Nicola GRASSO

Nicola GRASSO

Professore II Fascia (Associato)

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08: DIRITTO COSTITUZIONALE.

Dipartimento di Beni Culturali

Ex Monastero degli Olivetani - Viale San Nicola - LECCE (LE)

Ufficio, Piano terra

Professore di II FASCIA Associato SSD- IUS/08 IUS/09

Area di competenza:

 

DISCIPLINE D'INSEGNAMENTO : 2020-2021

 

DIRITTI, CITTADINANZA E IMMIGRAZIONE

Corso di laurea in GOVERNANCE EURO-MEDITERRANEA DELLE POLITICHE MIGRATORIE; Lingua ITALIANO; Crediti 6;Ore Attività frontale: 30  

Anno accademico:2020/2021; Anno di corso 1;

DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE; PERCORSO COMUNE/GENERICO

DIRITTO COSTITUZIONALE DELL'AMBIENTE

Corso di laurea GIURISPRUDENZA; Lingua ITALIANO; Crediti 8; Ore Attività frontale: 60

Anno accademico di erogazione 2020/2021; Anno di corso 4;

DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE; Percorso AMBIENTE E TERRITORIO

LO SPORT NELL'ORDINAMENTO COSTITUZIONALE 

Corso di laurea DIRITTO E MANAGEMENT DELLO SPORT; Lingua ITALIANO; Crediti 9.0; Ore Attività frontale: 45

Anno accademico di erogazione2020/2021; Anno di corso 1;

DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE Percorso comune

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea in BENI CULTURALI; Lingua ITALIANO; Crediti 9; Ore Attività frontale: 72

Anno accademico di erogazione 2020/2021;Anno di corso 2;

DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI; Percorso MUSICALE

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea in BENI CULTURALI; Lingua ITALIANO; Crediti 6; Ore Attività frontale:48

Anno accademico di erogazione 2020/2021; Anno di corso 3;

DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI; Percorso ARCHEOLOGICO

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI 

Corso di laurea in BENI CULTURALI; Lingua ITALIANO; Crediti 6; Ore Attività frontale: 48

Anno accademico di erogazione 2020/2021; Anno di corso 3

DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI; Percorso TECNOLOGICO

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea in BENI CULTURALI; Lingua ITALIANO; Crediti 9; Ore Attività frontale: 72

Anno accademico di erogazione 2020/2021; Anno di corso 2;

DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI; Percorso STORICO ARTISTICO

DIRITTO DELL'ARTE E DELLO SPETTACOLO

Corso di laurea in DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO (DAMS); Lingua ITALIANO; Crediti 6; Ore Attività frontale: 36

Anno accademico di erogazione 2020/2021; Anno di corso 1;

DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI; Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO

 

 

Orario di ricevimento

Il Prof Grasso riceve nella sua stanza presso il Dipartimento di beni culturali, 1 piano, stanza n.31.

Il ricevimento è svolto dal docente con l'assistenza di cultori/cultrici della materia incaricati/e a norma dal Consiglio di Dipartimento di Beni Culturali. Al fine di efficientare il ricevimento è consigliata richiesta di appuntamento per concordare l'orario; inoltre si accoglie richiesta straordinariadi ricevimento in eventuale altra giornata e orario, previo appuntamento tramite @mail istituzionale: nicola.grasso@unisalento.it.

Orario lezioni:

Diritti, cittadinanza e immigrazione": lunedì 16.30-18.30, martedì 13.30-15.30

"Diritto costituzionale dell'ambiente": martedì 9.30-12.30, giovedì 10.30-12.30

Lo sport nell'ordinamento costituzionale": lunedì 14.30-16.30, mercoledì 10.30-12.30

Calendario appelli d'esame:
3 settembre 2020 (per studenti di Beni culturali e giurisprudenza) ore 15

5 ottobre 2020 ore 10 (per studenti di Beni culturali laureandi e f.c. e giurisprudenza)

10 dicembre 2020 (per studenti di giurisprudenza e per studenti del corso “Lo sport nell’ordinamento costituzionale”)

18 gennaio 2021 (per studenti di Beni culturali e giurisprudenza e per studenti del corso “Lo sport nell’ordinamento costituzionale”)

1 febbraio 2021 (per studenti di Beni culturali e giurisprudenza)

15 febbraio 2021 (per studenti di Beni culturali e per studenti del corso “Lo sport nell’ordinamento costituzionale”)

7 aprile 2021 (per studenti di Beni culturali, aperto anche a studenti in debito di esame (anche per esami del I semestre 2020/2021)e per studenti di giurisprudenza riservata “fuori corso” e studenti lavoratori (previa autorizzazione).

Recapiti aggiuntivi

Dipartimento Beni Culturali,  Via D.Birago 64 - (nuovo edificio accanto a ex INAPLI) portineria tel. 0832- 295600

Visualizza QR Code Scarica la Visit Card

Curriculum Vitae

 

Didattica

A.A. 2020/2021

DIRITTI, CITTADINANZA E IMMIGRAZIONE

Corso di laurea GOVERNANCE EURO-MEDITERRANEA DELLE POLITICHE MIGRATORIE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 30.0

Anno accademico di erogazione 2020/2021

Per immatricolati nel 2020/2021

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO

Sede Lecce

DIRITTO COSTITUZIONALE DELL'AMBIENTE

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Tipo corso di studio Laurea Magistrale a Ciclo Unico

Lingua ITALIANO

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2020/2021

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 4

Struttura DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE

Percorso AMBIENTE E TERRITORIO

Sede Lecce

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 36.0

Anno accademico di erogazione 2020/2021

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso TECNOLOGICO

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 54.0

Anno accademico di erogazione 2020/2021

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso STORICO ARTISTICO

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 36.0

Anno accademico di erogazione 2020/2021

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso ARCHEOLOGICO

Diritto dell'arte e dello spettacolo

Corso di laurea DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO (DAMS)

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 36.0

Anno accademico di erogazione 2020/2021

Per immatricolati nel 2020/2021

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO

LO SPORT NELL'ORDINAMENTO COSTITUZIONALE

Corso di laurea DIRITTO E MANAGEMENT DELLO SPORT

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 45.0

Anno accademico di erogazione 2020/2021

Per immatricolati nel 2020/2021

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE

Percorso Percorso comune

Sede Lecce

A.A. 2019/2020

DIRITTI, CITTADINANZA E IMMIGRAZIONE

Corso di laurea GOVERNANCE EURO-MEDITERRANEA DELLE POLITICHE MIGRATORIE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 30.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO

Sede Lecce

DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PATRIMONIO CULTURALE

DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso STORICO ARTISTICO

DIRITTO COSTITUZIONALE DELL'AMBIENTE

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 4

Struttura DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE

Percorso AMBIENTE E TERRITORIO

Sede Lecce

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso TECNOLOGICO

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso STORICO ARTISTICO

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso ARCHEOLOGICO

Diritto dell'arte e dello spettacolo

Corso di laurea DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO (DAMS)

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 36.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO

A.A. 2018/2019

DIRITTI, CITTADINANZA E IMMIGRAZIONE

Corso di laurea GOVERNANCE EURO-MEDITERRANEA DELLE POLITICHE MIGRATORIE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 30.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO

Sede Lecce

DIRITTO COSTITUZIONALE DEI BENI PUBBLICI

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE

Percorso AMBIENTE E TERRITORIO

Sede Lecce

DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PATRIMONIO CULTURALE

DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso STORICO ARTISTICO

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso STORICO ARTISTICO

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso TECNOLOGICO

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso ARCHEOLOGICO

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso MUSICALE

Diritto dell'arte e dello spettacolo

Corso di laurea DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO (DAMS)

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 36.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO

A.A. 2017/2018

DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PATRIMONIO CULTURALE

DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso STORICO ARTISTICO

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso TECNOLOGICO

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso MUSICALE

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso STORICO ARTISTICO

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso ARCHEOLOGICO

Diritto dell'arte e dello spettacolo

Corso di laurea DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO (DAMS)

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 36.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO

ISTITUZIONI DI DIRITTO PUBBLICO

Corso di laurea SOCIOLOGIA

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 10.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 75.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

A.A. 2016/2017

DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0 Ore Studio individuale: 162.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso STORICO ARTISTICO

DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0 Ore Studio individuale: 162.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PATRIMONIO CULTURALE

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso MUSICALE

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso STORICO ARTISTICO

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI ARCHEOLOGICI

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0 Ore Studio individuale: 102.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

A.A. 2015/2016

DIRITTO COSTITUZIONALE

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5 Ore Studio individuale: 157.5

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE

Percorso PERCORSO COMUNE

Partizione (D - L)

DIRITTO COSTITUZIONALE

Corso di laurea METODOLOGIA DELL'INTERVENTO PSICOLOGICO

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 40.0 Ore Studio individuale: 160.0

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI ARCHEOLOGICI

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0 Ore Studio individuale: 102.0

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

Torna all'elenco
DIRITTI, CITTADINANZA E IMMIGRAZIONE

Corso di laurea GOVERNANCE EURO-MEDITERRANEA DELLE POLITICHE MIGRATORIE

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 30.0

Per immatricolati nel 2020/2021

Anno accademico di erogazione 2020/2021

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 14/09/2020 al 09/12/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO (999)

Sede Lecce

Ottima conoscenza della lingua italiana; buona conoscenza delle disposizioni costituzionali; adeguata capacità di analisi dei contesti culturali e istituzionali, di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati alle vicende istituzionali in ambito anche internazionale.

