Elisa PALOMBA

Elisa PALOMBA

Professore II Fascia (Associato)

Settore Scientifico Disciplinare M-PED/03: DIDATTICA E PEDAGOGIA SPECIALE.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull`uomo

Edificio Codacci Pisanelli - Piazza Arco di Trionfo, 1 - LECCE (LE)

Ufficio, Piano terra

Telefono +39 0832 29 4874

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull`uomo

Studium 2000 - edificio 5 - Via di Valesio, 24 - LECCE (LE)

Ufficio, Piano terra

Telefono + 39 0832 29 4874

Area di competenza:

Didattica generale
Pedagogia dell'infanzia e della preadolescenza
Teorie e metodi della formazione
Progettazione e gestione dei processi formativi
Laboratorio di guida allo studio
Laboratorio di etnografia educativa
Laboratorio di progettazione dei processi formativi
 

Orario di ricevimento

Mercoledì ore 9-12, studio 38 - Edificio 5, Studium 2000

Recapiti aggiuntivi

elisa.palomba@unisalento.it 0832 294874

Visualizza QR Code Scarica la Visit Card

Curriculum Vitae

E' professore associato di Didattica Generale e Pedagogia Speciale presso il Dipartimento di Storia, Società e <studi sull'Uomo dell’Università del Salento, dove ha diretto il Laboratorio di Intercultura. Ha svolto attività di ricerca e progettazione nell’ambito di progetti di rilevanza nazionale (PRIN 2003“E-learning nella formazione universitaria, modelli didattici e criteriologia pedagogica”, PRIN 2006 “Ontologie, learning object e comunità di pratiche: nuovi paradigmi educativi per l'e-learning”, Prin 2009  “ONTOPED: qualità della ricerca e documentazione scientifica nelle scienze pedagogiche”) ed europei (Progetto Equal DMT – Donne, Media e Telecomunicazioni); è stata visiting professor presso l'Università di Izmir (Turchia), Valencia (Spagna), Cambridge (Gran Bretagna), Mascara (Algeria).
Fra i temi di ricerca:  contesti virtuali, identità e intercultura; progettazione educativa degli ambienti simulati; infanzia e narrazioni: fiaba, cartoon e videogiochi.

***

In primo piano:

  • PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA PER SOSTENERE GLI ESAMI: Si ricorda che per poter sostenere gli esami, è obbligatorio prenotarsi online attraverso il portale studenti. Eventuali difficoltà di prenotazione vanno segnalate all'helpdesk online (sullo stesso portale studenti).

  • nella sezione Didattica sono disponibili i programmi d'esame
  • nella sezione Notizie sono elencate le date d'esame e altri avvisi importanti

***

 

Elisa Palomba is Associate Professor of Pedagogy and Special Education at the Department of History, Society and Human Studies (University of Salento), where she heads the Laboratory of Intercultural (www.laboratoriointercultura.it).

Among recent experience: she has worked in research projetc of national relevance (Prin): PRIN 2003 "E-learning in higher education, teaching models and educational criteriology"; PRIN 2006 “Ontologies, learning objects and communities of practice: new educational paradigms for e-learning " Prin 2009 “Quality of research and scientific evidence in science teaching”; DMT European Equal Project - Women, Media and Telecommunications (2003)At the present, she is the scientific coordinator of the project "Euro-Mediterranean Intercultural Dialogue Laboratory” (2012). She han been visiting professor in Izmir (Turchia), Valencia (Spagna), Cambridge (Gran Bretagna), Mascara (Algeria).

Research area:- Virtual contexts, identity and intercultural competences; E-learning and ICT; Children and narratives: fairy tale, cartoons and videogames.

