Angelo CORALLO

Angelo CORALLO

Professore II Fascia (Associato)

Settore Scientifico Disciplinare ING-IND/35: INGEGNERIA ECONOMICO-GESTIONALE.

Dipartimento di Ingegneria dell'Innovazione

Centro Ecotekne Pal. O - S.P. 6, Lecce - Monteroni - LECCE (LE)

Ufficio, Piano terra

Centro Cultura Innovativa d`Impresa

Edificio IBIL - S.P. 6, Lecce - Monteroni - LECCE (LE)

Incubatore Euro-Mediterraneo, Piano terra

Telefono +39 0832 29 7957

Orario di ricevimento

Sono sempre disponibile. Contattatemi per email in modo da esser certi della mia presenza sul posto.

 

Visualizza QR Code Scarica la Visit Card

Curriculum Vitae

Angelo Corallo è Professore Associato al Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione presso Università del Salento. Gli ambiti di ricerca in cui opera sono orientati verso tecnologie, metodologie e modelli organizzativi a sostegno dei processi di Sviluppo di Nuovo Prodotto in sistemi industriali complessi, la gestione della conoscenza e gli ambienti di lavoro collaborativi. La sua attività didattica concerne i moduli di ‘Gestione Integrata del Business’ e ‘Laboratorio di Project Management’ rispettivamente afferenti ai Corsi di Laurea in Ingegneria Gestionale e Ingegneria Industriale.

---------------------------------------------------------------

Laboratorio di Project Management (6 CFU)

Obiettivi del corso. Il corso di Laboratorio di Project Management mira a fornire le conoscenze di contesto, tecniche e metodologiche per la gestione di un progetto. Queste conoscenze si concentrano sulle caratteristiche di un progetto, sulla funzione del Project Management, sul ruolo del Project Manager e del Project Team in relazione ai diversi modelli organizzativi in cui si trovano ad operare. Vengono inoltre approfonditi: i) i processi di gestione di un progetto: avvio, pianificazione, esecuzione, monitoraggio e controllo, chiusura; ii) i principali strumenti metodologici, come WBS, Gantt, Critical Path Method (CPM), Earned Value Management (EVM); iii) le conoscenze manageriali di base e comportamentali.

Risultati di apprendimento. Dopo il corso lo studente dovrebbe essere in grado di conoscere ed analizzare:

  • il valore e l’importanza di una metodologia di project Management;
  • i concetti principali del project Management e acquisirne la terminologia di base;
  • il ruolo del Project Manager, le sue competenze chiave e i percorsi professionali;
  • gli attori, i processi, gli output e le tecniche fondamentali della gestione dei progetti;
  • un piano di progetto, svilupparlo e monitorarne l’avanzamento;
  • come gestire le informazioni di un progetto e la sua reportistica mediante software specialistico.

Conoscenze preliminari. Sono richieste conoscenze di base di organizzazione aziendale

Testi di riferimento
[1] Project Management Institute, “Project Management Body of Knowledge” – 5th Edition, (2013)
[2] H. Kerzner, “Project Management: A Systems Approach to Planning, Scheduling, and Controlling” – 11th Ed., John Wiley & Sons (2013)
[3] Mulcahy, “PMP Exam Prep: Accelerated Learning to Pass PMIs PMP Exam” – 8th Ed., Rmc Publishings (2013)

 


Gestione Integrata del Business  (12 CFU)

Obiettivi del corso. Il corso di Gestione Integrata del Business mira a fornire un approccio integrativo all’analisi dell’ambiente interno ed esterno all’impresa, alla comprensione dei fattori chiave del vantaggio competitivo, allo studio delle componenti strategiche ed operative di un modello di business. Il corso è pensato per fornire una lente prospettica che permetta di rivedere i processi di un’impresa alla luce del concetto di business model, quale elemento chiave per connettere la strategia all’organizzazione alla tecnologia Il modello proposto, ispirato agli approcci interdisciplinari emergenti nell’ambito delle business school si basa su un principale focus di interesse che è il concetto di valore, analizzato sia a livello di industria che di impresa. Questo approccio può essere esplorato in modo olistico abbattendo le barriere fra le differenti discipline manageriali. Il concetto di modello di business è inteso come il framework per analizzare il tema della creazione di valore nelle organizzazioni e per guidare le scelte strategiche, organizzative e tecnologiche.

