Vincenzo TURCHI

Vincenzo TURCHI

Professore II Fascia (Associato)

Settore Scientifico Disciplinare IUS/11: DIRITTO CANONICO E DIRITTO ECCLESIASTICO.

Dipartimento di Scienze Giuridiche

Centro Ecotekne Pal. R1 - Via per Arnesano - MONTERONI DI LECCE (LE)

Ufficio, Piano terra

Telefono +39 0832 29 845

Area di competenza:

Diritto canonico e Diritto comparato delle religioni

Orario di ricevimento

Mercoledì ore 9,30-11,30 -  Ecotekne - Palazzina R1 - Piano 1°

Recapiti aggiuntivi

Complesso Ecotekne - Palazzina R1 - Piano 1° vincenzo.turchi@unisalento.it

Visualizza QR Code Scarica la Visit Card

Curriculum Vitae

Vincenzo Turchi.

Laureato in Giurisprudenza nel 1984, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Bologna, punteggio 110/110 e lode. Dottore di Ricerca in Discipline canonistiche nel 1990, presso l’Università di Pavia. Specializzato in Diritto ecclesiastico e canonico nel 1994, presso l'Università “Federico II” di Napoli, punteggio 50/50 e lode.
Borsista del Centro Universitario Cattolico della Conferenza Episcopale Italiana, negli anni accademici 1990/91 e 1991/92; borsista, per attività di ricerca post-dottorato, presso la Libera Università “Maria SS. Assunta” di Roma, 1991/92. “Cultore della materia” (Diritto ecclesiastico) presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Bologna dal 1985 al 1991. Ricercatore universitario presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Torino dal 23 settembre 1992 al 31 ottobre 2006. Titolare, per affidamento, del corso di Diritto canonico nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università del Piemonte Orientale «Amedeo Avogadro», sede di Alessandria, dall’anno accademico 1999/2000 all’anno accademico 2005/2006. Dal 1° novembre 2006 (confermato il 1° novembre 2009), è professore associato presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università del Salento, titolare del corso di Diritto ecclesiastico dall’anno accademico 2009/2011 all'anno 2016/2017, del corso di Diritto canonico dall’anno accademico 2011/2012 ad oggi., e del corso di Diritto comparato dele religioni dall'anno accademico 2018/2019 ad oggi. Ha insegnato “Storia delle istituzioni ecclesiastiche”, presso il Corso biennale di Alta Specializzazione in Scienze Religiose dell’Istituto Superiore in Scienze Religiose “Italo Mancini” dell’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”, dall’anno accademico 2013/2014 all’anno 2016/2017, dall'anno 2018/2019 ad oggi.
Ha fatto parte del Collegio dei Docenti del Dottorato di Ricerca in Discipline canonistiche ed ecclesiasticistiche, dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, dall’anno accademico 2003/2004 all’anno 2006/2007. Dall’anno accademico 2007/2008 all’anno 2009/2010 ha fatto parte del Collegio dei Docenti del Dottorato di Ricerca in “Diritto romano e tradizione romanistica: fondamenti del diritto europeo”, istituito presso l’Università “Federico II” di Napoli. Dall’anno accademico 2010/2011 al mese di giugno 2014 ha fatto parte del Collegio dei Docenti del Dottorato di Ricerca in “Forme di evoluzione del diritto”, del Dipartimento di Studi Giuridici dell’Università del Salento. Dal mese di giugno 2014 ad oggi è membro del Collegio dei Docenti del Dottorato di Ricerca in “Diritto dei beni privati, pubblici e comuni. Tradizione e innovazione nei modelli di appartenenza e di fruizione”, del Dipartimento di Scienze Giuridiche dell'Università del Salento.
È membro della “Consociatio internationalis studio iuris canonici promovendo”, dell’“International Consortium for Law and Religion Studies”, dell’ ADEC (Associazione dei Docenti universitari della disciplina giuridica del fenomeno religioso), dell’Associazione Canonistica Italiana, dell’Unione Giuristi Cattolici Italiani. Iscritto nell’Albo degli Avvocati dell’Ordine forense di Forlì-Cesena, Elenco speciale dei Docenti universitari che hanno optato per l’impiego a tempo pieno.
Il suo volume I nuovi volti di Antigone. Le obiezioni di coscienza nell’esperienza giuridica contemporanea, con Prólogo di Rafael Navarro Valls, pubblicato nella Collana della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università del Salento, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 2009, pp. XVII, 202, ha ottenuto il premio I Libri dell’anno nella Scienza Giuridica – 2009, conferito dal “Club dei giuristi”, presieduto dal Prof. Pietro Rescigno.
Ha ottenuto l’Abilitazione Scientifica Nazionale alla docenza di prima fascia, all’unanimità della Commissione giudicatrice, Bando 2012, SSC 12/C2, , e successivamente, all’unanimità della Commissione giudicatrice,  Bando 2016, SSC 12/C2.
È stato relatore in Convegni e Congressi nazionali ed internazionali.

