Terri MANNARINI

Terri MANNARINI

Professore II Fascia (Associato)

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05: PSICOLOGIA SOCIALE.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull`uomo

Studium 2000 - edificio 5 - Via di Valesio, 24 - LECCE (LE)

Ufficio, Piano terra

Telefono +39 0832 29 4870

Professore Associato di Psicologia Sociale - Associate Professor of Social Psychology

Area di competenza:
  • Psicologia sociale - Social psychology 
  • Psicologia di comunità - Community psychology 
  • Psicologia politica - Political Psychology
     
Orario di ricevimento

Durante il I semestre 2018-19 (ottobre-dicembre 2018): il martedì ore 11.00-12.00.

Gli studenti sono pregati di consultare la sezione 'Notizie' per accertarsi di eventuali variazioni.

Recapiti aggiuntivi

terrimannarini@hotmail.com

Visualizza QR Code Scarica la Visit Card

Curriculum Vitae

Terri Mannarini is Associate Professor of Social Psychology at the University of Salento, Lecce, Italy.

On December 2013 she obtained the Italian National Licence for Full Professor of Social Psychology.
From 2012 to 2015 se has been appointed Coordinator of both the undergraduate and postgraduate Psychology programs at the University of Salento, and in 2016 was appointed Coordinator of the Ph.D Program in Human and Social Sciences at the same university.

In 2007-08 she spent 5 months as a Visiting Researcher at the Psychology Department of University of Maryland, Baltimore Country, USA

She is Editor-in-chief of the international journal 'Community Psychology in Global Perspective' and member of the Editorial Board of the American Journal of Community Psychology.

She is co-editor, along with Sergio Salvatore, Jaan Valsiner e Giuseppe Veltri, of the series "Culture in Policy Making: The Symbolic Universes of Social Action" for Springer International Publishing.

She is currently member of the Board of the European Community Psychology Association (ECPA) and of the Board of the Italian Community Psychology Society (SIPCO).

She is also affiiated to Society for Community Research and Action (SCRA, APA Division 27) and to the Italian Psychology Association (AIP). She serves as peer reviewer in many international journals (including Applied Psychology, Applied Research in Quality of Life, British Journal of Social Psychology, Current Psychology, Environment & Behavior, Environment and Planning, Group Processes & Intergroup Relations, Journal of Applied Social Psychology; Journal of Community and Applied Social Psychology).

Her research interests focus on the analysis of a variety of psychosocial processes in the social and the political domains, specifically those related to protest movements, governance, public decision-making processes, active citizenship, community engagement and community development, intercultural relations, migration and acculturation processes. Her research is based on a social and community psychology background, yet with a strong interdisciplinary approach resulting from the integration of social psychology with social and political sciences.

In the last ten years she has participated in national (PRIN 2009-2001 “The quality of deliberation) and international projects (Horizon2020). Currently she is Research Coordinator for University of Salento in the European Horizon2020 three-year project (2015-2018) Re.Cri.Re. “Between the representation of the crisis and the crisis of representation. How crisis changed the symbolic background of European societies and identities. Implication for policies and policy making”.

Up to 2017, she has published 114 works, including research articles, monographs and chapters in edited books; 25 are listed in Scopus, and 38 have been included in international journals issues or international books.


 

 

 

 

 

Didattica

A.A. 2018/2019

LABORATORIO DI TECNICHE DI ASSESSMENT PSICOSOCIALE

Corso di laurea SCIENZA E TECNICHE PSICOLOGICHE

Lingua ITALIANO

Crediti 2.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 20.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

Laboratorio di teorie e tecniche dell'osservazione in ambito educativo

Corso di laurea METODOLOGIA DELL'INTERVENTO PSICOLOGICO

Lingua ITALIANO

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

Laboratorio - Diversity management nelle organizzazioni

Corso di laurea METODOLOGIA DELL'INTERVENTO PSICOLOGICO

Lingua ITALIANO

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

MODELLI E METODI PSICOSOCIALI DI INTERVENTO

Corso di laurea PROGETTAZIONE E GESTIONE DELLE POLITICHE E DEI SERVIZI SOCIALI

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO

MODELLI E METODI PSICOSOCIALI DI INTERVENTO

Corso di laurea METODOLOGIA DELL'INTERVENTO PSICOLOGICO

Lingua ITALIANO

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea SERVIZIO SOCIALE

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 45.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO

PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea SCIENZA E TECNICHE PSICOLOGICHE

Lingua ITALIANO

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea SOCIOLOGIA

Lingua ITALIANO

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PROFESSIONALE

PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea SOCIOLOGIA

Lingua ITALIANO

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso CRIMINE E DEVIANZA

A.A. 2017/2018

MODELLI E METODI PSICOSOCIALI DI INTERVENTO

Corso di laurea METODOLOGIA DELL'INTERVENTO PSICOLOGICO

Lingua ITALIANO

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

MODELLI E METODI PSICOSOCIALI DI INTERVENTO

Corso di laurea PROGETTAZIONE E GESTIONE DELLE POLITICHE E DEI SERVIZI SOCIALI

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO

PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea SCIENZA E TECNICHE PSICOLOGICHE

Lingua ITALIANO

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea EDUCATORE SOCIO-CULTURALE

Lingua ITALIANO

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea SOCIOLOGIA

Lingua ITALIANO

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso CRIMINE E DEVIANZA

PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea SOCIOLOGIA

Lingua ITALIANO

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PROFESSIONALE

A.A. 2016/2017

MODELLI E METODI PSICOSOCIALI DI INTERVENTO

Corso di laurea METODOLOGIA DELL'INTERVENTO PSICOLOGICO

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 240.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea SOCIOLOGIA

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 140.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso CRIMINE E DEVIANZA

PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea SCIENZA E TECNICHE PSICOLOGICHE

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 240.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

A.A. 2015/2016

MODELLI E METODI PER LA RICERCA E L'INTERVENTO NEI SETTING DI COMUNITA'

Corso di laurea METODOLOGIA DELL'INTERVENTO PSICOLOGICO

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 240.0

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

MODELLI E METODI PER LA RICERCA E L'INTERVENTO NEI SETTING DI COMUNITA'

Corso di laurea PROGETTAZIONE E GESTIONE DELLE POLITICHE E DEI SERVIZI SOCIALI

Crediti 10.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 75.0 Ore Studio individuale: 175.0

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO

Sede Lecce - Università degli Studi

PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea SCIENZA E TECNICHE PSICOLOGICHE

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 240.0

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

A.A. 2014/2015

MODELLI E METODI PER LA RICERCA E L'INTERVENTO NEI SETTING DI COMUNITA'

Corso di laurea METODOLOGIA DELL'INTERVENTO PSICOLOGICO

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 240.0

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

PSICOLOGIA SOCIALE E DI COMUNITA'

Corso di laurea SCIENZA E TECNICHE PSICOLOGICHE

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 240.0

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

A.A. 2013/2014

MODELLI E METODI PER LA RICERCA E L'INTERVENTO NEI SETTING DI COMUNITA'

Corso di laurea METODOLOGIA DELL'INTERVENTO PSICOLOGICO

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 240.0

Anno accademico di erogazione 2013/2014

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

Torna all'elenco
LABORATORIO DI TECNICHE DI ASSESSMENT PSICOSOCIALE

Corso di laurea SCIENZA E TECNICHE PSICOLOGICHE

Settore Scientifico Disciplinare NN

Crediti 2.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 20.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 2

Semestre Secondo Semestre (dal 04/03/2019 al 31/05/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

Il laboratorio si focalizza su due strumenti per la valutazione psicosociale dei gruppi, l’Interaction Process Analysis di Robert Bales e le tecniche sociometriche di Jacob Moreno. Oltre alla presentazione dei fondamenti teorici alla base di tali strumenti, il laboratorio si comporrà principalmente di esercitazioni pratiche volte a far acquisire agli studenti la capacità di utilizzo di queste due tecniche di assessment.