Didattica

A.A. 2019/2020

DIDATTICA GENERALE

Corso di laurea EDUCATORE SOCIO-CULTURALE

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

Laboratorio di guida allo studio

Corso di laurea EDUCAZIONE SOCIALE E TECNICHE DELL'INTERVENTO EDUCATIVO

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

Progettazione degli interventi educativi

Corso di laurea EDUCATORE SOCIO-CULTURALE

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 36.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

Progettazione degli interventi educativi

Corso di laurea SOCIOLOGIA

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PROFESSIONALE

TEORIE E METODI DELLA FORMAZIONE

Corso di laurea CONSULENZA PEDAGOGICA E PROGETTAZIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 36.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

A.A. 2018/2019

DIDATTICA GENERALE

Corso di laurea EDUCATORE SOCIO-CULTURALE

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

LABORATORIO DI COOPERATIVE LEARNING

Corso di laurea TEORIE E PRATICHE EDUCATIVE

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

Laboratorio di guida allo studio

Corso di laurea EDUCATORE SOCIO-CULTURALE

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI FORMATIVI

Corso di laurea SOCIOLOGIA

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PROFESSIONALE

Progettazione e valutazione dei processi formativi

Corso di laurea CONSULENZA PEDAGOGICA E PROGETTAZIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 10.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

TEORIE E METODI DELLA FORMAZIONE

Corso di laurea CONSULENZA PEDAGOGICA E PROGETTAZIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 36.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

A.A. 2017/2018

DIDATTICA GENERALE

Corso di laurea TEORIE E PRATICHE EDUCATIVE

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

LABORATORIO DI ETNOGRAFIA EDUCATIVA

Corso di laurea TEORIE E PRATICHE EDUCATIVE

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 15.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

Laboratorio di guida allo studio

Corso di laurea EDUCATORE SOCIO-CULTURALE

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 15.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

LABORATORIO DI PROGETTAZIONE FORMATIVA

Corso di laurea TEORIE E PRATICHE EDUCATIVE

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 15.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI FORMATIVI

Corso di laurea SOCIOLOGIA

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PROFESSIONALE

TEORIE E METODI DELLA FORMAZIONE

Corso di laurea PROGETTAZIONE E GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

A.A. 2016/2017

DIDATTICA GENERALE

Corso di laurea TEORIE E PRATICHE EDUCATIVE

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 228.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

DIDATTICA GENERALE

Corso di laurea SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0 Ore Studio individuale: 152.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso GENERALE

TEORIE E METODI DELLA FORMAZIONE

Corso di laurea SOCIOLOGIA

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 120.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PROFESSIONALE

TEORIE E METODI DELLA FORMAZIONE

Corso di laurea PROGETTAZIONE E GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 228.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

A.A. 2015/2016

DIDATTICA GENERALE

Corso di laurea TEORIE E PRATICHE EDUCATIVE

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 240.0

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

TEORIE E METODI DELLA FORMAZIONE

Corso di laurea PROGETTAZIONE E GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 240.0

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

A.A. 2014/2015

DIDATTICA GENERALE

Corso di laurea SCIENZE DELLA FORMAZIONE E SAPERI FILOSOFICI

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 228.0

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

TEORIE E METODI DELLA FORMAZIONE

Corso di laurea Scienze Pedagogiche

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 10.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 190.0

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI STORIA, SOCIETA' E STUDI SULL'UOMO

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

Torna all'elenco
DIDATTICA GENERALE

Corso di laurea EDUCATORE SOCIO-CULTURALE

Settore Scientifico Disciplinare M-PED/03

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 30/09/2019 al 15/01/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Conoscenza dei principali modelli epistemologici delle Scienze dell’educazione

Conoscenza delle principali fasi della storia della Pedagogia

L'insegnamento intende fornire i fondamenti della Didattica, ovvero quelle conoscenze basilari per la progettazione, il monitoraggio e la valutazione dei processi di insegnamento e di apprendimento nei differenti contesti formativi.

Il fine generale dell’insegnamento è quello di promuovere - in chi apprende -la costruzione di categorie interpretative delle dinamiche didattiche, nonché l’attivazione di un atteggiamento di problematicismo critico attraverso cui analizzare i processi educativi.

Obiettivo specifico del corso è l’acquisizione di conoscenze, la loro rielaborazione e padronanza rispetto alle dimensioni fondamentali della Didattica.