Il corso tratta le più recenti novità legislative, tra le quali si ricordano la L. 7 aprile 2017, n. 47, in materia di protezione dei minori stranieri non accompagnati e il D.L. 17 febbraio 2017, n. 13 (conv. con mod. in L. 13 aprile 2017, n.46) che ha istituito le sezioni specializzate dei tribunali in materia di immigrazione, protezione internazionale, libera circolazione dei cittadini dell’Unione europea, apolidia e cittadinanza e definito la loro competenza territoriale. Trovano ovviamente spazio anche le pronunce della Corte di Giustizia e della Corte costituzionale, senza ignorare l’incidenza essa pure rilevante, della Corte europea dei diritti dell’uomo sul nostro Ordinamento.


Si affronteranno, tra gli altri, i seguenti argomenti: disciplina di ingresso e soggiorno; domanda d’asilo; protezione internazionale; ricongiungimento familiare; minori; ingresso e soggiorno per motivi di lavoro e regole speciali del rapporto di lavoro con lo straniero; accesso al pubblico impiego; respingimento, espulsione, trattenimento; diritto penale dell’immigrazione; tutela contro le discriminazioni; cittadinanza; diritto all’assistenza sanitaria per gli stranieri in Italia; sicurezza e assistenza sociale per i cittadini per i cittadini dell’UE e per i cittadini extra UE.

 

Il corso mira a fornire agli studenti una conoscenza approfondita del diritto dell’immigrazione attraverso l’analisi degli istituti riguardanti la disciplina dell’ingresso e del soggiorno dello straniero comunitario e non comunitario, fornendo allo studente gli strumenti necessari per auto aggiornarsi, in una materia interdisciplinare e soggetta a frequenti interventi del legislatore, nella consapevolezza che qualunque intervento sociale destinato alla persona o alla famiglia immigrata risente della condizione amministrativa di soggiorno della stessa.
 

Lezioni frontali con analisi di casi pratici e partecipazione a convegni

Orale con valutazione in trentesimi

Paolo Morozzo della Rocca (a cura di), Immigrazione, asilo e cittadinanza. Discipline e orientamenti giurisprudenziali, Maggioli Editore, 2017

DIRITTI, CITTADINANZA E IMMIGRAZIONE (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE DELL'AMBIENTE

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea Magistrale a Ciclo Unico

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2020/2021

Anno di corso 4

Semestre Primo Semestre (dal 14/09/2020 al 09/12/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso AMBIENTE E TERRITORIO (A73)

Sede Lecce

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso tratterà dettagliatamente del diritto dell’ambiente tenendo conto delle più recenti modifiche del diritto comunitario e del diritto costituzionale italiano. Dopo aver definito i principi, le nozioni giuridiche fondamentali e le fonti della disciplina, esamineremo le competenze dei soggetti coinvolti - dagli organismi internazionali all’Unione europea, dallo stato alle regioni e agli enti locali - per poi concentrarsi sulle materie ambientali, sulle condizioni di utilizzazione e sui limiti dei principali strumenti di intervento.

Conoscenze delle norme costituzionali in materia di ambiente e paesaggio

Lezioni frontali e attività seminariali

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzionali

PARTE PRIMA: I PRINCIPI. - I. Ambiente e Costituzione, di B. Caravita e A. Morrone. - II. L’ambiente e i suoi confini, di B. Caravita e A. Morrone. - III. Le fonti del diritto ambientale, di B. Caravita e A. Morrone. - PARTE SECONDA: I SOGGETTI. - IV. La comunità internazionale, di B. Caravita e L. Cassetti. - V. Unione Europea e ambiente, di B. Caravita e L. Cassetti. - VI. Le competenze dell’amministrazione statale, di A. Ferrara. - VII. Il ruolo delle Regioni nella tutela ambientale, di A. Sterpa. - VIII. Il sistema degli enti locali in materia ambientale, di F. Fabrizzi. - PARTE TERZA: LE MATERIE. - IX. L’inquinamento atmosferico, di F. Grandi. - X. L’inquinamento acustico, di F. Grandi. - XI. L’inquinamento elettromagnetico, di S. Fiorucci. - XII. La tutela delle acque dall’inquinamento, di A. D’Urbano. - XIII. Difesa del suolo e regime delle acque, di F. Grandi. - XIV. La gestione dei rifiuti, di M. Collevecchio. - XV. La disciplina dei rischi di incidenti industriali, di G. Boldi. - XVI. Energia e ambiente, di R. Santi. - XVII. La protezione della natura: parchi, riserve naturali, boschi, caccia, di F. Savastano. - XVIII. Beni paesaggistici, di M. G. Rodomonte. - PARTE QUARTA: GLI STRUMENTI. - XIX. Le informazioni ambientali, di G. Boldi. - XX. Le forme di partecipazione: le associazioni ambientaliste, di C. Caruso. - XXI. I procedimenti di autorizzazione integrata, di S. Pratali. - XXII. I servizi pubblici locali a rilevanza ambientale, di B. Caravita, S. Fiorucci e R. Santi. - XXIII. Il danno ambientale e misure di tutela, di M. Collevecchio. - XXIV. Gli strumenti economici per la tutela dell’ambiente, di E.C. Raffiotta. - Riferimenti bibliografici.

B. CARAVITA, L.CASSETTI, A. MORRONE (a cura di), Diritto dell'ambiente, Il Mulino, Bologna, 2016.

DIRITTO COSTITUZIONALE DELL'AMBIENTE (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 36.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2020/2021

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 01/03/2021 al 04/06/2021)

Lingua ITALIANO

Percorso TECNOLOGICO (A69)

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso si divide in due parti, nella prima parte si esaminano le disposizioni del sistema costituzionale italiano, con l’obiettivo di fornire una conoscenza completa dei concetti fondamentali del diritto costituzionale e del ruolo e delle attribuzioni degli organi costituzionali. Nella seconda parte, si analizza il quadro normativo e giursprudenziale in materia di beni culturali e paesaggistici, con particolare attenzione alla disciplina dettata del codice dei beni culturali e del paesaggio, (D.Lgs n.42 del 2004), con l’obiettivo di rendere conoscibili le regole che disciplinano il settore in cui gli studenti andranno ad operare.

Conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini, dell’organizzazione costituzionale dello Stato; conoscenza del quadro normativo e giurisprudenziale relativo al patrimonio culturale, al fine di consentire una capacità di analisi e di soluzione dei problemi giuridici che potranno porsi nel corso dell’attività professionale nel campo dei beni culturali

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzional

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007; T. MARTINES, Diritto costituzionale, Giuffrè editore, 2017

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 54.0

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno accademico di erogazione 2020/2021

Anno di corso 2

Semestre Secondo Semestre (dal 01/03/2021 al 04/06/2021)

Lingua ITALIANO

Percorso STORICO ARTISTICO (A60)

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso si divide in due parti, nella prima parte si esaminano le disposizioni del sistema costituzionale italiano, con l’obiettivo di fornire una conoscenza completa dei concetti fondamentali del diritto costituzionale e del ruolo e delle attribuzioni degli organi costituzionali. Nella seconda parte, si analizza il quadro normativo e giursprudenziale in materia di beni culturali e paesaggistici, con particolare attenzione alla disciplina dettata del codice dei beni culturali e del paesaggio, (D.Lgs n.42 del 2004), con l’obiettivo di rendere conoscibili le regole che disciplinano il settore in cui gli studenti andranno ad operare.

Conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini, dell’organizzazione costituzionale dello Stato; conoscenza del quadro normativo e giurisprudenziale relativo al patrimonio culturale, al fine di consentire una capacità di analisi e di soluzione dei problemi giuridici che potranno porsi nel corso dell’attività professionale nel campo dei beni culturali

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzional

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3 DICEMBRE 2018

5 FEBBRAIO 2019

19 FEBBRAIO 2019

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007; T. MARTINES, Diritto costituzionale, Giuffrè editore, 2017

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 36.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2020/2021

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 01/03/2021 al 04/06/2021)

Lingua ITALIANO

Percorso ARCHEOLOGICO (A68)

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso si divide in due parti, nella prima parte si esaminano le disposizioni del sistema costituzionale italiano, con l’obiettivo di fornire una conoscenza completa dei concetti fondamentali del diritto costituzionale e del ruolo e delle attribuzioni degli organi costituzionali. Nella seconda parte, si analizza il quadro normativo e giursprudenziale in materia di beni culturali e paesaggistici, con particolare attenzione alla disciplina dettata del codice dei beni culturali e del paesaggio, (D.Lgs n.42 del 2004), con l’obiettivo di rendere conoscibili le regole che disciplinano il settore in cui gli studenti andranno ad operare.

Conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini, dell’organizzazione costituzionale dello Stato; conoscenza del quadro normativo e giurisprudenziale relativo al patrimonio culturale, al fine di consentire una capacità di analisi e di soluzione dei problemi giuridici che potranno porsi nel corso dell’attività professionale nel campo dei beni culturali

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzional

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3 DICEMBRE 2018

5 FEBBRAIO 2019

19 FEBBRAIO 2019

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007; T. MARTINES, Diritto costituzionale, Giuffrè editore, 2017

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI (IUS/08)
Diritto dell'arte e dello spettacolo

Corso di laurea DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO (DAMS)

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 36.0

Per immatricolati nel 2020/2021

Anno accademico di erogazione 2020/2021

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 01/03/2021 al 04/06/2021)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO (999)

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso si prefigge di analizzare i numerosi angoli prospettici da cui è trattato il diritto delle arti e dello spettacolo. Essi sono considerevoli e sorprendenti agli occhi del giurista o dell’artista meno esperto: si spazia dal profilo costituzionale a quello giuslavorista, da quello penale fino quello tributario o amministrativo, dal marketing fino a riflessioni filosofiche. La prima parte del corso offre una prospettiva costituzionale, analizzando, più nello specifico, lo spettacolo come espressione di libertà (art.21 Cost.) e affrontando il ruolo dello Stato nei confronti della cultura, come delineato nell’art. 9 Cost. . Successivamente, il corso prosegue con l’analisi dei vari soggetti e persone giuridiche che operano nello spettacolo (dal manager alle istituzioni concertistiche-orchestrali, dalle società alle fondazioni) e con la disciplina dei vari contratti che vengono in rilievo. Verranno anche trattati i profili più spiccatamente giuslavoristici, delineando i vari contratti di lavoro possibili nell’ambito artistico.

Conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini; conoscenza del quadro normativo e giurisprudenziale relativo alla cultura e allo spettacolo, al fine di consentire una capacità di analisi e di soluzione dei problemi giuridici che potranno porsi nel corso dell’attività professionale.

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzionali

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3  dicembre 2018

5  febbraio 2018

19 febbraio

Fabio Dell’Aversana, Manuale di diritto delle arti e dello spettacolo, Aracnea, 2015

Diritto dell'arte e dello spettacolo (IUS/08)
LO SPORT NELL'ORDINAMENTO COSTITUZIONALE

Corso di laurea DIRITTO E MANAGEMENT DELLO SPORT

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 45.0

Per immatricolati nel 2020/2021

Anno accademico di erogazione 2020/2021

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 14/09/2020 al 09/12/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso Percorso comune (999)

Sede Lecce

Ottima conoscenza della lingua italiana; buona conoscenza delle disposizioni costituzionali; adeguata capacità di analisi dei contesti culturali e istituzionali, di ragionamento logico e di visione critica.

L’insegnamento tratta il ruolo che lo sport occupa nel nostro ordinamento costituzionale e le tutele che in esso trova. Partendo dal presupposto che la Costituzione italiana non contiene, nel suo testo originario, alcun riferimento esplicito allo sport, durante il corso si analizzerà come, con il passare degli anni e con la diffusione dello sport sempre maggiore a tutti i livelli, lo Stato ha dovuto obbligatoriamente spostare la sua attenzione, inserendo l’ordinamento sportivo, già presente nella legislazione nazionale, anche nel nostro sistema costituzionale, e in particolare nell’articolo 117, comma 3. Il corso analizzerà con particolare attenzione anche la tutela costituzionale indiretta dello sport, con l’analisi delle numerose disposizioni costituzionali, nonché dei principi fondamentali alla base dello sport quale diritto inviolabile dell’uomo. Come si analizzerà nel corso, lo sport nell’ordinamento costituzionale trova tutela sia come pratica sportiva(art.2 diritto inviolabile) che come associazionismo sportivo (art.18), importante anche per la salute psico-fisica dell’individuo(art.32). Inoltre verranno analizzate e studiate le principali pronunce della corte costituzionale in merito

a) conoscenze e comprensione

Il corso mira a fornire agli studenti una conoscenza approfondita del diritto costituzionale dello sport attraverso l’analisi dell’ordinamento sportivo come

ordinamento settoriale derivato, che individua lo sport come principio fondamentale e come diritto sociale riconosciuto dalla nostra Carta Costituzionale.

b) Capacità di applicare conoscenze e comprensione

Si mira altresì a favorire l’acquisizione, da parte del futuro giurista, dei profili applicativi del diritto costituzionale nell’ordinamento sportivo, in connessione con un consapevole uso degli strumenti critici tipici della disciplina. A tale scopo le lezioni forniranno dapprima, su ogni argomento, le nozioni basilari dell’istituto, per poi orientarsi verso l’analisi di profili applicativi declinati in ambito sportivo. In particolare una parte del corso è rivolta all’analisi delle norme costituzionali che verranno poi applicate nel concreto all’ambito sportivo. In tal modo lo studente acquisirà la capacità di affrontare e risolvere problemi, anche su tematiche nuove e non consuete, con particolare riguardo ovviamente all’ordinamento sportivo.

c) Autonomia di giudizio

Attraverso lo studio della presente disciplina, il futuro giurista può acquisire flessibilità, iniziativa, attitudine al problem solving, capacità di analisi di documenti anche complessi e di valutazione di soluzioni anche in vista della loro applicazione. L’autonomia di giudizio si persegue sia attraverso l’analisi e la lettura di testi normativi, sentenze.

d) Abilità comunicative

Il futuro giurista apprende attraverso il corso a comunicare in forma scritta e orale informazioni, idee, problemi e soluzioni inerenti il rapporto tra il diritto costituzionale e lo sport. A tale fine saranno predisposte specifiche esercitazioni pratiche con il coinvolgimento degli studenti.

e) Capacità di apprendimento

Attraverso lo studio, il futuro giurista approfondisce la comprensione di regole e istituti costituzionali, nonché delle intime connessioni fra gli stessi, e dei problemi tuttora aperti in seno alla disciplina. Su tale base lo studente acquisirà competenze e capacità critiche idonee a garantirgli l’accesso a ulteriori approfondimenti teorico-pratici relativamente al rapporto tra lo sport e la Costituzione.

Lezioni frontali con analisi di casi pratici e partecipazione a convegni e seminari tenuti da studiosi nazionali ed internazionali su invito del docente, nonché seminari ed esercitazioni, che consentiranno agli studenti frequentanti un più specifico approfondimento dei temi trattati nel corso, l’accesso a metodologie didattiche e a prospettive d’indagine differenti, e la crescita di capacità di apprendimento, autonomia di giudizio, abilità applicative e comunicative.

L’ esame si svolge in forma orale con valutazione in trentesimi alla fine del corso. Nel corso dell’anno potranno essere effettuate delle verifiche intermedie, al mero scopo di agevolare la preparazione dell’esame. Conoscenza e comprensione e la relativa capacità di apprenderle e applicarle saranno accertate attraverso uno o più quesiti relativi ai concetti basilari della materia, accertando l’attitudine ad applicare le nozioni apprese a problemi specifici scaturenti dalla disciplina. Le capacità comunicative saranno testate nel corso dell’intero esame orale.

Il programma comprende gli istituti del diritto costituzionale che maggiormente presentano interazioni con il campo di attività delle figure professionali formate dal Corso di laurea. In particolare, gli argomenti oggetto del corso sono: L’ordinamento sportivo in generale; Diritto I rapporti tra sport e Stato; La tutela c.d.“indiretta” dello sport nelle disposizioni costituzionali; Art. 117 c.3 Cost.; Lo sport come diritto inviolabile dell’uomo; Lo sport come associazionismo sportivo; Giurisprudenza costituzionale in materia; Principi fondamentali degli statuti delle federazioni sportive nazionali.

Testi consigliati: Sanino-Verde, Il diritto sportivo, CEDAM, 2015 o Lubrano-Musumarra, Diritto dello sport, Edizioni Discendo Agitur, 2017 Costituzione italiana Gli approfondimenti specificamente mirati all’applicazione delle nozioni oggetto del programma alla materia sportiva verranno indicati a lezione, mediante saggi e articoli scientifici di esperti della materia, esame di casi pratici, sentenze rese in ambito di giustizia costituzionale.

LO SPORT NELL'ORDINAMENTO COSTITUZIONALE (IUS/08)
DIRITTI, CITTADINANZA E IMMIGRAZIONE

Corso di laurea GOVERNANCE EURO-MEDITERRANEA DELLE POLITICHE MIGRATORIE

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 30.0

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 16/09/2019 al 06/12/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO (999)

Sede Lecce

Ottima conoscenza della lingua italiana; buona conoscenza delle disposizioni costituzionali; adeguata capacità di analisi dei contesti culturali e istituzionali, di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati alle vicende istituzionali in ambito anche internazionale.