Risultati di apprendimento. Dopo il corso lo studente dovrebbe essere in grado di conoscere ed analizzare:

  • le principali variabili che in maniera diretta e indiretta influenzano gli accadimenti aziendali (PEST analysis, Porter Analysis, SWOT analysis).
  • concetto di modello di business e del suo ruolo strategico come ponte fra la definizione della strategia e la gestione dell’impresa.

  • metodi di ricerca qualitativi, quantitativi e misti e le relative fasi da seguire per la loro applicazione.
  • le caratteristiche e le tipologie di network esistenti in modo da evidenziare i motivi e le circostanze in cui le aziende collaborano fra di loro nello svolgimento delle proprie attività di business.
  • i fondamenti teorici e pratici per capire il passaggio delle aziende verso strutture orientate e basate sulla gestione dei processi aziendali.
  • gli strumenti concettuali fondamentali per la definizione di una architettura d’impresa.
  • aspetti teorici e pratici del Business Process Management, il linguaggio di modellazione dei processi (BPMN) e i tool di modellazione.
  • principali tecnologie e piattaforme informatiche (ERP, CRM, SCM, BI).
  • PLM e analisi dei suoi modelli applicativi e soluzioni tecnologiche in contesti aziendali complessi.

 

Testi di riferimento

[1] Osterwalder, A., et al., (2005), Clarifying Business Models: Origins, Present, and Future of the Concept, Communication of AIS, Vol. 15.

[2] Creswell J.W., Research Design, SAGE Publications.

[3] Bryman A., Bell E., Business Research Methods, Oxford Press.

[4] Powel W.W., (1990), Neither Market nor Hierarchy: networks forms of organizations, Research in Organizational Behaviour, vol 12.

[5] Allee V., (2002), A value network approach for modeling and measuring intangibles, White Paper.

[6] J. A. Zachman (1987) A framework for information systems architecture. IBM Systems Journal, Volume 26, Issue 3.

[7] J. F. Sowa, J. A. Zachman (1992) Extending and formalizing the framework for information systems architecture. IBM Systems Journal, Volume 31, Issue 3.

[8] Slide e presentazioni fornite dal docente durante le lezioni

 

Didattica

A.A. 2018/2019

BUSINESS INTEGRATED MANAGEMENT

Corso di laurea MANAGEMENT ENGINEERING - INGEGNERIA GESTIONALE

Lingua INGLESE

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 108.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL'INNOVAZIONE

Percorso Percorso comune

Sede Lecce - Università degli Studi

A.A. 2017/2018

BUSINESS INTEGRATED MANAGEMENT

Corso di laurea MANAGEMENT ENGINEERING - INGEGNERIA GESTIONALE

Lingua INGLESE

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 108.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL'INNOVAZIONE

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

LABORATORIO DI PROJECT MANAGEMENT

Corso di laurea INGEGNERIA INDUSTRIALE

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 54.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL'INNOVAZIONE

Percorso PERCORSO COMUNE

A.A. 2016/2017

BUSINESS INTEGRATED MANAGEMENT

Corso di laurea MANAGEMENT ENGINEERING - INGEGNERIA GESTIONALE

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 108.0 Ore Studio individuale: 192.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL'INNOVAZIONE

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

LABORATORIO DI PROJECT MANAGEMENT

Corso di laurea INGEGNERIA INDUSTRIALE

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 54.0 Ore Studio individuale: 96.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL'INNOVAZIONE

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede BRINDISI

A.A. 2015/2016

BUSINESS INTEGRATED MANAGEMENT

Corso di laurea MANAGEMENT ENGINEERING - INGEGNERIA GESTIONALE

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 108.0 Ore Studio individuale: 192.0

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL'INNOVAZIONE

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

LABORATORIO DI PROJECT MANAGEMENT

Corso di laurea INGEGNERIA INDUSTRIALE

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 54.0 Ore Studio individuale: 96.0