Al termine del percorso, ciascuno studente avrà maturato

conoscenze:

  • conoscenza dei principali modelli di progettazione didattica: caratteristiche, criticità, contesti di applicabilità
  • conoscenza delle differenti strategie didattiche: lezione, discussione, studio di caso, apprendimento di gruppo, problem solving, simulazione, role-playing;
  • conoscenza dei differenti contesti educativi e delle forme didattiche specifiche per ciascun contesto;
  • conoscenza degli strumenti per monitorare e per valutare i processi educativi;

abilità:

  • abilità di osservazione dei contesti educativi e abilità di analisi delle rispettive specificità;
  • abilità di interpretazione delle variabili intervenienti nei processi didattici (a livello relazionale, simbolico, comunicativo);
  • abilità di analisi di problemi educativi relativi al processo di progettazione didattica;
  • abilità di interpretazione dei processi comunicativi in ambito didattico;
  • abilità di generazione di ipotesi e formulazione di soluzioni rispetto a problematiche didattiche specifiche;
  • abilità di applicazione dei principi di progettazione didattica alla creazione di unità di apprendimento;
  • abilità di utilizzazione delle nuove tecnologie per la ricerca, selezione e individuazione dei materiali di apprendimento;
  • abilità di scrittura di un progetto didattico da sviluppare in un contesto specifico

La didattica prevede l’impiego di

  1. lezioni frontali per l’introduzione ai principi e ai concetti fondamentali della disciplina;
  2. esercitazioni per l’applicazione dei concetti appresi e la verifica dell’apprendimento;
  3. simulazioni per l’elaborazione di progetti didattici che saranno oggetto della valutazione finale (cfr. modalità di valutazione)

Per gli studenti non frequentanti: l’esame si svolgerà in forma scritta – sul testo in programma – con domande a risposta chiusa e a risposta aperta, al fine di valutare le conoscenze acquisite e le capacità di elaborare connessioni e analisi critica dei temi proposti.

Per gli studenti frequentanti è prevista una prova intermedia (intorno alla seconda metà di aprile); la prova intermedia sarà scritta con domande a risposta chiusa e sarà finalizzata a valutare la conoscenza dei concetti teorici illustrati a lezione. La prova finale richiederà – a ciascuno studente frequentante – l’elaborazione di un progetto didattico da inviare alla docente in forma scritta; la prova è finalizzata a valutare le capacità di progettazione didattica sviluppate da ciascun allievo

Si rimanda al Portale studenti per la visualizzazione delle date e l'iscrizione agli appelli.

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL. Le date degli appelli sono disponibili sul Portale studenti e sulla bacheca online della docente (http://www.unisalento.it/web/guest/scheda_personale/-/people/elisa.palomba )

Si ricorda che l’esame scritto è visualizzato sul portale studenti come “prova parziale”: per sostenere l’esame occorre quindi prenotarsi alla prova parziale.

L'insegnamento intende fornire i fondamenti della Didattica, ovvero quelle conoscenze basilari per la progettazione, il monitoraggio e la valutazione dei processi di insegnamento e di apprendimento nei differenti contesti formativi.

Il fine generale dell’insegnamento è quello di promuovere - in chi apprende -la costruzione di categorie interpretative delle dinamiche didattiche, nonché l’attivazione di un atteggiamento di problematicismo critico attraverso cui analizzare i processi educativi.

Obiettivo specifico del corso è l’acquisizione di conoscenze, la loro rielaborazione e padronanza rispetto alle quattro dimensioni fondamentali della Didattica:

dimensione strutturale

modelli e teorie dell’istruzione

Instructional Design

strategie didattiche (lezione, discussione, studio di caso, apprendimento di gruppo, problem solving, simulazione e role-playing, ecc.)

dispositivi progettuali e attuativi: curriculum e ambienti di apprendimento

dispositivi di valutazione

 

dimensione negoziale

i formati della comunicazione in didattica: verbale, non verbale, mediata dal computer

i processi simbolici e le pratiche discorsive nei contesti formativi

la gestione dei processi: i tempi, gli spazi, le attività

 

dimensione contestuale

la Didattica scolastica

la Didattica universitaria

la Didattica extra-scolastica

la Didattica degli adulti e nelle organizzazioni

la Didattica tecnologica

la Didattica interculturale

 

dimensione metodologico-conoscitiva

il circuito azione-riflessione e la formazione dei docenti

 

