Manuela DE GIORGI

Manuela DE GIORGI

Ricercatore Universitario

Settore Scientifico Disciplinare L-ART/01: STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE.

Dipartimento di Beni Culturali

Edificio Corpo 2 - Via Dalmazio Birago, 64 - LECCE (LE)

Ufficio, Piano terra

Telefono +39 0832 29 5640

Ricercatore Confermato  - Dipartimento di Beni Culturali

Area di competenza:

Settore Scientifico-Disciplinare: L-ART/01 "Storia dell'Arte Medievale"

Insegnamenti: Storia dell'Arte Medievale (C.d.L. Triennale in Beni Culturali) & Storia dell'Arte Bizantina (C.d.L. Magistrale in Storia dell'Arte)

Orario di ricevimento

La Docente riceve su appuntamento, preventivamente concordato inviando una e-mail a manuela.degiorgi@unisalento.it.

Recapiti aggiuntivi

Cellulare: +39 349 3152113

Visualizza QR Code Scarica la Visit Card

Curriculum Vitae

BIOGRAFIA: Dopo la laurea in Beni Culturali (2000, Università degli Studi di Lecce), ha frequentato la Scuola di Specializzazione in "Tutela e Valorizzazione" dell’Università della Tuscia (Viterbo), dove ha approfondito tematiche connesse alla diagnostica non invasiva e alla valorizzazione dei Beni Culturali. Nel 2002 ha conseguito un Master of Arts in Byzantine Studies presso il Centre for Byzantine, Ottoman and Modern Greek Studies (University of Birmingham, U.K.) con una tesi di iconografia bizantina. Nel 2006 ha discusso una tesi di dottorato in Storia dell’Arte dal titolo La pittura tardo-comnena in Italia meridionale e Sicilia: affreschi e icone (Università del Salento). Nell’ottobre del 2006, ha vinto una borsa di ricerca post-dottorale presso il Kunsthistorisches Institut in Florenz. Presso lo stesso Istituto, dal febbraio 2009, ha ricoperto la posizione di Assistente Scientifica del Direttore. Dal novembre 2010 è Ricercatore presso l'Università del Salento.

È Associated Scholar presso l’IBAM-CNR (Catania & Lecce), il Kunsthistorisches Institut in Florenz – Max-Plank-Institut e la TUM (Technische Universität München); è stato valutatore per l’AQU de Catalunya (Agència per a la Qualitat del Sistema Universitari de Catalunya).

Ha tenuto numerose conferenze e seminari sia in Italia che all’estero.

 

DIDATTICA: Nel 2006 ha cominciato l’attività didattica prima col conferimento dell’insegnamento di Storia dell’Arte Bizantina presso la SSIS-Puglia (marzo-aprile), e poi con incarichi annuali a contratto presso l’Università della Calabria (a.a. 2006-2010). Dall’a.a. 2011-2012 tiene insegnamenti di Storia dell’Arte Medievale e di Storia dell’Arte Bizantina presso i Corsi di Studio del Beni Culturali (Università del Salento).

 

RICERCA: È stata Responsabile Scientifico: del progetto “DiaCavHe. Rocce e colori da salvare. Per un protocollo di ‘diagnostica di contesto’ del patrimonio rupestre” (IPERION CH.it (Integrated Platform for the European Research Infrastructure ON Culture Heritage.it) (2014-2015) con ISTI-CNR (Pisa), INO-CNR (Firenze & Lecce); ISTM-CNR (Perugia); IBAM-CNR (Lecce); Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Puglia (Bari); Comune di Mottola (Taranto); del progetto “Marmora Phrygiae. Il contributo della scultura di epoca bizantina della chiesa di San Filippo di Hierapolis: studio e catalogazione dei materiali” (Responsabile UR – Università del Salento nel progetto FIRB – Futuro in Ricerca “Marmora Fhrygiae: metodologie interdisciplinari per la conoscenza e la conservazione. Archeologia del costruito, informatica e scienze chimicofisiche per la ricostruzione storica dei cantieri e dell’approvvigionamento dei materiali lapidei di una città romana e bizantina dell’Asia Minore, Hierapolis di Frigia” (Protocollo MIUR: RBFR121D9W_004; Responsabile del Progetto: G. Scardozzi) (2012-2016). È Associated Investigator ai progetti: “CENOBIUM” (Kunsthistorisches Institut in Florenz – Max-Plank-Institut); “Corpus della pittura bizantina in Italia meridionale e Sicilia (Università del Salento; Université Paris 1 Panthéon- Sorbonne; École Pratique des Hautes Études; UMR 8167 Orient et Méditerranée); “PARTHENOS – Pooling Activities, Resources and Tools for Heritage E-research Networking, Optimization and Synergies”, (http://www.parthenos-project.eu); “Medieval Georgia in a Cross-Cultural Perspective. Georgia and the Caucasus: Aesthetics, Art, and Architecture” (Kunsthistorisches Institut in Florenz – Max-Plank-Institut, Firenze; Universität Basel, Basilea; George Chubinashvili NationalResearch Centre for Georgian Art History and Heritage Preservation, Tbilisi).

Dal 2002 e per tre stagioni ha partecipato alla Missione Archeologica Italiana, diretta da R. Pierobon dell’Università “Federico II” di Napoli, nel territorio di Iasos e del Golfo di Mandalya – Caria, (Asia Minore). Dal 2012 farà parte della Missione Archeologica Italiana di Hierapolis di Frigia (Turchia) già diretta da Francesco D’Andria, attualmente sotto la direzione da Grazia Semeraro.

Scarica curriculum vitae

Didattica

A.A. 2019/2020

STORIA DELL'ARTE BIZANTINA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PATRIMONIO CULTURALE

STORIA DELL'ARTE BIZANTINA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso STORICO ARTISTICO

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso STORICO ARTISTICO

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso TECNOLOGICO

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso ARCHEOLOGICO

A.A. 2018/2019

STORIA DELL'ARTE BIZANTINA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PATRIMONIO CULTURALE

STORIA DELL'ARTE BIZANTINA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso STORICO ARTISTICO

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso ARCHEOLOGICO

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso STORICO ARTISTICO

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso TECNOLOGICO

A.A. 2017/2018

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso TECNOLOGICO

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso ARCHEOLOGICO

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso MUSICALE

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso STORICO ARTISTICO

A.A. 2016/2017

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso STORICO ARTISTICO

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso MUSICALE

A.A. 2015/2016

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso STORICO ARTISTICO

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso MUSICALE

A.A. 2014/2015

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE: METODOLOGIA DELLA RICERCA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

A.A. 2013/2014

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Anno accademico di erogazione 2013/2014

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

Torna all'elenco
STORIA DELL'ARTE BIZANTINA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Settore Scientifico Disciplinare L-ART/01

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 23/09/2019 al 17/01/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso PATRIMONIO CULTURALE (A70)

Buone conoscenze della storia dell’arte medievale (fino al XV secolo) e delle dinamiche storiche mediterranee (dal IV al XIII); padronanza degli strumenti di analisi (iconografica e formale) delle opere d’arte; capacità di comprendere e utilizzare adeguatamente la terminologia storico-artistica.

Il corso intende tracciare i principali lineamenti della storia dell’arte bizantina dal IV secolo fino all’avvento della dinastia paleologa (XIII secolo). Gli studenti saranno chiamati ad affrontare criticamente i diversi problemi di lettura dell’iconografia e dello stile delle opere considerate, della loro comprensione nel contesto storico, artistico e architettonico. Saranno affrontante problematiche di periodizzazione e geografia artistica; particolare attenzione sarà dedicata a problemi di metodo, sia per ampliare le nozioni del manuale di riferimento, sia per acquisire una buona capacità di applicare strumenti di analisi. Particolare attenzione sarà dedicata alla cultura artistica di matrice bizantina ma segnata da forme ‘ibride’ di sinergia culturale.

L’insegnamento si propone i seguenti obiettivi:

• portare gli studenti all’acquisizione di una conoscenza di base dello sviluppo dell’arte bizantina e alla piena comprensione delle più importanti questioni storiografiche;

• acquisire una piena consapevolezza dei problemi di definizione degli ambiti culturali della produzione artistica dell’Oriente cristiano;

• acquisire una conoscenza diretta delle opere più rappresentative;

• saper contestualizzare le opere (note e meno note) all’interno di un preciso ambito culturale e temporale;

• individuare le tecniche impiegate;

• sviluppare capacità metodologica e di studio degli strumenti bibliografici disponibili relativamente alle tematiche affrontate.

Il corso si svolgerà con lezioni frontali durante le quali saranno proiettate presentazioni powerpoint; è previsto inoltre un breve ciclo di seminari durante i quali saranno approfonditi temi specifici presentati dai singoli studenti e discussi collegialmente insieme al docente e ai colleghi.

È previsto un test d’ingresso per la valutazione del possesso dei prerequisiti, con particolare riferimento alla conoscenza dei lineamenti della storia dell’arte medievale e all’uso corretto di una terminologia adeguata. La necessità di eventuali attività di recupero sarà segnalata ed indicata dal docente.

La verifica del raggiungimento degli obiettivi sarà effettuata con:

• la presentazione di un tema di approfondimento concordato col docente (40 min);

• la redazione di un breve elaborato scritto (max 6.000 caratteri, note e spazi inclusi) su un tema congruente con i contenuti del corso;

• esame orale finale.

In sede di valutazione finale si prenderà in considerazione l’effettivo raggiungimento degli obiettivi sopra indicati; ulteriori elementi di valutazione saranno la proprietà di espressione, la coerenza nell’illustrare i singoli momenti della storia dell’arte bizantina, la capacità di osservazione critica e di analisi degli strumenti bibliografici utili alla redazione dell’elaborato scritto/presentazione seminariale oltre che la frequenza al corso e alle attività correlate.

Il giudizio finale sarà espresso con voto in trentesimi assegnato secondo i criteri esplicitati nella tabella docimologica riportata tra le RISORSE CORRELATE (nome file: Griglia_Valutazione_STORIA_DELL’ARTE).

23 gennaio 2020, ore 8:30                 Appello d’esame

13 febbraio 2020, ore 8:30                Appello d’esame

12 marzo 2020, ore 8:30                    Appello d’esame (riservato ai laureandi della Sessione straordinaria e Studenti fuori corso)

16 aprile 2020, ore 8:30                     Appello d’esame (ad eccezione dei corsi di insegnamento erogati nel II semestre a.a. 2019/20)

04 giugno 2020, ore 8:30                  Appello d’esame (riservato ai laureandi della Sessione estiva e Studenti fuori corso)

11 giugno 2020, ore 8:30                  Appello d’esame

01 luglio 2020, ore 8:30                    Appello d’esame

16 luglio 2020, ore 8:30                    Appello d’esame

17 settembre 2020, ore 8:30            Appello d’esame

La frequenza del corso è fortemente consigliata (sarà premura del docente verificare l’effettiva frequenza delle lezioni con appelli random). Saranno considerati studenti non frequentanti coloro che avranno una percentuale di assenze superiore al 25%. La non frequenza per giustificati motivi (es.: studente lavoratore; motivi di salute, etc.) deve essere comunicata al docente all’inizio del corso.

Il programma didattico del corso svilupperà i seguenti nuclei tematici:

• Costantinopoli: la fondazione di una nuova capitale e la genesi dell’arte bizantina;

• Giustiniano e il ‘secolo d’oro’;

• Santa Sofia e il monastero di Santa Caterina;

• ‘immagine’ vs ‘eikón’;

• l’Iconoclastia;

• la rinascenza macedone: architettura, pittura monumentale e su tavola, miniatura, arti minori;

• l’età dei Comneni e i rapporti con l’Occidente;

• Costantinopoli latina;

• le periferie dell’Impero d’Oriente: Cappadocia, Italia meridionale, i Balcani;

• l’avvento dei Paleologi e declino di un Impero.

Frequentanti:

 

Bibliografia:

• E. CONCINA, Le arti a Bisanzio, Milano: Bruno Mondadori 2002 (fino a p. 304).

 

Lo studio del manuale andrà integrato con gli appunti delle lezioni.

 

L’Enciclopedia dell’Arte Medievale, 12 voll., Roma: Treccani, 1991-2002, costituisce un utile strumento per ulteriori approfondimenti (disponibile on-line http://www.treccani.it/enciclopedia/ricerca/-enciclopedia-dell’arte-medievale/Enciclopedia_dell’_Arte_Medievale/ e in cartaceo, presso al Biblioteca del Dipartimento di Beni Culturali).

_________________________________________________________

 

Non frequentanti:

 

Gli studenti Non frequentanti, alla bibliografia sopra indicata, DOVRANNO aggiungere la lettura del seguente volume:

Costantinopoli dall’Enciclopedia dell’Arte Medievale, vol. V, Roma, 1994, pp. 381-436.

 

N.B. – Il materiale bibliografico e didattico sopra indicato è reperibile nelle biblioteche universitarie; quanto non già nelle biblioteche di Ateneo, sarà disponibile in PDF sulla pagina-web UniSalento della Docente, nella sezione Materiale Didattico ovvero in sola consultazione presso il Laboratorio Didattico.

 

Saranno messi a disposizione degli studenti anche i powerpoint delle lezioni solo ed esclusivamente sul terminale del Laboratorio Didattico: non sarà consentito in alcun modo copiare i file su supporti esterni.

STORIA DELL'ARTE BIZANTINA (L-ART/01)
STORIA DELL'ARTE BIZANTINA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Settore Scientifico Disciplinare L-ART/01

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 23/09/2019 al 17/01/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso STORICO ARTISTICO (A71)

Buone conoscenze della storia dell’arte medievale (fino al XV secolo) e delle dinamiche storiche mediterranee (dal IV al XIII); padronanza degli strumenti di analisi (iconografica e formale) delle opere d’arte; capacità di comprendere e utilizzare adeguatamente la terminologia storico-artistica.

