Pietro POLIERI

Pietro POLIERI

Docente a contratto

Dipartimento di Studi Umanistici

Edificio Codacci Pisanelli - Piazza Arco di Trionfo, 1 - LECCE (LE)

Ufficio, Piano terra

Area di competenza:

Settore Scientifico Disciplinare: M-FIL/03 FILOSOFIA MORALE

Insegnamento: ANTROPOLOGIA FILOSOFICA

Didattica

A.A. 2023/2024

ANTROPOLOGIA FILOSOFICA

Corso di laurea SOCIOLOGIA E RICERCA SOCIALE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 36.0

Anno accademico di erogazione 2023/2024

Per immatricolati nel 2022/2023

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE E SOCIALI

Percorso Didattica delle scienze umane

ANTROPOLOGIA FILOSOFICA

Corso di laurea SOCIOLOGIA E RICERCA SOCIALE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 36.0

Anno accademico di erogazione 2023/2024

Per immatricolati nel 2022/2023

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE E SOCIALI

Percorso Sviluppo territoriale e innovazione sociale

A.A. 2022/2023

ANTROPOLOGIA FILOSOFICA

Corso di laurea SOCIOLOGIA E RICERCA SOCIALE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 36.0

Anno accademico di erogazione 2022/2023

Per immatricolati nel 2021/2022

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE E SOCIALI

Percorso Didattica delle scienze umane

ANTROPOLOGIA FILOSOFICA

Corso di laurea SOCIOLOGIA E RICERCA SOCIALE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 36.0

Anno accademico di erogazione 2022/2023

Per immatricolati nel 2021/2022

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE E SOCIALI

Percorso Sviluppo territoriale e innovazione sociale

Torna all'elenco
ANTROPOLOGIA FILOSOFICA

Corso di laurea SOCIOLOGIA E RICERCA SOCIALE

Settore Scientifico Disciplinare M-FIL/03

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 36.0

Per immatricolati nel 2022/2023

Anno accademico di erogazione 2023/2024

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 18/09/2023 al 12/01/2024)

Lingua ITALIANO

Percorso Didattica delle scienze umane (A194)

Laddove possibile, conoscenze generali concernenti gli orientamenti fondamentali della filosofia morale

Titolo del Corso:

Il governo e l’eccezione. Il controllo degli individui tra nudità della vita dei singoli e sorveglianza digitale di massa.

 

Dettaglio sinottico:

  • Antropologia filosofica delle relazionalità inter-individuale in situazioni di crisi e di emergenza: dall’‘alleanza dei corpi’ all’‘isolamento sociale’
  • ‘Homo sacer’, eccezionalità e nudità della vita umana: paradigmi in evoluzione
  • La norma e l’eccezione: statualità, oltre-statualità e potere
  • Il potere alla prova di crisi ed emergenza: l’adeguamento del modello foucaultiano del ‘potere pastorale’ alla nuova condizione emergenziale permanente e onni-digitale
  • La dimensione digitale come forma collettiva e individuale di controllo
  • Sorvegliare e/è fluire: il governo ‘capillare’ degli uomini attraverso la dinamica flussica della digitalità

Lo Studente al termine del Corso avrà conoscenza delle nozioni e delle sfumature complesse degli oggetti tematici caratterizzanti i dibatti attuali all’interno della disciplina studiata, così da poter sviluppare tanto l’interesse per un approfondimento di alcune questioni – considerate nodali o anche marginali dagli attori principali dell’indagine sociologico-comunicazionale –, in modo anche comparativo con altre territorialità scientifiche affini o remote, quanto la volontà di proseguire nella ricerca nello stesso ambito accademico o in altri attigui

Lezioni frontali

Seminari

Discussione

L’esame viene svolto in forma orale sui contenuti del corso effettivamente esposti e svolti oltre che sui testi indicati nella Sezione del presente Programma denominata ‘Testi di riferimento’.

  • Giorgio Agamben, Homo sacer. Il potere sovrano e la nuda vita, Einaudi, Torino 2005 (Prima edizione: 1995) (solo i capitoli indicati nel corso delle lezioni).

 

  • Emiliano Bazzanella, Permacrisis e tardo-capitalismo. Le polycrisis permanenti e irreversibili, Asterios, Trieste 2023.

 

  • Michel Foucault, Omnes et singulatim. Verso una critica della ragion politica, in Idem, Biopolitica e liberalismo. Detti e scritti su potere ed etica 1975-1984, Medusa, Milano 2001, pp. 107-155 (materiale in digitale fornito dal docente)

 

  • Tommaso Nencioni, Crisis. Non c’è che crisi. La permacrisis come modalità di governo delle nostre società, Asterios, Trieste 2023 (solo i capitoli indicati nel corso delle lezioni).

