Luca RUGGIO

Luca RUGGIO

Ricercatore Universitario

Settore Scientifico Disciplinare L-FIL-LET/08: LETTERATURA LATINA MEDIEVALE E UMANISTICA.

Dipartimento di Studi Umanistici

Edificio Codacci Pisanelli - Piazza Arco di Trionfo, 1 - LECCE (LE)

Ufficio, Piano terra

Telefono +39 0832 29 6320

S.S.D. L-FIL-LET/08 "LETTERATURA LATINA MEDIEVALE E UMANISTICA"

Area di competenza:

Filologia medievale e umanistica (Laurea magistrale in Lettere Classiche, 12 CFU, I Semestre)

Filologia medievale e umanistica (Laurea triennale in Lettere, 6 CFU, I semestre)

Laboratorio digitale di Filologia medievale e umanistica (Laurea Triennale in Lettere, 3 CFU, I semestre)

 

APPELLI

 

a.a. 2022-2023

giovedì 26 gennaio 2023, ore 9

martedì 14 febbraio 2023, ore 9

lunedì 3 aprile 2023, ore 9 (L'appello previsto in data lunedì 3 aprile 2023 alle ore 9.00 è rinviato a mercoledì 5 aprile 2023 alle ore 9.00)

martedì 16 maggio 2023, ore 9

giovedì 15 giugno 2023, ore 9

mercoledì 5 luglio 2023, ore 9

martedì12 settembre 2023, ore 9

lunedì 23 ottobre 2023, ore 9 (appello straordinario)

lunedì 18 dicembre 2023, ore 9

 

a.a. 2023-2024

lunedì 22 gennaio 2024, ore 9

giovedì 22 febbraio 2024, ore 9

giovedì 4 aprile 2024, ore 9

mercoledì 15 maggio 2024, ore 9 (Riservato a laureandi, studenti fuori corso e studenti iscritti in corso all’ultimo anno dei corsi di laurea triennale e di laurea magistrale che hanno terminato le lezioni del secondo semestre)

martedì 11 giugno 2024, ore 9

giovedì 4 luglio 2024, ore 9

martedì 10 settembre 2024, ore 9

mercoledì 23 ottobre 2024, ore 9 (Riservato a laureandi, studenti fuori corso e studenti iscritti in corso all’ultimo anno dei corsi di laurea triennale e di laurea magistrale che hanno terminato le lezioni del secondo semestre)

 

I programmi dei corsi sono consultabili nelle sezioni Didattica e Risorse correlate.

Per tutti gli avvisi si veda la sezione Notizie.

Orario di ricevimento

A causa del trasferimento in corso da Palazzo Codacci Pisanelli a Palazzo Parlangeli, in questo periodo il ricevimento degli studenti avverrà soltanto su appuntamento. 

Recapiti aggiuntivi

Palazzo Parlangeli - via Vito Mario Stampacchia, 42 - 73100 Lecce

Studio n. 17c, I piano

e-mail: luca.ruggio@unisalento.it

Visualizza QR Code Scarica la Visit Card

Curriculum Vitae

Luca Ruggio è Ricercatore Senior a t.d. (L. 240/2010 ai sensi dell’art. 24, comma 3, lettera B) presso il Dipartimento Studi Umanistici per il S.S.D. L-FIL-LET/08 (Letteratura latina medievale e umanistica). Dottore di ricerca in Filologie e Letterature, indirizzo Italianistica, presso l’Università del Salento (2012) e Assegnista di ricerca presso lo stesso Ateneo in Filologia medievale e umanistica (2013), dal 22 settembre 2015 al 21 settembre 2018 e poi dal 1° dicembre 2020 al 4 febbraio 2022 è stato Ricercatore Junior a t.d. (L. 240/2010 ai sensi dell’art. 24, comma 3, lettera A) presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università del Salento per il S.S.D. L-FIL-LET/08 (Letteratura latina medievale e umanistica).

Nell’ottobre 2018 ha conseguito l’idoneità per l’Abilitazione Scientifica Nazionale a Professore di II fascia (Professore Associato) nel Settore Concorsuale 10/E1 (Filologie e Letterature medio-latina e romanze).

Dal 2015 al 2018 è stato Responsabile scientifico del Progetto FutureInResearch – Regione Puglia FSE 2007-2013 (“Censimento e studio del teatro umanistico europeo nei secc. XV-XVI”). Ha, inoltre, collaborato al PRIN 2009 “Teatro umanistico. Edizioni e Studi” e ora collabora al Progetto PRIN 2017 (“I.M.A.G.O. - Index Medii Aevi Geographiae Operum”) e al Progetto PRIN 2022 PNRR “MIReSIta: Material and Immaterial Resources in Southern Italy (1250-1550): a realities' digital repertoire”. Dal luglio del 2022 è referente scientifico di "BIB.LA.M.A. - BIBLIOTHECA LATINA MANUSCRIPTA APULIENSIS. Archivio digitale dei manoscritti latini pugliesi dei secc. XI-XV" nell'ambito del Progetto RIPARTI della Regione Puglia.

È membro della CoMUL (Consulta per il Medioevo e l'Umanesimo Latini) e socio di CESURA (Centro Europeo di Studi su Umanesimo e Rinascimento Aragonese) e del Centro Interdipartimentale di Studi Medievali dell'Università del Salento.

È condirettore della rivista di fascia A “Archivum mentis. Studi di filologia e letteratura umanistica” e fa parte del Comitato Scientifico della Collana “Teatro umanistico” (Sismel-Edizioni del Galluzzo) e del Comitato redazionale della collana "Collezione di Studi e testi" (Edizioni Milella).

La sua attività scientifica si è rivolta a diversi settori della letteratura latina del Medioevo e dell’Umanesimo, riguardanti il teatro, l’epistolografia, la geografia, la filologia, con particolare attenzione alla tradizione manoscritta delle opere, all’ecdotica e alla codicologia. Pertanto, in aggiunta alle edizioni critiche, ha pure pubblicato un repertorio bibliografico del teatro umanistico e alcuni studi settoriali sullo stesso argomento, che hanno affrontato aspetti rilevanti della lingua e del lessico delle commedie del Quattrocento. Ha anche pubblicato saggi storico-critici e filologici in riviste specialistiche del settore di fascia A e in atti di convegni scientifici internazionali, nonché voci storico-biografiche in dizionari e specifici contributi riguardanti importanti umanisti del Quattrocento, come Pier Paolo Vergerio, Angelo Poliziano, Gian Mario Filelfo, Roberto de' Rossi, Domenico Crispo e Antonio Galateo.