Il corso intende tracciare i principali lineamenti della storia dell’arte bizantina dal IV secolo fino all’avvento della dinastia paleologa (XIII secolo). Gli studenti saranno chiamati ad affrontare criticamente i diversi problemi di lettura dell’iconografia e dello stile delle opere considerate, della loro comprensione nel contesto storico, artistico e architettonico. Saranno affrontante problematiche di periodizzazione e geografia artistica; particolare attenzione sarà dedicata a problemi di metodo, sia per ampliare le nozioni del manuale di riferimento, sia per acquisire una buona capacità di applicare strumenti di analisi. Particolare attenzione sarà dedicata alla cultura artistica di matrice bizantina ma segnata da forme ‘ibride’ di sinergia culturale.

L’insegnamento si propone i seguenti obiettivi:

• portare gli studenti all’acquisizione di una conoscenza di base dello sviluppo dell’arte bizantina e alla piena comprensione delle più importanti questioni storiografiche;

• acquisire una piena consapevolezza dei problemi di definizione degli ambiti culturali della produzione artistica dell’Oriente cristiano;

• acquisire una conoscenza diretta delle opere più rappresentative;

• saper contestualizzare le opere (note e meno note) all’interno di un preciso ambito culturale e temporale;

• individuare le tecniche impiegate;

• sviluppare capacità metodologica e di studio degli strumenti bibliografici disponibili relativamente alle tematiche affrontate.

Il corso si svolgerà con lezioni frontali durante le quali saranno proiettate presentazioni powerpoint; è previsto inoltre un breve ciclo di seminari durante i quali saranno approfonditi temi specifici presentati dai singoli studenti e discussi collegialmente insieme al docente e ai colleghi.

È previsto un test d’ingresso per la valutazione del possesso dei prerequisiti, con particolare riferimento alla conoscenza dei lineamenti della storia dell’arte medievale e all’uso corretto di una terminologia adeguata. La necessità di eventuali attività di recupero sarà segnalata ed indicata dal docente.

La verifica del raggiungimento degli obiettivi sarà effettuata con:

• la presentazione di un tema di approfondimento concordato col docente (40 min);

• la redazione di un breve elaborato scritto (max 6.000 caratteri, note e spazi inclusi) su un tema congruente con i contenuti del corso;

• esame orale finale.

In sede di valutazione finale si prenderà in considerazione l’effettivo raggiungimento degli obiettivi sopra indicati; ulteriori elementi di valutazione saranno la proprietà di espressione, la coerenza nell’illustrare i singoli momenti della storia dell’arte bizantina, la capacità di osservazione critica e di analisi degli strumenti bibliografici utili alla redazione dell’elaborato scritto/presentazione seminariale oltre che la frequenza al corso e alle attività correlate.

Il giudizio finale sarà espresso con voto in trentesimi assegnato secondo i criteri esplicitati nella tabella docimologica riportata tra le RISORSE CORRELATE (nome file: Griglia_Valutazione_STORIA_DELL’ARTE).

23 gennaio 2020, ore 8:30                 Appello d’esame

13 febbraio 2020, ore 8:30                Appello d’esame

12 marzo 2020, ore 8:30                    Appello d’esame (riservato ai laureandi della Sessione straordinaria e Studenti fuori corso)

16 aprile 2020, ore 8:30                     Appello d’esame (ad eccezione dei corsi di insegnamento erogati nel II semestre a.a. 2019/20)

04 giugno 2020, ore 8:30                  Appello d’esame (riservato ai laureandi della Sessione estiva e Studenti fuori corso)

11 giugno 2020, ore 8:30                  Appello d’esame

01 luglio 2020, ore 8:30                    Appello d’esame

16 luglio 2020, ore 8:30                    Appello d’esame

17 settembre 2020, ore 8:30            Appello d’esame

La frequenza del corso è fortemente consigliata (sarà premura del docente verificare l’effettiva frequenza delle lezioni con appelli random). Saranno considerati studenti non frequentanti coloro che avranno una percentuale di assenze superiore al 25%. La non frequenza per giustificati motivi (es.: studente lavoratore; motivi di salute, etc.) deve essere comunicata al docente all’inizio del corso.

Il programma didattico del corso svilupperà i seguenti nuclei tematici:

• Costantinopoli: la fondazione di una nuova capitale e la genesi dell’arte bizantina;

• Giustiniano e il ‘secolo d’oro’;

• Santa Sofia e il monastero di Santa Caterina;

• ‘immagine’ vs ‘eikón’;

• l’Iconoclastia;

• la rinascenza macedone: architettura, pittura monumentale e su tavola, miniatura, arti minori;

• l’età dei Comneni e i rapporti con l’Occidente;

• Costantinopoli latina;

• le periferie dell’Impero d’Oriente: Cappadocia, Italia meridionale, i Balcani;

• l’avvento dei Paleologi e declino di un Impero.

Frequentanti:

 

Bibliografia:

• E. CONCINA, Le arti a Bisanzio, Milano: Bruno Mondadori 2002 (fino a p. 304).

 

Lo studio del manuale andrà integrato con gli appunti delle lezioni.

 

L’Enciclopedia dell’Arte Medievale, 12 voll., Roma: Treccani, 1991-2002, costituisce un utile strumento per ulteriori approfondimenti (disponibile on-line http://www.treccani.it/enciclopedia/ricerca/-enciclopedia-dell’arte-medievale/Enciclopedia_dell’_Arte_Medievale/ e in cartaceo, presso al Biblioteca del Dipartimento di Beni Culturali).

_________________________________________________________

 

Non frequentanti:

 

Gli studenti Non frequentanti, alla bibliografia sopra indicata, DOVRANNO aggiungere la lettura del seguente volume:

Costantinopoli dall’Enciclopedia dell’Arte Medievale, vol. V, Roma, 1994, pp. 381-436.

 

N.B. – Il materiale bibliografico e didattico sopra indicato è reperibile nelle biblioteche universitarie; quanto non già nelle biblioteche di Ateneo, sarà disponibile in PDF sulla pagina-web UniSalento della Docente, nella sezione Materiale Didattico ovvero in sola consultazione presso il Laboratorio Didattico.

 

Saranno messi a disposizione degli studenti anche i powerpoint delle lezioni solo ed esclusivamente sul terminale del Laboratorio Didattico: non sarà consentito in alcun modo copiare i file su supporti esterni.

STORIA DELL'ARTE BIZANTINA (L-ART/01)
STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ART/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 23/09/2019 al 17/01/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso STORICO ARTISTICO (A60)

Buone conoscenze umanistiche di base, in particolare di storia dell’arte e storia per il periodo compreso tra la fine del mondo antico e gli inizi del Quattrocento; è necessaria la capacità di comprendere e utilizzare adeguatamente la terminologia storico-artistica.

In assenza dei Prerequisiti richiesti, cfr. sotto Altre informazioni utili.

Il corso intende tracciare i principali lineamenti della storia dell’arte medievale dal IV secolo agli albori del Quattrocento, introducendo gli studenti ai diversi problemi di lettura dell’iconografia e dello stile delle opere considerate, della loro comprensione nel contesto storico, artistico e architettonico. Saranno affrontante problematiche di periodizzazione e geografia artistica; articolare attenzione sarà dedicata a problemi di metodo, sia per ampliare le nozioni del manuale di riferimento, sia per acquisire una buona capacità di applicare strumenti di analisi.

Il corso intende tracciare i principali lineamenti della storia dell’arte medievale dal IV secolo agli albori del Quattrocento, introducendo gli studenti ai diversi problemi di lettura dell’iconografia e dello stile delle opere considerate, della loro comprensione nel contesto storico, artistico e architettonico. Saranno affrontante problematiche di periodizzazione e geografia artistica; articolare attenzione sarà dedicata a problemi di metodo, sia per ampliare le nozioni del manuale di riferimento, sia per acquisire una buona capacità di applicare strumenti di analisi.

Il corso si svolgerà con lezioni frontali durante le quali saranno proiettate presentazioni powerpoint; è previsto un breve viaggio di studio di approfondimento relativo a tematiche di particolare interesse territoriale.

È previsto un test d’ingresso scritto per la valutazione del possesso dei prerequisiti e l’assegnazione di eventuali attività di recupero da concordare col docente.

La verifica del raggiungimento degli obiettivi potrà avvenire:

• attraverso prove in itinere non obbligatorie e per i soli studenti Frequentati;

• esame orale finale.

In sede di valutazione finale (esame orale) si prenderà in considerazione l’effettivo raggiungimento degli obiettivi sopra indicati; ulteriori elementi di valutazione saranno la proprietà di espressione, la coerenza nell’illustrare i singoli momenti della storia dell’arte medievale, la capacità di osservazione critica oltre che la frequenza al corso e alle attività correlate.

Il giudizio sarà espresso con voto in trentesimi assegnati secondo i criteri esplicitati nella tabella docimologica adottata approvata dal Consiglio Didattico del CdS in data 16/01/2018.

19 settembre 2019, ore 8:30                    Appello d’esame

14 novembre 2019, ore 8:30                    Appello d’esame (ad eccezione dei corsi di insegnamento erogati nel I semestre a.a. 2019/20)

23 gennaio 2020, ore 8:30                       Appello d’esame

13 febbraio 2020, ore 8:30                      Appello d’esame

12 marzo 2020, ore 8:30                          Appello d’esame (riservato ai laureandi della Sessione straordinaria e Studenti fuori corso)

16 aprile 2020, ore 8:30                           Appello d’esame (ad eccezione dei corsi di insegnamento erogati nel II semestre a.a. 2019/20)

04 giugno 2020, ore 8:30                         Appello d’esame (riservato ai laureandi della Sessione estiva e Studenti fuori corso)

11 giugno 2020, ore 8:30                         Appello d’esame

01 luglio 2020, ore 8:30                           Appello d’esame

16 luglio 2020, ore 8:30                           Appello d’esame

17 settembre 2020, ore 8:30                    Appello d’esame

Per gli studenti, di qualsiasi indirizzo, non in possesso dei Prerequisiti richiesti (cfr. sopra, Prerequisiti), la docente si rende disponibile nel programmare incontri con coloro che ne facciano richiesta per lezioni di supporto che consentano di recuperare le competenze necessarie per affrontare con profitto lo studio della materia.

La frequenza del corso è fortemente consigliata (sarà premura del docente verificare l’effettiva frequenza delle lezioni con appelli random). Saranno considerati studenti Non frequentanti coloro che avranno una percentuale di assenze superiore al 25%.

La non frequenza per giustificati motivi (es.: studente lavoratore; motivi di salute, etc.) deve essere comunicata alla docente entro il primo mese dall’inizio delle lezioni ovvero tempestivamente nel corso delle lezioni in caso di gravi motivi personali e/o familiari).

Il programma didattico del corso svilupperà i seguenti nuclei tematici:

• la crisi dell’arte classica in epoca tardo antica e la prima arte cristiana (con particolare riferimento all’architettura e alla cultura figurativa a Roma e Milano);

• Ravenna (V-VI secolo): il mosaico e l’arte bizantina;

• le invasioni barbariche, l’arte longobarda e la renovatio carolingia;

• la fortuna dell’antico;

• il ruolo dell’artista e committenti medievali;

• la rinascita dell’anno Mille e la genesi del Romanico in Europa e in Italia (area lombardo-emiliana; Venezia; il la Toscana e il centro-Italia; la Puglia, la Campania e la Sicilia);

• l’arte romanica oltre le cattedrali: la scultura e i sistemi decorativi monumentali;

• l’arte gotica nel Duecento: genesi e sviluppo in Europa;

• la cultura artistica federiciana;

• i Pisano e Arnolfo di Cambio;

• la pittura duecentesca: la questione greca e il ruolo della Toscana;

• tipologie e forme della pittura nel Duecento: le croci dipinte, le pale d’altare; le tavole agiografiche;

• Cimabue e Duccio di Buoninsegna;

• il cantiere di Assisi;

• Giotto e i giotteschi: le scuole regionali;

• il Trecento: Firenze, Siena, Avignone;

• l’arte di corte: Verona e Milano;

• il Gotico Internazionale.

Frequentanti:

Bibliografia:

• (di preferenza) S. Settis – T. Montanari, Arte. Una storia naturale e civile, Milano: Einaudi Scuola-Mondadori Education, 2019: vol. 1. Dalla Preistoria alla Tarda Antichità, solo pp. 366-fine volume; vol. 2. Dall’Alto Medioevo alla fine del Trecento, tutto; vol. 3. Dal Quattrocento alla Controriforma, solo pp. 6-25;

         OPPURE

• G. CRICCO – F. P. DI TEODORO, Il Cricco di Teodoro. Itinerario nell’arte, solo la Versione gialla e con possibilità di espansione online, Bologna: Zanichelli, 2010: vol. 2, Dall’arte paleocristiana a Giotto, 2010, tutto; vol. 3, Dal Gotico Internazionale al Manierismo, 2011, pp. 731-749;

 

• P. Belli D’Elia, Puglia romanica, Milano: Jacabook, 2003: solo l’Introduzione pp. 11-22 (PDF disponibile sulla pagina-web UniSalento della Docente, nella sezione Materiale Didattico).

 

N. B. – Lo studio del manuale è OBBLIGATORIO. L’uso di manuali diversi da quelli indicati in bibliografia non è ammesso.

 

Per la preparazione dell’esame è buona prassi ricorrere all’uso di compendi utili anche per i successivi insegnamenti di storia dell’arte previsti nel percorso formativo; a tal fine, si suggerisce la consultazione di un manuale dei termini artistici (per esempio: F. GUALDONI, Dizionario Skira dei termini artistici, Ginevra: Skira, 2010) e di uno sulle tecniche artistiche (per esempio: Arti e tecniche del Medioevo, a cura di F. CRIVELLO, Torino: Giulio Einaudi Einaudi, 2006; OPPURE Arti e storia nel Medioevo, a cura di E. CASTELNUOVO – G. SERGI, vol. 2, Del costruire: tecniche, artisti, artigiani, committenti, Torino: Giulio Einaudi Einaudi, 2003, pp. 427-fine).