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL'INNOVAZIONE

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede BRINDISI

A.A. 2014/2015

BUSINESS INTEGRATED MANAGEMENT

Corso di laurea MANAGEMENT ENGINEERING - INGEGNERIA GESTIONALE

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 104.0 Ore Studio individuale: 196.0

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL'INNOVAZIONE

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

A.A. 2013/2014

BUSINESS INTEGRATED MANAGEMENT

Corso di laurea MANAGEMENT ENGINEERING - INGEGNERIA GESTIONALE

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 104.0 Ore Studio individuale: 196.0

Anno accademico di erogazione 2013/2014

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL'INNOVAZIONE

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

Torna all'elenco
BUSINESS INTEGRATED MANAGEMENT

Corso di laurea MANAGEMENT ENGINEERING - INGEGNERIA GESTIONALE

Settore Scientifico Disciplinare ING-IND/35

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 108.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 04/03/2019 al 04/06/2019)

Lingua INGLESE

Percorso Percorso comune (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

The course is designed to provide a perspective lens to review/design the entire enterprice architecture according to the concept of business model, as a key element to connect the strategy to the organization and to processes.

The proposed model, inspired by the emerging interdisciplinary approaches in business schools, considers the issue of value creation in organizations as the main focus of interest. Each of the company's dimensions - strategic, organisational, process and technological - is analysed both with regard to the specific models and tools that allow detailed planning and through an holistic interconnection logic that uses the Business Model as an approach to representation.

The course aims to provide an integrative approach to the analysis of the environment inside and outside the company, to the understanding of the key factors of competitive advantage, to the study of strategic components, to the models and tools for operations.

Knowledge and understanding. The student must have a solid background with a broad spectrum of basic knowledge related to the understanding and optimization of business processes according to an integrated approach to business management. In particular, the student must:

  • have the basic cognitive tools to think analytically, creatively, critically and have the ability to abstract and solve problems within complex systems;
  • have a thorough knowledge of the concept of the business model and of the key variables for the definition of the strategy and for the management of the business;
  • have a solid knowledge of the existing networks and the network logic on which the collaboration relationships between companies;
  • know how to analyse the theoretical and practical foundations of Business Process Management in order to understand the functioning of companies in terms of tasks, events, organizational roles and decision-making;
  • have a critical and detailed knowledge of the theoretical foundations, methodologies and techniques for the design of organisational structures and mechanisms;
  • have a good knowledge of new Information and Communication Technologies in order to enable the digitisation of businesses;
  • possess the fundamental conceptual tools for the definition of an enterprise architecture to harmonize business processes, business strategies and technological solutions.

Applying knowledge and understanding. The student must demonstrate the ability to apply, independently and critically, the knowledge acquired during the training course. In particular, after the course the student should be able to:

  • identify and appropriately use the principles and tools of the business model to design business development and management strategies;
  • recognize, analyze and solve an organizational problem;
  • identify and apply methodologies, languages and modeling tools for the analysis of business processes;
  • describe and use the main technologies and platforms information technology as well as the main applications and architectures for big data, data security and design of new products;
  • manage information, processes and resources to support the life cycle of products and services in complex business environments.

Making judgements. Students are guided to learn and critically apply the models and methods of analysis acquired during the course identifying – with a high degree of autonomy and in a logic of integration – strategic, organizational and technological solutions for the creation of value and optimization of business processes.

Students must therefore be able to operate in their own disciplinary and operational fields and manage complexity by collecting, processing and interpreting data, procedures and theories in a perspective of problem solving.

Communication

Students must demonstrate that they have acquired the necessary skills to:

  • - guarantee an effective and correct oral and written communication of the acquired knowledge, taking into account the level of cultural preparation of the interlocutors;
  • - organize the dissemination material and the communication of the research results using the scientific knowledge and the methodological tools learned.
  • - organise dissemination material and the communication of research results using the scientific knowledge and methodological tools learnt.

Learning skill. Students must acquire the critical ability to relate, with originality and autonomy, to deepen and develop autonomously in the professional field the knowledge and skills gained in relation to business processes, business model and technological solutions to be adopted.