Gli studenti acquisiranno:

  • un set di conoscenze relative ad alcune delle tecniche più note di assessment psicosociale dei gruppi;
  • le competenze di base per utilizzare gli strumenti proposti (IPA e test sociometrico) ai fini dell’analisi, della valutazione e dell’intervento nei setting gruppali;
  • le competenze tecniche di base necessarie ad analizzare i dati raccolti, anche attraverso l’uso di software specifici;
  • le capacità di comunicare e restituire i risultati dell’analisi ad interlocutori specializzati e non specializzati.

Didattica frontale (in minima parte), esercitazioni pratiche in aula e sul campo.

L’esame consiste in una relazione scritta individuale (utilizzando un format ad hoc che sarà reso disponibile), attraverso cui gli studenti dovranno dimostrare di aver compreso i principi teorici, metodologici e applicativi delle tecniche di assessment oggetto del laboratorio, nonché dimostrare una buona capacità di analisi critica.

Agli studenti frequentanti, sarà chiesto di stendere la relazione alla conclusione del laboratorio. Gli studenti non frequentanti avranno cura di contattare la docente almeno dieci giorni prima della data dell’appello a cui si sono prenotati per ricevere il format e le istruzioni e i tempi per la consegna della relazione.

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL.

Il laboratorio si apre con un’introduzione dei concetti e dei modelli sottesi alla costruzione dell’IPA di Bales e del test sociometrico di Moreno. Saranno quindi presentati e discussi, attraverso l’alternanza di esercitazioni partiche guidate e di momenti riflessivi, i due strumenti e le loro caratteristiche, i criteri per la loro applicazione e i criteri per l’analisi e l’interpretazione dei dati raccolti.

Reffieuna, A. (2008). Le relazioni sociali in classe: il test sociometrico. Roma: Carocci.

Materiali scaricabili:

Prospettive e potenzialità del sociogramma nel gruppo-classe

http://www.edscuola.it/archivio/psicologia/sociogramma.htm

Tecniche di osservazione sistematica dei processi di gruppo: attendibilità e validità della Interaction Process Analysis (IPA) e della SYstematic Multiple Level Observation of Groups (SYMLOG)

http://siba-ese.unisalento.it/index.php/psychofenia/article/view/i17201632vIVn6p79

IPA. Griglie di osservazione e manuale di codifica

http://dip38.psi.uniroma1.it/servizi/dppss2012/sites/default/files/ipa_manuale_di_codifica_e_griglie_di_osservazione.pdf

 

LABORATORIO DI TECNICHE DI ASSESSMENT PSICOSOCIALE (NN)
Laboratorio di teorie e tecniche dell'osservazione in ambito educativo

Corso di laurea METODOLOGIA DELL'INTERVENTO PSICOLOGICO

Settore Scientifico Disciplinare NN

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 04/03/2019 al 31/05/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Allievi in formazione per le professioni di aiuto (psicologi, medici, assistenti sociali, insegnanti)

Gli oggetti di apprendimento, attraverso la costruzione di esperienze partecipate sia dal singolo che in gruppo, sono funzionali a far emergere le proprie epistemologie interpretative, sia formali che informali, al fine di utilizzare in maniera intenzionale e consapevole le molteplici tecniche di osservazione.

L’osservazione non deve essere concepita come uno strumento neutro e neutrale, ma sostanzialmente è un processo interpretativo: osservare un oggetto, un evento, un fenomeno significa osservare l’incontro tra un osservatore, concepito come struttura complessa e un oggetto, evento, fenomeno che hanno di per sé connotati di complessità. Strumento indispensabile per il conseguimento di tale acquisizione è la capacità di individuazione sia delle emozioni provate in situazioni di problem solving come potenti strumenti conoscitivi di sé e dell’altro, sia la capacità di riflessività su di sé e sul processo attivato. Inoltre rendere esplicite le conoscenze implicite consente di diventare consapevoli di quanto il senso comune e la propria storia possa ostacolare/favorire la capacità di osservare.

La logica del laboratorio è di imparare facendo, quindi non si può riflettere sull’osservazione se non si costruiscono esperienze di problem solving da risolvere o individualmente o in gruppo; inoltre solo riflettendo su cosa, come e perché si sono affrontate tali situazioni e su quali emozioni si sono provate è possibile appropriarsi di un metodo che consenta di utilizzare in maniera intenzionale e consapevole le diverse tecniche offerte dalle teorie formali che devono essere chiare. Il metodo è in sostanza basato su lezioni frontali partecipate attraverso il dialogo, le domande, il confronto e l’utilizzo della piattaforma non solo per usufruire dei materiali, ma soprattutto per consentire una continua possibilità di avere tempi adeguati per ciascuno e portare il proprio punto di vista per le discussioni di gruppo.

Gli studenti svolgono un compito scritto che pubblicano in piattaforma sulla base del quale si stabilisce l’idoneità raggiunta positivamente o meno.

Aureli, Perucchini, 2014, Osservare e valutare il comportamento del bambino, Bologna, Il Mulino

Laboratorio di teorie e tecniche dell'osservazione in ambito educativo (NN)
Laboratorio - Diversity management nelle organizzazioni

Corso di laurea METODOLOGIA DELL'INTERVENTO PSICOLOGICO

Settore Scientifico Disciplinare NN

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 01/10/2018 al 25/01/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Non sono previste propedeuticità.

La gestione delle diversità nelle organizzazioni prima di un processo è un approccio culturale orientato alla valorizzazione ed alla promozione delle risorse umane presenti in azienda per individuare il potenziale e utilizzarlo strategicamente, in linea con gli obiettivi organizzativi. Il DM (Diversity Management) si basa su una metodologia che riguarda lo studio della comunicazione e della gestione dei conflitti in ambito lavorativo, partendo da una conoscenza dell’ambiente professionale e dei fattori che caratterizzano la diversità: genere, etnia, cultura, orientamento religioso, età, diverse abilità, differenze culturali. 

Al termine del corso gli studenti saranno in grado di:

  • Comprendere il concetto di diversity management e le sue declinazioni nella psicologia organizzativa e nella gestione delle risorse umane
  • Analizzare gli scenari odierni in una prospettiva psicologica orientando l’attenzione sulla cultura della diversità nelle organizzazioni.
  • Prendere in esame le differenti dimensioni del diversity management
  • Esplorare i vantaggi e le criticità di gestione del diversity management
  • Acquisire conoscenze sulle strategie di prevenzione degli stereotipi e di promozione e valorizzazione delle diversità nei contesti organizzativi

Lezioni frontali, esercitazioni individuali e di gruppo, project work e presentazione finale del lavoro di gruppo

L’esame prevede la presentazione del project work da parte del gruppo di lavoro. L’idoneità verrà attribuita in base ad un punteggio finale assegnato al progetto secondo i seguenti criteri: originalità, esplicitazione degli obiettivi, descrizione fasi del progetto, cornice teorica, esplicitazione target, presentazione del progetto con strumenti adeguati. 