 

L’Enciclopedia dell’Arte Medievale, 12 voll., Roma: Treccani, 1991-2002, costituisce un utile strumento per ulteriori approfondimenti (disponibile on-line http://www.treccani.it/enciclopedia/ricerca/-enciclopedia-dell’arte-medievale/Enciclopedia_dell’_Arte_Medievale/ e in cartaceo, presso al Biblioteca del Dipartimento di Beni Culturali).

_________________________________________________________

 

Non frequentanti:

Gli studenti Non frequentanti, alla bibliografia sopra indicata, DOVRANNO aggiungere le seguenti letture:

• M. De Giorgi, Interazioni del sacro. Forme e modelli di culto nella pittura bizantina in Puglia, «Convivium», V.1 (2018), pp. 113-125 (PDF disponibile sulla pagina-web UniSalento della Docente, nella sezione Materiale Didattico);

• M. De Giorgi, Il santorale della chiesa di San Mauro: ricognizione iconografica e alcune precisazioni iconologiche, in Sannicola. Abbazia di San Mauro. Gli affreschi italo-greci sulla serra dell’Altolido presso Gallipoli, a cura di S. Ortese, Copertino: Lupo Editore, 2012, pp. 31-40 (PDF disponibile sulla pagina-web UniSalento della Docente, nella sezione Materiale Didattico).

 

N.B. – Il materiale bibliografico e didattico sopra indicato è reperibile in gran parte nelle biblioteche universitarie (con la sola eccezione del manuale S. Settis – T. Montanari, Arte. Una storia naturale e civile, Milano: Einaudi Scuola-Mondadori Education, 2019). Gli articoli relativi al Modulo 3 e alle letture integrative obbligatorie per gli studenti non frequentanti sono disponibili in PDF sulla pagina-web dell’UniSalento della Docente, nella sezione Materiale Didattico dell’insegnamento.

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE (L-ART/01)
STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ART/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 23/09/2019 al 17/01/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso TECNOLOGICO (A69)

Buone conoscenze umanistiche di base, in particolare di storia dell’arte e storia per il periodo compreso tra la fine del mondo antico e gli inizi del Quattrocento; è necessaria la capacità di comprendere e utilizzare adeguatamente la terminologia storico-artistica.

In assenza dei Prerequisiti richiesti, cfr. sotto Altre informazioni utili.

Il corso intende tracciare i principali lineamenti della storia dell’arte medievale dal IV secolo agli albori del Quattrocento, introducendo gli studenti ai diversi problemi di lettura dell’iconografia e dello stile delle opere considerate, della loro comprensione nel contesto storico, artistico e architettonico. Saranno affrontante problematiche di periodizzazione e geografia artistica; articolare attenzione sarà dedicata a problemi di metodo, sia per ampliare le nozioni del manuale di riferimento, sia per acquisire una buona capacità di applicare strumenti di analisi.

Il corso intende tracciare i principali lineamenti della storia dell’arte medievale dal IV secolo agli albori del Quattrocento, introducendo gli studenti ai diversi problemi di lettura dell’iconografia e dello stile delle opere considerate, della loro comprensione nel contesto storico, artistico e architettonico. Saranno affrontante problematiche di periodizzazione e geografia artistica; articolare attenzione sarà dedicata a problemi di metodo, sia per ampliare le nozioni del manuale di riferimento, sia per acquisire una buona capacità di applicare strumenti di analisi.

Il corso si svolgerà con lezioni frontali durante le quali saranno proiettate presentazioni powerpoint; è previsto un breve viaggio di studio di approfondimento relativo a tematiche di particolare interesse territoriale.

È previsto un test d’ingresso scritto per la valutazione del possesso dei prerequisiti e l’assegnazione di eventuali attività di recupero da concordare col docente.

La verifica del raggiungimento degli obiettivi potrà avvenire:

• attraverso prove in itinere non obbligatorie e per i soli studenti Frequentati;

• esame orale finale.

In sede di valutazione finale (esame orale) si prenderà in considerazione l’effettivo raggiungimento degli obiettivi sopra indicati; ulteriori elementi di valutazione saranno la proprietà di espressione, la coerenza nell’illustrare i singoli momenti della storia dell’arte medievale, la capacità di osservazione critica oltre che la frequenza al corso e alle attività correlate.

Il giudizio sarà espresso con voto in trentesimi assegnati secondo i criteri esplicitati nella tabella docimologica adottata approvata dal Consiglio Didattico del CdS in data 16/01/2018.

19 settembre 2019, ore 8:30                    Appello d’esame

14 novembre 2019, ore 8:30                    Appello d’esame (ad eccezione dei corsi di insegnamento erogati nel I semestre a.a. 2019/20)

23 gennaio 2020, ore 8:30                       Appello d’esame

13 febbraio 2020, ore 8:30                      Appello d’esame

12 marzo 2020, ore 8:30                          Appello d’esame (riservato ai laureandi della Sessione straordinaria e Studenti fuori corso)

16 aprile 2020, ore 8:30                           Appello d’esame (ad eccezione dei corsi di insegnamento erogati nel II semestre a.a. 2019/20)

04 giugno 2020, ore 8:30                         Appello d’esame (riservato ai laureandi della Sessione estiva e Studenti fuori corso)

11 giugno 2020, ore 8:30                         Appello d’esame

01 luglio 2020, ore 8:30                           Appello d’esame

16 luglio 2020, ore 8:30                           Appello d’esame

17 settembre 2020, ore 8:30                    Appello d’esame

Per gli studenti, di qualsiasi indirizzo, non in possesso dei Prerequisiti richiesti (cfr. sopra, Prerequisiti), la docente si rende disponibile nel programmare incontri con coloro che ne facciano richiesta per lezioni di supporto che consentano di recuperare le competenze necessarie per affrontare con profitto lo studio della materia.

La frequenza del corso è fortemente consigliata (sarà premura del docente verificare l’effettiva frequenza delle lezioni con appelli random). Saranno considerati studenti Non frequentanti coloro che avranno una percentuale di assenze superiore al 25%.

La non frequenza per giustificati motivi (es.: studente lavoratore; motivi di salute, etc.) deve essere comunicata alla docente entro il primo mese dall’inizio delle lezioni ovvero tempestivamente nel corso delle lezioni in caso di gravi motivi personali e/o familiari).

Il programma didattico del corso svilupperà i seguenti nuclei tematici:

• la crisi dell’arte classica in epoca tardo antica e la prima arte cristiana (con particolare riferimento all’architettura e alla cultura figurativa a Roma e Milano);

• Ravenna (V-VI secolo): il mosaico e l’arte bizantina;

• le invasioni barbariche, l’arte longobarda e la renovatio carolingia;

• la fortuna dell’antico;

• il ruolo dell’artista e committenti medievali;

• la rinascita dell’anno Mille e la genesi del Romanico in Europa e in Italia (area lombardo-emiliana; Venezia; il la Toscana e il centro-Italia; la Puglia, la Campania e la Sicilia);

• l’arte romanica oltre le cattedrali: la scultura e i sistemi decorativi monumentali;

• l’arte gotica nel Duecento: genesi e sviluppo in Europa;

• la cultura artistica federiciana;

• i Pisano e Arnolfo di Cambio;

• la pittura duecentesca: la questione greca e il ruolo della Toscana;

• tipologie e forme della pittura nel Duecento: le croci dipinte, le pale d’altare; le tavole agiografiche;

• Cimabue e Duccio di Buoninsegna;

• il cantiere di Assisi;

• Giotto e i giotteschi: le scuole regionali;

• il Trecento: Firenze, Siena, Avignone;

• l’arte di corte: Verona e Milano;

• il Gotico Internazionale.

Frequentanti:

Bibliografia:

• (di preferenza) S. Settis – T. Montanari, Arte. Una storia naturale e civile, Milano: Einaudi Scuola-Mondadori Education, 2019: vol. 1. Dalla Preistoria alla Tarda Antichità, solo pp. 366-fine volume; vol. 2. Dall’Alto Medioevo alla fine del Trecento, tutto; vol. 3. Dal Quattrocento alla Controriforma, solo pp. 6-25;

         OPPURE

• G. CRICCO – F. P. DI TEODORO, Il Cricco di Teodoro. Itinerario nell’arte, solo la Versione gialla e con possibilità di espansione online, Bologna: Zanichelli, 2010: vol. 2, Dall’arte paleocristiana a Giotto, 2010, tutto; vol. 3, Dal Gotico Internazionale al Manierismo, 2011, pp. 731-749;

 

• P. Belli D’Elia, Puglia romanica, Milano: Jacabook, 2003: solo l’Introduzione pp. 11-22 (PDF disponibile sulla pagina-web UniSalento della Docente, nella sezione Materiale Didattico).

 

N. B. – Lo studio del manuale è OBBLIGATORIO. L’uso di manuali diversi da quelli indicati in bibliografia non è ammesso.

 

Per la preparazione dell’esame è buona prassi ricorrere all’uso di compendi utili anche per i successivi insegnamenti di storia dell’arte previsti nel percorso formativo; a tal fine, si suggerisce la consultazione di un manuale dei termini artistici (per esempio: F. GUALDONI, Dizionario Skira dei termini artistici, Ginevra: Skira, 2010) e di uno sulle tecniche artistiche (per esempio: Arti e tecniche del Medioevo, a cura di F. CRIVELLO, Torino: Giulio Einaudi Einaudi, 2006; OPPURE Arti e storia nel Medioevo, a cura di E. CASTELNUOVO – G. SERGI, vol. 2, Del costruire: tecniche, artisti, artigiani, committenti, Torino: Giulio Einaudi Einaudi, 2003, pp. 427-fine).

 

L’Enciclopedia dell’Arte Medievale, 12 voll., Roma: Treccani, 1991-2002, costituisce un utile strumento per ulteriori approfondimenti (disponibile on-line http://www.treccani.it/enciclopedia/ricerca/-enciclopedia-dell’arte-medievale/Enciclopedia_dell’_Arte_Medievale/ e in cartaceo, presso al Biblioteca del Dipartimento di Beni Culturali).

_________________________________________________________

 

Non frequentanti:

Gli studenti Non frequentanti, alla bibliografia sopra indicata, DOVRANNO aggiungere le seguenti letture:

• M. De Giorgi, Interazioni del sacro. Forme e modelli di culto nella pittura bizantina in Puglia, «Convivium», V.1 (2018), pp. 113-125 (PDF disponibile sulla pagina-web UniSalento della Docente, nella sezione Materiale Didattico);

• M. De Giorgi, Il santorale della chiesa di San Mauro: ricognizione iconografica e alcune precisazioni iconologiche, in Sannicola. Abbazia di San Mauro. Gli affreschi italo-greci sulla serra dell’Altolido presso Gallipoli, a cura di S. Ortese, Copertino: Lupo Editore, 2012, pp. 31-40 (PDF disponibile sulla pagina-web UniSalento della Docente, nella sezione Materiale Didattico).

 

N.B. – Il materiale bibliografico e didattico sopra indicato è reperibile in gran parte nelle biblioteche universitarie (con la sola eccezione del manuale S. Settis – T. Montanari, Arte. Una storia naturale e civile, Milano: Einaudi Scuola-Mondadori Education, 2019). Gli articoli relativi al Modulo 3 e alle letture integrative obbligatorie per gli studenti non frequentanti sono disponibili in PDF sulla pagina-web dell’UniSalento della Docente, nella sezione Materiale Didattico dell’insegnamento.

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE (L-ART/01)
STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ART/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 23/09/2019 al 17/01/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso ARCHEOLOGICO (A68)

Buone conoscenze umanistiche di base, in particolare di storia dell’arte e storia per il periodo compreso tra la fine del mondo antico e gli inizi del Quattrocento; è necessaria la capacità di comprendere e utilizzare adeguatamente la terminologia storico-artistica.

In assenza dei Prerequisiti richiesti, cfr. sotto Altre informazioni utili.

Il corso intende tracciare i principali lineamenti della storia dell’arte medievale dal IV secolo agli albori del Quattrocento, introducendo gli studenti ai diversi problemi di lettura dell’iconografia e dello stile delle opere considerate, della loro comprensione nel contesto storico, artistico e architettonico. Saranno affrontante problematiche di periodizzazione e geografia artistica; articolare attenzione sarà dedicata a problemi di metodo, sia per ampliare le nozioni del manuale di riferimento, sia per acquisire una buona capacità di applicare strumenti di analisi.

Il corso intende tracciare i principali lineamenti della storia dell’arte medievale dal IV secolo agli albori del Quattrocento, introducendo gli studenti ai diversi problemi di lettura dell’iconografia e dello stile delle opere considerate, della loro comprensione nel contesto storico, artistico e architettonico. Saranno affrontante problematiche di periodizzazione e geografia artistica; articolare attenzione sarà dedicata a problemi di metodo, sia per ampliare le nozioni del manuale di riferimento, sia per acquisire una buona capacità di applicare strumenti di analisi.

Il corso si svolgerà con lezioni frontali durante le quali saranno proiettate presentazioni powerpoint; è previsto un breve viaggio di studio di approfondimento relativo a tematiche di particolare interesse territoriale.

È previsto un test d’ingresso scritto per la valutazione del possesso dei prerequisiti e l’assegnazione di eventuali attività di recupero da concordare col docente.

La verifica del raggiungimento degli obiettivi potrà avvenire:

• attraverso prove in itinere non obbligatorie e per i soli studenti Frequentati;

• esame orale finale.

In sede di valutazione finale (esame orale) si prenderà in considerazione l’effettivo raggiungimento degli obiettivi sopra indicati; ulteriori elementi di valutazione saranno la proprietà di espressione, la coerenza nell’illustrare i singoli momenti della storia dell’arte medievale, la capacità di osservazione critica oltre che la frequenza al corso e alle attività correlate.

Il giudizio sarà espresso con voto in trentesimi assegnati secondo i criteri esplicitati nella tabella docimologica adottata approvata dal Consiglio Didattico del CdS in data 16/01/2018.