Il corso tratta le più recenti novità legislative, tra le quali si ricordano la L. 7 aprile 2017, n. 47, in materia di protezione dei minori stranieri non accompagnati e il D.L. 17 febbraio 2017, n. 13 (conv. con mod. in L. 13 aprile 2017, n.46) che ha istituito le sezioni specializzate dei tribunali in materia di immigrazione, protezione internazionale, libera circolazione dei cittadini dell’Unione europea, apolidia e cittadinanza e definito la loro competenza territoriale. Trovano ovviamente spazio anche le pronunce della Corte di Giustizia e della Corte costituzionale, senza ignorare l’incidenza essa pure rilevante, della Corte europea dei diritti dell’uomo sul nostro Ordinamento.


Si affronteranno, tra gli altri, i seguenti argomenti: disciplina di ingresso e soggiorno; domanda d’asilo; protezione internazionale; ricongiungimento familiare; minori; ingresso e soggiorno per motivi di lavoro e regole speciali del rapporto di lavoro con lo straniero; accesso al pubblico impiego; respingimento, espulsione, trattenimento; diritto penale dell’immigrazione; tutela contro le discriminazioni; cittadinanza; diritto all’assistenza sanitaria per gli stranieri in Italia; sicurezza e assistenza sociale per i cittadini per i cittadini dell’UE e per i cittadini extra UE.

 

Il corso mira a fornire agli studenti una conoscenza approfondita del diritto dell’immigrazione attraverso l’analisi degli istituti riguardanti la disciplina dell’ingresso e del soggiorno dello straniero comunitario e non comunitario, fornendo allo studente gli strumenti necessari per auto aggiornarsi, in una materia interdisciplinare e soggetta a frequenti interventi del legislatore, nella consapevolezza che qualunque intervento sociale destinato alla persona o alla famiglia immigrata risente della condizione amministrativa di soggiorno della stessa.
 

Lezioni frontali con analisi di casi pratici e partecipazione a convegni

Orale con valutazione in trentesimi

Paolo Morozzo della Rocca (a cura di), Immigrazione, asilo e cittadinanza. Discipline e orientamenti giurisprudenziali, Maggioli Editore, 2017

DIRITTI, CITTADINANZA E IMMIGRAZIONE (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Settore Scientifico Disciplinare IUS/09

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 24/02/2020 al 29/05/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso PATRIMONIO CULTURALE (A70)

Ottima conoscenza della lingua italiana; buona conoscenza delle disposizioni costituzionali e delle norme in materia di beni culturali; adeguata capacità di analisi dei contesti culturali e istituzionali, di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati alle vicende istituzionali in ambito anche internazionale.

Il corso approfondisce la tematica del rapporto tra Costituzione e cultura, prima di tutto analizzando le disposizioni della Costituzione italiana che si occupano della cultura, e poi approfondendo il tema di quanto la cultura sia in grado di condizionare il contenuto e il livello di attuazione delle Costituzioni, che sono vere e proprie cristallizzazioni dell’humus culturale espresso dalla società di riferimento. Tale problematica assume un rilievo ancora maggiore a seguito delle spinte dei processi di integrazione sovranazionale e dell’incontro, sempre più frequente, tra identità culturali distinte.

Conoscenza approfondita delle disposizioni costituzionali in materia di cultura e di beni culturali; capacità di analisi dei fenomeni culturali che hanno portato alla nascita delle nuove Costituzioni e del modo attraverso cui le Costituzioni possono condizionare la cultura di un certo popolo, al fine di acquisire gli strumenti per poter comprendere la complessità della società contemporanea e le ricadute che l’integrazione sovranazionale e la globalizzazione possono avere sia sul piano istituzionale che su quello culturale.

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzionali

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3 DICEMBRE 2018

5 FEBBRAIO 2019

19 FEBBRAIO 2019

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007, limitatamente al primo capitolo. P. HABERLE, Per una dottrina della Costituzione come scienza della cultura, Carocci, Roma, 2001. N.GRASSO, Pardigmi di “inculturazione” umanistica della Costituzione, Pensa, 2008

DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA (IUS/09)
DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Settore Scientifico Disciplinare IUS/09

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 24/02/2020 al 29/05/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso STORICO ARTISTICO (A71)

Ottima conoscenza della lingua italiana; buona conoscenza delle disposizioni costituzionali e delle norme in materia di beni culturali; adeguata capacità di analisi dei contesti culturali e istituzionali, di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati alle vicende istituzionali in ambito anche internazionale.

Il corso approfondisce la tematica del rapporto tra Costituzione e cultura, prima di tutto analizzando le disposizioni della Costituzione italiana che si occupano della cultura, e poi approfondendo il tema di quanto la cultura sia in grado di condizionare il contenuto e il livello di attuazione delle Costituzioni, che sono vere e proprie cristallizzazioni dell’humus culturale espresso dalla società di riferimento. Tale problematica assume un rilievo ancora maggiore a seguito delle spinte dei processi di integrazione sovranazionale e dell’incontro, sempre più frequente, tra identità culturali distinte.

Conoscenza approfondita delle disposizioni costituzionali in materia di cultura e di beni culturali; capacità di analisi dei fenomeni culturali che hanno portato alla nascita delle nuove Costituzioni e del modo attraverso cui le Costituzioni possono condizionare la cultura di un certo popolo, al fine di acquisire gli strumenti per poter comprendere la complessità della società contemporanea e le ricadute che l’integrazione sovranazionale e la globalizzazione possono avere sia sul piano istituzionale che su quello culturale.

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzionali

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

Il corso approfondisce la tematica del rapporto tra Costituzione e cultura, prima di tutto analizzando le disposizioni della Costituzione italiana che si occupano della cultura, e poi approfondendo il tema di quanto la cultura sia in grado di condizionare il contenuto e il livello di attuazione delle Costituzioni, che sono vere e proprie cristallizzazioni dell’humus culturale espresso dalla società di riferimento. Tale problematica assume un rilievo ancora maggiore a seguito delle spinte dei processi di integrazione sovranazionale e dell’incontro, sempre più frequente, tra identità culturali distinte. Durante il corso si analizzerà il pensiero di alcuni giuristi stranieri in merito al rapporto esistente tra Costituzione e cultura e in relazione alle conseguenze che tale rapporto fa scaturire nella società.

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007, limitatamente al primo capitolo. P. HABERLE, Per una dottrina della Costituzione come scienza della cultura, Carocci, Roma, 2001. N.GRASSO, Pardigmi di “inculturazione” umanistica della Costituzione, Pensa, 2008

DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA (IUS/09)
DIRITTO COSTITUZIONALE DELL'AMBIENTE

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 4

Semestre Primo Semestre (dal 16/09/2019 al 06/12/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso AMBIENTE E TERRITORIO (A73)

Sede Lecce

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso tratterà dettagliatamente del diritto dell’ambiente tenendo conto delle più recenti modifiche del diritto comunitario e del diritto costituzionale italiano. Dopo aver definito i principi, le nozioni giuridiche fondamentali e le fonti della disciplina, esamineremo le competenze dei soggetti coinvolti - dagli organismi internazionali all’Unione europea, dallo stato alle regioni e agli enti locali - per poi concentrarsi sulle materie ambientali, sulle condizioni di utilizzazione e sui limiti dei principali strumenti di intervento.

Studio delle norme costituzionali in materia di ambiente e paesaggio

lezioni frontale e partecipazione ad attività seminariali

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzionali

 B. CARAVITA, L.CASSETTI, A. MORRONE (a cura di), Diritto dell'ambiente, Il Mulino, Bologna, 2016.

DIRITTO COSTITUZIONALE DELL'AMBIENTE (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 24/02/2020 al 29/05/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso TECNOLOGICO (A69)

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso si divide in due parti, nella prima parte si esaminano le disposizioni del sistema costituzionale italiano, con l’obiettivo di fornire una conoscenza completa dei concetti fondamentali del diritto costituzionale e del ruolo e delle attribuzioni degli organi costituzionali. Nella seconda parte, si analizza il quadro normativo e giursprudenziale in materia di beni culturali e paesaggistici, con particolare attenzione alla disciplina dettata del codice dei beni culturali e del paesaggio, (D.Lgs n.42 del 2004), con l’obiettivo di rendere conoscibili le regole che disciplinano il settore in cui gli studenti andranno ad operare.

Conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini, dell’organizzazione costituzionale dello Stato; conoscenza del quadro normativo e giurisprudenziale relativo al patrimonio culturale, al fine di consentire una capacità di analisi e di soluzione dei problemi giuridici che potranno porsi nel corso dell’attività professionale nel campo dei beni culturali

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzional

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007; T. MARTINES, Diritto costituzionale, Giuffrè editore, 2017

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 2

Semestre Secondo Semestre (dal 24/02/2020 al 29/05/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso STORICO ARTISTICO (A60)

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso si divide in due parti, nella prima parte si esaminano le disposizioni del sistema costituzionale italiano, con l’obiettivo di fornire una conoscenza completa dei concetti fondamentali del diritto costituzionale e del ruolo e delle attribuzioni degli organi costituzionali. Nella seconda parte, si analizza il quadro normativo e giursprudenziale in materia di beni culturali e paesaggistici, con particolare attenzione alla disciplina dettata del codice dei beni culturali e del paesaggio, (D.Lgs n.42 del 2004), con l’obiettivo di rendere conoscibili le regole che disciplinano il settore in cui gli studenti andranno ad operare.

Conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini, dell’organizzazione costituzionale dello Stato; conoscenza del quadro normativo e giurisprudenziale relativo al patrimonio culturale, al fine di consentire una capacità di analisi e di soluzione dei problemi giuridici che potranno porsi nel corso dell’attività professionale nel campo dei beni culturali

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzional

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3 DICEMBRE 2018

5 FEBBRAIO 2019

19 FEBBRAIO 2019

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007; T. MARTINES, Diritto costituzionale, Giuffrè editore, 2017

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 24/02/2020 al 29/05/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso ARCHEOLOGICO (A68)

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso si divide in due parti, nella prima parte si esaminano le disposizioni del sistema costituzionale italiano, con l’obiettivo di fornire una conoscenza completa dei concetti fondamentali del diritto costituzionale e del ruolo e delle attribuzioni degli organi costituzionali. Nella seconda parte, si analizza il quadro normativo e giursprudenziale in materia di beni culturali e paesaggistici, con particolare attenzione alla disciplina dettata del codice dei beni culturali e del paesaggio, (D.Lgs n.42 del 2004), con l’obiettivo di rendere conoscibili le regole che disciplinano il settore in cui gli studenti andranno ad operare.

Conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini, dell’organizzazione costituzionale dello Stato; conoscenza del quadro normativo e giurisprudenziale relativo al patrimonio culturale, al fine di consentire una capacità di analisi e di soluzione dei problemi giuridici che potranno porsi nel corso dell’attività professionale nel campo dei beni culturali

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzional

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3 DICEMBRE 2018

5 FEBBRAIO 2019

19 FEBBRAIO 2019

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007; T. MARTINES, Diritto costituzionale, Giuffrè editore, 2017

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI (IUS/08)
Diritto dell'arte e dello spettacolo

Corso di laurea DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO (DAMS)

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 36.0

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 24/02/2020 al 29/05/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO (999)

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso si prefigge di analizzare i numerosi angoli prospettici da cui è trattato il diritto delle arti e dello spettacolo. Essi sono considerevoli e sorprendenti agli occhi del giurista o dell’artista meno esperto: si spazia dal profilo costituzionale a quello giuslavorista, da quello penale fino quello tributario o amministrativo, dal marketing fino a riflessioni filosofiche. La prima parte del corso offre una prospettiva costituzionale, analizzando, più nello specifico, lo spettacolo come espressione di libertà (art.21 Cost.) e affrontando il ruolo dello Stato nei confronti della cultura, come delineato nell’art. 9 Cost. . Successivamente, il corso prosegue con l’analisi dei vari soggetti e persone giuridiche che operano nello spettacolo (dal manager alle istituzioni concertistiche-orchestrali, dalle società alle fondazioni) e con la disciplina dei vari contratti che vengono in rilievo. Verranno anche trattati i profili più spiccatamente giuslavoristici, delineando i vari contratti di lavoro possibili nell’ambito artistico.

Conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini; conoscenza del quadro normativo e giurisprudenziale relativo alla cultura e allo spettacolo, al fine di consentire una capacità di analisi e di soluzione dei problemi giuridici che potranno porsi nel corso dell’attività professionale.

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzionali

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3  dicembre 2018

5  febbraio 2018

19 febbraio

Fabio Dell’Aversana, Manuale di diritto delle arti e dello spettacolo, Aracnea, 2015

Diritto dell'arte e dello spettacolo (IUS/08)
DIRITTI, CITTADINANZA E IMMIGRAZIONE

Corso di laurea GOVERNANCE EURO-MEDITERRANEA DELLE POLITICHE MIGRATORIE

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 30.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 17/09/2018 al 07/12/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO (999)

Sede Lecce

Ottima conoscenza della lingua italiana; buona conoscenza delle disposizioni costituzionali; adeguata capacità di analisi dei contesti culturali e istituzionali, di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati alle vicende istituzionali in ambito anche internazionale.

Il corso tratta le più recenti novità legislative, tra le quali si ricordano la L. 7 aprile 2017, n. 47, in materia di protezione dei minori stranieri non accompagnati e il D.L. 17 febbraio 2017, n. 13 (conv. con mod. in L. 13 aprile 2017, n.46) che ha istituito le sezioni specializzate dei tribunali in materia di immigrazione, protezione internazionale, libera circolazione dei cittadini dell’Unione europea, apolidia e cittadinanza e definito la loro competenza territoriale. Trovano ovviamente spazio anche le pronunce della Corte di Giustizia e della Corte costituzionale, senza ignorare l’incidenza essa pure rilevante, della Corte europea dei diritti dell’uomo sul nostro Ordinamento.


Si affronteranno, tra gli altri, i seguenti argomenti: disciplina di ingresso e soggiorno; domanda d’asilo; protezione internazionale; ricongiungimento familiare; minori; ingresso e soggiorno per motivi di lavoro e regole speciali del rapporto di lavoro con lo straniero; accesso al pubblico impiego; respingimento, espulsione, trattenimento; diritto penale dell’immigrazione; tutela contro le discriminazioni; cittadinanza; diritto all’assistenza sanitaria per gli stranieri in Italia; sicurezza e assistenza sociale per i cittadini per i cittadini dell’UE e per i cittadini extra UE.

 

Il corso mira a fornire agli studenti una conoscenza approfondita del diritto dell’immigrazione attraverso l’analisi degli istituti riguardanti la disciplina dell’ingresso e del soggiorno dello straniero comunitario e non comunitario, fornendo allo studente gli strumenti necessari per auto aggiornarsi, in una materia interdisciplinare e soggetta a frequenti interventi del legislatore, nella consapevolezza che qualunque intervento sociale destinato alla persona o alla famiglia immigrata risente della condizione amministrativa di soggiorno della stessa.
 

Lezioni frontali con analisi di casi pratici e partecipazione a convegni

Orale con valutazione in trentesimi

Paolo Morozzo della Rocca (a cura di), Immigrazione, asilo e cittadinanza. Discipline e orientamenti giurisprudenziali, Maggioli Editore, 2017

DIRITTI, CITTADINANZA E IMMIGRAZIONE (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE DEI BENI PUBBLICI

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 18/02/2019 al 17/05/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso AMBIENTE E TERRITORIO (A73)

Sede Lecce

DIRITTO COSTITUZIONALE DEI BENI PUBBLICI (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Settore Scientifico Disciplinare IUS/09

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 04/03/2019 al 07/06/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PATRIMONIO CULTURALE (A70)

Ottima conoscenza della lingua italiana; buona conoscenza delle disposizioni costituzionali e delle norme in materia di beni culturali; adeguata capacità di analisi dei contesti culturali e istituzionali, di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati alle vicende istituzionali in ambito anche internazionale.

Il corso approfondisce la tematica del rapporto tra Costituzione e cultura, prima di tutto analizzando le disposizioni della Costituzione italiana che si occupano della cultura, e poi approfondendo il tema di quanto la cultura sia in grado di condizionare il contenuto e il livello di attuazione delle Costituzioni, che sono vere e proprie cristallizzazioni dell’humus culturale espresso dalla società di riferimento. Tale problematica assume un rilievo ancora maggiore a seguito delle spinte dei processi di integrazione sovranazionale e dell’incontro, sempre più frequente, tra identità culturali distinte.

Conoscenza approfondita delle disposizioni costituzionali in materia di cultura e di beni culturali; capacità di analisi dei fenomeni culturali che hanno portato alla nascita delle nuove Costituzioni e del modo attraverso cui le Costituzioni possono condizionare la cultura di un certo popolo, al fine di acquisire gli strumenti per poter comprendere la complessità della società contemporanea e le ricadute che l’integrazione sovranazionale e la globalizzazione possono avere sia sul piano istituzionale che su quello culturale.

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzionali

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3 DICEMBRE 2018

5 FEBBRAIO 2019

19 FEBBRAIO 2019

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007, limitatamente al primo capitolo. P. HABERLE, Per una dottrina della Costituzione come scienza della cultura, Carocci, Roma, 2001. N.GRASSO, Pardigmi di “inculturazione” umanistica della Costituzione, Pensa, 2008

DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA (IUS/09)
DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Settore Scientifico Disciplinare IUS/09

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 04/03/2019 al 07/06/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso STORICO ARTISTICO (A71)

Ottima conoscenza della lingua italiana; buona conoscenza delle disposizioni costituzionali e delle norme in materia di beni culturali; adeguata capacità di analisi dei contesti culturali e istituzionali, di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati alle vicende istituzionali in ambito anche internazionale.

Il corso approfondisce la tematica del rapporto tra Costituzione e cultura, prima di tutto analizzando le disposizioni della Costituzione italiana che si occupano della cultura, e poi approfondendo il tema di quanto la cultura sia in grado di condizionare il contenuto e il livello di attuazione delle Costituzioni, che sono vere e proprie cristallizzazioni dell’humus culturale espresso dalla società di riferimento. Tale problematica assume un rilievo ancora maggiore a seguito delle spinte dei processi di integrazione sovranazionale e dell’incontro, sempre più frequente, tra identità culturali distinte.