Didattica

A.A. 2023/2024

FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA

Corso di laurea LETTERE

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 30.0

Anno accademico di erogazione 2023/2024

Per immatricolati nel 2022/2023

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI

Percorso CLASSICO

FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA

Corso di laurea LETTERE CLASSICHE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2023/2024

Per immatricolati nel 2023/2024

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI

Percorso PERCORSO COMUNE

FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA

Corso di laurea FILOSOFIA

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 30.0

Anno accademico di erogazione 2023/2024

Per immatricolati nel 2023/2024

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI

Percorso INTERDISCIPLINARE

FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA

Corso di laurea LETTERE

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 30.0

Anno accademico di erogazione 2023/2024

Per immatricolati nel 2022/2023

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI

Percorso MODERNO

LETTERATURA UMANISTICA

Corso di laurea LETTERE MODERNE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2023/2024

Per immatricolati nel 2023/2024

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI

Percorso PERCORSO COMUNE

A.A. 2022/2023

FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA

Corso di laurea LETTERE CLASSICHE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2022/2023

Per immatricolati nel 2022/2023

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI

Percorso PERCORSO COMUNE

FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA

Corso di laurea LETTERE

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 30.0

Anno accademico di erogazione 2022/2023

Per immatricolati nel 2021/2022

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI

Percorso PERCORSO COMUNE

LABORATORIO DIGITALE DI FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA

Corso di laurea LETTERE

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 3.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 30.0

Anno accademico di erogazione 2022/2023

Per immatricolati nel 2020/2021

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI

Percorso PERCORSO COMUNE

A.A. 2021/2022

FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA

Corso di laurea LETTERE CLASSICHE

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2021/2022

Per immatricolati nel 2021/2022

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI

Percorso PERCORSO COMUNE

Torna all'elenco
FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA

Corso di laurea LETTERE

Settore Scientifico Disciplinare L-FIL-LET/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 30.0

Per immatricolati nel 2022/2023

Anno accademico di erogazione 2023/2024

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 18/09/2023 al 22/12/2023)

Lingua ITALIANO

Percorso CLASSICO (031)

Conoscenza di base di autori, opere e generi letterari della letteratura del Medioevo e dell’Umanesimo, nonché degli strumenti di base del metodo filologico.

Il corso si propone di far conoscere, attraverso la lettura di un’opera significativa dello spazio letterario del Medioevo e dell’Umanesimo, i percorsi di ricerca che hanno condotto all’edizione e all’interpretazione del testo, nonché alla sua fortuna presso i contemporanei e i posteri. Il commento, sorretto dal confronto continuo con i modelli della tradizione classica e con i contesti culturali e storico-politici, permette di verificare la molteplicità di approcci ad un testo e di creare fertili connessioni interdisciplinari.

- Conoscenza approfondita dei processi culturali peculiari del periodo medievale e umanistico e delle metodologie filologiche applicate ai testi della letteratura in lingua latina del periodo in esame.

- Capacità di applicare le conoscenze dei contesti e delle metodologie in un autonomo percorso di ricerca sui testi.

- Capacità di discernere fra gli strumenti bibliografici e i diversi approcci metodologici allo studio di un fenomeno culturale e letterario, di utilizzarli in maniera appropriata e di formulare giudizi critici.

- Acquisizione di strumenti d’interpretazione dei testi del Medioevo e dell’Umanesimo sia dal punto di vista filologico sia dal punto di vista critico-letterario.

Lezione frontale e attività seminariali volte a favorire l’intervento e la partecipazione attiva da parte degli studenti.

1. Gli studenti saranno valutati alla fine del corso attraverso un colloquio orale seguendo il calendario degli appelli d’esame.

2. Gli elementi che verranno presi in considerazione per la valutazione finale degli studenti riguarderanno:

- la conoscenza approfondita degli argomenti trattati, in particolare della letteratura medievale e umanistica nelle sue coordinate storiche, filologiche e letterarie e l’acquisizione di una metodologia di base per l’approccio critico ai testi mediolatini e umanistici (12/30);

- la correttezza e la chiarezza espositiva (10/30);

- la capacità argomentativa (8/30).

Appelli

 

lunedì 22 gennaio 2024, ore 9

giovedì 22 febbraio 2024, ore 9

giovedì 4 aprile 2024, ore 9

mercoledì 15 maggio 2024, ore 9 (Riservato a laureandi, studenti fuori corso e studenti iscritti in corso all’ultimo anno dei corsi di laurea triennale e di laurea magistrale che hanno terminato le lezioni del secondo semestre)

martedì 11 giugno 2024, ore 9

giovedì 4 luglio 2024, ore 9

martedì 10 settembre 2024, ore 9

mercoledì 23 ottobre 2024, ore 9 (Riservato a laureandi, studenti fuori corso e studenti iscritti in corso all’ultimo anno dei corsi di laurea triennale e di laurea magistrale che hanno terminato le lezioni del secondo semestre)

Commissione d’esame:

 

Prof. Luca Ruggio

Prof.ssa Sondra Dall’Oco

Prof.ssa Corinna Bottiglieri

 

Modalità di prenotazione

 

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale e per le eventuali prove parziali esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL.

Il Corso sarà introdotto da una serie di lezioni volte a illustrare il campo di indagine della filologia medievale e umanistica e i suoi principali strumenti e metodi.

Il Corso si propone, in particolare, di procedere alla lettura e all’esame filologico e critico-letterario, anche in rapporto al più ampio contesto storico-politico della Firenze e dell’Italia del secondo Quattrocento, del Pactianae coniurationis commentarium di Angelo Poliziano. Si tratta della dettagliata cronaca dei fatti riguardanti la Congiura dei Pazzi, la cospirazione ordita ai danni della famiglia Medici che portò all’assassinio di Giuliano, fratello di Lorenzo il Magnifico, e delle sue conseguenze. L’opera polizianea offre interessanti spunti sia di carattere filologico sia di carattere storico-politico, fornendo la possibilità di riflettere sugli equilibri di potere nell’Italia di fine Quattrocento.

Parte istituzionale:

- L.D. Reynolds – N.G. Wilson, Copisti e filologi. La tradizione dei classici dall'antichità ai tempi moderni, Padova, Antenore, 2016 (capitoli III, IV e VI = pp. 73-154, 194-224).

- P. Maas, La critica del testo, traduzione italiana a cura di G. Ziffer, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2021.

 

Corso monografico:

- Angelo Poliziano, Coniurationis commentarium. Commentario alla Congiura dei Pazzi, a cura di L. Petrini, Firenze, University Press, 2012.

 

Gli studenti non frequentanti dovranno aggiungere la lettura del volume:

- Il Poliziano latino, a cura di P. Viti, Galatina, Congedo, 1996.

FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA (L-FIL-LET/08)
FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA

Corso di laurea LETTERE CLASSICHE

Settore Scientifico Disciplinare L-FIL-LET/08

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2023/2024

Anno accademico di erogazione 2023/2024

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 18/09/2023 al 22/12/2023)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Conoscenza della lingua e della letteratura latina, nozioni di base della storia e della letteratura italiana del Medioevo e dell’Umanesimo.

Durante il corso momenti specifici saranno dedicati alla verifica dei prerequisiti attraverso attività seminariali.

Il corso intende far conoscere, attraverso la lettura di una o più opere della tradizione letteraria medievale e umanistica, i percorsi di ricerca che hanno condotto all’edizione e all’interpretazione del testo, nonché alla sua fortuna presso i contemporanei e i posteri. Il commento, sorretto dal confronto continuo con i modelli della tradizione classica e con i contesti culturali e storico-politici, permette di verificare la molteplicità di approcci ad un testo e di creare fertili connessioni interdisciplinari.