19 settembre 2019, ore 8:30                    Appello d’esame

14 novembre 2019, ore 8:30                    Appello d’esame (ad eccezione dei corsi di insegnamento erogati nel I semestre a.a. 2019/20)

23 gennaio 2020, ore 8:30                       Appello d’esame

13 febbraio 2020, ore 8:30                      Appello d’esame

12 marzo 2020, ore 8:30                          Appello d’esame (riservato ai laureandi della Sessione straordinaria e Studenti fuori corso)

16 aprile 2020, ore 8:30                           Appello d’esame (ad eccezione dei corsi di insegnamento erogati nel II semestre a.a. 2019/20)

04 giugno 2020, ore 8:30                         Appello d’esame (riservato ai laureandi della Sessione estiva e Studenti fuori corso)

11 giugno 2020, ore 8:30                         Appello d’esame

01 luglio 2020, ore 8:30                           Appello d’esame

16 luglio 2020, ore 8:30                           Appello d’esame

17 settembre 2020, ore 8:30                    Appello d’esame

Per gli studenti, di qualsiasi indirizzo, non in possesso dei Prerequisiti richiesti (cfr. sopra, Prerequisiti), la docente si rende disponibile nel programmare incontri con coloro che ne facciano richiesta per lezioni di supporto che consentano di recuperare le competenze necessarie per affrontare con profitto lo studio della materia.

La frequenza del corso è fortemente consigliata (sarà premura del docente verificare l’effettiva frequenza delle lezioni con appelli random). Saranno considerati studenti Non frequentanti coloro che avranno una percentuale di assenze superiore al 25%.

La non frequenza per giustificati motivi (es.: studente lavoratore; motivi di salute, etc.) deve essere comunicata alla docente entro il primo mese dall’inizio delle lezioni ovvero tempestivamente nel corso delle lezioni in caso di gravi motivi personali e/o familiari).

Il programma didattico del corso svilupperà i seguenti nuclei tematici:

• la crisi dell’arte classica in epoca tardo antica e la prima arte cristiana (con particolare riferimento all’architettura e alla cultura figurativa a Roma e Milano);

• Ravenna (V-VI secolo): il mosaico e l’arte bizantina;

• le invasioni barbariche, l’arte longobarda e la renovatio carolingia;

• la fortuna dell’antico;

• il ruolo dell’artista e committenti medievali;

• la rinascita dell’anno Mille e la genesi del Romanico in Europa e in Italia (area lombardo-emiliana; Venezia; il la Toscana e il centro-Italia; la Puglia, la Campania e la Sicilia);

• l’arte romanica oltre le cattedrali: la scultura e i sistemi decorativi monumentali;

• l’arte gotica nel Duecento: genesi e sviluppo in Europa;

• la cultura artistica federiciana;

• i Pisano e Arnolfo di Cambio;

• la pittura duecentesca: la questione greca e il ruolo della Toscana;

• tipologie e forme della pittura nel Duecento: le croci dipinte, le pale d’altare; le tavole agiografiche;

• Cimabue e Duccio di Buoninsegna;

• il cantiere di Assisi;

• Giotto e i giotteschi: le scuole regionali;

• il Trecento: Firenze, Siena, Avignone;

• l’arte di corte: Verona e Milano;

• il Gotico Internazionale.

Frequentanti:

Bibliografia:

• (di preferenza) S. Settis – T. Montanari, Arte. Una storia naturale e civile, Milano: Einaudi Scuola-Mondadori Education, 2019: vol. 1. Dalla Preistoria alla Tarda Antichità, solo pp. 366-fine volume; vol. 2. Dall’Alto Medioevo alla fine del Trecento, tutto; vol. 3. Dal Quattrocento alla Controriforma, solo pp. 6-25;

         OPPURE

• G. CRICCO – F. P. DI TEODORO, Il Cricco di Teodoro. Itinerario nell’arte, solo la Versione gialla e con possibilità di espansione online, Bologna: Zanichelli, 2010: vol. 2, Dall’arte paleocristiana a Giotto, 2010, tutto; vol. 3, Dal Gotico Internazionale al Manierismo, 2011, pp. 731-749;

 

• P. Belli D’Elia, Puglia romanica, Milano: Jacabook, 2003: solo l’Introduzione pp. 11-22 (PDF disponibile sulla pagina-web UniSalento della Docente, nella sezione Materiale Didattico).

 

N. B. – Lo studio del manuale è OBBLIGATORIO. L’uso di manuali diversi da quelli indicati in bibliografia non è ammesso.

 

Per la preparazione dell’esame è buona prassi ricorrere all’uso di compendi utili anche per i successivi insegnamenti di storia dell’arte previsti nel percorso formativo; a tal fine, si suggerisce la consultazione di un manuale dei termini artistici (per esempio: F. GUALDONI, Dizionario Skira dei termini artistici, Ginevra: Skira, 2010) e di uno sulle tecniche artistiche (per esempio: Arti e tecniche del Medioevo, a cura di F. CRIVELLO, Torino: Giulio Einaudi Einaudi, 2006; OPPURE Arti e storia nel Medioevo, a cura di E. CASTELNUOVO – G. SERGI, vol. 2, Del costruire: tecniche, artisti, artigiani, committenti, Torino: Giulio Einaudi Einaudi, 2003, pp. 427-fine).

 

L’Enciclopedia dell’Arte Medievale, 12 voll., Roma: Treccani, 1991-2002, costituisce un utile strumento per ulteriori approfondimenti (disponibile on-line http://www.treccani.it/enciclopedia/ricerca/-enciclopedia-dell’arte-medievale/Enciclopedia_dell’_Arte_Medievale/ e in cartaceo, presso al Biblioteca del Dipartimento di Beni Culturali).

_________________________________________________________

 

Non frequentanti:

Gli studenti Non frequentanti, alla bibliografia sopra indicata, DOVRANNO aggiungere le seguenti letture:

• M. De Giorgi, Interazioni del sacro. Forme e modelli di culto nella pittura bizantina in Puglia, «Convivium», V.1 (2018), pp. 113-125 (PDF disponibile sulla pagina-web UniSalento della Docente, nella sezione Materiale Didattico);

• M. De Giorgi, Il santorale della chiesa di San Mauro: ricognizione iconografica e alcune precisazioni iconologiche, in Sannicola. Abbazia di San Mauro. Gli affreschi italo-greci sulla serra dell’Altolido presso Gallipoli, a cura di S. Ortese, Copertino: Lupo Editore, 2012, pp. 31-40 (PDF disponibile sulla pagina-web UniSalento della Docente, nella sezione Materiale Didattico).

 

N.B. – Il materiale bibliografico e didattico sopra indicato è reperibile in gran parte nelle biblioteche universitarie (con la sola eccezione del manuale S. Settis – T. Montanari, Arte. Una storia naturale e civile, Milano: Einaudi Scuola-Mondadori Education, 2019). Gli articoli relativi al Modulo 3 e alle letture integrative obbligatorie per gli studenti non frequentanti sono disponibili in PDF sulla pagina-web dell’UniSalento della Docente, nella sezione Materiale Didattico dell’insegnamento.

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE (L-ART/01)
STORIA DELL'ARTE BIZANTINA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Settore Scientifico Disciplinare L-ART/01

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 24/09/2018 al 25/01/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PATRIMONIO CULTURALE (A70)

Buone conoscenze della storia dell’arte medievale (fino al XV secolo) e delle dinamiche storiche mediterranee (dal IV secolo al 1453); padronanza degli strumenti di analisi (iconografica e formale) delle opere d’arte; capacità di comprendere e utilizzare adeguatamente la terminologia storico-artistica.

CONTENUTI GENERALI: Il corso intende tracciare i principali lineamenti della storia dell’arte bizantina dal IV secolo fino alla presa turca di Costantinopoli; gli studenti saranno chiamati ad affrontare criticamente i diversi problemi di lettura dell’iconografia e dello stile delle opere considerate, della loro comprensione nel contesto storico, artistico e architettonico. Saranno affrontante problematiche di periodizzazione e geografia artistica; saranno considerati nello specifico alcuni fondamentali problemi di metodo, sia per ampliare le nozioni del manuale di riferimento, sia per acquisire una buona capacità di applicare gli strumenti di analisi. Particolare attenzione sarà dedicata alla cultura artistica delle cosiddette ‘periferie dell’Impero’ e alle forme ‘ibride’ di sinergia culturale.

PRESENTAZIONE DETTAGLIATA: Il corso si compone di due parti: la prima comprende i lineamenti generali della storia dell’arte bizantina (Modulo 1: 50 ore di lezioni frontali); la seconda si focalizzerà sul ruolo di Venezia nel quadro della cultura bizantina e mediterranea nel Medioevo (Modulo 2: 13 ore di lezioni frontali). Nel quadro delle attività del Modulo 2, è previsto un viaggio di studio di due giorni, parte integrante dell’insegnamento, le cui date e modalità saranno concordate con gli studenti all’inizio del corso.

L’insegnamento si propone i seguenti obiettivi:

  1. portare gli studenti all’acquisizione di una conoscenza di base dello sviluppo dell’arte bizantina e alla piena comprensione dei problemi di periodizzazione e delle più importanti questioni storiografiche;
  2. acquisire una piena consapevolezza dei problemi di definizione degli ambiti culturali della produzione artistica bizantina;
  3. acquisire una conoscenza diretta delle opere più rappresentative;
  4. saper contestualizzare le opere (note e meno note) all’interno di un preciso ambito culturale e temporale;
  5. individuare le tecniche impiegate;
  6. sviluppare capacità metodologica e di studio degli strumenti bibliografici disponibili relativamente alle tematiche affrontate;
  7. conoscere e saper contestualizzare le specificità della cultura artistica bizantina a Venezia.

Il corso si svolgerà con lezioni frontali durante le quali saranno proiettate presentazioni powerpoint; è previsto un viaggio di studio a Venezia strettamente legato alle tematiche di approfondimento (Modulo 2).

Le lezioni avranno inizio il 24 settembre 2018; l’orario settimanale sarà reso disponibile nella prima metà del mese di settembre 2018.

È previsto un test d’ingresso per la valutazione del possesso dei prerequisiti, con particolare riferimento alla conoscenza dei lineamenti della storia dell’arte medievale e all’uso corretto di una terminologia adeguata. La necessità di eventuali attività di recupero sarà segnalata ed indicata dal docente.

La verifica del raggiungimento degli obiettivi sarà effettuata:

1. con la redazione di un breve elaborato scritto (max 20.000 caratteri, note e spazi inclusi) ovvero di un seminario partecipato (max un’ora per ogni singola presentazione), secondo quanto concordato col docente, su un tema congruente con i contenuti del corso;

2. esame orale finale.

In sede di valutazione finale si prenderà in considerazione l’effettivo raggiungimento degli obiettivi sopra indicati; ulteriori elementi di valutazione saranno la proprietà di espressione, la coerenza nell’illustrare i singoli momenti della storia dell’arte bizantina, la capacità di osservazione critica e di analisi degli strumenti bibliografici utili alla redazione dell’elaborato scritto/presentazione seminariale oltre che la frequenza al corso e alle attività correlate.

Il giudizio finale sarà espresso con voto in trentesimi assegnato secondo i criteri esplicitati nella tabella docimologica riportata tra le RISORSE CORRELATE(nome file: Griglia_Valutazione_STORIA_DELL_ARTE).

Gli studenti potranno prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL. Le date d'appello utili (fino a Luglio 2019) sono le seguenti:

28 gennaio 2019, ore 8:30          Appello d’esame (Sessione Invernale VOL 1)

12 febbraio 2019, ore 8:30         Appello d’esame (Sessione Invernale VOL 1)

23 aprile 2019, ore 8:30              Appello d’esame (Sessione Invernale VOL 2 – Ad eccezione dei corsi di insegnamento offerti nel II semestre dell’a.a.

                                                             2017/2018)

27 maggio 2019, ore 8:30           Appello d’esame riservato a laureandi della sessione estiva, studenti fuori corso (Sessione Estiva VOL 3)

10 giugno 2019, ore 8:30            Appello d’esame riservato a laureandi della sessione estiva, studenti in corso (Sessione Estiva VOL 3); Appello d’esame

                                                             (Sessione Estiva VOL 4)

19 luglio 2019, ore 8:30               Appello (Sessione Estiva VOL 4)

 

Il Calendario completo di tutti gli appelli utili (anche per gli aa.aa. precedenti) per il periodo Settembre 2018-Luglio 2019 è disponibile nelle RISORSE CORRELATE (nome file: Calendario_Appelli_SET_18-LUG_19).

La frequenza del corso è fortemente consigliata (sarà premura del docente verificare l’effettiva frequenza delle lezioni con appelli random) come pure la partecipazione al viaggio di studio previsto per il Modulo 2, che è parte integrante dell’esame. Saranno considerati studenti Non frequentanti coloro che avranno una percentuale di assenze superiore al 25%. La non frequenza per giustificati motivi (es.: studente lavoratore; motivi di salute, etc.) deve essere comunicata  al docente all’inizio del corso.

Il programma didattico del corso svilupperà, per il Modulo 1, i seguenti nuclei tematici:

  1. Costantinopoli: la fondazione di una nuova capitale e la genesi dell’arte bizantina;
  2. Giustiniano e il ‘secolo d’oro’;
  3. Santa Sofia e il monastero di Santa Caterina;
  4. ‘immagine’ vs ‘eikón’;
  5. l’Iconoclastia;
  6. la rinascenza macedone: architettura, pittura monumentale e su tavola, miniatura, arti minori;
  7. l’età dei Comneni e i rapporti con l’Occidente;
  8. Costantinopoli latina;
  9. le periferie dell’Impero d’Oriente: Cappadocia, Italia meridionale, i Balcani;
  10. i Paleologi: rinnovamento e declino.

Per il Modulo 2, sono previsti i seguenti nuclei tematici, alcuni dei quali  saranno affrontanti durante il viaggio di studio e supportati con un handhout bibliografico:

  1. San Marco a Venezia e il suo modello;
  2. il mosaico in area veneta (San Marco; Torcello; etc.);
  3. le arti minori e il Tesoro di San Marco;
  4. Venezia e il riuso: materiali che viaggiano dall'Oriente verso la Laguna.