 

 

DIRITTO CANONICO

IUS/11

8 crediti

corso con esame

Laurea Magistrale

Anno II

Argomenti trattati:

Parte generale

Il corso si propone di fornire una presentazione dell’ordinamento giuridico della Chiesa cattolica. In particolare verranno esaminate le peculiarità del diritto canonico e del suo studio; la formazione storica ed i principi costituzionali dell’ordinamento canonico; la sua organizzazione attuale; i diritti dei fedeli; le fonti; le sanzioni. Saranno altresì evidenziati comparativamente i momenti di analogia e di differenziazione rispetto agli ordinamenti civili.

Parte speciale

È dedicata ad un esame approfondito del matrimonio canonico: gli elementi costitutivi e le proprietà essenziali; l’amore coniugale; la formazione del vincolo matrimoniale; il matrimonio come atto e come rapporto; gli impedimenti e i vizi del consenso; i requisiti di forma; i casi di scioglimento del vincolo e di separazione coniugale; la convalidazione del matrimonio; il processo di nullità matrimoniale. Delle problematiche esaminate sarà indagata in particolare l’attuazione giurisprudenziale.

Modalità di valutazione:

esame orale.

Testi consigliati:

G. Feliciani, Le basi del diritto canonico, Bologna, Il Mulino, 2002;

P. Moneta, Il matrimonio nel diritto della Chiesa, Bologna, il Mulino, 2014.

Si consiglia l’uso del Codice di diritto canonico.

Modalità di valutazione:

esame orale.

Calendario delle lezioni:

Il corso si svolgerà nel primo semestre.

 

DIRITTO COMPARATO DELLE RELIGIONI

IUS/11

(8 crediti

corso con esame

Laurea Magistrale

Anno III

Argomenti trattati:

 

Parte generale. Società multiculturali ed incidenza dei diritti religiosi. Formanti normativi e diritti religiosi. Diritti religiosi e diritti secolari. Comparazione tra sistemi giuridici e diritti religiosi. Cristianesimo, ebraismo, islam e induismo.

Parte speciale. Il matrimonio nei diritti religiosi: analisi e comparazione.

Testi adottati:

S. Ferrari, a cura di, Introduzione al diritto comparato delle religioni. Ebraismo, islam e induismo, Bologna, Il Mulino, 2008.

Per approfondimenti attinenti alla Parte speciale:

S. Ferrari, a cura di, Il matrimonio: diritto ebraico, canonico e islamico, un commento alle fonti, Torino, Giappichelli, 2008.

Modalità di valutazione:

esame orale.

Calendario delle lezioni:

Il corso si svolgerà nel primo semestre.