  • Conoscenza e comprensione approfondita della letteratura medievale e umanistica nelle sue coordinate storiche, filologiche e letterarie.
  • Capacità di applicare le conoscenze acquisite sui testi latini appartenenti allo spazio letterario del Medioevo e dell’Umanesimo.
  • Capacità di analizzare criticamente i testi latini medievali e umanistici servendosi degli strumenti della critica testuale.
  • Sviluppare e utilizzare in modo appropriato il lessico tecnico specifico della filologia medievale e umanistica.
  • Capacità di attualizzare in maniera autonoma e propositiva gli strumenti della filologia e dell’ecdotica relativa ai testi mediolatini e umanistici. 

Lezione frontale e attività seminariali volte a favorire l’intervento e la partecipazione attiva da parte degli studenti.

1. Gli studenti saranno valutati alla fine del corso attraverso un colloquio orale seguendo il calendario degli appelli d’esame.

2. Gli elementi che verranno presi in considerazione per la valutazione finale degli studenti riguarderanno:

- la conoscenza approfondita degli argomenti trattati, in particolare della letteratura medievale e umanistica nelle sue coordinate storiche, filologiche e letterarie e l’acquisizione di una metodologia di base per l’approccio critico ai testi mediolatini e umanistici (12/30);

- la correttezza e la chiarezza espositiva (10/30);

- la capacità argomentativa (8/30).

 

È prevista una prova parziale sulla parte istituzionale.

Appelli

 

lunedì 22 gennaio 2024, ore 9

giovedì 22 febbraio 2024, ore 9

giovedì 4 aprile 2024, ore 9

mercoledì 15 maggio 2024, ore 9 (Riservato a laureandi, studenti fuori corso e studenti iscritti in corso all’ultimo anno dei corsi di laurea triennale e di laurea magistrale che hanno terminato le lezioni del secondo semestre)

martedì 11 giugno 2024, ore 9

giovedì 4 luglio 2024, ore 9

martedì 10 settembre 2024, ore 9

mercoledì 23 ottobre 2024, ore 9 (Riservato a laureandi, studenti fuori corso e studenti iscritti in corso all’ultimo anno dei corsi di laurea triennale e di laurea magistrale che hanno terminato le lezioni del secondo semestre)

Commissione d’esame:

 

Prof. Luca Ruggio

Prof.ssa Sondra Dall’Oco

Prof.ssa Corinna Bottiglieri

 

Modalità di prenotazione:

 

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale e per le eventuali prove parziali esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL.

La filologia medievale e umanistica si propone di analizzare le opere appartenenti allo spazio letterario del Medioevo e dell’Umanesimo secondo differenti prospettive che riguardano la tradizione testuale, il contesto storico in cui l’opera è stata prodotta e gli aspetti letterari e linguistici della stessa.

Il corso si articolerà in due parti.

La parte istituzionale, di carattere introduttivo, fornirà le conoscenze di base del metodo filologico applicato alla letteratura medievale e umanistica (anche attraverso la visione diretta di riproduzioni di manoscritti) e le linee guida del panorama storico-letterario dei secc. XIV-XV.

La seconda, di carattere seminariale, vedrà il coinvolgimento attivo degli studenti al fine di sviluppare capacità critica e competenza interpretativa attraverso la lettura, la discussione e il commento (filologico, linguistico e letterario) dei testi del corso monografico.

In particolare, il corso monografico sarà dedicato al genere letterario della “descriptio urbis”, già fecondo durante tutto il basso Medioevo e poi ripreso dalle prime generazioni di umanisti italiani. Saranno lette e commentate tre opere appartenenti al genere situate a cavallo fra i secc. XIV e XV: la Laudatio florentine urbis di Leonardo Bruni e due epistole di Uberto Decembrio, la Descriptio pragensis urbis e la De eadem urbe et moribus incolarum copiosius.

Parte istituzionale:

- P. Chiesa, Elementi di critica testuale, Bologna, Pàtron, 2012.

 

Corso monografico:

- Leonardo Bruni, Laudatio florentine urbis (Elogio della città di Firenze), in Leonardo Bruni, Opere letterarie e politiche, a cura di P. Viti, Torino, UTET, 1996, pp. 565-647;

- A. Piacentini, L’Epistolarum liber di Uberto Decembrio, Roma, Viella, 2020, pp. 13-146;

  - Uberto Decembrio, Descriptio pragensis urbis et nonnulla de moribus populi in ea existentis, in A. Piacentini, L’Epistolarum liber di Uberto Decembrio, Roma, Viella, 2020, pp. 184-187;

  - Uberto Decembrio, De eadem urbe et moribus incolarum copiosius, in A. Piacentini, L’Epistolarum liber di Uberto Decembrio, Roma, Viella, 2020, pp. 188-193;

 

Gli studenti non frequentanti dovranno aggiungere lo studio del volume:

- G. Cappelli, L’umanesimo italiano da Petrarca a Valla, Roma, Carocci, 2018 (capp. 1-2, 5-9 = pp. 17-106, 139-304).

FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA (L-FIL-LET/08)
FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA

Corso di laurea FILOSOFIA

Settore Scientifico Disciplinare L-FIL-LET/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 30.0

Per immatricolati nel 2023/2024

Anno accademico di erogazione 2023/2024

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 18/09/2023 al 22/12/2023)

Lingua ITALIANO

Percorso INTERDISCIPLINARE (A244)

Conoscenza di base di autori, opere e generi letterari della letteratura del Medioevo e dell’Umanesimo, nonché degli strumenti di base del metodo filologico.

Il corso si propone di far conoscere, attraverso la lettura di un’opera significativa dello spazio letterario del Medioevo e dell’Umanesimo, i percorsi di ricerca che hanno condotto all’edizione e all’interpretazione del testo, nonché alla sua fortuna presso i contemporanei e i posteri. Il commento, sorretto dal confronto continuo con i modelli della tradizione classica e con i contesti culturali e storico-politici, permette di verificare la molteplicità di approcci ad un testo e di creare fertili connessioni interdisciplinari.

- Conoscenza approfondita dei processi culturali peculiari del periodo medievale e umanistico e delle metodologie filologiche applicate ai testi della letteratura in lingua latina del periodo in esame.

- Capacità di applicare le conoscenze dei contesti e delle metodologie in un autonomo percorso di ricerca sui testi.

- Capacità di discernere fra gli strumenti bibliografici e i diversi approcci metodologici allo studio di un fenomeno culturale e letterario, di utilizzarli in maniera appropriata e di formulare giudizi critici.

- Acquisizione di strumenti d’interpretazione dei testi del Medioevo e dell’Umanesimo sia dal punto di vista filologico sia dal punto di vista critico-letterario.

Lezione frontale e attività seminariali volte a favorire l’intervento e la partecipazione attiva da parte degli studenti.

1. Gli studenti saranno valutati alla fine del corso attraverso un colloquio orale seguendo il calendario degli appelli d’esame.

2. Gli elementi che verranno presi in considerazione per la valutazione finale degli studenti riguarderanno:

- la conoscenza approfondita degli argomenti trattati, in particolare della letteratura medievale e umanistica nelle sue coordinate storiche, filologiche e letterarie e l’acquisizione di una metodologia di base per l’approccio critico ai testi mediolatini e umanistici (12/30);

- la correttezza e la chiarezza espositiva (10/30);

- la capacità argomentativa (8/30).