BIBLIOGRAFIA

Frequentanti:

  • E. CONCINA, Le arti a Bisanzio, Milano: Bruno Mondadori 2002 (fino a p. 364).

Lo studio del manuale andrà integrato con gli appunti delle lezioni.

L’Enciclopedia dell’Arte Medievale, 12 voll., Roma: Treccani, 1991-2002, costituisce un utile strumento per ulteriori approfondimenti (disponibile on-line http://www.treccani.it/enciclopedia/ricerca/-enciclopedia-dell’arte-medievale/Enciclopedia_dell’_Arte_Medievale/ e in cartaceo, presso al Biblioteca del Dipartimento di Beni Culturali).

_________________________________________________________

Non frequentanti:

Gli studenti Non frequentanti, alla bibliografia sopra indicata, DOVRANNO aggiungere la lettura del seguente volume:

  • L. BRUBAKER, L’invenzione dell’iconoclasmo bizantino, Roma: Viella, 2015.

 

N.B. – Il materiale bibliografico e didattico sopra indicato è reperibile nelle biblioteche universitarie; quanto non già nelle biblioteche di Ateneo, sarà disponibile in PDF sulla pagina-web dell’UniSalento della Docente, nella sezione Materiale Didattico ovvero in sola consultazione presso il Laboratorio Didattico.

Saranno messi a disposizione degli studenti anche i powerpoint delle lezioni solo ed esclusivamente sul terminale del Laboratorio Didattico: non sarà consentito in alcun modo copiare i file su supporti esterni.

STORIA DELL'ARTE BIZANTINA (L-ART/01)
STORIA DELL'ARTE BIZANTINA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Settore Scientifico Disciplinare L-ART/01

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 24/09/2018 al 25/01/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso STORICO ARTISTICO (A71)

Buone conoscenze della storia dell’arte medievale (fino al XV secolo) e delle dinamiche storiche mediterranee (dal IV secolo al 1453); padronanza degli strumenti di analisi (iconografica e formale) delle opere d’arte; capacità di comprendere e utilizzare adeguatamente la terminologia storico-artistica.

CONTENUTI GENERALI: Il corso intende tracciare i principali lineamenti della storia dell’arte bizantina dal IV secolo fino alla presa turca di Costantinopoli; gli studenti saranno chiamati ad affrontare criticamente i diversi problemi di lettura dell’iconografia e dello stile delle opere considerate, della loro comprensione nel contesto storico, artistico e architettonico. Saranno affrontante problematiche di periodizzazione e geografia artistica; saranno considerati nello specifico alcuni fondamentali problemi di metodo, sia per ampliare le nozioni del manuale di riferimento, sia per acquisire una buona capacità di applicare gli strumenti di analisi. Particolare attenzione sarà dedicata alla cultura artistica delle cosiddette ‘periferie dell’Impero’ e alle forme ‘ibride’ di sinergia culturale.

PRESENTAZIONE DETTAGLIATA: Il corso si compone di due parti: la prima comprende i lineamenti generali della storia dell’arte bizantina (Modulo 1: 50 ore di lezioni frontali); la seconda si focalizzerà sul ruolo di Venezia nel quadro della cultura bizantina e mediterranea nel Medioevo (Modulo 2: 13 ore di lezioni frontali). Nel quadro delle attività del Modulo 2, è previsto un viaggio di studio di due giorni, parte integrante dell’insegnamento, le cui date e modalità saranno concordate con gli studenti all’inizio del corso.

L’insegnamento si propone i seguenti obiettivi:

  1. portare gli studenti all’acquisizione di una conoscenza di base dello sviluppo dell’arte bizantina e alla piena comprensione dei problemi di periodizzazione e delle più importanti questioni storiografiche;
  2. acquisire una piena consapevolezza dei problemi di definizione degli ambiti culturali della produzione artistica bizantina;
  3. acquisire una conoscenza diretta delle opere più rappresentative;
  4. saper contestualizzare le opere (note e meno note) all’interno di un preciso ambito culturale e temporale;
  5. individuare le tecniche impiegate;
  6. sviluppare capacità metodologica e di studio degli strumenti bibliografici disponibili relativamente alle tematiche affrontate;
  7. conoscere e saper contestualizzare le specificità della cultura artistica bizantina a Venezia.

Il corso si svolgerà con lezioni frontali durante le quali saranno proiettate presentazioni powerpoint; è previsto un viaggio di studio a Venezia strettamente legato alle tematiche di approfondimento (Modulo 2).

Le lezioni avranno inizio il 24 settembre 2018; l’orario settimanale sarà reso disponibile nella prima metà del mese di settembre 2018.

È previsto un test d’ingresso per la valutazione del possesso dei prerequisiti, con particolare riferimento alla conoscenza dei lineamenti della storia dell’arte medievale e all’uso corretto di una terminologia adeguata. La necessità di eventuali attività di recupero sarà segnalata ed indicata dal docente.

La verifica del raggiungimento degli obiettivi sarà effettuata:

1. con la redazione di un breve elaborato scritto (max 20.000 caratteri, note e spazi inclusi) ovvero di un seminario partecipato (max un’ora per ogni singola presentazione), secondo quanto concordato col docente, su un tema congruente con i contenuti del corso;

2. esame orale finale.

In sede di valutazione finale si prenderà in considerazione l’effettivo raggiungimento degli obiettivi sopra indicati; ulteriori elementi di valutazione saranno la proprietà di espressione, la coerenza nell’illustrare i singoli momenti della storia dell’arte bizantina, la capacità di osservazione critica e di analisi degli strumenti bibliografici utili alla redazione dell’elaborato scritto/presentazione seminariale oltre che la frequenza al corso e alle attività correlate.

Il giudizio finale sarà espresso con voto in trentesimi assegnato secondo i criteri esplicitati nella tabella docimologica riportata tra le RISORSE CORRELATE (nome file: Griglia_Valutazione_STORIA_DELL_ARTE).

Gli studenti potranno prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL. Le date d'appello utili (fino a Luglio 2019) sono le seguenti:

28 gennaio 2019, ore 8:30          Appello d’esame (Sessione Invernale VOL 1)

12 febbraio 2019, ore 8:30         Appello d’esame (Sessione Invernale VOL 1)

23 aprile 2019, ore 8:30              Appello d’esame (Sessione Invernale VOL 2 – Ad eccezione dei corsi di insegnamento offerti nel II semestre dell’a.a.

                                                             2017/2018)

27 maggio 2019, ore 8:30           Appello d’esame riservato a laureandi della sessione estiva, studenti fuori corso (Sessione Estiva VOL 3)

10 giugno 2019, ore 8:30            Appello d’esame riservato a laureandi della sessione estiva, studenti in corso (Sessione Estiva VOL 3); Appello d’esame

                                                             (Sessione Estiva VOL 4)

19 luglio 2019, ore 8:30               Appello (Sessione Estiva VOL 4)

 

Il Calendario completo di tutti gli appelli utili (anche per gli aa.aa. precedenti) per il periodo Settembre 2018-Luglio 2019 è disponibile nelle RISORSE CORRELATE (nome file: Calendario_Appelli_SET_18-LUG_19).

La frequenza del corso è fortemente consigliata (sarà premura del docente verificare l’effettiva frequenza delle lezioni con appelli random) come pure la partecipazione al viaggio di studio previsto per il Modulo 2, che è parte integrante dell’esame. Saranno considerati studenti Non frequentanti coloro che avranno una percentuale di assenze superiore al 25%. La non frequenza per giustificati motivi (es.: studente lavoratore; motivi di salute, etc.) deve essere comunicata  al docente all’inizio del corso.

Il programma didattico del corso svilupperà, per il Modulo 1, i seguenti nuclei tematici:

  1. Costantinopoli: la fondazione di una nuova capitale e la genesi dell’arte bizantina;
  2. Giustiniano e il ‘secolo d’oro’;
  3. Santa Sofia e il monastero di Santa Caterina;
  4. ‘immagine’ vs ‘eikón’;
  5. l’Iconoclastia;
  6. la rinascenza macedone: architettura, pittura monumentale e su tavola, miniatura, arti minori;
  7. l’età dei Comneni e i rapporti con l’Occidente;
  8. Costantinopoli latina;
  9. le periferie dell’Impero d’Oriente: Cappadocia, Italia meridionale, i Balcani;
  10. i Paleologi: rinnovamento e declino.

Per il Modulo 2, sono previsti i seguenti nuclei tematici, alcuni dei quali  saranno affrontanti durante il viaggio di studio e supportati con un handhout bibliografico:

  1. San Marco a Venezia e il suo modello;
  2. il mosaico in area veneta (San Marco; Torcello; etc.);
  3. le arti minori e il Tesoro di San Marco;
  4. Venezia e il riuso: materiali che viaggiano dall'Oriente verso la Laguna.

BIBLIOGRAFIA

Frequentanti:

  • E. CONCINA, Le arti a Bisanzio, Milano: Bruno Mondadori 2002 (fino a p. 364) - Modulo 1.

Lo studio del manuale andrà integrato con gli appunti delle lezioni.

L’Enciclopedia dell’Arte Medievale, 12 voll., Roma: Treccani, 1991-2002, costituisce un utile strumento per ulteriori approfondimenti (disponibile on-line http://www.treccani.it/enciclopedia/ricerca/-enciclopedia-dell’arte-medievale/Enciclopedia_dell’_Arte_Medievale/ e in cartaceo, presso al Biblioteca del Dipartimento di Beni Culturali).

 

  • G. LORENZONI, ad vocem Venezia, in Enciclopedia dell’Arte Medievale, vol. XI, Roma, 2000, pp. 524-553 - Modulo 2 (disponibile tra le RISORSE CORRELATE).

 

_________________________________________________________

Non frequentanti:

Gli studenti Non frequentanti, alla bibliografia sopra indicata, DOVRANNO aggiungere la lettura del seguente volume:

  • L. BRUBAKER, L’invenzione dell’iconoclasmo bizantino, Roma: Viella, 2015.

 

N.B. – Il materiale bibliografico e didattico sopra indicato è reperibile nelle biblioteche universitarie; quanto non già nelle biblioteche di Ateneo, sarà disponibile in PDF sulla pagina-web dell’UniSalento della Docente, nella sezione Materiale Didattico ovvero in sola consultazione presso il Laboratorio Didattico.

Saranno messi a disposizione degli studenti anche i powerpoint delle lezioni solo ed esclusivamente sul terminale del Laboratorio Didattico: non sarà consentito in alcun modo copiare i file su supporti esterni.

STORIA DELL'ARTE BIZANTINA (L-ART/01)
STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ART/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 24/09/2018 al 25/01/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso ARCHEOLOGICO (A68)

Sono richieste buone conoscenze umanistiche di base, in particolare di storia dell’arte e storia per il periodo compreso tra la fine del mondo antico e gli inizi del Quattrocento; è necessaria la capacità di comprendere e utilizzare adeguatamente la terminologia storico-artistica.

In assenza dei Prerequisiti richiesti, cfr. sotto Altre informazioni utili.

CONTENUTI GENERALI: Il corso intende tracciare i principali lineamenti della storia dell’arte medievale dall’età tardoantica alla fine del Trecento, introducendo gli studenti ai diversi problemi di lettura dell’iconografia e dello stile delle opere considerate, della loro comprensione nel contesto storico, artistico e architettonico. Saranno affrontante problematiche di periodizzazione e geografia artistica, finalizzate ad offrire una specifica preparazione in ambito storico-artistico. Particolare attenzione sarà dedicata a problemi di metodo, sia per ampliare le nozioni del manuale di riferimento, sia per acquisire una buona capacità di applicare strumenti di analisi.

PRESENTAZIONE DETTAGLIATA: Il corso si compone di due parti: la prima comprende i lineamenti generali della storia dell’arte bizantina (Moduli 1 & 2: 60 ore di lezioni frontali); la seconda (Modulo 3: 12 ore di lezioni frontali) si focalizzerà sul ruolo di Venezia nel quadro della cultura bizantina e mediterranea nel Medioevo. Nel quadro delle attività del Modulo 3, è previsto un viaggio di studio sul tema Venezia medievale, della duratadi due giorni, parte integrante dell’insegnamento, le cui date e modalità saranno concordate con gli studenti all’inizio del corso.

L’insegnamento si propone i seguenti obiettivi:

  1. portare gli studenti all’acquisizione di una conoscenza di base dello sviluppo dell’arte medievale e alla piena comprensione dei problemi di periodizzazione e delle più importanti questioni storiografiche;
  2. acquisire una piena consapevolezza dei problemi di definizione degli ambiti culturali della produzione artistica medievale;
  3. acquisire una conoscenza diretta delle opere più rappresentative;
  4. saper contestualizzare le opere (note e meno note) all’interno di un preciso ambito culturale e temporale;
  5. individuare le tecniche impiegate;
  6. conoscere e saper contestualizzare le specificità della cultura artistica medievale e bizantina a Venezia.

Il corso si svolgerà con lezioni frontali durante le quali saranno proiettate presentazioni powerpoint; è previsto un viaggio di studio a Venezia strettamente legato alle tematiche di approfondimento (Modulo 3).

Le lezioni avranno inizio il 24 settembre 2018; l’orario settimanale sarà reso disponibile nella prima metà del mese di settembre 2018.

Frequentanti:

Attiva partecipazione alle lezioni e ai sopralluoghi di studio (almeno il 75% delle presenze): 40%; esame orale: 60%. Sono previste due prove parziali intermedie scritte (non obbligatorie) sulla parte manualistica del corso.

Non frequentanti: esame orale: 100%.

 

È previsto un test d’ingresso per la valutazione del possesso dei prerequisiti e l’assegnazione di eventuali attività di recupero da concordare col docente.

La verifica del raggiungimento degli obiettivi potrà avvenire:

• attraverso prove in itinere non obbligatorie e per i soli studenti Frequentati;

• esame orale finale.