  • Introduzione teorica: concetti di stereotipi, pregiudizi, concetto di identità, diversità.
  • Fattori che caratterizzano la diversità: genere, età, etnia etc.
  • Strategie organizzative per valorizzare le diversità in azienda (servizi di welfare, programmi di conciliazione, pari opportunità etc.)
Laboratorio - Diversity management nelle organizzazioni (NN)
MODELLI E METODI PSICOSOCIALI DI INTERVENTO

Corso di laurea PROGETTAZIONE E GESTIONE DELLE POLITICHE E DEI SERVIZI SOCIALI

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 01/10/2018 al 25/01/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO (999)

Conoscenza di base delle nozioni e dei metodi caratterizzanti tutti le aree della psicologia, in particolare quelle relative alla psicologia sociale, delle organizzazioni e di comunità.

Comprensione intermedia/avanzata della lingua inglese in forma scritta.

Il corso intende approfondire i concetti teorico-metodologici fondamentali e gli aspetti applicativi relativi all’esercizio della professione psicologica nei setting di comunità, fornendo agli studenti una conoscenza critica e riflessiva dei problemi connessi alla pratica psicologica nei contesti non clinici.

Gli obiettivi formativi del corso sono i seguenti:

- far acquisire conoscenze disciplinari di livello post-secondario, a partire dallo studio di testi specialistici, incluse le conoscenze/temi che rappresentano l’attuale frontiera della ricerca scientifica nell’ambito dell’intervento psicosociale;

- promuovere la capacità di comprensione delle conoscenze e lo sviluppo di elaborazione o applicazione delle idee in un contesto professionale di ricerca o di intervento;

- sostenere la competenza ideativa e argomentativa dello studente, nonché la sua capacità di trasferire e applicare in modo professionale le conoscenze acquisite all’analisi dei contesti di intervento e all’intervento stesso;

- rafforzare la capacità di raccolta e analisi di informazioni e dati necessari alla comprensione dei contesti di intervento;

- rafforzare l’autonomia di giudizio e la capacità di analisi critica, inclusa la riflessione su temi di ordine scientifico, sociale ed etico/deontologico;

- sviluppare le abilità di comunicazione, riuscendo a trasferire in maniera appropriata informazioni, concetti e problemi ad interlocutori caratterizzati da diversi livelli di expertise;

- potenziare i meccanismi di apprendimento attraverso la consapevolezza dei processi cognitivi e affettivi sottostanti, così da sviluppare un alto grado di autonomia nello studio.

Il corso prevede un misto di didattica frontale e di didattica interattiva, volta a potenziare la capacità riflessiva, meta-cognitiva e operativa degli studenti. A tale scopo nel corso si svolgeranno, sia in forma individuale sia di gruppo: (a) esercitazioni volte ad applicare concetti e nozioni a casi e situazioni reali; (b) esercitazioni focalizzate sul problem solving; (d) esercitazioni finalizzate a sviluppare la capacità di lavorare in gruppo; (e) esercitazioni volte a potenziare, in chiave riflessiva, la capacità di progettazione e gestione dell’intervento

L’esame consiste in una prova scritta a risposta multipla, volta a verificare:

- l’acquisizione e la comprensione dei contenuti disciplinari, di base e avanzati;

- la capacità di trasferire tali contenuti/conoscenze nei contesti dell’intervento, e più in generale, la capacità di riconoscerne la dimensione applicativa;;

- la capacità ideativa;

- la capacità di analisi critica e l’autonomia di giudizio.

- la capacità globale di apprendimento in autonomia.

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL.

L’approccio ai setting, ai problemi e all’intervento è di tipo sistemico-ecologico e si ispira ai principi teorici e metodologici della psicologia di comunità.

Gli ambiti di ricerca e intervento tipici della psicologia di comunità riguardano: la natura e tipo di relazioni tra individui, gruppi e comunità (con specifica attenzione ai sistemi sociali in cui esse sono inserite); analisi delle caratteristiche fisiche e psicosociali dei contesti di vita e individuazione dei rischi, dei problemi e delle risorse delle comunità nella prospettiva di costruzione di interventi psicosociali di tipo partecipativo; le problematiche della salute mentale e il disagio sociale e psichico secondo un’ottica di prevenzione «universale»; le nuove forme di dipendenza sociale; la valutazione dei servizi e dei programmi di prevenzione; la valutazione dell’impatto sociale dei cambiamenti (sociali, ambientali, organizzativi, ecc.); il significato e la funzione delle differenti forme di sostegno sociale (ad esempio, analisi delle reti sociali); i fattori di rischio psicosociale e la resilienza; il senso di comunità, i profili di comunità, la qualità della vita nelle comunità; la promozione delle varie forme di empowerment, compreso quello socio-politico; i requisiti e le condizioni per lo sviluppo di comunità multiculturali.

  • Zani B. (2012). Psicologia di comunità. Prospettive, idee, metodi. Carocci.
  • Mannarini T. (2016). Senso di comunità. Come e perché i legami contano. McGrawHill.
  • Giovannini D., Vezzali L. (2017). Ridurre il pregiudizio in classe. Come promuovere la coesione nella scuola multiculturale. Utet.
MODELLI E METODI PSICOSOCIALI DI INTERVENTO (M-PSI/05)
MODELLI E METODI PSICOSOCIALI DI INTERVENTO

Corso di laurea METODOLOGIA DELL'INTERVENTO PSICOLOGICO

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 01/10/2018 al 25/01/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Conoscenza di base delle nozioni e dei metodi caratterizzanti tutti le aree della psicologia, in particolare quelle relative alla psicologia sociale, delle organizzazioni e di comunità.

Comprensione intermedia/avanzata della lingua inglese in forma scritta.

Il corso intende approfondire i concetti teorico-metodologici fondamentali e gli aspetti applicativi relativi all’esercizio della professione psicologica nei setting di comunità, fornendo agli studenti una conoscenza critica e riflessiva dei problemi connessi alla pratica psicologica nei contesti non clinici.

Gli obiettivi formativi del corso sono i seguenti:

- far acquisire conoscenze disciplinari di livello post-secondario, a partire dallo studio di testi specialistici, incluse le conoscenze/temi che rappresentano l’attuale frontiera della ricerca scientifica nell’ambito dell’intervento psicosociale;

- promuovere la capacità di comprensione delle conoscenze e lo sviluppo di elaborazione o applicazione delle idee in un contesto professionale di ricerca o di intervento;

- sostenere la competenza ideativa e argomentativa dello studente, nonché la sua capacità di trasferire e applicare in modo professionale le conoscenze acquisite all’analisi dei contesti di intervento e all’intervento stesso;

- rafforzare la capacità di raccolta e analisi di informazioni e dati necessari alla comprensione dei contesti di intervento;

- rafforzare l’autonomia di giudizio e la capacità di analisi critica, inclusa la riflessione su temi di ordine scientifico, sociale ed etico/deontologico;

- sviluppare le abilità di comunicazione, riuscendo a trasferire in maniera appropriata informazioni, concetti e problemi ad interlocutori caratterizzati da diversi livelli di expertise;

- potenziare i meccanismi di apprendimento attraverso la consapevolezza dei processi cognitivi e affettivi sottostanti, così da sviluppare un alto grado di autonomia nello studio.