Conoscenze e abilità

Al termine del percorso, ciascuno studente avrà maturato

conoscenze:

  • conoscenza dei principali modelli di progettazione didattica: caratteristiche, criticità, contesti di applicabilità
  • conoscenza delle differenti strategie didattiche: lezione, discussione, studio di caso, apprendimento di gruppo, problem solving, simulazione, role-playing;
  • conoscenza dei differenti contesti educativi e delle forme didattiche specifiche per ciascun contesto;
  • conoscenza degli strumenti per monitorare e per valutare i processi educativi;

abilità:

  • abilità di osservazione dei contesti educativi e abilità di analisi delle rispettive specificità;
  • abilità di interpretazione delle variabili intervenienti nei processi didattici (a livello relazionale, simbolico, comunicativo);
  • abilità di analisi di problemi educativi relativi al processo di progettazione didattica;
  • abilità di interpretazione dei processi comunicativi in ambito didattico;
  • abilità di generazione di ipotesi e formulazione di soluzioni rispetto a problematiche didattiche specifiche;
  • abilità di applicazione dei principi di progettazione didattica alla creazione di unità di apprendimento;
  • abilità di utilizzazione delle nuove tecnologie per la ricerca, selezione e individuazione dei materiali di apprendimento;
  • abilità di scrittura di un progetto didattico da sviluppare in un contesto specifico.

 

Competenze trasversali

Competenze diagnostiche:

  • Identificare e consultare fonti informative in relazione ad uno specifico problema didattico

Competenze di coping:

  • Definire una strategia di azione per affrontare un problema o una situazione, valutando vincoli e risorse del contesto formativo in relazione agli obiettivi da raggiungere, tenendo presenti le conseguenze delle azioni adottate
  • Definire con chiarezza obiettivi, risultati attesi e ambiti di azione possibili a fronte di un problema da risolvere di natura sociale, tecnica o organizzativa

G. Bonaiuti, A. Calvani, M. Ranieri, Fondamenti di didattica: teorie e prassi dei dispositivi formativi, Nuova edizione, Carocci, Roma 2016

DIDATTICA GENERALE (M-PED/03)
Laboratorio di guida allo studio

Corso di laurea EDUCAZIONE SOCIALE E TECNICHE DELL'INTERVENTO EDUCATIVO

Settore Scientifico Disciplinare M-PED/03

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 30/09/2019 al 15/01/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Livello sufficiente delle competenze di base, così come previste dallo European Qualification Framework

Il laboratorio è articolato in tre segmenti (modalità e-learning e in presenza), ciascuno dei quali presenta una breve unità teorica – disponibile online – accompagnata da una esercitazione:

  1. le difficoltà di apprendimento: caratteristiche personali e contestuali;
  2. conosciamo il nostro stile di apprendimento: la motivazione, le strategie di studio, la gestione dello spazio, del tempo e dell’ansia;
  3. sviluppiamo una strategia di studio: l’analisi del compito, l’individuazione degli obiettivi, il metodo PQ4R.

Agli allievi sarà chiesto di riflettere su ciascuna delle tre aree, riconducendole alla propria esperienza personale; per ciascuna area saranno proposte esercitazioni (questionari, test, simulazioni) che gli allievi potranno caricare online sulla piattaforma studenti.unisalento.it

Obiettivi del laboratorio:

  • sviluppare/migliorare le competenze meta-cognitive di ciascun allievo, con particolare riferimento alla consapevolezza del proprio stile di apprendimento e delle difficoltà incontrate nello studio;
  • sviluppare le capacità diagnostiche, progettuali e decisionali relative alla individuazione delle strategie di studio più efficaci rispetto ad un compito specifico.

Al termine del laboratorio, ci si aspetta che gli allievi abbiano conseguito

Conoscenze su:

  1. meta-cognizione e apprendimento: che cosa si intende per meta-cognizione, quali sono i processi coinvolti e le variabili che influiscono sull’apprendimento;
  2. motivazione e aspettative: relazione fra apprendimento e sistema personale di motivazione e atteggiamenti verso lo studio;
  3. criticità nell’apprendimento: quali sono i fattori – personali e contestuali – che ostacolano i processi di apprendimento.