Appelli

 

lunedì 22 gennaio 2024, ore 9

giovedì 22 febbraio 2024, ore 9

giovedì 4 aprile 2024, ore 9

mercoledì 15 maggio 2024, ore 9 (Riservato a laureandi, studenti fuori corso e studenti iscritti in corso all’ultimo anno dei corsi di laurea triennale e di laurea magistrale che hanno terminato le lezioni del secondo semestre)

martedì 11 giugno 2024, ore 9

giovedì 4 luglio 2024, ore 9

martedì 10 settembre 2024, ore 9

mercoledì 23 ottobre 2024, ore 9 (Riservato a laureandi, studenti fuori corso e studenti iscritti in corso all’ultimo anno dei corsi di laurea triennale e di laurea magistrale che hanno terminato le lezioni del secondo semestre)

Commissione d’esame:

 

Prof. Luca Ruggio

Prof.ssa Sondra Dall’Oco

Prof.ssa Corinna Bottiglieri

 

Modalità di prenotazione

 

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale e per le eventuali prove parziali esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL.

Il Corso sarà introdotto da una serie di lezioni volte a illustrare il campo di indagine della filologia medievale e umanistica e i suoi principali strumenti e metodi.

Il Corso si propone, in particolare, di procedere alla lettura e all’esame filologico e critico-letterario, anche in rapporto al più ampio contesto storico-politico della Firenze e dell’Italia del secondo Quattrocento, del Pactianae coniurationis commentarium di Angelo Poliziano. Si tratta della dettagliata cronaca dei fatti riguardanti la Congiura dei Pazzi, la cospirazione ordita ai danni della famiglia Medici che portò all’assassinio di Giuliano, fratello di Lorenzo il Magnifico, e delle sue conseguenze. L’opera polizianea offre interessanti spunti sia di carattere filologico sia di carattere storico-politico, fornendo la possibilità di riflettere sugli equilibri di potere nell’Italia di fine Quattrocento.

Parte istituzionale:

- L.D. Reynolds – N.G. Wilson, Copisti e filologi. La tradizione dei classici dall'antichità ai tempi moderni, Padova, Antenore, 2016 (capitoli III, IV e VI = pp. 73-154, 194-224).

- P. Maas, La critica del testo, traduzione italiana a cura di G. Ziffer, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2021.

 

Corso monografico:

- Angelo Poliziano, Coniurationis commentarium. Commentario alla Congiura dei Pazzi, a cura di L. Petrini, Firenze, University Press, 2012.

 

Gli studenti non frequentanti dovranno aggiungere la lettura:

- Il Poliziano latino, a cura di P. Viti, Galatina, Congedo, 1996.

FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA (L-FIL-LET/08)
FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA

Corso di laurea LETTERE

Settore Scientifico Disciplinare L-FIL-LET/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 30.0

Per immatricolati nel 2022/2023

Anno accademico di erogazione 2023/2024

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 18/09/2023 al 22/12/2023)

Lingua ITALIANO

Percorso MODERNO (005)

Conoscenza di base di autori, opere e generi letterari della letteratura del Medioevo e dell’Umanesimo, nonché degli strumenti di base del metodo filologico.

Il corso si propone di far conoscere, attraverso la lettura di un’opera significativa dello spazio letterario del Medioevo e dell’Umanesimo, i percorsi di ricerca che hanno condotto all’edizione e all’interpretazione del testo, nonché alla sua fortuna presso i contemporanei e i posteri. Il commento, sorretto dal confronto continuo con i modelli della tradizione classica e con i contesti culturali e storico-politici, permette di verificare la molteplicità di approcci ad un testo e di creare fertili connessioni interdisciplinari.

- Conoscenza approfondita dei processi culturali peculiari del periodo medievale e umanistico e delle metodologie filologiche applicate ai testi della letteratura in lingua latina del periodo in esame.

- Capacità di applicare le conoscenze dei contesti e delle metodologie in un autonomo percorso di ricerca sui testi.

- Capacità di discernere fra gli strumenti bibliografici e i diversi approcci metodologici allo studio di un fenomeno culturale e letterario, di utilizzarli in maniera appropriata e di formulare giudizi critici.

- Acquisizione di strumenti d’interpretazione dei testi del Medioevo e dell’Umanesimo sia dal punto di vista filologico sia dal punto di vista critico-letterario.

Lezione frontale e attività seminariali volte a favorire l’intervento e la partecipazione attiva da parte degli studenti.

1. Gli studenti saranno valutati alla fine del corso attraverso un colloquio orale seguendo il calendario degli appelli d’esame.

2. Gli elementi che verranno presi in considerazione per la valutazione finale degli studenti riguarderanno:

- la conoscenza approfondita degli argomenti trattati, in particolare della letteratura medievale e umanistica nelle sue coordinate storiche, filologiche e letterarie e l’acquisizione di una metodologia di base per l’approccio critico ai testi mediolatini e umanistici (12/30);

- la correttezza e la chiarezza espositiva (10/30);

- la capacità argomentativa (8/30).

Appelli

 

lunedì 22 gennaio 2024, ore 9

giovedì 22 febbraio 2024, ore 9

giovedì 4 aprile 2024, ore 9

mercoledì 15 maggio 2024, ore 9 (Riservato a laureandi, studenti fuori corso e studenti iscritti in corso all’ultimo anno dei corsi di laurea triennale e di laurea magistrale che hanno terminato le lezioni del secondo semestre)

martedì 11 giugno 2024, ore 9

giovedì 4 luglio 2024, ore 9

martedì 10 settembre 2024, ore 9

mercoledì 23 ottobre 2024, ore 9 (Riservato a laureandi, studenti fuori corso e studenti iscritti in corso all’ultimo anno dei corsi di laurea triennale e di laurea magistrale che hanno terminato le lezioni del secondo semestre)

Commissione d’esame:

 

Prof. Luca Ruggio

Prof.ssa Sondra Dall’Oco

Prof.ssa Corinna Bottiglieri

 

Modalità di prenotazione

 

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale e per le eventuali prove parziali esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL.

Il Corso sarà introdotto da una serie di lezioni volte a illustrare il campo di indagine della filologia medievale e umanistica e i suoi principali strumenti e metodi.

Il Corso si propone, in particolare, di procedere alla lettura e all’esame filologico e critico-letterario, anche in rapporto al più ampio contesto storico-politico della Firenze e dell’Italia del secondo Quattrocento, del Pactianae coniurationis commentarium di Angelo Poliziano. Si tratta della dettagliata cronaca dei fatti riguardanti la Congiura dei Pazzi, la cospirazione ordita ai danni della famiglia Medici che portò all’assassinio di Giuliano, fratello di Lorenzo il Magnifico, e delle sue conseguenze. L’opera polizianea offre interessanti spunti sia di carattere filologico sia di carattere storico-politico, fornendo la possibilità di riflettere sugli equilibri di potere nell’Italia di fine Quattrocento.

Parte istituzionale:

- L.D. Reynolds – N.G. Wilson, Copisti e filologi. La tradizione dei classici dall'antichità ai tempi moderni, Padova, Antenore, 2016 (capitoli III, IV e VI = pp. 73-154, 194-224).

- P. Maas, La critica del testo, traduzione italiana a cura di G. Ziffer, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2021.

 

Corso monografico:

- Angelo Poliziano, Coniurationis commentarium. Commentario alla Congiura dei Pazzi, a cura di L. Petrini, Firenze, University Press, 2012.