Il corso prevede un misto di didattica frontale e di didattica interattiva, volta a potenziare la capacità riflessiva, meta-cognitiva e operativa degli studenti. A tale scopo nel corso si svolgeranno, sia in forma individuale sia di gruppo: (a) esercitazioni volte ad applicare concetti e nozioni a casi e situazioni reali; (b) esercitazioni focalizzate sul problem solving; (d) esercitazioni finalizzate a sviluppare la capacità di lavorare in gruppo; (e) esercitazioni volte a potenziare, in chiave riflessiva, la capacità di progettazione e gestione dell’intervento

L’esame consiste in una prova scritta a risposta multipla, volta a verificare:

- l’acquisizione e la comprensione dei contenuti disciplinari, di base e avanzati;

- la capacità di trasferire tali contenuti/conoscenze nei contesti dell’intervento, e più in generale, la capacità di riconoscerne la dimensione applicativa;

- la capacità di ideativa;

- la capacità di analisi critica e l’autonomia di giudizio;

- la capacità globale di apprendimento in autonomia.

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL.

L’approccio ai setting, ai problemi e all’intervento è di tipo sistemico-ecologico e si ispira ai principi teorici e metodologici della psicologia di comunità.

Gli ambiti di ricerca e intervento tipici della psicologia di comunità riguardano: la natura e tipo di relazioni tra individui, gruppi e comunità (con specifica attenzione ai sistemi sociali in cui esse sono inserite); analisi delle caratteristiche fisiche e psicosociali dei contesti di vita e individuazione dei rischi, dei problemi e delle risorse delle comunità nella prospettiva di costruzione di interventi psicosociali di tipo partecipativo; le problematiche della salute mentale e il disagio sociale e psichico secondo un’ottica di prevenzione «universale»; le nuove forme di dipendenza sociale; la valutazione dei servizi e dei programmi di prevenzione; la valutazione dell’impatto sociale dei cambiamenti (sociali, ambientali, organizzativi, ecc.); il significato e la funzione delle differenti forme di sostegno sociale (ad esempio, analisi delle reti sociali); i fattori di rischio psicosociale e la resilienza; il senso di comunità, i profili di comunità, la qualità della vita nelle comunità; la promozione delle varie forme di empowerment, compreso quello socio-politico; i requisiti e le condizioni per lo sviluppo di comunità competenti.

Volumi:

  • Zani B. (2012). Psicologia di comunità. Prospettive, idee, metodi. Carocci.
  • Mannarini T. (2016). Senso di comunità. Come e perché i legami contano. McGrawHill.
  • Giovannini D., Vezzali L. (2017). Ridurre il pregiudizio in classe. Come promuovere la coesione nella scuola multiculturale. Utet.

Articoli scientifici:

Arcidiacono C. (2017). The Community Psychologist as a Reflective Plumber. Global Journal of Community Psychology Practice.

Scaricabile da: https://www.gjcpp.org/en/article.php?issue=25&article=158

Francescato D. & Zani B. (2017). Strengthening community psychology in Europe through increasing professional competencies for the new Territorial Community Psychologists. Global Journal of Community Psychology Practice.

Scaricabile da: https://www.gjcpp.org/en/article.php?issue=25&article=160

MODELLI E METODI PSICOSOCIALI DI INTERVENTO (M-PSI/05)
PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea SERVIZIO SOCIALE

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 45.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 2

Semestre Primo Semetre (dal 01/10/2018 al 25/01/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO (999)

Conoscenza delle nozioni di base della psicologia generale e dei principali paradigmi epistemologici in psicologia.

Comprensione di base della lingua inglese in forma scritta.

Il corso intende fornire le basi teoriche e metodologiche per lo studio dell’interazione tra la psicologia individuale e la psicologia collettiva, fornendo agli studenti i principali concetti e strumenti per l’analisi dei contesti interpersonali e di gruppo. Il corso è rivolto a tracciare un quadro di riferimento generale in grado di organizzare una rappresentazione organica della teoria e della ricerca nell’ambito delle correnti più recenti della psicologia sociale, mettendo a confronto l’impostazione socio-cognitivista con quella socio-simbolica.

Gli obiettivi formativi del corso sono i seguenti:

- far acquisire conoscenze disciplinari di livello post-secondario, a partire dallo studio di testi specialistici, incluse le conoscenze/temi che rappresentano l’attuale frontiera della ricerca scientifica nell’ambito della psicologia sociale;

- promuovere la capacità di comprensione delle conoscenze;

- sostenere la competenza ideativa e argomentativa dello studente, nonché la sua capacità di trasferire e applicare le conoscenze acquisite all’analisi dei contesti sociali;

- far avanzare l’autonomia di giudizio e la capacità di analisi critica, inclusa la riflessione su temi di ordine scientifico, sociale ed etico/deontologico;

- sviluppare le abilità di comunicazione dei contenuti appresi, e più in generale di informazioni, concetti e problemi ad interlocutori caratterizzati da diversi livelli di expertise;

- guidare lo studente nella capacità di potenziare i propri meccanismi di apprendimento attraverso la consapevolezza dei processi cognitivi e affettivi che ne sono alla base, così da metterlo in condizione di proseguire e intraprendere nuovi studi con un alto grado di autonomia.

Il corso prevede un misto di didattica frontale e di didattica interattiva, volta a potenziare l’autonomia, il pensiero critico e le capacità di problem solving degli studenti. A tale scopo durante il corso si svolgeranno, sia in forma individuale sia di gruppo (numerosità dei frequentanti permettendo): (a) esercitazioni volte ad applicare concetti e nozioni a casi e situazioni reali; (b) esercitazioni di analisi critica di testi; (c) esercitazioni focalizzate sul problem solving; (d) esercitazioni finalizzate a sviluppare l’iniziativa e l’autonomia attraverso la produzione di elaborati.

L’esame consiste in una prova scritta a risposta multipla. Tale prova è volta a verificare:

- l’acquisizione e la comprensione dei contenuti del corso, di base e avanzate;

- l’acquisizione del linguaggio specifico e degli assi epistemologici e teorici caratterizzanti la disciplina;

- la capacità di trasferire gli apprendimenti in domini cognitivi differenti da quelli in cui sono stati acquisiti; la capacità di trasferire e applicare le conoscenze all’analisi dei contesti sociali;

- la capacità di analisi critica dei concetti, delle teorie e dei paradigmi epistemologici sottesi (autonomia di giudizio).

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL.

Il corso verterà in specifico, sull'approfondimento dei seguenti ambiti tematici:

  • le dinamiche intra-gruppi e inter-gruppi;
  • i processi di influenza sociale;
  • le relazioni interpersonali e i processi di comunicazione;
  • la cognizione, il giudizio e le rappresentazioni sociali;
  • la costruzione dell’identità sociale;
  • i processi di azione collettiva;
  • le tematiche relative al genere.

Palmonari A., Cavazza N., Rubini M. (ed. 2012). Psicologia sociale. Il Mulino.

PSICOLOGIA SOCIALE (M-PSI/05)
PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea SCIENZA E TECNICHE PSICOLOGICHE

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 01/10/2018 al 25/01/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

Conoscenza delle nozioni di base della psicologia generale e dei principali paradigmi epistemologici in psicologia.

Comprensione di base della lingua inglese in forma scritta.