Students must be able to update his knowledge and methods of investigation through opportunities for comparison and learning in their field of competence with a view to continuing their studies at a higher level (PhD) or in the broader perspective of cultural and professional self-updating of lifelong learning. Therefore, students must be able to switch to different forms of presentation from the original texts, in order to memorize, summarize for themselves and others, to disseminate scientific knowledge.

The training programme privileges transdisciplinarity and complementarity between didactic modules. Specifically, the course consists of:

  • - frontal lessons, aimed at the exchange of knowledge and the development of a critical conscience within the disciplines studied through the transmission of concepts, models and interpretative schemes.   
  • - exercises, aimed at promoting the understanding of theories and models as well as facilitating the use of technologies and operational tools analysed in the classroom.
  • - analysis of case studies, aimed at verifying and contextualizing what has been learned at a theoretical level through the frontal lessons.
  • - group work, aimed at strengthening cognitive and operational learning by applying the logic of the Business Model and the theoretical notions acquired with frontal teaching. Group work is implemented in parallel with the training modules and discussed publicly at the end of the course to stimulate the comparison of competences and communication skills.

In order to promote an interactive learning experience and circular communication, students are invited to participate in the lesson with independent judgment, starting the debate in the classroom and presenting real cases.

The exam is written. In addition, provision may be made for an oral examination to supplement the written examination. The presentation of the Project work carried out during the course is part of the verification of the acquired competences. During the exam the student is asked to argue theories, models and methodologies that are the subject of the study program to verify the level of knowledge and understanding of the topics covered as well as the degree of skills acquired. The student may be asked to do exercises and illustrate real cases related to the proposed question.

Office Hours: by appointment; contact the instructor by email or at the end of class meetings.

The course consists of four parts. Each section is divided into specific training modules.

PART A – Business and Innovation Strategy (27 hours): Foundation of Strategy; Business Model;

PART B – Organisational Analysis (27 hours): Network Analysis and Modelling; Organisational Theories and Structures;

PART C – Business Process Management (27 hours): Enterprice Architecture, Business Process Management Lifecycle; Business Process Mining; Process Modelling Standards;

PART D – Information and Communication Technologies (27 hours): taxonomy of business technologies; instruments for digitisation of business activities; Product Lifecycle Management; new technological trends.

[1] Alexander Osterwalder A., Pigneur Y., Business Model Generation: A Handbook for Visionaries, Game Changers, and Challengers, Wiley, Hoboken, 2010.

[2] Creswell J.W., Research Design, SAGE Publications.

[3] Bryman A., Bell E., Business Research Methods, Oxford Press.

[4] Powel W.W., Neither Market nor Hierarchy: networks forms of organizations, Research in Organizational Behaviour, vol 12, 1990.

[5] Mintzberg H., The Structuring of Organizations, Prentice-Hall, Englewood Cliffs, 1979

[6] Allee V., A value network approach for modeling and measuring intangibles, White Paper, 2002

[7] Zachman J. A., “A framework for information systems architecture”, IBM Systems Journal, Volume 26, Issue 3, 1987.

[8] Sowa J. F., Zachman J. A. (1992) “Extending and formalizing the framework for information systems architecture”, IBM Systems Journal, Volume 31, Issue 3, 1992.

[9] Slide e presentazioni fornite dal docente durante le lezioni

BUSINESS INTEGRATED MANAGEMENT (ING-IND/35)
BUSINESS INTEGRATED MANAGEMENT

Corso di laurea MANAGEMENT ENGINEERING - INGEGNERIA GESTIONALE

Settore Scientifico Disciplinare ING-IND/35

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 108.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 01/03/2018 al 01/06/2018)

Lingua INGLESE

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

BUSINESS INTEGRATED MANAGEMENT (ING-IND/35)
LABORATORIO DI PROJECT MANAGEMENT

Corso di laurea INGEGNERIA INDUSTRIALE

Settore Scientifico Disciplinare ING-IND/35

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 54.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 01/03/2018 al 01/06/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Conoscenze base di organizzazione aziendale

Il corso ha l’obiettivo di fornire le conoscenze di contesto, tecniche e metodologiche per la gestione di un progetto. Queste conoscenze si concentrano sulle caratteristiche di un progetto, sulla funzione del Project Management, sul ruolo del Project Manager e del Project Team in relazione ai diversi modelli organizzativi in cui si trovano ad operare. Vengono inoltre approfonditi:

  • i processi di gestione di un progetto: avvio, pianificazione, esecuzione, monitoraggio e controllo, chiusura;
  • i principali strumenti metodologici, come WBS, Gantt, Critical Path Method (CPM), Earned Value Management (EVM);
  • le conoscenze manageriali di base e comportamentali.