 

Scarica curriculum vitae

Didattica

A.A. 2019/2020

MIGRAZIONI E TUTELA DELLE IDENTITA' RELIGIOSE

Corso di laurea GOVERNANCE EURO-MEDITERRANEA DELLE POLITICHE MIGRATORIE

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 30.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO

Sede Lecce - Università degli Studi

A.A. 2018/2019

DIRITTO CANONICO

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Lingua ITALIANO

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE

Percorso PERCORSO COMUNE

DIRITTO COMPARATO DELLE RELIGIONI

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Lingua ITALIANO

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE

Percorso CLASSICO

Sede Lecce - Università degli Studi

A.A. 2016/2017

DIRITTO CANONICO

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5 Ore Studio individuale: 157.5

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE

Percorso PERCORSO COMUNE

Partizione (A - L)

DIRITTO ECCLESIASTICO

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5 Ore Studio individuale: 157.5

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

A.A. 2015/2016

DIRITTO CANONICO

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5 Ore Studio individuale: 157.5

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE

Percorso PERCORSO COMUNE

Partizione (A - L)

DIRITTO ECCLESIASTICO

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5 Ore Studio individuale: 157.5

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

A.A. 2014/2015

DIRITTO CANONICO

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5 Ore Studio individuale: 157.5

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE

Percorso PERCORSO COMUNE

Partizione (A - L)

DIRITTO ECCLESIASTICO

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5 Ore Studio individuale: 157.5

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

Torna all'elenco
MIGRAZIONI E TUTELA DELLE IDENTITA' RELIGIOSE

Corso di laurea GOVERNANCE EURO-MEDITERRANEA DELLE POLITICHE MIGRATORIE

Settore Scientifico Disciplinare IUS/11

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 30.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 16/09/2019 al 06/12/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

MIGRAZIONI E TUTELA DELLE IDENTITA' RELIGIOSE (IUS/11)
DIRITTO CANONICO

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Settore Scientifico Disciplinare IUS/11

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 17/09/2018 al 07/12/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Cultura generale di base, specialmente storica. Nozioni fondamentali di diritto privato e pubblico.

Non sono previste propedeuticità. Tuttavia, è consigliato sostenere prima gli esami di Diritto costituzionale, di Istituzioni di diritto privato, di Storia del diritto medievale e moderno, Storia del diritto moderno e contemporaneo.

Presentazione dell’ordinamento canonico e delle sue caratteristiche fondamentali lungo il suo sviluppo storico e nella configurazione attuale. Le fonti, storiche, di cognizione e di produzione; i diritti e i doveri dei fedeli; l'organizzazione e i principi fondamentali dell'ordinamento; diritto universale e diritto particolare; le sanzioni. Particolare approfondimento delle problematiche attinenti al matrimonio canonico. Studio della giuridicità in una dimensione extrastatuale. Sviluppo della metodologia comparativistica. Approfondimento del rapporto teologia- etica-diritto.

Conoscenza e comprensione. Lo studio del diritto canonico conduce il futuro giurista a una migliore conoscenza del fenomeno giuridico, alla comprensione dei principi e concetti giuridici cardine della materia, nonché della comparazione e della teoria generale del diritto.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione. Si mira a favorire l’acquisizione, da parte del futuro giurista, dei profili applicativi della materia, in connessione con un consapevole uso degli strumenti critici tipici della disciplina. Una parte del corso è rivolta ad approfondire problematiche concernenti il diritto matrimoniale canonico. In tal modo lo studente acquisirà la capacità di affrontare e risolvere problemi, anche su tematiche nuove, con particolare riguardo alla recente riforma del processo matrimoniale canonico.

Autonomia di giudizio. Attraverso lo studio del diritto canonico il futuro giurista può acquisire flessibilità, iniziativa, attitudine al problem solving, capacità di analisi di documenti complessi e di valutazione di soluzioni anche in vista della loro applicazione. L’autonomia di giudizio si persegue sia attraverso l’analisi e la lettura di fonti storiche, che attraverso un percorso mirato ad approfondire la giurisprudenza dei Tribunali ecclesiastici.

Abilità comunicative. Il futuro giurista apprende attraverso il corso a comunicare informazioni, idee, problemi e soluzioni inerenti al diritto canonico. Le capacità comunicative saranno stimolate attraverso il coinvolgimento degli studenti durante le lezioni frontali.