Il corso intende fornire le basi teoriche e metodologiche per lo studio dell’interazione tra la psicologia individuale e la psicologia collettiva, fornendo agli studenti i principali concetti e strumenti per l’analisi dei contesti interpersonali e di gruppo. Il corso è rivolto a tracciare un quadro di riferimento generale in grado di organizzare una rappresentazione organica della teoria e della ricerca nell’ambito delle correnti più recenti della psicologia sociale, mettendo a confronto l’impostazione socio-cognitivista con quella socio-simbolica.

Gli obiettivi formativi del corso sono i seguenti:

- far acquisire conoscenze disciplinari di livello post-secondario, a partire dallo studio di testi specialistici, incluse le conoscenze/temi che rappresentano l’attuale frontiera della ricerca scientifica nell’ambito della psicologia sociale;

- promuovere la capacità di comprensione delle conoscenze;

- sostenere la competenza ideativa e argomentativa dello studente, nonché la sua capacità di trasferire e applicare le conoscenze acquisite all’analisi dei contesti sociali;

- far avanzare l’autonomia di giudizio e la capacità di analisi critica, inclusa la riflessione su temi di ordine scientifico, sociale ed etico/deontologico;

- sviluppare le abilità di comunicazione dei contenuti appresi, e più in generale di informazioni, concetti e problemi ad interlocutori caratterizzati da diversi livelli di expertise;

- guidare lo studente nella capacità di potenziare i propri meccanismi di apprendimento attraverso la consapevolezza dei processi cognitivi e affettivi che ne sono alla base, così da metterlo in condizione di proseguire e intraprendere nuovi studi con un alto grado di autonomia.

Il corso prevede un misto di didattica frontale e di didattica interattiva, volta a potenziare l’autonomia, il pensiero critico e le capacità di problem solving degli studenti. A tale scopo durante il corso si svolgeranno, sia in forma individuale sia di gruppo (numerosità dei frequentanti permettendo): (a) esercitazioni volte ad applicare concetti e nozioni a casi e situazioni reali; (b) esercitazioni di analisi critica di testi; (c) esercitazioni focalizzate sul problem solving; (d) esercitazioni finalizzate a sviluppare l’iniziativa e l’autonomia attraverso la produzione di elaborati.

L’esame consiste in una prova scritta a risposta multipla.

Tale prova è volta a verificare:

- l’acquisizione e la comprensione dei contenuti del corso, di base e avanzate;

- l’acquisizione del linguaggio specifico e degli assi epistemologici e teorici caratterizzanti la disciplina;

- la capacità di trasferire gli apprendimenti in domini cognitivi differenti da quelli in cui sono stati acquisiti;

- la capacità di trasferire e applicare le conoscenze all’analisi dei contesti sociali;

- la capacità di analisi critica dei concetti, delle teorie e dei paradigmi epistemologici sottesi (autonomia di giudizio).

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL.

Il corso verterà in specifico, sull'approfondimento dei seguenti ambiti tematici:

  • le dinamiche intra-gruppi e inter-gruppi;
  • i processi di influenza sociale;
  • le relazioni interpersonali e i processi di comunicazione;
  • la cognizione, il giudizio e le rappresentazioni sociali;
  • la costruzione dell’identità sociale;
  • i processi di azione collettiva;
  • le tematiche relative al genere.

Palmonari A., Cavazza N., Rubini M. (ed. 2012). Psicologia sociale. Il Mulino.

Un testo a scelta tra:

  • Roccato M., Mannarini T. (2012). Non nel mio giardino. Prendere sul serio i movimenti Nimby. Il Mulino.
  • Volpato C. (2013). Psicosociologia del maschilismo. Laterza.

Articoli scientifici (scaricabili da Materiali didattici):

  • Haslam, S. & Reicher, S. (2007). Beyond the banality of evil: Three dynamics of an interactions social psychology  of tyranny. Personality and Social Psychology Bulletin, 33, 615-621.
  • Haslam, S. & Reicher, S. (2012). Contesting the nature of conformity: What Milgram and Zimbardo’s studies really show. Plos Biology, 11, 1-4.
PSICOLOGIA SOCIALE (M-PSI/05)
PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea SOCIOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 01/10/2018 al 25/01/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PROFESSIONALE (029)

Conoscenza delle nozioni di base della psicologia generale e dei principali paradigmi epistemologici in psicologia.

Comprensione di base della lingua inglese in forma scritta.

Il corso intende fornire le basi teoriche e metodologiche per lo studio dell’interazione tra la psicologia individuale e la psicologia collettiva, fornendo agli studenti i principali concetti e strumenti per l’analisi dei contesti interpersonali e di gruppo. Il corso è rivolto a tracciare un quadro di riferimento generale in grado di organizzare una rappresentazione organica della teoria e della ricerca nell’ambito delle correnti più recenti della psicologia sociale, mettendo a confronto l’impostazione socio-cognitivista con quella socio-simbolica.

Gli obiettivi formativi del corso sono i seguenti:

- far acquisire conoscenze disciplinari di livello post-secondario, a partire dallo studio di testi specialistici, incluse le conoscenze/temi che rappresentano l’attuale frontiera della ricerca scientifica nell’ambito della psicologia sociale;

- promuovere la capacità di comprensione delle conoscenze;

- sostenere la competenza ideativa e argomentativa dello studente, nonché la sua capacità di trasferire e applicare le conoscenze acquisite all’analisi dei contesti sociali;

- far avanzare l’autonomia di giudizio e la capacità di analisi critica, inclusa la riflessione su temi di ordine scientifico, sociale ed etico/deontologico;

- sviluppare le abilità di comunicazione dei contenuti appresi, e più in generale di informazioni, concetti e problemi ad interlocutori caratterizzati da diversi livelli di expertise;

- guidare lo studente nella capacità di potenziare i propri meccanismi di apprendimento attraverso la consapevolezza dei processi cognitivi e affettivi che ne sono alla base, così da metterlo in condizione di proseguire e intraprendere nuovi studi con un alto grado di autonomia.

Il corso prevede un misto di didattica frontale e di didattica interattiva, volta a potenziare l’autonomia, il pensiero critico e le capacità di problem solving degli studenti. A tale scopo durante il corso si svolgeranno, sia in forma individuale sia di gruppo (numerosità dei frequentanti permettendo): (a) esercitazioni volte ad applicare concetti e nozioni a casi e situazioni reali; (b) esercitazioni di analisi critica di testi; (c) esercitazioni focalizzate sul problem solving; (d) esercitazioni finalizzate a sviluppare l’iniziativa e l’autonomia attraverso la produzione di elaborati.

L’esame consiste in una prova scritta a risposta multipla. Tale prova è volta a verificare:

- l’acquisizione e la comprensione dei contenuti del corso, di base e avanzate;

- l’acquisizione del linguaggio specifico e degli assi epistemologici e teorici caratterizzanti la disciplina;

- la capacità di trasferire gli apprendimenti in domini cognitivi differenti da quelli in cui sono stati acquisiti; la capacità di trasferire e applicare le conoscenze all’analisi dei contesti sociali;

- la capacità di analisi critica dei concetti, delle teorie e dei paradigmi epistemologici sottesi (autonomia di giudizio).

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL.

Il corso verterà in specifico, sull'approfondimento dei seguenti ambiti tematici:

  • le dinamiche intra-gruppi e inter-gruppi;
  • i processi di influenza sociale;
  • le relazioni interpersonali e i processi di comunicazione;
  • la cognizione, il giudizio e le rappresentazioni sociali;
  • la costruzione dell’identità sociale;
  • i processi di azione collettiva;
  • le tematiche relative al genere.