In sede di valutazione finale (esame orale) si prenderà in considerazione l’effettivo raggiungimento degli obiettivi sopra indicati; ulteriori elementi di valutazione saranno la proprietà di espressione, la coerenza nell’illustrare i singoli momenti della storia dell’arte medievale, la capacità di osservazione critica oltre che la frequenza al corso e alle attività correlate. Il giudizio sarà espresso con voto in trentesimi assegnati secondo i criteri esplicitati nella tabella docimologica adottata approvata dal Consiglio Didattico del CdS in data 16/01/2018 (cfr. RISORSE CORRELATE, nome file: Griglia_Valutazione_BBCC).

Gli studenti potranno prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL. Le date d'appello utili (fino a Luglio 2019) sono le seguenti:

28 gennaio 2019, ore 8:30          Appello d’esame (Sessione Invernale VOL 1)

12 febbraio 2019, ore 8:30         Appello d’esame (Sessione Invernale VOL 1)

23 aprile 2019, ore 8:30              Appello d’esame (Sessione Invernale VOL 2 – Ad eccezione dei corsi di insegnamento offerti nel II semestre dell’a.a.

                                                             2017/2018)

27 maggio 2019, ore 8:30           Appello d’esame riservato a laureandi della sessione estiva, studenti fuori corso (Sessione Estiva VOL 3)

10 giugno 2019, ore 8:30            Appello d’esame riservato a laureandi della sessione estiva, studenti in corso (Sessione Estiva VOL 3); Appello d’esame

                                                             (Sessione Estiva VOL 4)

19 luglio 2019, ore 8:30               Appello (Sessione Estiva VOL 4)

 

Il Calendario completo di tutti gli appelli utili (anche per gli aa.aa. precedenti) per il periodo Settembre 2018-Luglio 2019 è disponibile nelle RISORSE CORRELATE (nome file: Calendario_Appelli_SET_18-LUG_19).

Per gli studenti, di qualsiasi indirizzo, non in possesso dei Prerequisiti richiesti (cfr. sopra, Prerequisiti), la docente si rende disponibile nel programmare incontri con coloro che ne facciano richiesta per lezioni di supporto che consentano di recuperare le competenze necessarie per affrontare con profitto lo studio della materia.

La frequenza del corso è fortemente consigliata (sarà premura del docente verificare l’effettiva frequenza delle lezioni con appelli random). Saranno considerati studenti Non frequentanti coloro che avranno una percentuale di assenze superiore al 25%. La non frequenza per giustificati motivi (es.: studente lavoratore; motivi di salute, etc.) deve essere comunicata  al docente all’inizio del corso.

Il programma didattico del corso svilupperà, per i Moduli 1 & 2, i seguenti nuclei tematici:

  1. la crisi dell’arte classica in epoca tardo antica e la prima arte cristiana (con particolare riferimento all’architettura e alla cultura figurativa a Roma e Milano);
  2. Ravenna (V-VI secolo): il mosaico e l’arte bizantina;
  3. le invasioni barbariche, l’arte longobarda e la renovatio carolingia;
  4. la fortuna dell’antico;
  5. il ruolo dell’artista e committenti medievali;
  6. la rinascita dell’anno Mille e la genesi del Romanico in Europa e in Italia (area lombardo-emiliana; Venezia; il la Toscana e il centro-Italia; la Puglia, la Campania e la Sicilia);
  7. l’arte romanica oltre le cattedrali: la scultura e i sistemi decorativi monumentali;
  8. l’arte gotica nel Duecento: genesi e sviluppo in Europa;
  9. la cultura artistica federiciana;
  10. i Pisano e Arnolfo di Cambio;
  11. la pittura duecentesca: la questione greca e il ruolo della Toscana;
  12. tipologie e forme della pittura nel Duecento: le croci dipinte, le pale d’altare; le tavole agiografiche;
  13. Cimabue e Duccio di Buoninsegna;
  14. il cantiere di Assisi;
  15. Giotto e i giotteschi: le scuole regionali;
  16. il Trecento: Firenze, Siena, Avignone;
  17. l’arte di corte: Verona e Milano;
  18. il Gotico Internazionale.

Per il Modulo 3, sono previsti i seguenti nuclei tematici, alcuni dei quali  saranno affrontanti durante il viaggio di studio e supportati con un handhout bibliografico:

  1. San Marco a Venezia e il suo modello;
  2. il mosaico in area veneta (San Marco; Torcello; etc.);
  3. il Tesoro di San Marco.

Bibliografia: Moduli 1 & 2

I. Frequentanti:

- (di preferenza) P. L. De Vecchi – E. Cerchiari, Arte nel tempo, Milano: Bompiani, 1994 (o successive ristampe): vol. 1, tomo I, Dalla preistoria alla Tarda Antichità, pp. 240-299; vol. 1, tomo II, Il Medioevo, tutto; vol. 2, tomo I, Dal Gotico internazionale alla Maniera Moderna, pp. 1-45;

         OPPURE

- G. Cricco – F. P. Di Teodoro, Il Cricco di Teodoro. Itinerario nell’arte, solo la Versione gialla e con possibilità di espansione online, Bologna: Zanichelli, 20103: vol. 2, Dall’arte paleocristiana a Giotto, 20103, tutto; vol. 3, Dal Gotico Internazionale al Manierismo, 2011, pp. 731-749.

Lo studio del manuale va integrato con gli appunti delle lezioni e relativi powerpoint.

N. B. – Lo studio del manuale è OBBLIGATORIO. L’uso di manuali diversi da quelli indicati in bibliografia non è ammesso.

 

Bibliografia: Modulo 3

- La bibliografia relativa al Modulo 3 sarà fornita in forma di dispense (handhout) e powerpoint durante il corso.

 

Per la preparazione dell’esame è buona prassi ricorrere all’uso di compendi utili anche per i successivi insegnamenti di storia dell’arte previsti nel percorso formativo; a tal fine, si suggerisce la consultazione di un manuale dei termini artistici (per esempio: F. Gualdoni, Dizionario Skira dei termini artistici, Ginevra: Skira, 2010) e di uno sulle tecniche artistiche (per esempio: Arti e tecniche del Medioevo, a cura di F. Crivello, Torino: Giulio Einaudi Einaudi, 2006; OPPURE Arti e storia nel Medioevo, a cura di E. Castelnuovo – G. Sergi, vol. 2, Del costruire: tecniche, artisti, artigiani, committenti, Torino: Giulio Einaudi Einaudi, 2003, pp. 427-fine).

L’Enciclopedia dell’Arte Medievale, 12 voll., Roma: Treccani, 1991-2002, costituisce un utile strumento per ulteriori approfondimenti (disponibile on-line http://www.treccani.it/enciclopedia/ricerca/ enciclopedia-dell’arte-medievale/Enciclopedia_dell’_Arte_Medievale/ e in cartaceo, presso al Biblioteca del Dipartimento di Beni Culturali).

_________________________________________________________

 

II. Non frequentanti:

Gli studenti non frequentanti, alla bibliografia sopra indicata, DOVRANNO aggiungere le seguenti letture:

- A. Tomei, La decorazione della Basilica di San Francesco ad Assisi come metafora della questione giottesca, in Giotto e il Trecento. “Il più Sovrano Maestro stato in dipintura”, catalogo della mostra (Roma, Complesso del Vittoriano, 6 marzo – 29 giugno 2009), a cura di A. Tomei, Milano: Skira, 2009, vol. I Saggi, pp. 31-49 (disponibile nella sezione MATERIALE DIDATTICO, da settembre 2018);

- M. D’Onofrio, Per un profilo della committenza artistica dei papi a Roma nel Medioevo, in La committenza artistica dei papi a Roma nel Medioevo, a cura di M. D’Onofrio, Roma: Viella, 2016, pp. 7-49 (disponibile nella sezione MATERIALE DIDATTICO, da settembre 2018).

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE (L-ART/01)
STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ART/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 24/09/2018 al 25/01/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso STORICO ARTISTICO (A60)

Sono richieste buone conoscenze umanistiche di base, in particolare di storia dell’arte e storia per il periodo compreso tra la fine del mondo antico e gli inizi del Quattrocento; è necessaria la capacità di comprendere e utilizzare adeguatamente la terminologia storico-artistica.

In assenza dei Prerequisiti richiesti, cfr. sotto Altre informazioni utili.

CONTENUTI GENERALI: Il corso intende tracciare i principali lineamenti della storia dell’arte medievale dall’età tardoantica alla fine del Trecento, introducendo gli studenti ai diversi problemi di lettura dell’iconografia e dello stile delle opere considerate, della loro comprensione nel contesto storico, artistico e architettonico. Saranno affrontante problematiche di periodizzazione e geografia artistica, finalizzate ad offrire una specifica preparazione in ambito storico-artistico. Particolare attenzione sarà dedicata a problemi di metodo, sia per ampliare le nozioni del manuale di riferimento, sia per acquisire una buona capacità di applicare strumenti di analisi.

PRESENTAZIONE DETTAGLIATA: Il corso si compone di due parti: la prima comprende i lineamenti generali della storia dell’arte bizantina (Moduli 1 & 2: 60 ore di lezioni frontali); la seconda (Modulo 3: 12 ore di lezioni frontali) si focalizzerà sul ruolo di Venezia nel quadro della cultura bizantina e mediterranea nel Medioevo. Nel quadro delle attività del Modulo 3, è previsto un viaggio di studio sul tema Venezia medievale, della duratadi due giorni, parte integrante dell’insegnamento, le cui date e modalità saranno concordate con gli studenti all’inizio del corso.

L’insegnamento si propone i seguenti obiettivi:

  1. portare gli studenti all’acquisizione di una conoscenza di base dello sviluppo dell’arte medievale e alla piena comprensione dei problemi di periodizzazione e delle più importanti questioni storiografiche;
  2. acquisire una piena consapevolezza dei problemi di definizione degli ambiti culturali della produzione artistica medievale;
  3. acquisire una conoscenza diretta delle opere più rappresentative;
  4. saper contestualizzare le opere (note e meno note) all’interno di un preciso ambito culturale e temporale;
  5. individuare le tecniche impiegate;
  6. conoscere e saper contestualizzare le specificità della cultura artistica medievale e bizantina a Venezia.

Il corso si svolgerà con lezioni frontali durante le quali saranno proiettate presentazioni powerpoint; è previsto un viaggio di studio a Venezia strettamente legato alle tematiche di approfondimento (Modulo 3).

Le lezioni avranno inizio il 24 settembre 2018; l’orario settimanale sarà reso disponibile nella prima metà del mese di settembre 2018.

Frequentanti:

Attiva partecipazione alle lezioni e ai sopralluoghi di studio (almeno il 75% delle presenze): 40%; esame orale: 60%. Sono previste due prove parziali intermedie scritte (non obbligatorie) sulla parte manualistica del corso.

Non frequentanti: esame orale: 100%.

 

È previsto un test d’ingresso per la valutazione del possesso dei prerequisiti e l’assegnazione di eventuali attività di recupero da concordare col docente.

La verifica del raggiungimento degli obiettivi potrà avvenire:

• attraverso prove in itinere non obbligatorie e per i soli studenti Frequentati;

• esame orale finale.

In sede di valutazione finale (esame orale) si prenderà in considerazione l’effettivo raggiungimento degli obiettivi sopra indicati; ulteriori elementi di valutazione saranno la proprietà di espressione, la coerenza nell’illustrare i singoli momenti della storia dell’arte medievale, la capacità di osservazione critica oltre che la frequenza al corso e alle attività correlate. Il giudizio sarà espresso con voto in trentesimi assegnati secondo i criteri esplicitati nella tabella docimologica adottata approvata dal Consiglio Didattico del CdS in data 16/01/2018 (cfr. RISORSE CORRELATE, nome file: Griglia_Valutazione_BBCC).

Gli studenti potranno prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL. Le date d'appello utili (fino a Luglio 2019) sono le seguenti:

28 gennaio 2019, ore 8:30          Appello d’esame (Sessione Invernale VOL 1)

12 febbraio 2019, ore 8:30         Appello d’esame (Sessione Invernale VOL 1)

23 aprile 2019, ore 8:30              Appello d’esame (Sessione Invernale VOL 2 – Ad eccezione dei corsi di insegnamento offerti nel II semestre dell’a.a.

                                                             2017/2018)

27 maggio 2019, ore 8:30           Appello d’esame riservato a laureandi della sessione estiva, studenti fuori corso (Sessione Estiva VOL 3)

10 giugno 2019, ore 8:30            Appello d’esame riservato a laureandi della sessione estiva, studenti in corso (Sessione Estiva VOL 3); Appello d’esame

                                                             (Sessione Estiva VOL 4)

19 luglio 2019, ore 8:30               Appello (Sessione Estiva VOL 4)

 

Il Calendario completo di tutti gli appelli utili (anche per gli aa.aa. precedenti) per il periodo Settembre 2018-Luglio 2019 è disponibile nelle RISORSE CORRELATE (nome file: Calendario_Appelli_SET_18-LUG_19).

Per gli studenti, di qualsiasi indirizzo, non in possesso dei Prerequisiti richiesti (cfr. sopra, Prerequisiti), la docente si rende disponibile nel programmare incontri con coloro che ne facciano richiesta per lezioni di supporto che consentano di recuperare le competenze necessarie per affrontare con profitto lo studio della materia.

La frequenza del corso è fortemente consigliata (sarà premura del docente verificare l’effettiva frequenza delle lezioni con appelli random). Saranno considerati studenti Non frequentanti coloro che avranno una percentuale di assenze superiore al 25%. La non frequenza per giustificati motivi (es.: studente lavoratore; motivi di salute, etc.) deve essere comunicata  al docente all’inizio del corso.