Capacità di apprendimento. Attraverso lo studio del diritto canonico, il futuro giurista approfondisce la comprensione di regole e istituti, nonché delle intime connessioni fra gli stessi e dei problemi tuttora aperti in seno alla disciplina. Su tale base lo studente acquisirà competenze e capacità critiche idonee a garantirgli l’accesso a ulteriori approfondimenti teorico-pratici.

Oltre alle lezioni frontali tradizionali, sono previste lezioni magistrali e seminari tenuti da studiosi nazionali ed internazionali su invito del docente, nonché seminari ed esercitazioni, che consentiranno agli studenti frequentanti un più specifico approfondimento dei temi trattati nel corso, l’accesso a metodologie didattiche e a prospettive d’indagine differenti, e la crescita di capacità di apprendimento, autonomia di giudizio, abilità applicative e comunicative. Saranno illustrati i principali strumenti informatici e su rete disponibili nell'ambito della materia.

L’esame si svolge in forma orale. Nel corso dell’anno potranno essere effettuate delle verifiche intermedie, al mero scopo di agevolare la preparazione dell’esame.

L’esame orale si propone di verificare il grado di apprendimento di concetti, principi ed istituti, il livello di acquisizione della metodologia della materia, e di valutare l’esposizione - con spirito critico e non meramente mnemonico - dei contenuti.

Conoscenza e comprensione e la relativa capacità di applicarle saranno accertate attraverso uno o più quesiti relativi ai concetti basilari della materia. L’autonomia di giudizio sarà verificata attraverso uno o più quesiti volti ad accertare l’attitudine ad applicare le nozioni apprese a problemi specifici scaturenti dalla disciplina. Le capacità comunicative saranno testate nel corso dell’intero esame orale. Una volta documentata la conoscenza e comprensione degli aspetti basilari della materia, la capacità di apprendimento verrà verificata in particolare attraverso uno o più quesiti ‘avanzati’ che documentino l’attitudine dello studente a porre in relazione argomenti più complessi con i ‘fondamentali’ della disciplina

Il giudizio finale è il risultato del confronto tra gli esaminatori, sulla base degli criteri sopra esposti.

Esame previsto al II anno del corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza. 8 CFU. Primo Semestre.

Parte generale

Il corso si propone di fornire una presentazione dell’ordinamento giuridico della Chiesa cattolica. In particolare verrà esaminato il rapporto teologia-etica-diritto; le peculiarità del diritto canonico e del suo studio; la formazione storica ed i principi costituzionali dell’ordinamento canonico; la sua organizzazione attuale; le fonti storiche e di produzione giuridica; i doveri e i diritti dei fedeli; primato pontificio e collegialità episcopale; i chierici; i fedeli laici; le forme di vita consacrata; le associazioni e i movimenti; le sanzioni. Saranno altresì evidenziati comparativamente i momenti di analogia e di differenziazione rispetto agli ordinamenti civili.

Parte speciale

È dedicata ad un esame approfondito del matrimonio canonico: gli elementi costitutivi e le proprietà essenziali; l’amore coniugale; la formazione del vincolo matrimoniale; il matrimonio come atto e come rapporto; gli impedimenti e i vizi del consenso; i requisiti di forma; i casi di scioglimento del vincolo e di separazione coniugale; la convalidazione del matrimonio; il processo di nullità matrimoniale. Delle problematiche esaminate sarà indagata in particolare l’attuazione giurisprudenziale.

G. Feliciani, Le basi del diritto canonico, Bologna, Il Mulino, 2002;

P. Moneta, Il matrimonio nel diritto della Chiesa, Bologna, Il Mulino, 2014.

DIRITTO CANONICO (IUS/11)
DIRITTO COMPARATO DELLE RELIGIONI

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Settore Scientifico Disciplinare IUS/11

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 17/09/2018 al 07/12/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso CLASSICO (031)

Sede Lecce - Università degli Studi

Cultura generale di base. Nozioni fondamentali di diritto privato e pubblico, in particolare comparato..