Palmonari A., Cavazza N., Rubini M. (ed. 2012). Psicologia sociale. Il Mulino.

Un testo a scelta tra:

  • Roccato M., Mannarini T. (2012). Non nel mio giardino. Prendere sul serio i movimenti Nimby. Il Mulino
  • Volpato C. (2013). Psicosociologia del maschilismo. Laterza.
PSICOLOGIA SOCIALE (M-PSI/05)
PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea SOCIOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 01/10/2018 al 25/01/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso CRIMINE E DEVIANZA (145)

Conoscenza delle nozioni di base della psicologia generale e dei principali paradigmi epistemologici in psicologia.

Comprensione di base della lingua inglese in forma scritta.

Il corso intende fornire le basi teoriche e metodologiche per lo studio dell’interazione tra la psicologia individuale e la psicologia collettiva, fornendo agli studenti i principali concetti e strumenti per l’analisi dei contesti interpersonali e di gruppo. Il corso è rivolto a tracciare un quadro di riferimento generale in grado di organizzare una rappresentazione organica della teoria e della ricerca nell’ambito delle correnti più recenti della psicologia sociale, mettendo a confronto l’impostazione socio-cognitivista con quella socio-simbolica.

Gli obiettivi formativi del corso sono i seguenti:

- far acquisire conoscenze disciplinari di livello post-secondario, a partire dallo studio di testi specialistici, incluse le conoscenze/temi che rappresentano l’attuale frontiera della ricerca scientifica nell’ambito della psicologia sociale;

- promuovere la capacità di comprensione delle conoscenze;

- sostenere la competenza ideativa e argomentativa dello studente, nonché la sua capacità di trasferire e applicare le conoscenze acquisite all’analisi dei contesti sociali;

- far avanzare l’autonomia di giudizio e la capacità di analisi critica, inclusa la riflessione su temi di ordine scientifico, sociale ed etico/deontologico;

- sviluppare le abilità di comunicazione dei contenuti appresi, e più in generale di informazioni, concetti e problemi ad interlocutori caratterizzati da diversi livelli di expertise;

- guidare lo studente nella capacità di potenziare i propri meccanismi di apprendimento attraverso la consapevolezza dei processi cognitivi e affettivi che ne sono alla base, così da metterlo in condizione di proseguire e intraprendere nuovi studi con un alto grado di autonomia.

Il corso prevede un misto di didattica frontale e di didattica interattiva, volta a potenziare l’autonomia, il pensiero critico e le capacità di problem solving degli studenti. A tale scopo durante il corso si svolgeranno, sia in forma individuale sia di gruppo (numerosità dei frequentanti permettendo): (a) esercitazioni volte ad applicare concetti e nozioni a casi e situazioni reali; (b) esercitazioni di analisi critica di testi; (c) esercitazioni focalizzate sul problem solving; (d) esercitazioni finalizzate a sviluppare l’iniziativa e l’autonomia attraverso la produzione di elaborati.

L’esame consiste in una prova scritta a risposta multipla. Tale prova è volta a verificare:

- l’acquisizione e la comprensione dei contenuti del corso, di base e avanzate;

- l’acquisizione del linguaggio specifico e degli assi epistemologici e teorici caratterizzanti la disciplina;

- la capacità di trasferire gli apprendimenti in domini cognitivi differenti da quelli in cui sono stati acquisiti; la capacità di trasferire e applicare le conoscenze all’analisi dei contesti sociali;

- la capacità di analisi critica dei concetti, delle teorie e dei paradigmi epistemologici sottesi (autonomia di giudizio).

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL.

Il corso verterà in specifico, sull'approfondimento dei seguenti ambiti tematici:

  • le dinamiche intra-gruppi e inter-gruppi;
  • i processi di influenza sociale;
  • le relazioni interpersonali e i processi di comunicazione;
  • la cognizione, il giudizio e le rappresentazioni sociali;
  • la costruzione dell’identità sociale;
  • i processi di azione collettiva;
  • le tematiche relative al genere.

Palmonari A., Cavazza N., Rubini M. (ed. 2012). Psicologia sociale. Il Mulino.

Un testo a scelta tra:

  • Roccato M., Mannarini T. (2012). Non nel mio giardino. Prendere sul serio i movimenti Nimby. Il Mulino
  • Volpato C. (2013). Psicosociologia del maschilismo. Laterza.
PSICOLOGIA SOCIALE (M-PSI/05)
MODELLI E METODI PSICOSOCIALI DI INTERVENTO

Corso di laurea METODOLOGIA DELL'INTERVENTO PSICOLOGICO

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 02/10/2017 al 26/01/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Conoscenza di base delle nozioni e dei metodi caratterizzanti tutti le aree della psicologia, in particolare quelle relative alla psicologia sociale, delle organizzazioni e di comunità.

Il corso intende approfondire i concetti teorico-metodologici fondamentali e gli aspetti applicativi relativi all’esercizio della professione psicologica nei setting di comunità, fornendo agli studenti una conoscenza critica e riflessiva dei problemi connessi alla pratica psicologica nei contesti non clinici.

L’approccio ai setting, ai problemi e all’intervento è di tipo sistemico-ecologico e si ispira ai principi teorici e metodologici della psicologia di comunità. Gli ambiti di ricerca e intervento tipici della psicologia di comunità riguardano: la natura e tipo di relazioni tra individui, gruppi e comunità (con specifica attenzione ai sistemi sociali in cui esse sono inserite); analisi delle caratteristiche fisiche e psicosociali dei contesti di vita e individuazione dei rischi, dei problemi e delle risorse delle comunità nella prospettiva di costruzione di interventi psicosociali di tipo partecipativo; le problematiche della salute mentale e il disagio sociale e psichico secondo un’ottica di prevenzione oggi definita come «universale»; le nuove forme di dipendenza sociale; la valutazione dei servizi e dei programmi di prevenzione; la valutazione dell’impatto sociale dei cambiamenti (sociali, ambientali, organizzativi, ecc.); il significato e la funzione delle differenti forme di sostegno sociale (ad esempio, analisi delle reti sociali); i fattori di rischio psicosociale e la resilienza; il senso di comunità, i profili di comunità, la qualità della vita nelle comunità; la promozione delle varie forme di empowerment, compreso quello socio-politico; i requisiti e le condizioni per lo sviluppo di comunità competenti.

Il corso prevede un misto di didattica frontale e di didattica interattiva, volta a potenziare la capacità riflessiva e operativa degli studenti. A tale scopo nel corso si svolgeranno, sia in forma individuale sia di gruppo: (a) esercitazioni volte ad applicare concetti e nozioni a casi e situazioni reali; (b) esercitazioni focalizzate sul problem solving; (d) esercitazioni finalizzate a sviluppare la capacità di lavorare in gruppo; (e) esercitazioni volte a potenziare, in chiave riflessiva, la capacità di gestione del setting.

L’esame consiste in un colloquio orale. Tuttavia è prevista la possibilità, solo per gli studenti frequentanti, di sostenere, a conclusione delle lezioni e per una sola volta, un esonero di fine corso in forma di prova scritta

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL.

Volumi:

  • Colucci F.P., Colombo M., Montali L. (2008). La ricerca-intervento. Il Mulino. 
  • Santinello M., Vieno A. (2013). Metodi di intervento in psicologia di comunità. Il Mulino.
  • Mannarini T. (2016). Senso di comunità. Come e perché i legami contano. McGrawHill.