Conoscenze e comprensione

  • Comprendere il valore e l’importanza di una metodologia di project Management;
  • Apprendere i concetti principali del project Management e acquisirne la terminologia di base;
  • Comprendere il ruolo del Project Manager, le sue competenze chiave e i percorsi professionali;
  • Conoscere gli attori, i processi, gli output e le tecniche fondamentali della gestione dei progetti.

 

Capacità di applicare conoscenze e comprensione

  • Essere in grado di sviluppare un piano di progetto e monitorarne l’avanzamento;
  • Sviluppare la capacità di gestire le informazioni di un progetto e la sua reportistica mediante software specialistico.

Lezioni frontali, finalizzate all’apprendimento dei concetti principali del project Management e all’acquisizione della terminologia di base.

 

Esercitazioni: finalizzate a favorire la comprensione di strumenti, tecniche e output di progetto che includono: Valutazione Benefici Economici di Progetto; Redazione Project Charter; Mind mapping; Creazione della WBS; Costruzione del reticolo logico e calcolo del critical path; Introduzione all’uso del software di project management; Realizzazione con sw di PM di WBS e Schedule su caso di esempio; Calcolo indici di performance e creazione report di avanzamento con SW di PM su caso d'esempio; Valutazione dei rischi di progetto.

 

Project Work di gruppo: finalizzato ad acquisire la capacità di lavorare in gruppo e di sviluppare un project plan. In gruppi di lavoro da 4-5 membri, gli studenti preparano un documento di pianificazione di un progetto su un caso di studio. Il piano coniene gli output principali derivanti dai processi di pianificazione, incluso l’analisi degli stakeholder e dei rischi. Alcuni degli output dovranno essere creati mediante lo strumento software.

Per i frequentanti:

Project Work: è finalizzato allo sviluppo di un piano di progetto su un caso applicativo utilizzando strumenti, tecniche e software di project management.

Esame Scritto: è finalizzato alla verifica delle conoscenze acquisite relativamente all’insieme dei processi e delle aree di conoscenza del project management, e degli specifici strumenti e tecniche.

 

Per i non frequentanti:

Esame Scritto e Orale: è finalizzato alla verifica delle conoscenze acquisite relativamente all’insieme dei processi, delle aree di conoscenza del project management, e degli specifici strumenti e tecniche

Orario di ricevimento: previo appuntamento da concordare via email o al termine delle lezioni.

Introduzione al Project Management (12 ore)

Evoluzione del Project Management (PM)Progetti e processi; Terminologia del PM; Risorse e ruoli in un’organizzazione per progetti; Valore del PM; Standard e Associazioni di PM; Certificazioni in PM; Framework e Processi di PM; Lifecycle del progetto e fasi; Programma, portfolio e progetto; Stakeholder del progetto; Avvio del Progetto; Obiettivi e Benefici Economici del Progetto; Caratteristiche del Project Charter; Analisi degli stakeholder.

 

Pianificazione del progetto (18 ore)

Definizione del project management plan; Pianificazione Scope; Obiettivi di progetto e attività; Breakdown Structures; Raccolta dei requisiti; Caratteristiche della Scope Baseline; Strutturazione della Work Breakdown Structure; Definizione di deliverable; Organizzazione del Team; Pianificazione dei Tempi; Definizione delle Attività; Precedence Diagramming Method; Definizione dello Schedule Network Diagram; Metodo del Critical Path; Metodi di visualizzazione del Project Schedule; Pianificazione dei Costi; Cost baseline e budget; Stima di risorse, tempi e costi; Analisi delle riserve di progetto.