 

Abilità relative a:

  1. auto-diagnosi delle proprie difficoltà di apprendimento;
  2. monitoraggio e valutazione dei propri processi di apprendimento;
  3. individuazione e selezione della migliore strategia rispetto alle caratteristiche del compito.

Il laboratorio prevede unità teorico-didattiche – di circa dieci minuti ciascuna – consistenti in video-lezioni su aspetti specifici. Tutte le unità didattiche sono disponibili sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it

Ciascuna unità è accompagnata da una esercitazione, in cui a ciascun allievo è chiesto di elaborare un prodotto originale (mappa, schema, sintesi di un brano, glossario, ecc.) o di rispondere agli item di un questionario/test per conoscere le caratteristiche dei propri processi di apprendimento.

Il laboratorio prevede una valutazione formativa con giudizio di idoneità, in seguito al completamento del percorso online e delle esercitazioni previste sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it

Le date di appello sono disponibili sul Portale studenti ( studenti.unisalento.it )

Le date degli appelli sono disponibili anche sulla bacheca online della docente (http://www.unisalento.it/web/guest/scheda_personale/-/people/elisa.palomba )

Gli studenti possono prenotarsi per la verbalizzazione esclusivamente utilizzando la modalità online (Portale studenti).

Testi, esercitazioni e video-lezioni sono disponibili sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it

Il materiale di studio (testi, video) sarà disponibile online sulla piattaforma di apprendimento; saranno utilizzati brani tratti da diverse opere, sui cui gli allevi saranno chiamati ad esercitarsi.

Laboratorio di guida allo studio (M-PED/03)
Progettazione degli interventi educativi

Corso di laurea EDUCATORE SOCIO-CULTURALE

Settore Scientifico Disciplinare M-PED/04

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 36.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 02/03/2020 al 30/05/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Conoscenze di base per la progettazione didattica (teorie e modelli di progettazione, strategie didattiche e formative).

Il percorso si articola in due passaggi:

  1. Consolidamento e approfondimento delle conoscenze relative ai modelli teorici della progettazione;
  2. Applicazione delle conoscenze acquisite alla elaborazione di un progetto educativo.

Al termine del percorso, i risultati attesi sono rappresentati da un sistema di conoscenze e abilità così articolato:

  • Saper leggere il contesto formativo specifico (caratteristiche, vincoli, normativa)
  • conoscere i principali strumenti per la rilevazione dei bisogni formativi ed essere in grado di rielaborarli adattandoli allo specifico contesto;
  • saper delineare i differenti livelli di obiettivi degli interventi educativi ed esser capaci di descrivere gli obiettivi didattici;
  • conoscere le caratteristiche delle differenti strategie didattiche e padroneggiare i criteri per la loro selezione in relazione agli obiettivi;
  • essere in grado di allestire l’ambiente di apprendimento
  • essere in grado di individuare e usare indicatori per la valutazione dei processi formativi

La didattica prevede l’impiego di una combinazione di metodi in relazione ai diversi obiettivi:

  • lezioni frontali per l’introduzione ai principi e ai concetti fondamentali della disciplina;
  • problem solving per l’applicazione dei concetti generali ai casi specifici presentati a lezione;
  • studio di caso per l’analisi di contesti specifici
  • Lavoro in piccolo gruppo (2-3) per lo sviluppo delle capacità di comunicazione, collaborazione e negoziazione.

Gli studenti non frequentanti sosterranno un esame scritto (domanda a risposta aperta) sui testi in programma, al fine di valutare le conoscenze acquisite e le capacità di elaborare connessioni e analisi critica dei temi proposti.

Gli studenti frequentanti saranno coinvolti in prove formative (esercitazioni, studio di caso, lavori di gruppo) durante lo svolgimento delle lezioni. La prova finale – per gli studenti frequentanti – consisterà nella elaborazione di un progetto formativo

Le date degli esami sono disponibili sul Portale studenti (studenti.unisalento.it) e sulla bacheca online della docente (http://www.unisalento.it/web/guest/scheda_personale/-/people/elisa.palomba )

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità online (attraverso il portale studenti: studenti.unisalento.it )

Si ricorda che l’esame scritto è visualizzato sul portale studenti come “prova parziale”: per sostenere l’esame occorre quindi prenotarsi alla prova parziale.