Articoli scientifici (--> Materiali didattici):

  • Funtowicz S., Ravetz J. (2003). Post-normal science. Internet Encyclopaedia of Ecological Ecomics, International Society for Ecological Economics.
  • Radermacher H., Sonn C. (2007). Towards getting it right: Participatory action research (PAR) with an advocacy organization. The Australian Community Psychologist, 19, 62-73.
  • Nation M. et al (2003). What works in prevention. Principles of effective prevention programs. American Psychologist, 58, 449-456.
MODELLI E METODI PSICOSOCIALI DI INTERVENTO (M-PSI/05)
MODELLI E METODI PSICOSOCIALI DI INTERVENTO

Corso di laurea PROGETTAZIONE E GESTIONE DELLE POLITICHE E DEI SERVIZI SOCIALI

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 02/10/2017 al 26/01/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO (999)

Conoscenza di base delle nozioni e dei metodi caratterizzanti tutti le aree della psicologia, in particolare quelle relative alla psicologia sociale, delle organizzazioni e di comunità.

Il corso intende approfondire i concetti teorico-metodologici fondamentali e gli aspetti applicativi relativi all’esercizio della professione psicologica nei setting di comunità, fornendo agli studenti una conoscenza critica e riflessiva dei problemi connessi alla pratica psicologica nei contesti non clinici.

L’approccio ai setting, ai problemi e all’intervento è di tipo sistemico-ecologico e si ispira ai principi teorici e metodologici della psicologia di comunità. Gli ambiti di ricerca e intervento tipici della psicologia di comunità riguardano: la natura e tipo di relazioni tra individui, gruppi e comunità (con specifica attenzione ai sistemi sociali in cui esse sono inserite); analisi delle caratteristiche fisiche e psicosociali dei contesti di vita e individuazione dei rischi, dei problemi e delle risorse delle comunità nella prospettiva di costruzione di interventi psicosociali di tipo partecipativo; le problematiche della salute mentale e il disagio sociale e psichico secondo un’ottica di prevenzione oggi definita come «universale»; le nuove forme di dipendenza sociale; la valutazione dei servizi e dei programmi di prevenzione; la valutazione dell’impatto sociale dei cambiamenti (sociali, ambientali, organizzativi, ecc.); il significato e la funzione delle differenti forme di sostegno sociale (ad esempio, analisi delle reti sociali); i fattori di rischio psicosociale e la resilienza; il senso di comunità, i profili di comunità, la qualità della vita nelle comunità; la promozione delle varie forme di empowerment, compreso quello socio-politico; i requisiti e le condizioni per lo sviluppo di comunità competenti.

Il corso prevede un misto di didattica frontale e di didattica interattiva, volta a potenziare la capacità riflessiva e operativa degli studenti. A tale scopo nel corso si svolgeranno, sia in forma individuale sia di gruppo: (a) esercitazioni volte ad applicare concetti e nozioni a casi e situazioni reali; (b) esercitazioni focalizzate sul problem solving; (d) esercitazioni finalizzate a sviluppare la capacità di lavorare in gruppo; (e) esercitazioni volte a potenziare, in chiave riflessiva, la capacità di gestione del setting.

L’esame consiste in un colloquio orale. Tuttavia è prevista la possibilità, per gli studenti frequentanti, di sostenere, a conclusione delle lezioni e per una sola volta, un esonero di fine corso in forma di prova scritta.

Per i materiali didattici consultare la scheda dell'omologo insegnamento 2017-18 erogato per Metodologia dell'Intervento Psicologico

  • Colucci F.P., Colombo M., Montali L. (2008). La ricerca-intervento. Il Mulino. 
  • Santinello M., Vieno A. (2013). Metodi di intervento in psicologia di comunità. Il Mulino.
  • Mannarini T. (2016). Senso di comunità. Come e perché i legami contano. McGrawHill.
MODELLI E METODI PSICOSOCIALI DI INTERVENTO (M-PSI/05)
PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea SCIENZA E TECNICHE PSICOLOGICHE

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 02/10/2017 al 26/01/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

Conoscenza delle nozioni di base della psicologia generale e dei principali paradigmi epistemologici in psicologia.

Il corso intende fornire le basi teoriche e metodologiche per lo studio dell’interazione tra la psicologia individuale e la psicologia collettiva, fornendo agli studenti i principali concetti e strumenti per l’analisi dei contesti interpersonali e di gruppo. Il corso è rivolto a tracciare un quadro di riferimento generale in grado di organizzare una rappresentazione organica della teoria e della ricerca nell’ambito delle correnti più recenti della psicologia sociale, mettendo a confronto l’impostazione socio-cognitivista con quella socio-simbolica.

In particolare, verranno approfonditi i seguenti ambiti tematici:

  • le dinamiche intra-gruppi e inter-gruppi;
  • i processi di influenza sociale;
  • le relazioni interpersonali e i processi di comunicazione;
  • la cognizione, il giudizio e le rappresentazioni sociali;
  • la costruzione dell’identità sociale;
  • i processi di azione collettiva.

Esame scritto

Volumi

  • Palmonari A., Cavazza N., Rubini M. (ed. 2012). Psicologia sociale. Il Mulino.

Un testo a scelta tra:

  • Roccato M., Mannarini T. (2012). Non nel mio giardino. Prendere sul serio i movimenti Nimby. Il Mulino
  • Volpato C. (2013). Psicosociologia del maschilismo. Laterza.

Articoli scientifici (scaricabili dalla sezione Materiali didattici):

  • Haslam, S. & Reicher, S. (2007). Beyond the banality of evil: Three dynamics of an interactions social psychology  of tyranny. Personality and Social Psychology Bulletin, 33, 615-621.
  • Haslam, S. & Reicher, S. (2012). Contesting the nature of conformity: What Milgram and Zimbardo’s studies really show. Plos Biology, 11, 1-4.
PSICOLOGIA SOCIALE (M-PSI/05)
PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea EDUCATORE SOCIO-CULTURALE

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 02/10/2017 al 26/01/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Conoscenza delle nozioni di base della psicologia generale e dei principali paradigmi epistemologici in psicologia.

Il corso intende fornire le basi teoriche e metodologiche per lo studio dell’interazione tra la psicologia individuale e la psicologia collettiva, fornendo agli studenti i principali concetti e strumenti per l’analisi dei contesti interpersonali e di gruppo. Il corso è rivolto a tracciare un quadro di riferimento generale in grado di organizzare una rappresentazione organica della teoria e della ricerca nell’ambito delle correnti più recenti della psicologia sociale, mettendo a confronto l’impostazione socio-cognitivista con quella socio-simbolica.

In particolare, verranno approfonditi i seguenti ambiti tematici:

  • le dinamiche intra-gruppi e inter-gruppi;
  • i processi di influenza sociale;
  • le relazioni interpersonali e i processi di comunicazione;
  • la cognizione, il giudizio e le rappresentazioni sociali;
  • la costruzione dell’identità sociale;
  • i processi di azione collettiva.

Esame scritto

Per i materiali didattici consultare la scheda dell'omologo insegnamento erogato per Scienze e Tecniche Psicologiche

Manuale

  • Palmonari A., Cavazza N., Rubini M. (ed. 2012). Psicologia sociale. Il Mulino.