 

Gli studenti non frequentanti dovranno aggiungere la lettura:

- Il Poliziano latino, a cura di P. Viti, Galatina, Congedo, 1996.

FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA (L-FIL-LET/08)
LETTERATURA UMANISTICA

Corso di laurea LETTERE MODERNE

Settore Scientifico Disciplinare L-FIL-LET/08

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2023/2024

Anno accademico di erogazione 2023/2024

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 18/09/2023 al 22/12/2023)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Conoscenza della letteratura latina, nozioni di base della storia e della letteratura italiana dei secc. XIV-XVI. Durante il corso momenti specifici saranno dedicati alla verifica dei prerequisiti attraverso attività seminariali.

Il corso intende far conoscere, attraverso la lettura di una o più opere della tradizione letteraria umanistica, il percorso di rinnovamento della cultura messo in atto dagli intellettuali del Quattrocento in ogni campo del sapere. È messo in particolare rilievo il ruolo avuto da Petrarca e dai letterati che a lui si ispirarono nel peculiare processo di recupero dei classici latini e greci e nella fondazione del pensiero moderno.

  • Conoscenza e comprensione approfondita della letteratura umanistica nelle sue coordinate storiche, filologiche e letterarie, nonché delle continuità e delle fratture che intercorrono fra Umanesimo e Medioevo e fra Umanesimo ed Età moderna.
  • Capacità di applicare le conoscenze acquisite sui testi latini appartenenti allo spazio letterario dell’Umanesimo.
  • Capacità di analizzare criticamente le opere degli umanisti servendosi degli strumenti della critica letteraria.
  • Sviluppare e utilizzare in modo appropriato il lessico tecnico specifico della critica letteraria relativa all’Umanesimo, anche su basi pluridisciplinari nell’ambito della filologia classica e della filologia italiana che consentano di affinare gli strumenti della ricerca scientifica.
  • Capacità di attualizzare in maniera autonoma e propositiva gli stimoli letterari provenienti da un’opera significativa dell’Umanesimo.

Lezione frontale e attività seminariali volte a favorire l’intervento e la partecipazione attiva da parte degli studenti.

1. Gli studenti saranno valutati alla fine del corso attraverso un colloquio orale seguendo il calendario degli appelli d’esame.

2. Gli elementi che verranno presi in considerazione per la valutazione finale degli studenti riguarderanno:

- la conoscenza approfondita degli argomenti trattati, in particolare della letteratura umanistica nelle sue coordinate storiche, filologiche e letterarie e l’acquisizione di una metodologia di base per l’approccio critico ai testi umanistici (12/30);

- la correttezza e la chiarezza espositiva (10/30);

- la capacità argomentativa (8/30).

 

È prevista una prova parziale sulla parte istituzionale.

Appelli

 

lunedì 22 gennaio 2024, ore 9

giovedì 22 febbraio 2024, ore 9

giovedì 4 aprile 2024, ore 9

mercoledì 15 maggio 2024, ore 9 (Riservato a laureandi, studenti fuori corso e studenti iscritti in corso all’ultimo anno dei corsi di laurea triennale e di laurea magistrale che hanno terminato le lezioni del secondo semestre)

martedì 11 giugno 2024, ore 9

giovedì 4 luglio 2024, ore 9

martedì 10 settembre 2024, ore 9

mercoledì 23 ottobre 2024, ore 9 (Riservato a laureandi, studenti fuori corso e studenti iscritti in corso all’ultimo anno dei corsi di laurea triennale e di laurea magistrale che hanno terminato le lezioni del secondo semestre)

Commissione d’esame:

 

Prof. Luca Ruggio

Prof.ssa Sondra Dall’Oco

Prof.ssa Corinna Bottiglieri

 

Modalità di prenotazione

 

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale e per le eventuali prove parziali esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL

Il corso si propone di analizzare le opere appartenenti allo spazio letterario dell’Umanesimo secondo prospettive che riguardano il contesto storico in cui l’opera è stata prodotta e gli aspetti letterari e linguistici della stessa.

Il corso si articolerà in due parti.

La parte istituzionale fornirà le conoscenze relative alla produzione letteraria del Mezzogiorno aragonese, con l’obiettivo di mettere in evidenza i peculiari interessi, la rete di relazioni, anche con gli altri centri culturali della Penisola, e i caratteri specifici tanto dal punto di vista linguistico quanto da quello storico-letterario.

La seconda parte del corso, a carattere seminariale, vedrà il coinvolgimento attivo degli studenti al fine di sviluppare capacità critica e competenza interpretativa attraverso la lettura, la discussione e il commento (linguistico e letterario) dei testi del corso monografico.

In particolare, il corso monografico sarà dedicato alla produzione geografica nella Napoli aragonese, prendendo in esame in modo specifico la figura dell’umanista salentino Antonio Galateo, del quale sarà letto e commentato il trattato corografico De situ Iapygiae.

Parte istituzionale:

- G. Cappelli - F. Delle Donne, Nel Regno delle lettere. Umanesimo e politica nel Mezzogiorno aragonese, Roma, Carocci, 2021.

 

Corso monografico:

- Antonio De Ferrariis Galateo, La Iapigia (Liber de situ Iapygiae), prefazione di F. Tateo, introduzione, testo, traduzione e note a cura di D. Defilippis, Galatina, Congedo, 2005.

 

Gli studenti non frequentanti dovranno aggiungere lo studio del volume:

- Antonio Galateo dalla Iapigia all’Europa. Atti del Convegno Internazionale di Studi nel V Centenario della morte di Antonio Galateo, a cura di S. Dall’Oco e L. Ruggio, Lecce, Milella, 2019, pp. XI-XVII, 69-82, 117-132, 169-178, 277-288, 309-322, 345-362, 405-444, 463-474 (Introduzione e i contributi di: C. Vecce, S. Dall’Oco, S. Valerio, L. Ruggio, P. Sisto, D. Defilippis, G. Vallone, A. Iurilli, G. Patisso).

LETTERATURA UMANISTICA (L-FIL-LET/08)
FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA

Corso di laurea LETTERE CLASSICHE

Settore Scientifico Disciplinare L-FIL-LET/08

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2022/2023

Anno accademico di erogazione 2022/2023

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 19/09/2022 al 13/01/2023)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Conoscenza della lingua e letteratura latina, nozioni di base della storia e della letteratura italiana dei secc. XIV-XVI. Durante il corso momenti specifici saranno dedicati alla verifica dei prerequisiti attraverso attività seminariali.

Il corso intende far conoscere, attraverso la lettura di una o più opere della tradizione letteraria medievale e umanistica, i percorsi di ricerca che hanno condotto all’edizione e all’interpretazione del testo, nonché alla sua fortuna presso i contemporanei e i posteri. Il commento, sorretto dal confronto continuo con i modelli della tradizione classica e con i contesti culturali e storico-politici, permette di verificare la molteplicità di approcci ad un testo e di creare fertili connessioni interdisciplinari.

Conoscenze approfondite della letteratura medievale e umanistica nelle sue coordinate storiche, filologiche e letterarie.

Apprendimento dei fondamenti della critica testuale applicata ai testi latini medievali e umanistici, attraverso un approccio pluridisciplinare nell’ambito della filologia classica e della filologia italiana che consenta di affinare gli strumenti della ricerca scientifica.