 

Esecuzione, Monitoraggio e Controllo del Progetto (14 ore)

Controllo di scope, tempi e costi; Validazione dello scope; Tecnica dell’Earned Value Management (EVM); Indici di performance dei progetti; Stime a finire per il progetto; Gestione delle risorse umane, delle comunicazioni e degli stakeholder; Teorie di gestione delle risorse umane; Gestione dei conflitti; Importanza della comunicazione e pianificazione della gestione delle comunicazioni; Processi per l’engagement degli stakeholder.

 

Gestione di qualità e rischi del progetto (6 ore)

Concetti di qualità; Pianificazione della qualità; Strumenti e tecniche per la qualità; Assicurazione e controllo della qualità; Definizione di rischio; Tipologie di rischio; Pianificazione della gestione dei rischi; Identificazione e valutazione dei rischi; Matrice di probabilità e impatto dei rischi; Strategie di risposta al rischio; Riserve di contingency.

 

Integrazione e chiusura del progetto (4 ore)

Processi di gestione degli Approvvigionamenti; Tipi di contratto; Documenti di richiesta approvvigionamenti; Gestione delle informazioni di progetto; Reporting delle perfomance; Gestione integrata delle modifiche; Gestione della configurazione; Attività di chiusura di un Progetto; Lessons learned.

•     Project Management Institute, “Project Management Body of Knowledge” – 5th Edition, (2013)

•     H. Kerzner, “Project Management: A Systems Approach to Planning, Scheduling, and Controlling” – 11th Ed., John Wiley & Sons (2013)

•    R. Mulcahy, “PMP Exam Prep: Accelerated Learning to Pass PMIs PMP Exam” – 8th Ed., Rmc Publishings (2013)

LABORATORIO DI PROJECT MANAGEMENT (ING-IND/35)
BUSINESS INTEGRATED MANAGEMENT

Corso di laurea MANAGEMENT ENGINEERING - INGEGNERIA GESTIONALE

Settore Scientifico Disciplinare ING-IND/35

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 108.0 Ore Studio individuale: 192.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 01/03/2017 al 02/06/2017)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

BUSINESS INTEGRATED MANAGEMENT (ING-IND/35)
LABORATORIO DI PROJECT MANAGEMENT

Corso di laurea INGEGNERIA INDUSTRIALE

Settore Scientifico Disciplinare ING-IND/35

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 54.0 Ore Studio individuale: 96.0

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 01/03/2017 al 02/06/2017)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede BRINDISI

LABORATORIO DI PROJECT MANAGEMENT (ING-IND/35)
BUSINESS INTEGRATED MANAGEMENT

Corso di laurea MANAGEMENT ENGINEERING - INGEGNERIA GESTIONALE

Settore Scientifico Disciplinare ING-IND/35

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 108.0 Ore Studio individuale: 192.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 29/02/2016 al 03/06/2016)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

BUSINESS INTEGRATED MANAGEMENT (ING-IND/35)
LABORATORIO DI PROJECT MANAGEMENT

Corso di laurea INGEGNERIA INDUSTRIALE

Settore Scientifico Disciplinare ING-IND/35

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 54.0 Ore Studio individuale: 96.0

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 29/02/2016 al 03/06/2016)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede BRINDISI

LABORATORIO DI PROJECT MANAGEMENT (ING-IND/35)
BUSINESS INTEGRATED MANAGEMENT

Corso di laurea MANAGEMENT ENGINEERING - INGEGNERIA GESTIONALE

Settore Scientifico Disciplinare ING-IND/35

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 104.0 Ore Studio individuale: 196.0

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 02/03/2015 al 06/06/2015)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

BUSINESS INTEGRATED MANAGEMENT (ING-IND/35)
BUSINESS INTEGRATED MANAGEMENT

Corso di laurea MANAGEMENT ENGINEERING - INGEGNERIA GESTIONALE

Settore Scientifico Disciplinare ING-IND/35

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 104.0 Ore Studio individuale: 196.0

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno accademico di erogazione 2013/2014

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 03/03/2014 al 31/05/2014)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

BUSINESS INTEGRATED MANAGEMENT (ING-IND/35)

Pubblicazioni

Temi di ricerca

Il settore e-Business Management creato ex-novo durante la fase di sperimentazione della Scuola Superiore ISUFI, avviata nel Novembre 1999 ha un identità scientifica fondata sull’integrazione di discipline afferenti alle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione, con discipline proprie del Business Management. Il capitale intellettuale consolidato dal Settore e-Business Management è rappresentato ad oggi da tre divisioni di ricerca, operanti sui corrispondenti filoni di ricerca interdisciplinare:

  • Open Networked Business Management;
  • Learning, Innovation and Value Network;
  • Collaborative Product Design Management.