 

  • Andrea Venanzoni, La tirannia dell’emergenza, Liberilibri, Macerata 2023.

 

  • Valerio De Luca, Lo stato globale di emergenza, Giuffrè Francis Levebvre, Milano 2022 (solo i capitoli indicati nel corso delle lezioni).

 

  • Pietro Polieri, Sotto sorveglianza. Vivere in libertà vigilata, Marietti 1820, Bologna 2023.

 

Programma per gli studenti non frequentanti:

Per gli studenti non frequentanti il Programma indicato deve essere integrato con un testo a scelta, individuato tra quelli presenti nella Sezione sottostante denominata ‘Note ai testi di riferimento’, preferibilmente previo accordo col docente.

 

Note ai testi di riferimento:

 

Bibliografia (facoltativa) utile per l’approfondimento dei temi della Sezione monografica e sede testuale, per i non-frequentanti, di individuazione di un volume a scelta, con cui integrare il Programma stabilito per i frequentanti:

 

  • Emiliano Bazzanella, Il capitale sorvegliante. Il neo-panoptismo globale, Asterios, Trieste 2019.

 

  • Lorenzao Bernini, Le pecore e il pastore. Critica, politica, etica nel pensiero di Michel Foucault, Liguori, Napoli 2008.

 

  • Renato Curcio, Il capitalismo cibernetico. Dopo il panopticon, oltre la sorveglianza, Sensibili alle Foglie, Roma 2022.

 

  • Dario Gentili, Crisi come arte di governo, Quodlibet, Macerata 2022.

 

  • Carlo Lottieri (a cura di), Leviatano sanitario e crisi del diritto. Cultura, società e istituzioni al tempo del Covid-19, Giometti & Antonello, Macerata 2022.

 

  • David Lyon, La cultura della sorveglianza. Come la società del controllo ci ha resi tutti controllori, Luiss University Press, Roma 2020.

 

  • David Lyon, Gli occhi del virus. Pandemia e sorveglianza, Luiss University Press, Roma 2022.
ANTROPOLOGIA FILOSOFICA (M-FIL/03)
ANTROPOLOGIA FILOSOFICA

Corso di laurea SOCIOLOGIA E RICERCA SOCIALE

Settore Scientifico Disciplinare M-FIL/03

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 36.0

Per immatricolati nel 2022/2023

Anno accademico di erogazione 2023/2024

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 18/09/2023 al 12/01/2024)

Lingua ITALIANO

Percorso Sviluppo territoriale e innovazione sociale (A193)

Laddove possibile, conoscenze generali concernenti gli orientamenti fondamentali della filosofia morale

Titolo del Corso:

Il governo e l’eccezione. Il controllo degli individui tra nudità della vita dei singoli e sorveglianza digitale di massa.

 

Dettaglio sinottico:

  • Antropologia filosofica delle relazionalità inter-individuale in situazioni di crisi e di emergenza: dall’‘alleanza dei corpi’ all’‘isolamento sociale’
  • ‘Homo sacer’, eccezionalità e nudità della vita umana: paradigmi in evoluzione
  • La norma e l’eccezione: statualità, oltre-statualità e potere
  • Il potere alla prova di crisi ed emergenza: l’adeguamento del modello foucaultiano del ‘potere pastorale’ alla nuova condizione emergenziale permanente e onni-digitale
  • La dimensione digitale come forma collettiva e individuale di controllo
  • Sorvegliare e/è fluire: il governo ‘capillare’ degli uomini attraverso la dinamica flussica della digitalità

Lo Studente al termine del Corso avrà conoscenza delle nozioni e delle sfumature complesse degli oggetti tematici caratterizzanti i dibatti attuali all’interno della disciplina studiata, così da poter sviluppare tanto l’interesse per un approfondimento di alcune questioni – considerate nodali o anche marginali dagli attori principali dell’indagine sociologico-comunicazionale –, in modo anche comparativo con altre territorialità scientifiche affini o remote, quanto la volontà di proseguire nella ricerca nello stesso ambito accademico o in altri attigui

Lezioni frontali

Seminari

Discussione

L’esame viene svolto in forma orale sui contenuti del corso effettivamente esposti e svolti oltre che sui testi indicati nella Sezione del presente Programma denominata ‘Testi di riferimento’.

  • Giorgio Agamben, Homo sacer. Il potere sovrano e la nuda vita, Einaudi, Torino 2005 (Prima edizione: 1995) (solo i capitoli indicati nel corso delle lezioni).

 

  • Emiliano Bazzanella, Permacrisis e tardo-capitalismo. Le polycrisis permanenti e irreversibili, Asterios, Trieste 2023.