Lezione frontale e attività seminariali volte a favorire l’intervento e la partecipazione attiva da parte degli studenti.

1. Gli studenti saranno valutati alla fine del corso attraverso un colloquio orale seguendo il calendario degli appelli d’esame.

2. Gli elementi che verranno presi in considerazione per la valutazione finale degli studenti riguarderanno:

- la conoscenza approfondita degli argomenti trattati, in particolare della letteratura medievale e umanistica nelle sue coordinate storiche, filologiche e letterarie e l’acquisizione di una metodologia di base per l’approccio critico ai testi mediolatini e umanistici (12/30);

- la correttezza e la chiarezza espositiva (10/30);

- la capacità argomentativa (8/30).

 

È prevista una prova parziale sulla parte istituzionale.

Modalità di prenotazione

 

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale e per le eventuali prove parziali esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL.

La filologia medievale e umanistica si propone di analizzare le opere appartenenti allo spazio letterario del Medioevo e dell’Umanesimo secondo differenti prospettive che riguardano la tradizione testuale, il contesto storico in cui l’opera è stata prodotta e gli aspetti letterari e linguistici della stessa.

Il corso si articolerà in due parti.

La parte istituzionale, di carattere introduttivo, fornirà le conoscenze di base del metodo filologico applicato alla letteratura medievale e umanistica (anche attraverso la visione diretta di riproduzioni di manoscritti) e le linee guida del panorama storico-letterario dei secc. XIV-XV.

La seconda, di carattere seminariale, vedrà il coinvolgimento attivo degli studenti al fine di sviluppare capacità critica e competenza interpretativa attraverso la lettura, la discussione e il commento (filologico, linguistico e letterario) dei testi del corso monografico.

In particolare, il corso monografico sarà dedicato alla figura dell’umanista di Capodistria Pier Paolo Vergerio, del quale saranno lette e commentate due sue opere particolarmente significative: la commedia latina Paulus e il trattato pedagogico De ingenuis moribus.

Parte istituzionale:

- M. Bertè-M. Petoletti, La filologia medievale e umanistica, Bologna, il Mulino, 2017.

 

Corso monografico:

- Pier Paolo Vergerio, Paulus, in Teatro umanistico, a cura di Alessandro Perosa, Milano, Nuova Accademia, 1965, pp. 55-85;

- Pier Paolo Vergerio, De ingenuis moribus, in Educazione umanistica in Italia, a cura di Eugenio Garin, Bari, Laterza, 1959, pp. 47-104.

 

Gli studenti non frequentanti dovranno aggiungere lo studio del volume:

- G. Cappelli, L’umanesimo italiano da Petrarca a Valla, Roma, Carocci, 2018.

FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA (L-FIL-LET/08)
FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA

Corso di laurea LETTERE

Settore Scientifico Disciplinare L-FIL-LET/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 30.0

Per immatricolati nel 2021/2022

Anno accademico di erogazione 2022/2023

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 19/09/2022 al 13/01/2023)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Conoscenza di base di autori, opere e generi letterari della letteratura del Medioevo e dell’Umanesimo, nonché degli strumenti di base del metodo filologico.

Il corso si propone di far conoscere, attraverso la lettura di un’opera significativa dello spazio letterario del Medioevo e dell’Umanesimo, i percorsi di ricerca che hanno condotto all’edizione e all’interpretazione del testo, nonché alla sua fortuna presso i contemporanei e i posteri. Il commento, sorretto dal confronto continuo con i modelli della tradizione classica e con i contesti culturali e storico-politici, permette di verificare la molteplicità di approcci ad un testo e di creare fertili connessioni interdisciplinari.

- Conoscenza approfondita dei processi culturali peculiari del periodo medievale e umanistico e delle metodologie filologiche applicate ai testi della letteratura in lingua latina del periodo in esame.

- Capacità di applicare le conoscenze dei contesti e delle metodologie in un autonomo percorso di ricerca sui testi.

- Capacità di discernere fra gli strumenti bibliografici e i diversi approcci metodologici allo studio di un fenomeno culturale e letterario, di utilizzarli in maniera appropriata e di formulare giudizi critici.

- Acquisizione di strumenti d’interpretazione dei testi del Medioevo e dell’Umanesimo sia dal punto di vista filologico sia dal punto di vista critico-letterario.

Lezione frontale e attività seminariali volte a favorire l’intervento e la partecipazione attiva da parte degli studenti.

1. Gli studenti saranno valutati alla fine del corso attraverso un colloquio orale seguendo il calendario degli appelli d’esame.

2. Gli elementi che verranno presi in considerazione per la valutazione finale degli studenti riguarderanno:

- la conoscenza approfondita degli argomenti trattati, in particolare della letteratura medievale e umanistica nelle sue coordinate storiche, filologiche e letterarie e l’acquisizione di una metodologia di base per l’approccio critico ai testi mediolatini e umanistici (12/30);

- la correttezza e la chiarezza espositiva (10/30);

- la capacità argomentativa (8/30).

Modalità di prenotazione

 

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale e per le eventuali prove parziali esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL.

Il Corso sarà introdotto da una serie di lezioni volte a illustrare il campo di indagine della filologia medievale e umanistica e i suoi principali strumenti e metodi.

Il Corso si propone, in particolare, di procedere alla lettura e all’esame filologico e critico-letterario, anche in rapporto al più ampio contesto della letteratura odeporica dell’Umanesimo, dell’Itinerarium Syriacum di Francesco Petrarca. Si tratta di un’epistola, composta nel 1358 e dedicata a Giovanni Mandelli, che aveva invitato proprio Petrarca a recarsi con lui in Terrasanta, nella quale il percorso del viaggio, solo immaginato e non realmente compiuto, viene ricostruito attraverso il peculiare metodo degli umanisti, cioè con l’ausilio delle fonti degli storici e dei geografi antichi. La literula, inoltre, offre all’autore la possibilità di confrontarsi con il tema del viaggio, spesso al centro della sua scrittura e delle sue speculazioni.

Parte istituzionale:

- L.D. Reynolds – N.G. Wilson, Copisti e filologi. La tradizione dei classici dall'antichità ai tempi moderni, Padova, Antenore, 2016 (capitoli III, IV e VI = pp. 73-154, 194-224).

- C. Dionisotti, Discorso sull’Umanesimo italiano, in Geografia e storia della letteratura italiana, Torino, Einaudi, 1999, pp. 179-199.

 

Corso monografico:

- Francesco Petrarca, Guida al viaggio da Genova alla Terra Santa, a cura di U. Dotti, Milano, Feltrinelli, 2018.

 

Gli studenti non frequentanti dovranno aggiungere la lettura:

- F. Rico, I venerdì del Petrarca, Milano, Adelphi, 2016.

FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA (L-FIL-LET/08)
LABORATORIO DIGITALE DI FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA

Corso di laurea LETTERE

Settore Scientifico Disciplinare L-FIL-LET/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 3.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 30.0

Per immatricolati nel 2020/2021

Anno accademico di erogazione 2022/2023

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 19/09/2022 al 13/01/2023)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Nessuno.