Pur non essendo previste propedeuticità, si consiglia - anche in considerazione del fatto che l'esame è collocato al 3° anno - di sostenere prima gli esami di Diritto costituzionele, Istituzioni di diritto privato, Diritto pubblico comparato, Diritto privato comparato, Sistemi giuridici comparati.

Società multiculturali ed incidenza dei diritti religiosi. Formanti normativi e diritti religiosi. Diritti religiosi e diritti secolari. Comparazione tra sistemi giuridici e diritti religiosi. Cristianesimo, ebraismo, islam, buddismo e induismo. Il matrimonio nei diritti religiosi menzionati: analisi e comparazione.

Conoscenza e comprensione. Lo studio del diritto comparato delle religioni conduce il futuro giurista a una migliore conoscenza del fenomeno giuridico e alla comprensione dei principi e dei concetti giuridici fondamentali, nonché all’acquisizione di una strumentazione di primaria importanza ai fini della comparazione e della teoria generale del diritto.

Capacità di  applicare  conoscenze  e comprensione. Si mira a favorire l’acquisizione, da parte del futuro giurista, dei profili applicativi della materia, in connessione con un consapevole uso degli strumenti critici tipici della disciplina. In tal modo lo studente acquisirà la capacità di affrontare e risolvere problemi anche su tematiche nuove.

Autonomia di giudizio. Attraverso lo studio del diritto comparato delle religioni, il futuro giurista può acquisire flessibilità, iniziativa, attitudine alla comparazione, capacità di valutazione di soluzioni anche in vista della loro applicazione. L’autonomia di giudizio si persegue attraverso l’analisi critica dei sistemi normativi prodotti dalle religioni e, successivamente, attraverso la loro comparazione.

Abilità comunicative. Il futuro giurista apprende, attraverso il corso, a comunicare informazioni, idee, problemi e soluzioni inerenti al diritto comparato delle religioni. Le capacità comunicative saranno stimolate attraverso il coinvolgimento degli studenti durante le lezioni frontali.

Capacità di apprendimento. Oltre alle lezioni frontali tradizionali, sono previste lezioni magistrali e seminari tenuti da studiosi nazionali ed internazionali su invito del docente, nonché seminari ed esercitazioni, che consentiranno agli studenti frequentanti un più specifico approfondimento dei temi trattati nel corso, l’accesso a metodologie didattiche e a prospettive d’indagine differenti, e la crescita di capacità di apprendimento, autonomia di giudizio, abilità applicative e comunicative, tenendo conto anche degli strumenti informatici e su rete disponibili nella materia.

Oltre alle lezioni frontali 'classiche', sono previste lezioni magistrali e seminari tenuti da studiosi nazionali ed internazionali su invito del docente, nonché seminari ed esercitazioni, con eventuale invito di esponenti delle confessioni religiose, che consentiranno agli studenti frequentanti un più specifico approfondimento dei temi trattati nel corso, l’accesso a metodologie didattiche e a prospettive d’indagine differenti, e la crescita di capacità di apprendimento, autonomia di giudizio, abilità applicative e comunicative.

 

L’esame si svolge in forma orale.Esso si propone di verificare e valutare il grado di apprendimento di concetti, principi ed istituti, il livello di acquisizione della metodologia della materia, l’esposizione - con spirito critico e non meramente mnemonico - dei contenuti.

Nel corso dell’anno potranno essere effettuate delle verifiche intermedie, al mero scopo di agevolare la preparazione dell’esame.

Conoscenza e comprensione e la relativa capacità di applicarle saranno accertate attraverso uno o più quesiti relativi ai concetti basilari della materia. L’autonomia di giudizio sarà verificata attraverso uno o più quesiti volti ad accertare l’attitudine ad applicare le nozioni apprese a problemi specifici scaturenti dalla disciplina. Le capacità comunicative saranno testate nel corso dell’intero esame orale. Una volta documentata la conoscenza e comprensione degli aspetti basilari della materia, la capacità di apprendimento verrà verificata in particolare attraverso uno o più quesiti ‘avanzati’ che documentino l’attitudine dello studente a porre in relazione argomenti più complessi con i ‘fondamentali’ della disciplina.