 

  • Michel Foucault, Omnes et singulatim. Verso una critica della ragion politica, in Idem, Biopolitica e liberalismo. Detti e scritti su potere ed etica 1975-1984, Medusa, Milano 2001, pp. 107-155 (materiale in digitale fornito dal docente)

 

  • Tommaso Nencioni, Crisis. Non c’è che crisi. La permacrisis come modalità di governo delle nostre società, Asterios, Trieste 2023 (solo i capitoli indicati nel corso delle lezioni).

 

  • Andrea Venanzoni, La tirannia dell’emergenza, Liberilibri, Macerata 2023.

 

  • Valerio De Luca, Lo stato globale di emergenza, Giuffrè Francis Levebvre, Milano 2022 (solo i capitoli indicati nel corso delle lezioni).

 

  • Pietro Polieri, Sotto sorveglianza. Vivere in libertà vigilata, Marietti 1820, Bologna 2023.

 

Programma per gli studenti non frequentanti:

Per gli studenti non frequentanti il Programma indicato deve essere integrato con un testo a scelta, individuato tra quelli presenti nella Sezione sottostante denominata ‘Note ai testi di riferimento’, preferibilmente previo accordo col docente.

 

Note ai testi di riferimento:

 

Bibliografia (facoltativa) utile per l’approfondimento dei temi della Sezione monografica e sede testuale, per i non-frequentanti, di individuazione di un volume a scelta, con cui integrare il Programma stabilito per i frequentanti:

 

  • Emiliano Bazzanella, Il capitale sorvegliante. Il neo-panoptismo globale, Asterios, Trieste 2019.

 

  • Lorenzao Bernini, Le pecore e il pastore. Critica, politica, etica nel pensiero di Michel Foucault, Liguori, Napoli 2008.

 

  • Renato Curcio, Il capitalismo cibernetico. Dopo il panopticon, oltre la sorveglianza, Sensibili alle Foglie, Roma 2022.

 

  • Dario Gentili, Crisi come arte di governo, Quodlibet, Macerata 2022.

 

  • Carlo Lottieri (a cura di), Leviatano sanitario e crisi del diritto. Cultura, società e istituzioni al tempo del Covid-19, Giometti & Antonello, Macerata 2022.

 

  • David Lyon, La cultura della sorveglianza. Come la società del controllo ci ha resi tutti controllori, Luiss University Press, Roma 2020.

 

  • David Lyon, Gli occhi del virus. Pandemia e sorveglianza, Luiss University Press, Roma 2022.
ANTROPOLOGIA FILOSOFICA (M-FIL/03)
ANTROPOLOGIA FILOSOFICA

Corso di laurea SOCIOLOGIA E RICERCA SOCIALE

Settore Scientifico Disciplinare M-FIL/03

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 36.0

Per immatricolati nel 2021/2022

Anno accademico di erogazione 2022/2023

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 19/09/2022 al 13/01/2023)

Lingua ITALIANO

Percorso Didattica delle scienze umane (A194)

Laddove possibile, conoscenze generali concernenti i temi e i problemi propri della Filosofia morale.

Titolo del Corso:

Sorvegliare e fruire, controllare e punire. La società post-panopticale del controllo di massa nella riflessione contemporanea. 

 

Dettaglio sinottico:

  • Michel Foucault e il governo microfisico dei corpi:
  • La questione dell’osservazione, della sorveglianza e della ‘docilizzazione’ dei corpi
  • Le forme dell’addestramento
  • Il panoptismo e il potere pastorale (ovvero il potere su tutti e su ciascuno)
  • Il corpo ‘condannato’ e punito
  • Sorvegliare e punire: l’architettura della società disciplinare

 

 

  • La simbiosi di Capitale e sorveglianza:
  • Il realismo capitalista di Mark Fisher
  • La saturazione di immaginario e immaginazione sociale
  • Il realismo della sorveglianza: esposizione e critica
  • Il Capitale sorvegliante: una prospettiva post-panopticale

 

  • La digitalizzazione della sorveglianza e le forme attuali del ‘punire’
  • La cultura della sorveglianza a partire dai dati come premessa per la chirurgia della ‘punizione digitale’ ‘reale’
  • Occhio elettronico, capitalismo del ‘debito’ ed eccezionalità pandemica
  • Il capitalismo cibernetico tra raccolta e fruizione dei dati, sorveglianza digitale e punizione: l’attuazione di una neo-fenomenologia ‘morbida’ e ‘aperta’ della società disciplinare

Lo Studente al termine del Corso avrà conoscenza delle nozioni e delle sfumature complesse degli oggetti tematici caratterizzanti i dibatti attuali all’interno della disciplina studiata, così da poter sviluppare tanto l’interesse per un approfondimento di alcune questioni – considerate nodali o anche marginali dagli attori principali dell’indagine antropologico-filosofica –, in modo anche comparativo con altre territorialità scientifiche affini o remote, quanto la volontà di proseguire nella ricerca nello stesso ambito accademico o in altri attigui.