Il laboratorio illustrerà sia sul piano teorico sia sul piano pratico gli strumenti digitali a disposizione della filologia medievale umanistica. L’utilizzo delle banche dati e delle biblioteche digitali sono ormai strumenti essenziali per l’inventariazione dei materiali e per la conservazione e fruizione dei materiali manoscritti e a stampa: verranno quindi illustrate le possibilità fornite da tali strumenti nell’ambito della ricerca sui testi e i documento dello spazio letterario del Medioevo e dell’Umanesimo.

Il laboratorio ha l’obiettivo di introdurre gli studenti all’utilizzo degli strumenti informatici concernenti la ricerca in ambito medievale e umanistico.

Lezioni frontali ed esercitazioni guidate all’utilizzo di banche dati e biblioteche digitali. Nella seconda parte del laboratorio (10 ore), gli studenti partecipanti potranno verificare le loro conoscenze attraverso ricerche nelle principali risorse digitali a disposizione degli studiosi del Medioevo e dell’Umanesimo.

Il giudizio di idoneità sarà attribuito sulla base dell’esito di una prova pratica di ricerca di informazioni nelle principali banche dati della letteratura di età medievale e umanistica. In particolare, gli studenti dovranno dimostrare l’apprendimento delle metodologie di ricerca e la capacità di selezionare le informazioni reperite.

Il libro manoscritto; gli incunaboli; i principali strumenti digitali per catalogazione e la conservazione della letteratura del Medioevo e dell’Umanesimo; le banche dati; le biblioteche e gli archivi digitali.

Materiali verranno distribuiti nel corso delle lezioni.

LABORATORIO DIGITALE DI FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA (L-FIL-LET/08)
FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA

Corso di laurea LETTERE CLASSICHE

Settore Scientifico Disciplinare L-FIL-LET/08

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2021/2022

Anno accademico di erogazione 2021/2022

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 20/09/2021 al 14/01/2022)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Conoscenza della lingua e letteratura latina, nozioni di base della storia e della letteratura italiana dei secc. XIV-XVI. Durante il corso momenti specifici saranno dedicati alla verifica dei prerequisiti attraverso attività seminariali.

Il corso intende far conoscere, attraverso la lettura di una o più opere della tradizione letteraria medievale e umanistica, i percorsi di ricerca che hanno condotto all’edizione e all’interpretazione del testo, nonché alla sua fortuna presso i contemporanei e i posteri. Il commento, sorretto dal confronto continuo con i modelli della tradizione classica e con i contesti culturali e storico-politici, permette di verificare la molteplicità di approcci ad un testo e di creare fertili connessioni interdisciplinari.

Conoscenze approfondite della letteratura medievale e umanistica nelle sue coordinate storiche, filologiche e letterarie. 
Apprendimento dei fondamenti della critica testuale applicata ai testi latini medievali e umanistici, attraverso un approccio pluridisciplinare nell’ambito della filologia classica e della filologia italiana che consenta di affinare gli strumenti della ricerca scientifica.

Lezione frontale. Attività seminariali e laboratoriali propedeutiche alla prova finale.

1. Gli studenti saranno valutati alla fine del corso attraverso un colloquio orale seguendo il calendario degli appelli d’esame.

2. Gli elementi che verranno presi in considerazione per la valutazione finale degli studenti riguarderanno:

- la conoscenza approfondita della letteratura medievale

e umanistica nelle sue coordinate storiche, filologiche e

letterarie e l’acquisizione di una metodologia di base per l’approccio critico ai testi mediolatini e umanistici (10/30);

- la correttezza e la chiarezza espositiva (10/30);

- la capacità argomentativa (10/30).

martedì 25 gennaio 2022, ore 9

lunedì 21 febbraio 2022, ore 9

lunedì 11 aprile 2022, ore 9

lunedì 16 maggio 2022, ore 9 (appello straordinario)

martedì 14 giugno 2022, ore 9

lunedì 11 luglio 2022, ore 9

martedì 6 settembre 2022, ore 9

lunedì 24 ottobre 2022, ore 9 (appello straordinario)

Gli studenti non frequentanti sono invitati a contattare il docente per concordare il programma.

La filologia medievale e umanistica si propone di analizzare le opere appartenenti allo spazio letterario del Medioevo e dell’Umanesimo secondo differenti prospettive che riguardano la tradizione testuale, il contesto storico in cui l’opera è stata prodotta e gli aspetti letterari e linguistici della stessa.

Il corso si articolerà in due parti.

La prima, di carattere introduttivo, fornirà le conoscenze di base del metodo filologico applicato alla letteratura medievale e umanistica e le linee guida del panorama storico-letterario dei secc. XIV-XV.

La seconda parte, di carattere seminariale, prevederà il coinvolgimento attivo degli studenti, al fine di sviluppare capacità critica e competenza interpretativa attraverso la lettura, la discussione e il commento (filologico, linguistico e letterario) del testo del corso monografico.

In particolare, il corso monografico sarà dedicato allo studio della commedia «Epirota» dell’umanista veneziano Tommaso de Mezzo, la quale apre la serie di opere teatrali in latino scritte a Venezia nella seconda metà del sec. XV. Nonostante la presenza di significativi riferimenti alla realtà contemporanea e di elementi tratti dalla coeva tradizione novellistica e faceta, l’Epirota dimostra – tanto nella trama quanto nella struttura – una maggiore fedeltà ai modelli plautini e terenziani rispetto alla precedente produzione drammatica dell’Umanesimo, più strettamente legata alla cultura medievale. La commedia di Tommaso de Mezzo rappresenta, perciò, un esempio del percorso di riscoperta del teatro antico e, più in generale, della riscoperta dei classici in età umanistica.

Studi

- M. Bertè-M. Petoletti, La filologia medievale e umanistica, Bologna, il Mulino, 2017;

- L. Ruggio, Repertorio bibliografico del teatro umanistico, Firenze, SISMEL-Edizioni del Galluzzo, 2011 (pp. XIII-LIV).

 

Testo

- Tommaso de Mezzo, Epirota, a cura di L. Ruggio, Firenze, SISMEL-Edizioni del Galluzzo, 2011.

FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA (L-FIL-LET/08)
LABORATORIO DI FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA

Corso di laurea LETTERE

Settore Scientifico Disciplinare L-FIL-LET/08

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 3.0

Ripartizione oraria Ore totali di attività frontale: 30.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 25/09/2017 al 19/01/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso CLASSICO (031)

LABORATORIO DI FILOLOGIA MEDIEVALE E UMANISTICA (L-FIL-LET/08)

Pubblicazioni

Monografie / Edizioni critiche

- Luca Ruggio, Theatralia. Catalogo del teatro umanistico europeo (secc. XV-XVI), Lecce, Milella, 2021

- Hermann Knuyt van Slyterhoven, Scornetta, edizione critica, traduzione e commento a cura di Luca Ruggio, Firenze, Cesati, 2016

- Luca Ruggio, Alla maniera dei comici. Aspetti del comico nella commedia umanistica, Bari, Cacucci, 2015

- Tommaso de Mezzo, Epirota, edizione critica, traduzione e commento a cura di Luca Ruggio, Firenze, Sismel-Edizioni del Galluzzo, 2012

- Luca Ruggio, Repertorio bibliografico del teatro umanistico, Firenze, Sismel-Edizioni del Galluzzo, 2011

 

Articoli in rivista

- Luca Ruggio, Il De situ urbis Iustinopolitane di Pier Paolo Vergerio, "Archivum mentis", 12, 2023, pp. 3-37