Il giudizio finale è il risultato del confronto tra gli esaminatori, sulla base degli criteri sopra esposti.

Esame previsto al III anno del corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza. 8 CFU. Primo Semestre.

Parte generale.

Studio della giuridicità in una dimensione extrastatuale, in particolare riferimento ai diritti delle confessioni cristiana, ebraica, islamica, buddista ed induista.. Sviluppo della metodologia comparativistica.

Società multiculturali ed incidenza dei diritti religiosi. Formanti normativi e diritti religiosi. Diritti religiosi e diritti secolari. Comparazione tra sistemi giuridici e diritti religiosi.

Parte speciale.

Il matrimonio nei diritti religiosi sopra menzionati: analisi e comparazione.

S. Ferrari, a cura di, Introduzione al diritto comparato delle religioni. Ebraismo, islam e induismo, Bologna, Il Mulino, 2008.

Per approfondimenti attinenti alla Parte speciale (facoltativo): S. Ferrari, a cura di, Il matrimonio : diritto ebraico, canonico e islamico, un commento alle fonti, Torino, Giappichelli, 2008.

DIRITTO COMPARATO DELLE RELIGIONI (IUS/11)
DIRITTO CANONICO

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Settore Scientifico Disciplinare IUS/11

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5 Ore Studio individuale: 157.5

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 19/09/2016 al 09/12/2016)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

DIRITTO CANONICO (IUS/11)
DIRITTO CANONICO

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Settore Scientifico Disciplinare

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5 Ore Studio individuale: 157.5

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 19/09/2016 al 09/12/2016)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

DIRITTO CANONICO
DIRITTO ECCLESIASTICO

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Settore Scientifico Disciplinare IUS/11

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5 Ore Studio individuale: 157.5

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 19/09/2016 al 09/12/2016)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

DIRITTO ECCLESIASTICO (IUS/11)
DIRITTO CANONICO

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Settore Scientifico Disciplinare

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5 Ore Studio individuale: 157.5

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 21/09/2015 al 04/12/2015)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

DIRITTO CANONICO
DIRITTO CANONICO

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Settore Scientifico Disciplinare IUS/11

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5 Ore Studio individuale: 157.5

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 21/09/2015 al 04/12/2015)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

DIRITTO CANONICO (IUS/11)
DIRITTO ECCLESIASTICO

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Settore Scientifico Disciplinare IUS/11

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5 Ore Studio individuale: 157.5

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 21/09/2015 al 04/12/2015)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

DIRITTO ECCLESIASTICO (IUS/11)
DIRITTO CANONICO

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Settore Scientifico Disciplinare

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5 Ore Studio individuale: 157.5

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 22/09/2014 al 05/12/2014)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

DIRITTO CANONICO
DIRITTO CANONICO

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Settore Scientifico Disciplinare IUS/11

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5 Ore Studio individuale: 157.5

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 22/09/2014 al 05/12/2014)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

DIRITTO CANONICO (IUS/11)
DIRITTO ECCLESIASTICO

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Settore Scientifico Disciplinare IUS/11

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5 Ore Studio individuale: 157.5

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 22/09/2014 al 05/12/2014)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

DIRITTO ECCLESIASTICO (IUS/11)

Pubblicazioni

Elenco delle principali Pubblicazioni

Scarica pubblicazioni

Temi di ricerca

 

Diritto canonico: il processo di codificazione; il matrimonio; Il processo canonico di nullità matrimoniale.

Diritto ecclesiastico: le obiezioni di coscienza; l’assistenza spirituale; temi di bioetica; il matrimonio.

Diritto comparato delle religioni: l'appartenenza confessionale: modelli a confronto; autonomia ed autodeterminazione nei diritti confessionali e nei diritti secolari.

 

Risorse correlate

Documenti