Il programma didattico del corso svilupperà, per i Moduli 1 & 2, i seguenti nuclei tematici:

  1. la crisi dell’arte classica in epoca tardo antica e la prima arte cristiana (con particolare riferimento all’architettura e alla cultura figurativa a Roma e Milano);
  2. Ravenna (V-VI secolo): il mosaico e l’arte bizantina;
  3. le invasioni barbariche, l’arte longobarda e la renovatio carolingia;
  4. la fortuna dell’antico;
  5. il ruolo dell’artista e committenti medievali;
  6. la rinascita dell’anno Mille e la genesi del Romanico in Europa e in Italia (area lombardo-emiliana; Venezia; il la Toscana e il centro-Italia; la Puglia, la Campania e la Sicilia);
  7. l’arte romanica oltre le cattedrali: la scultura e i sistemi decorativi monumentali;
  8. l’arte gotica nel Duecento: genesi e sviluppo in Europa;
  9. la cultura artistica federiciana;
  10. i Pisano e Arnolfo di Cambio;
  11. la pittura duecentesca: la questione greca e il ruolo della Toscana;
  12. tipologie e forme della pittura nel Duecento: le croci dipinte, le pale d’altare; le tavole agiografiche;
  13. Cimabue e Duccio di Buoninsegna;
  14. il cantiere di Assisi;
  15. Giotto e i giotteschi: le scuole regionali;
  16. il Trecento: Firenze, Siena, Avignone;
  17. l’arte di corte: Verona e Milano;
  18. il Gotico Internazionale.

Per il Modulo 3, sono previsti i seguenti nuclei tematici, alcuni dei quali  saranno affrontanti durante il viaggio di studio e supportati con un handhout bibliografico:

  1. San Marco a Venezia e il suo modello;
  2. il mosaico in area veneta (San Marco; Torcello; etc.);
  3. il Tesoro di San Marco.

Bibliografia: Moduli 1 & 2

I. Frequentanti:

- (di preferenza) P. L. De Vecchi – E. Cerchiari, Arte nel tempo, Milano: Bompiani, 1994 (o successive ristampe): vol. 1, tomo I, Dalla preistoria alla Tarda Antichità, pp. 240-299; vol. 1, tomo II, Il Medioevo, tutto; vol. 2, tomo I, Dal Gotico internazionale alla Maniera Moderna, pp. 1-45;

         OPPURE

- G. Cricco – F. P. Di Teodoro, Il Cricco di Teodoro. Itinerario nell’arte, solo la Versione gialla e con possibilità di espansione online, Bologna: Zanichelli, 20103: vol. 2, Dall’arte paleocristiana a Giotto, 20103, tutto; vol. 3, Dal Gotico Internazionale al Manierismo, 2011, pp. 731-749.

Lo studio del manuale va integrato con gli appunti delle lezioni e relativi powerpoint.

N. B. – Lo studio del manuale è OBBLIGATORIO. L’uso di manuali diversi da quelli indicati in bibliografia non è ammesso.

 

Bibliografia: Modulo 3

- G. Lorenzoni, ad vocem Venezia, in Enciclopedia dell’Arte Medievale, vol. XI, Roma, 2000, pp. 524-553 (disponibile tra le RISORSE CORRELATE).

 

Per la preparazione dell’esame è buona prassi ricorrere all’uso di compendi utili anche per i successivi insegnamenti di storia dell’arte previsti nel percorso formativo; a tal fine, si suggerisce la consultazione di un manuale dei termini artistici (per esempio: F. Gualdoni, Dizionario Skira dei termini artistici, Ginevra: Skira, 2010) e di uno sulle tecniche artistiche (per esempio: Arti e tecniche del Medioevo, a cura di F. Crivello, Torino: Giulio Einaudi Einaudi, 2006; OPPURE Arti e storia nel Medioevo, a cura di E. Castelnuovo – G. Sergi, vol. 2, Del costruire: tecniche, artisti, artigiani, committenti, Torino: Giulio Einaudi Einaudi, 2003, pp. 427-fine).

L’Enciclopedia dell’Arte Medievale, 12 voll., Roma: Treccani, 1991-2002, costituisce un utile strumento per ulteriori approfondimenti (disponibile on-line http://www.treccani.it/enciclopedia/ricerca/ enciclopedia-dell’arte-medievale/Enciclopedia_dell’_Arte_Medievale/ e in cartaceo, presso al Biblioteca del Dipartimento di Beni Culturali).

_________________________________________________________

 

II. Non frequentanti:

Gli studenti non frequentanti, alla bibliografia sopra indicata, DOVRANNO aggiungere le seguenti letture:

- A. Tomei, La decorazione della Basilica di San Francesco ad Assisi come metafora della questione giottesca, in Giotto e il Trecento. “Il più Sovrano Maestro stato in dipintura”, catalogo della mostra (Roma, Complesso del Vittoriano, 6 marzo – 29 giugno 2009), a cura di A. Tomei, Milano: Skira, 2009, vol. I Saggi, pp. 31-49 (disponibile nella sezione MATERIALE DIDATTICO, da settembre 2018);

- M. D’Onofrio, Per un profilo della committenza artistica dei papi a Roma nel Medioevo, in La committenza artistica dei papi a Roma nel Medioevo, a cura di M. D’Onofrio, Roma: Viella, 2016, pp. 7-49 (disponibile nella sezione MATERIALE DIDATTICO, da settembre 2018).

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE (L-ART/01)
STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ART/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 24/09/2018 al 25/01/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso TECNOLOGICO (A69)

Sono richieste buone conoscenze umanistiche di base, in particolare di storia dell’arte e storia per il periodo compreso tra la fine del mondo antico e gli inizi del Quattrocento; è necessaria la capacità di comprendere e utilizzare adeguatamente la terminologia storico-artistica.

In assenza dei Prerequisiti richiesti, cfr. sotto Altre informazioni utili.

CONTENUTI GENERALI: Il corso intende tracciare i principali lineamenti della storia dell’arte medievale dall’età tardoantica alla fine del Trecento, introducendo gli studenti ai diversi problemi di lettura dell’iconografia e dello stile delle opere considerate, della loro comprensione nel contesto storico, artistico e architettonico. Saranno affrontante problematiche di periodizzazione e geografia artistica, finalizzate ad offrire una specifica preparazione in ambito storico-artistico. Particolare attenzione sarà dedicata a problemi di metodo, sia per ampliare le nozioni del manuale di riferimento, sia per acquisire una buona capacità di applicare strumenti di analisi.

PRESENTAZIONE DETTAGLIATA: Il corso si compone di due parti: la prima comprende i lineamenti generali della storia dell’arte bizantina (Moduli 1 & 2: 60 ore di lezioni frontali); la seconda (Modulo 3: 12 ore di lezioni frontali) si focalizzerà sul ruolo di Venezia nel quadro della cultura bizantina e mediterranea nel Medioevo. Nel quadro delle attività del Modulo 3, è previsto un viaggio di studio sul tema Venezia medievale, della duratadi due giorni, parte integrante dell’insegnamento, le cui date e modalità saranno concordate con gli studenti all’inizio del corso.

L’insegnamento si propone i seguenti obiettivi:

  1. portare gli studenti all’acquisizione di una conoscenza di base dello sviluppo dell’arte medievale e alla piena comprensione dei problemi di periodizzazione e delle più importanti questioni storiografiche;
  2. acquisire una piena consapevolezza dei problemi di definizione degli ambiti culturali della produzione artistica medievale;
  3. acquisire una conoscenza diretta delle opere più rappresentative;
  4. saper contestualizzare le opere (note e meno note) all’interno di un preciso ambito culturale e temporale;
  5. individuare le tecniche impiegate;
  6. conoscere e saper contestualizzare le specificità della cultura artistica medievale e bizantina a Venezia.

Il corso si svolgerà con lezioni frontali durante le quali saranno proiettate presentazioni powerpoint; è previsto un viaggio di studio a Venezia strettamente legato alle tematiche di approfondimento (Modulo 3).

Le lezioni avranno inizio il 24 settembre 2018; l’orario settimanale sarà reso disponibile nella prima metà del mese di settembre 2018.

Frequentanti:

Attiva partecipazione alle lezioni e ai sopralluoghi di studio (almeno il 75% delle presenze): 40%; esame orale: 60%. Sono previste due prove parziali intermedie scritte (non obbligatorie) sulla parte manualistica del corso.

Non frequentanti: esame orale: 100%.

 

È previsto un test d’ingresso per la valutazione del possesso dei prerequisiti e l’assegnazione di eventuali attività di recupero da concordare col docente.

La verifica del raggiungimento degli obiettivi potrà avvenire:

• attraverso prove in itinere non obbligatorie e per i soli studenti Frequentati;

• esame orale finale.

In sede di valutazione finale (esame orale) si prenderà in considerazione l’effettivo raggiungimento degli obiettivi sopra indicati; ulteriori elementi di valutazione saranno la proprietà di espressione, la coerenza nell’illustrare i singoli momenti della storia dell’arte medievale, la capacità di osservazione critica oltre che la frequenza al corso e alle attività correlate. Il giudizio sarà espresso con voto in trentesimi assegnati secondo i criteri esplicitati nella tabella docimologica adottata approvata dal Consiglio Didattico del CdS in data 16/01/2018 (cfr. RISORSE CORRELATE, nome file: Griglia_Valutazione_BBCC).

Gli studenti potranno prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL. Le date d'appello utili (fino a Luglio 2019) sono le seguenti:

28 gennaio 2019, ore 8:30          Appello d’esame (Sessione Invernale VOL 1)

12 febbraio 2019, ore 8:30         Appello d’esame (Sessione Invernale VOL 1)

23 aprile 2019, ore 8:30              Appello d’esame (Sessione Invernale VOL 2 – Ad eccezione dei corsi di insegnamento offerti nel II semestre dell’a.a.

                                                             2017/2018)

27 maggio 2019, ore 8:30           Appello d’esame riservato a laureandi della sessione estiva, studenti fuori corso (Sessione Estiva VOL 3)

10 giugno 2019, ore 8:30            Appello d’esame riservato a laureandi della sessione estiva, studenti in corso (Sessione Estiva VOL 3); Appello d’esame

                                                             (Sessione Estiva VOL 4)

19 luglio 2019, ore 8:30               Appello (Sessione Estiva VOL 4)

 

Il Calendario completo di tutti gli appelli utili (anche per gli aa.aa. precedenti) per il periodo Settembre 2018-Luglio 2019 è disponibile nelle RISORSE CORRELATE (nome file: Calendario_Appelli_SET_18-LUG_19).

Per gli studenti, di qualsiasi indirizzo, non in possesso dei Prerequisiti richiesti (cfr. sopra, Prerequisiti), la docente si rende disponibile nel programmare incontri con coloro che ne facciano richiesta per lezioni di supporto che consentano di recuperare le competenze necessarie per affrontare con profitto lo studio della materia.

La frequenza del corso è fortemente consigliata (sarà premura del docente verificare l’effettiva frequenza delle lezioni con appelli random). Saranno considerati studenti Non frequentanti coloro che avranno una percentuale di assenze superiore al 25%. La non frequenza per giustificati motivi (es.: studente lavoratore; motivi di salute, etc.) deve essere comunicata  al docente all’inizio del corso.

Il programma didattico del corso svilupperà, per i Moduli 1 & 2, i seguenti nuclei tematici:

  1. la crisi dell’arte classica in epoca tardo antica e la prima arte cristiana (con particolare riferimento all’architettura e alla cultura figurativa a Roma e Milano);
  2. Ravenna (V-VI secolo): il mosaico e l’arte bizantina;
  3. le invasioni barbariche, l’arte longobarda e la renovatio carolingia;
  4. la fortuna dell’antico;
  5. il ruolo dell’artista e committenti medievali;
  6. la rinascita dell’anno Mille e la genesi del Romanico in Europa e in Italia (area lombardo-emiliana; Venezia; il la Toscana e il centro-Italia; la Puglia, la Campania e la Sicilia);
  7. l’arte romanica oltre le cattedrali: la scultura e i sistemi decorativi monumentali;
  8. l’arte gotica nel Duecento: genesi e sviluppo in Europa;
  9. la cultura artistica federiciana;
  10. i Pisano e Arnolfo di Cambio;
  11. la pittura duecentesca: la questione greca e il ruolo della Toscana;
  12. tipologie e forme della pittura nel Duecento: le croci dipinte, le pale d’altare; le tavole agiografiche;
  13. Cimabue e Duccio di Buoninsegna;
  14. il cantiere di Assisi;
  15. Giotto e i giotteschi: le scuole regionali;
  16. il Trecento: Firenze, Siena, Avignone;
  17. l’arte di corte: Verona e Milano;
  18. il Gotico Internazionale.

Per il Modulo 3, sono previsti i seguenti nuclei tematici, alcuni dei quali  saranno affrontanti durante il viaggio di studio e supportati con un handhout bibliografico:

  1. San Marco a Venezia e il suo modello;
  2. il mosaico in area veneta (San Marco; Torcello; etc.);
  3. il Tesoro di San Marco.

Bibliografia: Moduli 1 & 2

I. Frequentanti:

- (di preferenza) P. L. De Vecchi – E. Cerchiari, Arte nel tempo, Milano: Bompiani, 1994 (o successive ristampe): vol. 1, tomo I, Dalla preistoria alla Tarda Antichità, pp. 240-299; vol. 1, tomo II, Il Medioevo, tutto; vol. 2, tomo I, Dal Gotico internazionale alla Maniera Moderna, pp. 1-45;

         OPPURE

- G. Cricco – F. P. Di Teodoro, Il Cricco di Teodoro. Itinerario nell’arte, solo la Versione gialla e con possibilità di espansione online, Bologna: Zanichelli, 20103: vol. 2, Dall’arte paleocristiana a Giotto, 20103, tutto; vol. 3, Dal Gotico Internazionale al Manierismo, 2011, pp. 731-749.

Lo studio del manuale va integrato con gli appunti delle lezioni e relativi powerpoint.

N. B. – Lo studio del manuale è OBBLIGATORIO. L’uso di manuali diversi da quelli indicati in bibliografia non è ammesso.

 

Bibliografia: Modulo 3

- La bibliografia relativa al Modulo 3 sarà fornita in forma di dispense (handhout) e powerpoint durante il corso.