- Luca Ruggio, Ancora su Domenico Crispo: l’epistola inedita del ms. 1077 della Biblioteca Angelica di Roma, "Archivum mentis", 10 - "Studi per Augusto Guida", 2021, pp. 511-519

- Luca Ruggio, Domenico Crispo umanista pistoiese, "Archivum mentis", 9, 2020, pp. 185-199

- Luca Ruggio, Il teatro umanistico in Europa: risultati e prospettive di ricerca, "Lettere italiane", 70/1, 2018, pp. 116-168

- Luca Ruggio, Poliziano e gli Scriptores rei rusticae: le note all'incunabolo parigino Rés. S. 439, "Archivum mentis", 6, 2017, pp. 107-120

- Luca Ruggio, Comicità, storia ed erudizione nei Detti piacevoli di Angelo Poliziano, "Archivum mentis", 5, 2016, pp. 17-38

- Luca Ruggio, Due note sull'inedita commedia Laphra di Gian Mario Filelfo, "Archivum mentis", 1, 2012, pp. 225-235

 

Contributi in atti di convegno

- Luca Ruggio, Legat Petrarcham. Corrispondenze petrarchesche nell’epistolario di Antonio Galateo, in Metodi, problemi e prospettive nello studio degli epistolari. Atti del Convegno internazionale (Pisa, Università di Pisa, 9-10-11 dicembre 2020), a cura di S. Canzona, F. Foligno, V. Leone, Sarnico, Edizioni Archilet, 2022, pp. 23-37

- Luca Ruggio, Poliziano e la collazione degli Scriptores rei rusticae. Le note all’incunabolo parigino Rés. s. 439, in Politien, humaniste aux sources de la modernité, Actes du colloque international “Politien, humaniste aux sources de la modernité”, organisé du 11 au 13 mai 2015 à Sorbonne Université, publiés avec le soutien de Sorbonne Université sous la direction d’Émilie Séris et Paolo Viti, Paris, Classiques Garnier, 2021, pp. 141-154

- Luca Ruggio, Me ipsum fugio. Inquietudine e fuga dal mondo nel De inconstantia humani animi di Antonio Galateo, in Antonio Galateo dalla Iapigia all'Europa. Atti del Convegno Internazionale di Studi nel V Centenario della morte di Antonio Galateo, a cura di S. Dall'Oco e L. Ruggio, Lecce, Edizioni Milella, 2019, pp. 277-288

- Sondra Dall'Oco - Luca Ruggio, Introduzione, in Antonio Galateo dalla Iapigia all'Europa. Atti del Convegno Internazionale di Studi nel V Centenario della morte di Antonio Galateo, a cura di S. Dall'Oco e L. Ruggio, Lecce, Edizioni Milella, 2019, pp. XI-XVII

- Luca Ruggio, Comparazioni e personificazioni mitologiche: su alcuni aspetti della comicità nelle commedie umanistiche, in Comico e tragico nel teatro umanistico, a cura di S. Pittaluga e P. Viti, Genova, DARFICLET, 2016, pp. 273-282

- Luca Ruggio, Poliziano e Terenzio, in Cultura e filologia di Angelo Poliziano. Traduzioni e commenti, a cura di P. Viti, Firenze, Olschki, 2016, pp. 205-219

- Luca Ruggio, Il Decameron e la commedia umanistica: novelle e motti nel teatro latino del Quattrocento, in Giovanni Boccaccio: tradizione, interpretazione e fortuna. In ricordo di Vittore Branca, a cura di A. Ferracin e M. Venier, Udine, Forum, 2014, pp. 199-216

 

Contributi in volume

- Luca Ruggio, Imago mundi. Libri e cultura geografica di Antonio Galateo, in Vir bonus dicendi peritus. Studi in onore di Paolo Viti, a cura di S. Dall'Oco e L. Ruggio, Lecce, Edizioni Milella, 2023, pp. 361-375

- Luca Ruggio, Lessicografia comica. Esplorazioni sulla lingua della commedia umanistica, in La lingua. Strutture, storia, variazioni. Studi offerti a Salvatore De Masi, a cura di M.V. Dell'Anna e I. Tempesta, Firenze, Franco Cesati, 2022, pp. 117-127

- Luca Ruggio, Forsitan in somno putat ipsa fovere Priapum. Il ruolo della sessualità nella commedia umanistica, in Itinerari del testo per Stefano Pittaluga, II, a cura di C. Cocco, C. Fossati, A. Grisafi, F. Mosetti Casaretto, G. Boiani, Genova, D.AR.FI.CL.E.T., 2018, pp. 813-824

- Luca Ruggio, Il teatro umanistico in Europa nei secoli XV e XVI: prospettive di ricerca, in FutureInResearch. L'esperienza dell'Università del Salento, a cura di S. Labbate, Trento, Tangram-Edizioni Scientifiche, 2018, pp. 70-72

- Luca Ruggio, Galateo e Strabone. Una nota di metodo nel De situ Iapygiae, in Novità e tradizione in Antonio Galateo. Studi e testi, a cura di P. Viti, Lecce, Milella, 2017, pp. 49-57

- Luca Ruggio, L'epistola De Hierosolymitana peregrinatione, in Novità e tradizione in Antonio Galateo. Studi e testi, Lecce, Milella, 2017, pp. 69-98

 

Voci in dizionario o enciclopedia

- Luca Ruggio, Rossi, Roberto de', in Dizionario Biografico degli Italiani, 88, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 2017, pp. 719-721

- Luca Ruggio, Redditi, Filippo, in Dizionario Biografico degli Italiani, 86, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 2016, pp. 704-705

 

Recensioni

- Luca Ruggio, recensione a Tito Livio Frulovisi, Oratoria, a cura di Cristina Cocco, Firenze, Sismel-Edizioni del Galluzzo, 2011, «Esperienze Letterarie», pp. 125-129

- Luca Ruggio, recensione a Chiara Buonfiglioli, La fortuna della Philodoxeos fabula di Leon Battista Alberti, Firenze, Polistampa, 2014, «Studi e problemi di critica testuale», 92, 2016, pp. 243-247

 

Indici

- Luca Ruggio, Ambascerie fiorentine. Cronotassi delle Istruzioni e delle Lettere, in Il carteggio della Signoria fiorentina all’epoca del cancellierato di Carlo Marsuppini (1444-1453), a cura di R.M. Zaccaria, Roma, Ministero dei Beni Culturali e del Turismo - Direzione Generale Archivi, 2015, pp. 277-288

 

Curatele

- Vir bonus dicendi peritus. Studi in onore di Paolo Viti, a cura di S. Dall'Oco e L. Ruggio, Lecce, Edizioni Milella, 2023

- Antonio Galateo dalla Iapigia all’Europa. Atti del Convegno Internazionale di Studi nel V Centenario della morte di Antonio Galateo, a cura di S. Dall’Oco e L. Ruggio, Lecce, Edizioni Milella, 2019

- Novità e tradizione in Antonio Galateo. Studi e testi, a cura di P. Viti, con la collaborazione di S. Dall’Oco e L. Ruggio, Lecce, Edizioni Milella, 2017

Temi di ricerca

- Teatro umanistico

- Filologia medievale e umanistica

- Geografia mediolatina

- Epistolografia umanistica

Risorse correlate

Documenti