Lezioni frontali

Seminari

Discussione

Modalità di verifica dell’apprendimento:

L’esame viene svolto in forma orale sui contenuti del corso effettivamente esposti e svolti oltre che sui testi indicati nella Sezione del presente Programma denominata ‘Testi di riferimento’.

 

Criteri di valutazione:

Per la valutazione dell’esame orale vengono tenuti in considerazione la padronanza dei contenuti e le competenze acquisite, la proprietà linguistico-espositiva e lessicale, oltre che la capacità argomentativa mostrata dal candidato.

 

Criteri di misurazione dell'apprendimento e di attribuzione del voto finale:

- Capacità di composizione ordinata e trasparente tanto dell’esposizione quanto dell’argomentazione

- Appropriatezza linguistica oltre che capacità di confezionamento di una prassi elocutiva originale e coinvolgente 

- Capacità d’impiego di una postura analitico-critica del pensiero

ANTROPOLOGIA FILOSOFICA (M-FIL/03)
ANTROPOLOGIA FILOSOFICA

Corso di laurea SOCIOLOGIA E RICERCA SOCIALE

Settore Scientifico Disciplinare M-FIL/03

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 36.0

Per immatricolati nel 2021/2022

Anno accademico di erogazione 2022/2023

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 19/09/2022 al 13/01/2023)

Lingua ITALIANO

Percorso Sviluppo territoriale e innovazione sociale (A193)

Laddove possibile, conoscenze generali concernenti i temi e i problemi propri della Filosofia morale.

Titolo del Corso:

Sorvegliare e fruire, controllare e punire. La società post-panopticale del controllo di massa nella riflessione contemporanea. 

 

Dettaglio sinottico:

  • Michel Foucault e il governo microfisico dei corpi:
  • La questione dell’osservazione, della sorveglianza e della ‘docilizzazione’ dei corpi
  • Le forme dell’addestramento
  • Il panoptismo e il potere pastorale (ovvero il potere su tutti e su ciascuno)
  • Il corpo ‘condannato’ e punito
  • Sorvegliare e punire: l’architettura della società disciplinare

 

 

  • La simbiosi di Capitale e sorveglianza:
  • Il realismo capitalista di Mark Fisher
  • La saturazione di immaginario e immaginazione sociale
  • Il realismo della sorveglianza: esposizione e critica
  • Il Capitale sorvegliante: una prospettiva post-panopticale

 

  • La digitalizzazione della sorveglianza e le forme attuali del ‘punire’
  • La cultura della sorveglianza a partire dai dati come premessa per la chirurgia della ‘punizione digitale’ ‘reale’
  • Occhio elettronico, capitalismo del ‘debito’ ed eccezionalità pandemica
  • Il capitalismo cibernetico tra raccolta e fruizione dei dati, sorveglianza digitale e punizione: l’attuazione di una neo-fenomenologia ‘morbida’ e ‘aperta’ della società disciplinare

Lo Studente al termine del Corso avrà conoscenza delle nozioni e delle sfumature complesse degli oggetti tematici caratterizzanti i dibatti attuali all’interno della disciplina studiata, così da poter sviluppare tanto l’interesse per un approfondimento di alcune questioni – considerate nodali o anche marginali dagli attori principali dell’indagine antropologico-filosofica –, in modo anche comparativo con altre territorialità scientifiche affini o remote, quanto la volontà di proseguire nella ricerca nello stesso ambito accademico o in altri attigui.

Lezioni frontali

Seminari

Discussione

Modalità di verifica dell’apprendimento:

L’esame viene svolto in forma orale sui contenuti del corso effettivamente esposti e svolti oltre che sui testi indicati nella Sezione del presente Programma denominata ‘Testi di riferimento’.

 

Criteri di valutazione:

Per la valutazione dell’esame orale vengono tenuti in considerazione la padronanza dei contenuti e le competenze acquisite, la proprietà linguistico-espositiva e lessicale, oltre che la capacità argomentativa mostrata dal candidato.

 

Criteri di misurazione dell'apprendimento e di attribuzione del voto finale:

- Capacità di composizione ordinata e trasparente tanto dell’esposizione quanto dell’argomentazione

- Appropriatezza linguistica oltre che capacità di confezionamento di una prassi elocutiva originale e coinvolgente 

- Capacità d’impiego di una postura analitico-critica del pensiero

ANTROPOLOGIA FILOSOFICA (M-FIL/03)