 

Per la preparazione dell’esame è buona prassi ricorrere all’uso di compendi utili anche per i successivi insegnamenti di storia dell’arte previsti nel percorso formativo; a tal fine, si suggerisce la consultazione di un manuale dei termini artistici (per esempio: F. Gualdoni, Dizionario Skira dei termini artistici, Ginevra: Skira, 2010) e di uno sulle tecniche artistiche (per esempio: Arti e tecniche del Medioevo, a cura di F. Crivello, Torino: Giulio Einaudi Einaudi, 2006; OPPURE Arti e storia nel Medioevo, a cura di E. Castelnuovo – G. Sergi, vol. 2, Del costruire: tecniche, artisti, artigiani, committenti, Torino: Giulio Einaudi Einaudi, 2003, pp. 427-fine).

L’Enciclopedia dell’Arte Medievale, 12 voll., Roma: Treccani, 1991-2002, costituisce un utile strumento per ulteriori approfondimenti (disponibile on-line http://www.treccani.it/enciclopedia/ricerca/ enciclopedia-dell’arte-medievale/Enciclopedia_dell’_Arte_Medievale/ e in cartaceo, presso al Biblioteca del Dipartimento di Beni Culturali).

_________________________________________________________

 

II. Non frequentanti:

Gli studenti non frequentanti, alla bibliografia sopra indicata, DOVRANNO aggiungere le seguenti letture:

- A. Tomei, La decorazione della Basilica di San Francesco ad Assisi come metafora della questione giottesca, in Giotto e il Trecento. “Il più Sovrano Maestro stato in dipintura”, catalogo della mostra (Roma, Complesso del Vittoriano, 6 marzo – 29 giugno 2009), a cura di A. Tomei, Milano: Skira, 2009, vol. I Saggi, pp. 31-49 (disponibile nella sezione MATERIALE DIDATTICO, da settembre 2018);

- M. D’Onofrio, Per un profilo della committenza artistica dei papi a Roma nel Medioevo, in La committenza artistica dei papi a Roma nel Medioevo, a cura di M. D’Onofrio, Roma: Viella, 2016, pp. 7-49 (disponibile nella sezione MATERIALE DIDATTICO, da settembre 2018).

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE (L-ART/01)
STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ART/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 25/09/2017 al 19/01/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso TECNOLOGICO (A69)

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE (L-ART/01)
STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ART/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 25/09/2017 al 19/01/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso ARCHEOLOGICO (A68)

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE (L-ART/01)
STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ART/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 25/09/2017 al 19/01/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso MUSICALE (A61)

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE (L-ART/01)
STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ART/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 25/09/2017 al 19/01/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso STORICO ARTISTICO (A60)

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE (L-ART/01)
STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ART/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 26/09/2016 al 20/01/2017)

Lingua

Percorso STORICO ARTISTICO (A60)

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE (L-ART/01)
STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ART/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 26/09/2016 al 20/01/2017)

Lingua

Percorso MUSICALE (A61)

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE (L-ART/01)
STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ART/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 28/09/2015 al 23/01/2016)

Lingua

Percorso STORICO ARTISTICO (A60)

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE (L-ART/01)
STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ART/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 28/09/2015 al 23/01/2016)

Lingua

Percorso MUSICALE (A61)

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE (L-ART/01)
STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE: METODOLOGIA DELLA RICERCA

Corso di laurea STORIA DELL'ARTE

Settore Scientifico Disciplinare L-ART/01

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 02/03/2015 al 30/05/2015)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE: METODOLOGIA DELLA RICERCA (L-ART/01)
STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ART/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno accademico di erogazione 2013/2014

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 30/09/2013 al 25/01/2014)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE (L-ART/01)

Pubblicazioni

ANNI 2005-2017

 

Monografie
Il Transito della Vergine. Testi e immagini dall’Oriente al Mezzogiorno medievale, Spoleto: CISAM, 2016 (Byzantina Lupiensia, 1);


Curatele
San Filippo di Fragalà: monastero bizantino della Sicilia normanna, con S. Brodbeck – M. Falla Castelfranchi – C. Jolivet-Lévy – M.-P. Raynaud, Roma: École Française de Rome, 2018;
Synergies: creating art in joined cultures. Collected studies in honor of Gerhard Wolf (con A. Hoffmann – N. Suthor), Monaco: Wilhelm Fink Verlag, 2013
Atlante delle Tebaidi e dei temi figurativi, (con A. Malquori [chief editor] – L. Fenelli), Firenze: Edizioni Centro Di, 2013


Articoli

• Fac arcam de lignis levigatis. Überlegungen zum Bild Noahs ›Porträit‹ in der Protaton-Kirche, in Bild – Ding – Kunst (I Mandorli), a cura di G. Wolf, Berlin-München: Deutscher Kunstverlag GmbH, 2015 [c.d.s.], pp. 135-146
Cripta di Santa Maria degli Angeli e Museo degli Affreschi, in Sistema Museale di Poggiardo e Vaste, chiese, edifici storici e beni ambientali, a cura di G. Mastronuzzi, Poggiardo: CEA (Centro Educazione Ambientale dei comuni di Poggiardo, Ortelle e Surano), 2015, pp. 14-24
Il leone e l’eremita. Sul ciclo di san Gerasimo nella Chiesa rupestre di Ivanovo (Bulgaria), in Eremitismo e Habitat rupestre, Atti del VI Convegno Internazionale sulla civiltà rupestre (Masseria San Domenico, Savelletri di Fasano, Brindisi, 13-15 novembre 2013), a cura di E. Menestò, Spoleto: CISAM, 2015 [c.d.s.], pp. 201-221
Pour un bilan des études sur la peinture “byzantine” en Italie du Sud et en Sicile, fa parte di Project de “Corpus de la peinture byzantine en Italie du Sud et en Sicile”. Méthode adoptée et problèmes rencontrés, con S. Brodbeck, M. Falla Castelfranchi, C. Jolivet-Lévy, M.-P. Raynaud, in Héritage byzantin: décor monumental, objets, tradition textuelle, Atti del V Incontro del ciclo Héritage byzantin en Italie, a cura di s. Brodbeck – J.-M. Martin [c.d.s.] (Roma: École Française de Rome, 2015); a firma: pp. 3-8 del dattiloscritto
Il santo, l’icona e l’anatema. A margine di alcune raffigurazioni di Santo Stefano Iuniore nella pittura monumentale bizantina, in L'officina dello sguardo. Studi in onore di Maria Andaloro, a cura di G. Bordi, I. Carlettini, M. L. Fobelli, R. Menna, P. Pogliani, vol. I: I luoghi dell’arte, Roma: Gangemi Editore, 2014, pp. 383-388
La Dormitio Virginis “sculpto opere”, ovvero il rilievo erratico dalla Cattedrale: diario di un viaggio ancora in corso, in Sancta Maria de Nerito. Arte e devozione nella Cattedrale di Nardò, a cura di D. De Lorenzi – M. Gaballo – P. Giuri, Congedo Editore: Galatina, 2014, pp. 149-156
Culto dei santi e temi agiografici nella pittura rupestre georgiana: due cicli nel deserto di Garedža, in Agiografia e Iconografia nelle aree della civiltà rupestre, Atti del V Convegno internazionale sulla civiltà rupestre (Masseria San Domenico, Savelletri di Fasano, Brindisi, 17-19 novembre 2011), Spoleto: CISAM, 2013, pp. 99-117 e tavv. I-IX
Evocazioni d’Oriente nell’opera di Pietro Cavoti. Note su alcuni inediti dal Museo di Galatina, in Kronos, 15 (2013), L’arte di studiare l’arte. Scritti degli amici di Regina Poso, a cura di R. Casciaro, vol. II, pp. 383-390
La dormizione dell’eremita, in Atlante delle Tebaidi e dei temi figurativi, a cura di A. Malquori, con M. De Giorgi – L. Fenelli, Firenze: Edizioni Centro Di, 2013, pp. 197-209
La Dormizione di sant’Arsenio del Monte Sinai, ivi, pp. 210-212
La Dormizione di sant’Efrem il Siro a Koudoumas (Creta), ivi, pp. 212-216
La Dormizione di sant’Efrem il Siro di Andreas Pavias, ivi, pp. 216-219
La Dormizione di san Saba ora a Lefkada, ivi, pp. 220-222
La Dormizione di sant’Efrem il Siro di Emmanuele Tzafournari, ivi, pp. 223-227
Il santorale della chiesa di San Mauro: ricognizione iconografica e alcune precisazioni iconologiche, in Sannicola. Abbazia di San Mauro. Gli affreschi italo-greci sulla serra dell’Altolido presso Gallipoli, a cura di S. Ortese, Copertino: Lupo Editore, 2012, pp. 31-40
Dalla Fuga all’Ingresso. Sui mosaici della parete meridionale nella Cappella Palatina (con G. Wolf), in La Cappella Palatina di Palermo (Mirabilia Italiae 17), a cura di B. Brenk, Modena: Panini Editore, 2011, pp. 125-135
La Sicilia normanna: Cefalù, Palermo, Monreale, in Il Medioevo, vol. 2: Cattedrali, cavalieri, città, a cura di. U. Eco, Milano: EncycloMedia, 2011, pp. 568-573
Bisanzio e l’Occidente (Teofano, Desiderio di Montecassino, Cluny, Venezia, Sicilia, ivi, pp. 589-596
L’arte bizantina in epoca macedone, in Il Medioevo, vol. 1: Barbari, cristiani, musulmani, a cura di U. Eco, Milano: EncycloMedia, 2010, pp. 660-663
Die Farben des Todes. Bemerkungen zu dem Berliner Tafeln Giottos (Colors of Death. Notes on Giotto Berlin Panels), in Rothko /Giotto, catalogo della mostra (Berlino, Gemäldegalerie der Staatlichen Museen zu Berlin, 5 febbraio – 3 maggio 2009), a cura di S. Weppelmann – G. Wolf, München: Hirmer, 2009, pp. 133-150
I tempi e lo spazio delle immagini, con G. Wolf, in Torcello. Alle origini di Venezia tra Occidente e Oriente, a cura di G. Caputo – G. Gentili, catalogo della mostra (Venezia, Museo Diocesano, 29 agosto 2009 – 10 gennaio 2010), Venezia: Marsilio Editore, 2009, pp. 148-161
La Koimesis bizantina di Miggiano (LE): iconografia e fonti liturgiche, in Medioevo Mediterraneo: l’Occidente, Bisanzio e l’Islam dal Tardoantico al Secolo XII, Atti del VII Convegno Internazionale di Studi (Parma, 20-26 Settembre 2004), a cura di A. C. Quintavalle, Milano: Electa, 2007, pp. 332-340
La Dormizione della Vergine nella pittura medievale di Puglia e Basilicata, in Puglia tra grotte e borghi. Insediamenti rupestri e insediamenti urbani: persistenze e differenze, Atti del II Convegno Internazionale sulla civiltà rupestre (Masseria San Domenico, Savelletri di Fasano, Brindisi, 24-26 novembre 2005), a cura di E. Menestò, Spoleto: CISAM, 2007, pp. 191-217
La pittura monumentale tardo-comnena in Italia meridionale e Sicilia: i ‘rapporti mediterranei’ tra centro e periferie nell’ambito degli scambi tra l’Impero di Bisanzio e il Meridione italico, in Forschungsbericht Herbst 2004 – Herbst 2006. Kunsthistorisches Institut in Florenz – Max-Planck-Institut, Firenze: Kunsthistorisches Institut in Florenz, 2007, pp. 83-84
Una Dormitio Virginis angioina poco nota ad Aversa: il caso di San Francesco delle Monache, in Ottanta anni di un maestro. Omaggio a Ferdinando Bologna, a cura di F. Abbate, Napoli: Paparo Edizioni, 2006, vol. 1, pp. 97-106
Due chiese bizantine del Basso Salento: archeologia, architettura e decorazione pittorica (con M. Limoncelli e M. Leo Imperiale), a cura di R. Francovich – M. Valenti, in Atti del IV Convegno Nazionale di Archeologia Medievale (Abbazia di San Galgano – Scriptorium dell’Abbazia, Chiusdino (Siena), 26-30 settembre 2006), Borgo San Lorenzo (Firenze): All’Insegna del Giglio, 2006, pp. 613-619


Schede in catalogo
44 schede di catalogo (identificate dalla sigla M.D.G.) in Torcello. Alle origini di Venezia tra Occidente e Oriente, a cura di G. Caputo – G. Gentili, catalogo della mostra (Venezia, Museo Diocesano, 29 agosto 2009 – 10 gennaio 2010), Venezia 2009, pp. 162-180


Recensioni
The Medieval Salento. Art and Identity in Southern Italy, L. Safran, Philadelphia: University of Pennsylvannia Press, 2014, in Studies in Iconography, XXXVII (2016) [in preparazione];
La Via degli Abruzzi e le arti nel Medioevo, a cura di C. Pasqualetti, L’Aquila: One Group Edizioni, 2014, in Convivium, II (2015), 2 [in preparazione];
Asinou Across Time: Studies in the Architecture and Murals of the Panagia Phorbiotissa, Cyprus, eds. Annemarie Weyl Carr and Andreas Nicolaïdes, Washington, DC: Dumbarton Oaks Research Library and Collection, 2012 (Dumbarton Oaks Studies 43), in Speculum, LXXXIX (2014), 3, pp. 753-755
L’autocoscienza del pittore in Oriente, recensione di: L’Artista a Bisanzio e nel mondo cristiano-orientale, a cura di M. Bacci, Pisa: Edizioni della Normale, 2007, in L’Indice dell’Arte, XXVI, n. 9 (Settembre 2009), p. III

 

Temi di ricerca

 • Arte e architettura tardo-antica, medievale e bizantina;
• Iconografia e iconologia bizantine;
• Arte normanna in Italia meridionale e Sicilia;
• Culto dei santi in epoca medievale tra Oriente e Occidente;
• Periferie dell’Impero bizantino nella produzione pittorica: Italia meridionale, Creta e il Caucaso;
• Pittura medievale in area balcanica (secoli XII-XV);
• Tecnica, diagnostica e conservazione della pittura medievale occidentale e bizantina (parietale e su tavola);
• Scultura bizantina in Grecia e Asia Minore 

 

Risorse correlate

Documenti

Collegamenti

DiaCavHE project (Apre una nuova finestra)