Conoscenza approfondita delle disposizioni costituzionali in materia di cultura e di beni culturali; capacità di analisi dei fenomeni culturali che hanno portato alla nascita delle nuove Costituzioni e del modo attraverso cui le Costituzioni possono condizionare la cultura di un certo popolo, al fine di acquisire gli strumenti per poter comprendere la complessità della società contemporanea e le ricadute che l’integrazione sovranazionale e la globalizzazione possono avere sia sul piano istituzionale che su quello culturale.

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzionali

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007, limitatamente al primo capitolo. P. HABERLE, Per una dottrina della Costituzione come scienza della cultura, Carocci, Roma, 2001. N.GRASSO, Pardigmi di “inculturazione” umanistica della Costituzione, Pensa, 2008

DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA (IUS/09)
DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 2

Semestre Secondo Semestre (dal 04/03/2019 al 07/06/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso STORICO ARTISTICO (A60)

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso si divide in due parti, nella prima parte si esaminano le disposizioni del sistema costituzionale italiano, con l’obiettivo di fornire una conoscenza completa dei concetti fondamentali del diritto costituzionale e del ruolo e delle attribuzioni degli organi costituzionali. Nella seconda parte, si analizza il quadro normativo e giursprudenziale in materia di beni culturali e paesaggistici, con particolare attenzione alla disciplina dettata del codice dei beni culturali e del paesaggio, (D.Lgs n.42 del 2004), con l’obiettivo di rendere conoscibili le regole che disciplinano il settore in cui gli studenti andranno ad operare.

Conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini, dell’organizzazione costituzionale dello Stato; conoscenza del quadro normativo e giurisprudenziale relativo al patrimonio culturale, al fine di consentire una capacità di analisi e di soluzione dei problemi giuridici che potranno porsi nel corso dell’attività professionale nel campo dei beni culturali

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzional

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3 DICEMBRE 2018

5 FEBBRAIO 2019

19 FEBBRAIO 2019

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007; T. MARTINES, Diritto costituzionale, Giuffrè editore, 2017

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 04/03/2019 al 07/06/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso TECNOLOGICO (A69)

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso si divide in due parti, nella prima parte si esaminano le disposizioni del sistema costituzionale italiano, con l’obiettivo di fornire una conoscenza completa dei concetti fondamentali del diritto costituzionale e del ruolo e delle attribuzioni degli organi costituzionali. Nella seconda parte, si analizza il quadro normativo e giursprudenziale in materia di beni culturali e paesaggistici, con particolare attenzione alla disciplina dettata del codice dei beni culturali e del paesaggio, (D.Lgs n.42 del 2004), con l’obiettivo di rendere conoscibili le regole che disciplinano il settore in cui gli studenti andranno ad operare.

Conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini, dell’organizzazione costituzionale dello Stato; conoscenza del quadro normativo e giurisprudenziale relativo al patrimonio culturale, al fine di consentire una capacità di analisi e di soluzione dei problemi giuridici che potranno porsi nel corso dell’attività professionale nel campo dei beni culturali

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzional

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007; T. MARTINES, Diritto costituzionale, Giuffrè editore, 2017

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 04/03/2019 al 07/06/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso ARCHEOLOGICO (A68)

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso si divide in due parti, nella prima parte si esaminano le disposizioni del sistema costituzionale italiano, con l’obiettivo di fornire una conoscenza completa dei concetti fondamentali del diritto costituzionale e del ruolo e delle attribuzioni degli organi costituzionali. Nella seconda parte, si analizza il quadro normativo e giursprudenziale in materia di beni culturali e paesaggistici, con particolare attenzione alla disciplina dettata del codice dei beni culturali e del paesaggio, (D.Lgs n.42 del 2004), con l’obiettivo di rendere conoscibili le regole che disciplinano il settore in cui gli studenti andranno ad operare.

Conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini, dell’organizzazione costituzionale dello Stato; conoscenza del quadro normativo e giurisprudenziale relativo al patrimonio culturale, al fine di consentire una capacità di analisi e di soluzione dei problemi giuridici che potranno porsi nel corso dell’attività professionale nel campo dei beni culturali

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzional

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3 DICEMBRE 2018

5 FEBBRAIO 2019

19 FEBBRAIO 2019

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007; T. MARTINES, Diritto costituzionale, Giuffrè editore, 2017

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 2

Semestre Secondo Semestre (dal 04/03/2019 al 07/06/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso MUSICALE (A61)

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso si divide in due parti, nella prima parte si esaminano le disposizioni del sistema costituzionale italiano, con l’obiettivo di fornire una conoscenza completa dei concetti fondamentali del diritto costituzionale e del ruolo e delle attribuzioni degli organi costituzionali. Nella seconda parte, si analizza il quadro normativo e giursprudenziale in materia di beni culturali e paesaggistici, con particolare attenzione alla disciplina dettata del codice dei beni culturali e del paesaggio, (D.Lgs n.42 del 2004), con l’obiettivo di rendere conoscibili le regole che disciplinano il settore in cui gli studenti andranno ad operare.

Conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini, dell’organizzazione costituzionale dello Stato; conoscenza del quadro normativo e giurisprudenziale relativo al patrimonio culturale, al fine di consentire una capacità di analisi e di soluzione dei problemi giuridici che potranno porsi nel corso dell’attività professionale nel campo dei beni culturali

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzional

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3 DICEMBRE 2018

5 FEBBRAIO 2019

19 FEBBRAIO 2019

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007; T. MARTINES, Diritto costituzionale, Giuffrè editore, 2017

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI (IUS/08)
Diritto dell'arte e dello spettacolo

Corso di laurea DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO (DAMS)

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 36.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 04/03/2019 al 07/06/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO (999)

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso si prefigge di analizzare i numerosi angoli prospettici da cui è trattato il diritto delle arti e dello spettacolo. Essi sono considerevoli e sorprendenti agli occhi del giurista o dell’artista meno esperto: si spazia dal profilo costituzionale a quello giuslavorista, da quello penale fino quello tributario o amministrativo, dal marketing fino a riflessioni filosofiche. La prima parte del corso offre una prospettiva costituzionale, analizzando, più nello specifico, lo spettacolo come espressione di libertà (art.21 Cost.) e affrontando il ruolo dello Stato nei confronti della cultura, come delineato nell’art. 9 Cost. . Successivamente, il corso prosegue con l’analisi dei vari soggetti e persone giuridiche che operano nello spettacolo (dal manager alle istituzioni concertistiche-orchestrali, dalle società alle fondazioni) e con la disciplina dei vari contratti che vengono in rilievo. Verranno anche trattati i profili più spiccatamente giuslavoristici, delineando i vari contratti di lavoro possibili nell’ambito artistico.

Conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini; conoscenza del quadro normativo e giurisprudenziale relativo alla cultura e allo spettacolo, al fine di consentire una capacità di analisi e di soluzione dei problemi giuridici che potranno porsi nel corso dell’attività professionale.

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzionali

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3  dicembre 2018

5  febbraio 2018

19 febbraio

Fabio Dell’Aversana, Manuale di diritto delle arti e dello spettacolo, Aracnea, 2015

Diritto dell'arte e dello spettacolo (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Settore Scientifico Disciplinare IUS/09

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 26/02/2018 al 25/05/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso PATRIMONIO CULTURALE (A70)

Ottima conoscenza della lingua italiana; buona conoscenza delle disposizioni costituzionali e delle norme in materia di beni culturali; adeguata capacità di analisi dei contesti culturali e istituzionali, di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati alle vicende istituzionali in ambito anche internazionale.

Il corso approfondisce la tematica del rapporto tra Costituzione e cultura, prima di tutto analizzando le disposizioni della Costituzione italiana che si occupano della cultura, e poi approfondendo il tema di quanto la cultura sia in grado di condizionare il contenuto e il livello di attuazione delle Costituzioni, che sono vere e proprie cristallizzazioni dell’humus culturale espresso dalla società di riferimento. Tale problematica assume un rilievo ancora maggiore a seguito delle spinte dei processi di integrazione sovranazionale e dell’incontro, sempre più frequente, tra identità culturali distinte.

Conoscenza approfondita delle disposizioni costituzionali in materia di cultura e di beni culturali; capacità di analisi dei fenomeni culturali che hanno portato alla nascita delle nuove Costituzioni e del modo attraverso cui le Costituzioni possono condizionare la cultura di un certo popolo, al fine di acquisire gli strumenti per poter comprendere la complessità della società contemporanea e le ricadute che l’integrazione sovranazionale e la globalizzazione possono avere sia sul piano istituzionale che su quello culturale.