Un testo a scelta tra:

  • Roccato M., Mannarini T. (2012). Non nel mio giardino. Prendere sul serio i movimenti Nimby. Il Mulino
  • Volpato C. (2013). Psicosociologia del maschilismo. Laterza.
PSICOLOGIA SOCIALE (M-PSI/05)
PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea SOCIOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 02/10/2017 al 26/01/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso CRIMINE E DEVIANZA (145)

Conoscenza delle nozioni di base della psicologia generale e dei principali paradigmi epistemologici in psicologia.

Il corso intende fornire le basi teoriche e metodologiche per lo studio dell’interazione tra la psicologia individuale e la psicologia collettiva, fornendo agli studenti i principali concetti e strumenti per l’analisi dei contesti interpersonali e di gruppo. Il corso è rivolto a tracciare un quadro di riferimento generale in grado di organizzare una rappresentazione organica della teoria e della ricerca nell’ambito delle correnti più recenti della psicologia sociale, mettendo a confronto l’impostazione socio-cognitivista con quella socio-simbolica.

In particolare, verranno approfonditi i seguenti ambiti tematici:

  • le dinamiche intra-gruppi e inter-gruppi;
  • i processi di influenza sociale;
  • le relazioni interpersonali e i processi di comunicazione;
  • la cognizione, il giudizio e le rappresentazioni sociali;
  • la costruzione dell’identità sociale;
  • i processi di azione collettiva.

Per i materiali didattici consultare la scheda dell'omologo insegnamento erogato per Scienze e Tecniche Psicologiche

Manuale

  • Palmonari A., Cavazza N., Rubini M. (ed. 2012). Psicologia sociale. Il Mulino.

Un testo a scelta tra:

  • Roccato M., Mannarini T. (2012). Non nel mio giardino. Prendere sul serio i movimenti Nimby. Il Mulino
  • Volpato C. (2013). Psicosociologia del maschilismo. Laterza.
PSICOLOGIA SOCIALE (M-PSI/05)
PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea SOCIOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 02/10/2017 al 26/01/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso PROFESSIONALE (029)

Conoscenza delle nozioni di base della psicologia generale e dei principali paradigmi epistemologici in psicologia.

Il corso intende fornire le basi teoriche e metodologiche per lo studio dell’interazione tra la psicologia individuale e la psicologia collettiva, fornendo agli studenti i principali concetti e strumenti per l’analisi dei contesti interpersonali e di gruppo. Il corso è rivolto a tracciare un quadro di riferimento generale in grado di organizzare una rappresentazione organica della teoria e della ricerca nell’ambito delle correnti più recenti della psicologia sociale, mettendo a confronto l’impostazione socio-cognitivista con quella socio-simbolica.

In particolare, verranno approfonditi i seguenti ambiti tematici:

  • le dinamiche intra-gruppi e inter-gruppi;
  • i processi di influenza sociale;
  • le relazioni interpersonali e i processi di comunicazione;
  • la cognizione, il giudizio e le rappresentazioni sociali;
  • la costruzione dell’identità sociale;
  • i processi di azione collettiva.

Esame scritto

Per i materiali didattici consultare la scheda dell'omologo insegnamento erogato per Scienze e Tecniche Psicologiche

Manuale

  • Palmonari A., Cavazza N., Rubini M. (ed. 2012). Psicologia sociale. Il Mulino.

Un testo a scelta tra:

  • Roccato M., Mannarini T. (2012). Non nel mio giardino. Prendere sul serio i movimenti Nimby. Il Mulino
  • Volpato C. (2013). Psicosociologia del maschilismo. Laterza.
PSICOLOGIA SOCIALE (M-PSI/05)
MODELLI E METODI PSICOSOCIALI DI INTERVENTO

Corso di laurea METODOLOGIA DELL'INTERVENTO PSICOLOGICO

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 240.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 03/10/2016 al 27/01/2017)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

MODELLI E METODI PSICOSOCIALI DI INTERVENTO (M-PSI/05)
PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea SOCIOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 140.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 03/10/2016 al 27/01/2017)

Lingua

Percorso CRIMINE E DEVIANZA (145)

PSICOLOGIA SOCIALE (M-PSI/05)
PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea SCIENZA E TECNICHE PSICOLOGICHE

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 240.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 03/10/2016 al 27/01/2017)

Lingua

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

PSICOLOGIA SOCIALE (M-PSI/05)
MODELLI E METODI PER LA RICERCA E L'INTERVENTO NEI SETTING DI COMUNITA'

Corso di laurea METODOLOGIA DELL'INTERVENTO PSICOLOGICO

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 240.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 28/09/2015 al 29/01/2016)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

MODELLI E METODI PER LA RICERCA E L'INTERVENTO NEI SETTING DI COMUNITA' (M-PSI/05)
MODELLI E METODI PER LA RICERCA E L'INTERVENTO NEI SETTING DI COMUNITA'

Corso di laurea PROGETTAZIONE E GESTIONE DELLE POLITICHE E DEI SERVIZI SOCIALI

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05

Crediti 10.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 75.0 Ore Studio individuale: 175.0

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 28/09/2015 al 29/01/2016)

Lingua

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

MODELLI E METODI PER LA RICERCA E L'INTERVENTO NEI SETTING DI COMUNITA' (M-PSI/05)
PSICOLOGIA SOCIALE

Corso di laurea SCIENZA E TECNICHE PSICOLOGICHE

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 240.0

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 28/09/2015 al 29/01/2016)

Lingua

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

Sede Lecce - Università degli Studi

PSICOLOGIA SOCIALE (M-PSI/05)
MODELLI E METODI PER LA RICERCA E L'INTERVENTO NEI SETTING DI COMUNITA'

Corso di laurea METODOLOGIA DELL'INTERVENTO PSICOLOGICO

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 240.0

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 06/10/2014 al 30/01/2015)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

MODELLI E METODI PER LA RICERCA E L'INTERVENTO NEI SETTING DI COMUNITA' (M-PSI/05)
PSICOLOGIA SOCIALE E DI COMUNITA'

Corso di laurea SCIENZA E TECNICHE PSICOLOGICHE

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 240.0

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 06/10/2014 al 30/01/2015)

Lingua

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

Sede Lecce - Università degli Studi

PSICOLOGIA SOCIALE E DI COMUNITA' (M-PSI/05)
MODELLI E METODI PER LA RICERCA E L'INTERVENTO NEI SETTING DI COMUNITA'

Corso di laurea METODOLOGIA DELL'INTERVENTO PSICOLOGICO

Settore Scientifico Disciplinare M-PSI/05

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 240.0

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno accademico di erogazione 2013/2014

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 07/10/2013 al 31/01/2014)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

MODELLI E METODI PER LA RICERCA E L'INTERVENTO NEI SETTING DI COMUNITA' (M-PSI/05)

Temi di ricerca

Research interests

  • PARTICIPATORY COMMUNITY RESEARCH (action-research, high-contact research methods, qualitative research)
  • PUBLIC PARTICIPATION (governance, inclusive decision-making processes, deliberative democracy)
  • COLLECTIVE ACTION (protest movements, civic engagement, active minorities)
  • INTERCULTURAL PROCESSES & INTERETHNIC RELATIONSHIPS (identity, intergroup relationships, conflict/integration)
  • COMMUNITY DEVELOPMENT (community intervention, sense of community, cooperation/conflict)
  • GENDER (sexism, stereotypes)
  • SYMBOLIC UNIVERSES (RE.CRI.RE. project: www.recrire.eu)