia Aerea. Studi di Aerotopografia Archeologica IV-V (2010-2011), Foggia 2011.

 

70.         G. Ceraudo, 100 anni di Archeologia Aerea in Italia, in AAerea IV-V (2010-2011), Foggia 2011, pp. 5-15.

 

71.         G. Ceraudo, Tra città e territorio: nuovi dati dalla fotointerpretazione, in TARAS, Rivista di Archeologia, XXXI, 2011, pp. 24-33.

 

72.         G. Ceraudo (a cura di), Lungo l’Appia e la Traiana. Le fotografie di Robert Gardner in viaggio con Thomas Ashby nel territorio di Beneventum agli inizi del Novecento, Delta3 Edizioni, Grottaminarda (Av) 2012.

 

73.         G. Ceraudo, Ashby e Gardner e le ricerche lungo l’Appia e la Traiana, in G. Ceraudo (a cura di), Lungo l’Appia e la Traiana. Le fotografie di Robert Gardner in viaggio con Thomas Ashby nel territorio di Beneventum agli inizi del Novecento, Delta3 Edizioni, Grottaminarda (Av) 2012, pp. 31-40.

 

74.         S. Piro, G. Morelli, A. Novo, G. Ceraudo, D. Goodman, A Gpr Array System for Fast Archaeological Mapping: Stream X at Aquinum Roman Site (Castrocielo, Italy), SAGEEP 2012, Tucson, Arizona USA.

 

75.         G. Ceraudo, Progetto ‘Ager Aquinas’. Indagini aerotopografiche finalizzate allo studio della città romana di Aquinum (Lazio, Italia), in F. Vermeulen, G.J. Burgers, S. Keay, C. Corsi (Eds.), Urban Landscape Survey in Italy and the Mediterranean, Oxford (UK) 2012, pp. 94-104.

 

76.         G. Ceraudo, Due nuove lastre iscritte dei ponti della Via Traiana, in Zeitschrift fur Papyrologie und Epigraphik (ZPE) 183, 2012, pp. 255-258.

 

77.         G. Ceraudo, Tra città e territorio: nuovi dati dalla fotointerpretazione, in C. Laganara, Case e cose nella Siponto medievale. Da una ricerca archeologica, Foggia 2012, Claudio Grenzi Editore, pp. 17-23. ISBN 978-88-8431-496-3

 

78.         G. Ceraudo, Paestum, Locri Epizefiri, Caulonia, Sibari e Thuri, in F. D'Andria, P.G. Guzzo, G. Tagliamonte (a cura di). Magna Grecia. Città greche di Magna Grecia e Sicilia, Roma 2012: Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani, ISBN: 9788812000975, pp. 100-105, 121-130, 135-140.

 

79.         Ceraudo 2012: G. Ceraudo, A proposito delle lastre iscritte dei ponti della Via Traiana, in ATTA 22, 2012, pp. 143-153.

 

80.         G. Ceraudo (a cura di), Archeologia Aerea. Studi di Aerotopografia Archeologica VI (2012), Foggia 2012.

 

81.         G. Ceraudo, C. Molle, D. Nonnis, L’iscrizione musiva delle Terme Centrali di Aquinum, in Orizzonti. Rassegna di archeologia XIV, 2013, pp. 101-109.

Temi di ricerca

 

 

 

Giuseppe Ceraudo è docente nel settore di Topografia antica nell’Università del Salento a Lecce. Conduce la propria attività di ricerca all’interno del Laboratorio di Topografia Antica e Fotogrammetria (LabTAF) presso il Dipartimento di Beni Culturali. Rivolge i suoi interessi scientifici in particolare nel settore della cartografia archeologica, della ricognizione sul campo, dell’aerotopografia e verso uno specifico settore di ricerca come la fotogrammetria finalizzata.

 

Diverse le campagne di scavo e di ricognizione topografica da lui organizzate e dirette in Italia e all’estero: tra le attività di ricerca più recenti si segnalano i Progetti “Carta archeologica dell’Ager Aecanus”, “Sipontum” (in collaborazione con l’Università di Bari), “Aerial Survey. Classical and Medieval Landscapes in Southern Apulia

” e “Portus Lupiae” in Puglia, ed i Progetti “Ager Aquinas” e “Fabrateria Nova” nel Lazio Meridionale.

 

Inoltre, dal 2004, è responsabile scientifico del Progetto “Via Traiana”, indagini aerotopografiche finalizzate alla ricostruzione del percorso della antica strada romana da Benevento a Brindisi: è all’interno di questa iniziativa che si inserisce la collaborazione con la British School at Rome per l’acquisizione e la digitalizzazione delle foto storiche relative alle due strade romane conservate nelle collezioni fotografiche di Th. Ashby e R. Gardner(BSR Photographic Archive, Thomas Ashby collection e Robert Gardner collection).

 

La sua bibliografia comprende numerosi titoli, tra volumi, articoli e recensioni, tra cui Introduzione all’aerofotogrammetria applicata all’archeologia (1999), Manuale di Aerofotografia archeologica. Metodologia, tecniche e applicazioni (con F. Piccarreta, 20052), Sulle tracce della Via Traiana. Indagini aerotopografiche da Aecae a Herdonia (2008) e La villa romana di Muro Rotto. Paesaggi archeologici nel territorio di Aecae (2010).