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzionali

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3 DICEMBRE 2018

5 FEBBRAIO 2019

19 FEBBRAIO 2019

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007, limitatamente al primo capitolo. P. HABERLE, Per una dottrina della Costituzione come scienza della cultura, Carocci, Roma, 2001. N.GRASSO, Pardigmi di “inculturazione” umanistica della Costituzione, Pensa, 2008

DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA (IUS/09)
DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Settore Scientifico Disciplinare IUS/09

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 26/02/2018 al 25/05/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso STORICO ARTISTICO (A71)

Ottima conoscenza della lingua italiana; buona conoscenza delle disposizioni costituzionali e delle norme in materia di beni culturali; adeguata capacità di analisi dei contesti culturali e istituzionali, di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati alle vicende istituzionali in ambito anche internazionale.

Il corso approfondisce la tematica del rapporto tra Costituzione e cultura, prima di tutto analizzando le disposizioni della Costituzione italiana che si occupano della cultura, e poi approfondendo il tema di quanto la cultura sia in grado di condizionare il contenuto e il livello di attuazione delle Costituzioni, che sono vere e proprie cristallizzazioni dell’humus culturale espresso dalla società di riferimento. Tale problematica assume un rilievo ancora maggiore a seguito delle spinte dei processi di integrazione sovranazionale e dell’incontro, sempre più frequente, tra identità culturali distinte.

Conoscenza approfondita delle disposizioni costituzionali in materia di cultura e di beni culturali; capacità di analisi dei fenomeni culturali che hanno portato alla nascita delle nuove Costituzioni e del modo attraverso cui le Costituzioni possono condizionare la cultura di un certo popolo, al fine di acquisire gli strumenti per poter comprendere la complessità della società contemporanea e le ricadute che l’integrazione sovranazionale e la globalizzazione possono avere sia sul piano istituzionale che su quello culturale.

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzionali

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3 DICEMBRE 2018

5 FEBBRAIO 2019

19 FEBBRAIO 2019

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007, limitatamente al primo capitolo. P. HABERLE, Per una dottrina della Costituzione come scienza della cultura, Carocci, Roma, 2001. N.GRASSO, Pardigmi di “inculturazione” umanistica della Costituzione, Pensa, 2008

DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA (IUS/09)
DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 26/02/2018 al 25/05/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso TECNOLOGICO (A69)

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso si divide in due parti, nella prima parte si esaminano le disposizioni del sistema costituzionale italiano, con l’obiettivo di fornire una conoscenza completa dei concetti fondamentali del diritto costituzionale e del ruolo e delle attribuzioni degli organi costituzionali. Nella seconda parte, si analizza il quadro normativo e giursprudenziale in materia di beni culturali e paesaggistici, con particolare attenzione alla disciplina dettata del codice dei beni culturali e del paesaggio, (D.Lgs n.42 del 2004), con l’obiettivo di rendere conoscibili le regole che disciplinano il settore in cui gli studenti andranno ad operare.

Conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini, dell’organizzazione costituzionale dello Stato; conoscenza del quadro normativo e giurisprudenziale relativo al patrimonio culturale, al fine di consentire una capacità di analisi e di soluzione dei problemi giuridici che potranno porsi nel corso dell’attività professionale nel campo dei beni culturali

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzional

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3 DICEMBRE 2018

5 FEBBRAIO 2019

19 FEBBRAIO 2019

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007; T. MARTINES, Diritto costituzionale, Giuffrè editore, 2017

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 2

Semestre Secondo Semestre (dal 26/02/2018 al 25/05/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso MUSICALE (A61)

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso si divide in due parti, nella prima parte si esaminano le disposizioni del sistema costituzionale italiano, con l’obiettivo di fornire una conoscenza completa dei concetti fondamentali del diritto costituzionale e del ruolo e delle attribuzioni degli organi costituzionali. Nella seconda parte, si analizza il quadro normativo e giursprudenziale in materia di beni culturali e paesaggistici, con particolare attenzione alla disciplina dettata del codice dei beni culturali e del paesaggio, (D.Lgs n.42 del 2004), con l’obiettivo di rendere conoscibili le regole che disciplinano il settore in cui gli studenti andranno ad operare.

Conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini, dell’organizzazione costituzionale dello Stato; conoscenza del quadro normativo e giurisprudenziale relativo al patrimonio culturale, al fine di consentire una capacità di analisi e di soluzione dei problemi giuridici che potranno porsi nel corso dell’attività professionale nel campo dei beni culturali

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzional

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3 DICEMBRE 2018

5 FEBBRAIO 2019

19 FEBBRAIO 2019

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007; T. MARTINES, Diritto costituzionale, Giuffrè editore, 2017

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 2

Semestre Secondo Semestre (dal 26/02/2018 al 25/05/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso STORICO ARTISTICO (A60)

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso si divide in due parti, nella prima parte si esaminano le disposizioni del sistema costituzionale italiano, con l’obiettivo di fornire una conoscenza completa dei concetti fondamentali del diritto costituzionale e del ruolo e delle attribuzioni degli organi costituzionali. Nella seconda parte, si analizza il quadro normativo e giursprudenziale in materia di beni culturali e paesaggistici, con particolare attenzione alla disciplina dettata del codice dei beni culturali e del paesaggio, (D.Lgs n.42 del 2004), con l’obiettivo di rendere conoscibili le regole che disciplinano il settore in cui gli studenti andranno ad operare.

Conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini, dell’organizzazione costituzionale dello Stato; conoscenza del quadro normativo e giurisprudenziale relativo al patrimonio culturale, al fine di consentire una capacità di analisi e di soluzione dei problemi giuridici che potranno porsi nel corso dell’attività professionale nel campo dei beni culturali

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzional

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3 DICEMBRE 2018

5 FEBBRAIO 2019

19 FEBBRAIO 2019

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007; T. MARTINES, Diritto costituzionale, Giuffrè editore, 2017

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 26/02/2018 al 25/05/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso ARCHEOLOGICO (A68)

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso si divide in due parti, nella prima parte si esaminano le disposizioni del sistema costituzionale italiano, con l’obiettivo di fornire una conoscenza completa dei concetti fondamentali del diritto costituzionale e del ruolo e delle attribuzioni degli organi costituzionali. Nella seconda parte, si analizza il quadro normativo e giursprudenziale in materia di beni culturali e paesaggistici, con particolare attenzione alla disciplina dettata del codice dei beni culturali e del paesaggio, (D.Lgs n.42 del 2004), con l’obiettivo di rendere conoscibili le regole che disciplinano il settore in cui gli studenti andranno ad operare.

Conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini, dell’organizzazione costituzionale dello Stato; conoscenza del quadro normativo e giurisprudenziale relativo al patrimonio culturale, al fine di consentire una capacità di analisi e di soluzione dei problemi giuridici che potranno porsi nel corso dell’attività professionale nel campo dei beni culturali

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzional

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3 DICEMBRE 2018

5 FEBBRAIO 2019

19 FEBBRAIO 2019

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007; T. MARTINES, Diritto costituzionale, Giuffrè editore, 2017

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI (IUS/08)
Diritto dell'arte e dello spettacolo

Corso di laurea DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO (DAMS)

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 36.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 26/02/2018 al 25/05/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSI COMUNE/GENERICO (999)

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso si prefigge di analizzare i numerosi angoli prospettici da cui è trattato il diritto delle arti e dello spettacolo. Essi sono considerevoli e sorprendenti agli occhi del giurista o dell’artista meno esperto: si spazia dal profilo costituzionale a quello giuslavorista, da quello penale fino quello tributario o amministrativo, dal marketing fino a riflessioni filosofiche. La prima parte del corso offre una prospettiva costituzionale, analizzando, più nello specifico, lo spettacolo come espressione di libertà (art.21 Cost.) e affrontando il ruolo dello Stato nei confronti della cultura, come delineato nell’art. 9 Cost. . Successivamente, il corso prosegue con l’analisi dei vari soggetti e persone giuridiche che operano nello spettacolo (dal manager alle istituzioni concertistiche-orchestrali, dalle società alle fondazioni) e con la disciplina dei vari contratti che vengono in rilievo. Verranno anche trattati i profili più spiccatamente giuslavoristici, delineando i vari contratti di lavoro possibili nell’ambito artistico.

Conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini; conoscenza del quadro normativo e giurisprudenziale relativo alla cultura e allo spettacolo, al fine di consentire una capacità di analisi e di soluzione dei problemi giuridici che potranno porsi nel corso dell’attività professionale.

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzionali

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3  dicembre 2018

5  febbraio 2018

19 febbraio

Fabio Dell’Aversana, Manuale di diritto delle arti e dello spettacolo, Aracnea, 2015

Diritto dell'arte e dello spettacolo (IUS/08)
ISTITUZIONI DI DIRITTO PUBBLICO

Corso di laurea SOCIOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare IUS/09

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 10.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 75.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 02/10/2017 al 26/01/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

ISTITUZIONI DI DIRITTO PUBBLICO (IUS/09)
DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Settore Scientifico Disciplinare IUS/09

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0 Ore Studio individuale: 162.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 20/02/2017 al 20/05/2017)

Lingua

Percorso STORICO ARTISTICO (A71)

Ottima conoscenza della lingua italiana; buona conoscenza delle disposizioni costituzionali e delle norme in materia di beni culturali; adeguata capacità di analisi dei contesti culturali e istituzionali, di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati alle vicende istituzionali in ambito anche internazionale.