Angelo Corallo ha svolto un ruolo determinante nella definizione del filone di ricerca Collaborative Product Design Management e nella creazione, nella crescita e nel consolidamento su base interdisciplinare della corrispondente divisione di ricerca. Il filone di ricerca Collaborative Product Design Management si focalizza, in una prospettiva di respiro internazionale ed interdisciplinare, sui processi di collaborazione fra attori organizzativi, con un approccio scientifico basato su una percezione della tecnologia e dell’organizzazione come variabili correlate ed in continua coevoluzione.
Il concetto della collaborazione, viene affrontato nell’ambito del filone di ricerca secondo due differenti prospettive, fra loro strettamente correlate:

- la prospettiva della collaborazione fra imprese nell’ambito di distretti e filiere industriali che genera:

  • il tema degli Ecosistemi Digitali di Business che include gli ecosistemi di business, i business network, gli ecosistemi digitali di business nonché le tecnologie e le metodologie a supporto della costruzione di ecosistemi digitali di business;
  • il tema della Internetworked Enterprise che include lo studio, la progettazione e lo sviluppo di tecnologie, metodologie, strumenti e linguaggi a supporto della Internetworked Enterprise e dei processi di transizione delle imprese tradizionali e dei cluster di imprese verso modelli di e-business;

Questi due temi di ricerca sono affrontati in numerosi progetti di ricerca nazionali ed europei fra cui i più significativi sono:

  • progetti nazionali: Teschet, Mais, Discorso, Tekne;
  • progetti Europei: DBE, OPAALS;

Nell’ambito dei progetti in elenco, svolti in collaborazione con partner industriali quali: London School of Economics, Tampere Technology Center, Imperial College London, Università Federico II, Politecnico di Milano, Engineering I.I., Telecom Italia, ST Microelectronics, IBM, Sun Microsystems, INTEL Ireland, Angelo Corallo ha svolto e svolge ruoli di coordinamento tecnico e scientifico. Nell’ambito delle attività di ricerca OMG e con la piattaforma tecnologica NESSI.

- la prospettiva della collaborazione fra knowledge worker nel contesto di imprese e di comunità impegnate in attività knowledge intensive che genera:

  • il tema dei Collaborative Working Environment che include tutti gli strumenti, le metodologie ed i linguaggi di collaborazione che permettono ad una comunità di knowledge worker di collaborare, nonché i linguaggi, le tecniche e gli strumenti per il Knowledge Modelling e l’Ontology Engineering abilitanti applicazioni prototipali ispirate alla logica del Semantic Web.
  • il tema della gestione della conoscenza in ambienti complessi con particolare riferimento al Knowledge based Engineering ed al Product Lifecycle Management che rappresentano strumenti metodologici indispensabili nel processo di trasformazione verso paradigmi di value network e di Internetworked Enterprise che sta caratterizzando l’evoluzione di settori industriali complessi quali l’aeronautico e l’automotive.

Questi due temi di ricerca sono affrontati in numerosi progetti di ricerca nazionali ed europei fra cui i più significativi sono:

  • progetti nazionali: Knowledge Hub, VISPO, KIWI, X@Work, X-Net.Lab,
  • progetti Europei: Secure SCM, CRESCENDO.

Nell’ambito dei progetti in elenco, svolti in collaborazione con partner accademici ed industriali quali: Università degli Studi di Milano, Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, Engineering, Avio, Alenia, SAP, Airbus e Rolls Royce, Angelo Corallo ha svolto e svolge ruoli di coordinamento tecnico e scientifico.
 

Risorse correlate

Collegamenti

Core Lab (Apre una nuova finestra)