Il corso approfondisce la tematica del rapporto tra Costituzione e cultura, prima di tutto analizzando le disposizioni della Costituzione italiana che si occupano della cultura, e poi approfondendo il tema di quanto la cultura sia in grado di condizionare il contenuto e il livello di attuazione delle Costituzioni, che sono vere e proprie cristallizzazioni dell’humus culturale espresso dalla società di riferimento. Tale problematica assume un rilievo ancora maggiore a seguito delle spinte dei processi di integrazione sovranazionale e dell’incontro, sempre più frequente, tra identità culturali distinte.

Conoscenza approfondita delle disposizioni costituzionali in materia di cultura e di beni culturali; capacità di analisi dei fenomeni culturali che hanno portato alla nascita delle nuove Costituzioni e del modo attraverso cui le Costituzioni possono condizionare la cultura di un certo popolo, al fine di acquisire gli strumenti per poter comprendere la complessità della società contemporanea e le ricadute che l’integrazione sovranazionale e la globalizzazione possono avere sia sul piano istituzionale che su quello culturale.

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzionali

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3 DICEMBRE 2018

5 FEBBRAIO 2019

19 FEBBRAIO 2019

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007, limitatamente al primo capitolo. P. HABERLE, Per una dottrina della Costituzione come scienza della cultura, Carocci, Roma, 2001. N.GRASSO, Pardigmi di “inculturazione” umanistica della Costituzione, Pensa, 2008

DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA (IUS/09)
DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Settore Scientifico Disciplinare IUS/09

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0 Ore Studio individuale: 162.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 20/02/2017 al 20/05/2017)

Lingua

Percorso PATRIMONIO CULTURALE (A70)

Ottima conoscenza della lingua italiana; buona conoscenza delle disposizioni costituzionali e delle norme in materia di beni culturali; adeguata capacità di analisi dei contesti culturali e istituzionali, di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati alle vicende istituzionali in ambito anche internazionale.

Il corso approfondisce la tematica del rapporto tra Costituzione e cultura, prima di tutto analizzando le disposizioni della Costituzione italiana che si occupano della cultura, e poi approfondendo il tema di quanto la cultura sia in grado di condizionare il contenuto e il livello di attuazione delle Costituzioni, che sono vere e proprie cristallizzazioni dell’humus culturale espresso dalla società di riferimento. Tale problematica assume un rilievo ancora maggiore a seguito delle spinte dei processi di integrazione sovranazionale e dell’incontro, sempre più frequente, tra identità culturali distinte.

Conoscenza approfondita delle disposizioni costituzionali in materia di cultura e di beni culturali; capacità di analisi dei fenomeni culturali che hanno portato alla nascita delle nuove Costituzioni e del modo attraverso cui le Costituzioni possono condizionare la cultura di un certo popolo, al fine di acquisire gli strumenti per poter comprendere la complessità della società contemporanea e le ricadute che l’integrazione sovranazionale e la globalizzazione possono avere sia sul piano istituzionale che su quello culturale.

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzionali

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3 DICEMBRE 2018

5 FEBBRAIO 2019

19 FEBBRAIO 2019

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007, limitatamente al primo capitolo. P. HABERLE, Per una dottrina della Costituzione come scienza della cultura, Carocci, Roma, 2001. N.GRASSO, Pardigmi di “inculturazione” umanistica della Costituzione, Pensa, 2008

DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA (IUS/09)
DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 2

Semestre Secondo Semestre (dal 20/02/2017 al 20/05/2017)

Lingua

Percorso MUSICALE (A61)

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso si divide in due parti, nella prima parte si esaminano le disposizioni del sistema costituzionale italiano, con l’obiettivo di fornire una conoscenza completa dei concetti fondamentali del diritto costituzionale e del ruolo e delle attribuzioni degli organi costituzionali. Nella seconda parte, si analizza il quadro normativo e giursprudenziale in materia di beni culturali e paesaggistici, con particolare attenzione alla disciplina dettata del codice dei beni culturali e del paesaggio, (D.Lgs n.42 del 2004), con l’obiettivo di rendere conoscibili le regole che disciplinano il settore in cui gli studenti andranno ad operare.

Conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini, dell’organizzazione costituzionale dello Stato; conoscenza del quadro normativo e giurisprudenziale relativo al patrimonio culturale, al fine di consentire una capacità di analisi e di soluzione dei problemi giuridici che potranno porsi nel corso dell’attività professionale nel campo dei beni culturali

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzional

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3 DICEMBRE 2018

5 FEBBRAIO 2019

19 FEBBRAIO 2019

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007; T. MARTINES, Diritto costituzionale, Giuffrè editore, 2017

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 2

Semestre Secondo Semestre (dal 20/02/2017 al 20/05/2017)

Lingua

Percorso STORICO ARTISTICO (A60)

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso si divide in due parti, nella prima parte si esaminano le disposizioni del sistema costituzionale italiano, con l’obiettivo di fornire una conoscenza completa dei concetti fondamentali del diritto costituzionale e del ruolo e delle attribuzioni degli organi costituzionali. Nella seconda parte, si analizza il quadro normativo e giursprudenziale in materia di beni culturali e paesaggistici, con particolare attenzione alla disciplina dettata del codice dei beni culturali e del paesaggio, (D.Lgs n.42 del 2004), con l’obiettivo di rendere conoscibili le regole che disciplinano il settore in cui gli studenti andranno ad operare.

Conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini, dell’organizzazione costituzionale dello Stato; conoscenza del quadro normativo e giurisprudenziale relativo al patrimonio culturale, al fine di consentire una capacità di analisi e di soluzione dei problemi giuridici che potranno porsi nel corso dell’attività professionale nel campo dei beni culturali

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzional

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3 DICEMBRE 2018

5 FEBBRAIO 2019

19 FEBBRAIO 2019

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007; T. MARTINES, Diritto costituzionale, Giuffrè editore, 2017

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI ARCHEOLOGICI

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0 Ore Studio individuale: 102.0

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 20/02/2017 al 20/05/2017)

Lingua

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2008)

Buona conoscenza della lingua italiana; capacità di ragionamento logico e di visione critica; disponibilità a compiere approfondimenti legati all’attualità delle dinamiche istituzionali.

Il corso si divide in due parti, nella prima parte si esaminano le disposizioni del sistema costituzionale italiano, con l’obiettivo di fornire una conoscenza completa dei concetti fondamentali del diritto costituzionale e del ruolo e delle attribuzioni degli organi costituzionali. Nella seconda parte, si analizza il quadro normativo e giursprudenziale in materia di beni culturali e paesaggistici, con particolare attenzione alla disciplina dettata del codice dei beni culturali e del paesaggio, (D.Lgs n.42 del 2004), con l’obiettivo di rendere conoscibili le regole che disciplinano il settore in cui gli studenti andranno ad operare.

Conoscenza dei principi fondamentali del diritto costituzionale, dei diritti e dei doveri dei cittadini, dell’organizzazione costituzionale dello Stato; conoscenza del quadro normativo e giurisprudenziale relativo al patrimonio culturale, al fine di consentire una capacità di analisi e di soluzione dei problemi giuridici che potranno porsi nel corso dell’attività professionale nel campo dei beni culturali

Lezioni frontali con seminari di approfondimento affidati a personalità che hanno svolto importanti ruoli istituzional

Esame orale con votazione espressa in trentesimi

3 DICEMBRE 2018

5 FEBBRAIO 2019

19 FEBBRAIO 2019

M.A. CABIDDU – N.GRASSO, Diritto dei beni culturali e del paesaggio, II Ed., Giappichelli, Torino, 2007; T. MARTINES, Diritto costituzionale, Giuffrè editore, 2017

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5 Ore Studio individuale: 157.5

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 29/02/2016 al 20/05/2016)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

DIRITTO COSTITUZIONALE (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE

Corso di laurea GIURISPRUDENZA

Settore Scientifico Disciplinare

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 67.5 Ore Studio individuale: 157.5

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 29/02/2016 al 20/05/2016)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

DIRITTO COSTITUZIONALE
DIRITTO COSTITUZIONALE

Corso di laurea METODOLOGIA DELL'INTERVENTO PSICOLOGICO

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 40.0 Ore Studio individuale: 160.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 29/02/2016 al 07/06/2016)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

DIRITTO COSTITUZIONALE (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI ARCHEOLOGICI

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0 Ore Studio individuale: 102.0

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 28/09/2015 al 23/01/2016)

Lingua

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2008)

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0 Ore Studio individuale: 102.0

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 29/09/2014 al 24/01/2015)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 90.0 Ore Studio individuale: 135.0

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 29/09/2014 al 24/01/2015)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0 Ore Studio individuale: 102.0

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno accademico di erogazione 2013/2014

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 30/09/2013 al 25/01/2014)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

DIRITTO COSTITUZIONALE DELLA CULTURA (IUS/08)
DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare IUS/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno accademico di erogazione 2013/2014

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 30/09/2013 al 25/01/2014)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

DIRITTO COSTITUZIONALE E LEGISLAZIONE DEI BENI CULTURALI (IUS/08)