Il percorso si articola in due passaggi:

  1. Consolidamento e approfondimento delle conoscenze relative ai modelli teorici della progettazione, degli strumenti didattici e delle strategie di valutazione dei processi formativi. In particolare:

l’analisi dei bisogni: strumenti e metodi

Dai bisogni agli obiettivi: formulare traguardi verificabili

La strutturazione degli interventi e la stesura formale del progetto

Il piano di valutazione: modelli, fasi, strumenti

 

  1. Applicazione delle conoscenze acquisite alla progettazione di servizi alla persona (dalla prima infanzia all’età adulta): la recente approvazione del Piano di azione nazionale prevede la realizzazione di un sistema formativo integrato di educazione e istruzione nella fascia 0-6 anni. Si rende allora necessario ripensare i servizi per la prima infanzia (0-3), sia in relazione alla progettazione di servizi di qualità e sia in relazione alla formazione del personale. In particolare saranno analizzate
  1. Modalità progettuali e valutative nei servizi 0-3 anni:

Progettare per obiettivi

Progettare per sfondi integratori

Progettare per campi di esperienza

Progettare per laboratori e progettare in azione

 

  1. le strategie di valutazione in relazione a

- routine

- i tempi

- gli spazi e le attività

Torre R., Dalla progettazione alla valutazione. Modelli e metodi per educatori e formatori, Carocci, Roma 2014 (capitoli 1, 2, 3, 4)

Restiglian R., Progettare al nido. Teorie e pratiche educative, Carocci, Roma 2017

Progettazione degli interventi educativi (M-PED/04)
Progettazione degli interventi educativi

Corso di laurea SOCIOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare M-PED/03

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 02/03/2020 al 30/05/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso PROFESSIONALE (029)

Livello sufficiente delle competenze chiave, così come previste dallo European Qualification Framework.

Il percorso si articola in due passaggi:

  1. Consolidamento e approfondimento delle conoscenze relative ai modelli teorici della progettazione;
  2. Applicazione delle conoscenze acquisite alla elaborazione di un progetto formativo.

Al termine del percorso, i risultati attesi sono rappresentati da un sistema di conoscenze e abilità così articolato:

  • Saper leggere il contesto formativo specifico (caratteristiche, vincoli, normativa)
  • conoscere i principali strumenti per la rilevazione dei bisogni formativi ed essere in grado di rielaborarli adattandoli allo specifico contesto;
  • saper delineare i differenti livelli di obiettivi degli interventi educativi ed esser capaci di descrivere gli obiettivi didattici;
  • conoscere le caratteristiche delle differenti strategie didattiche e padroneggiare i criteri per la loro selezione in relazione agli obiettivi;
  • essere in grado di allestire l’ambiente di apprendimento
  • essere in grado di individuare e usare indicatori per la valutazione dei processi formativi

La didattica prevede l’impiego di una combinazione di metodi in relazione ai diversi obiettivi:

  • lezioni frontali per l’introduzione ai principi e ai concetti fondamentali della disciplina;
  • problem solving per l’applicazione dei concetti generali ai casi specifici presentati a lezione;
  • studio di caso per l’analisi di contesti specifici
  • Lavoro in piccolo gruppo (2-3) per lo sviluppo delle capacità di comunicazione, collaborazione e negoziazione.

Gli studenti non frequentanti sosterranno un esame scritto (domanda a risposta aperta) sui testi in programma, al fine di valutare le conoscenze acquisite e le capacità di elaborare connessioni e analisi critica dei temi proposti.

Gli studenti frequentanti saranno coinvolti in prove formative (esercitazioni, studio di caso, lavori di gruppo) durante lo svolgimento delle lezioni. La prova finale – per gli studenti frequentanti – consisterà nella elaborazione di un progetto formativo

Le date degli esami sono disponibili sul Portale studenti (studenti.unisalento.it) e sulla bacheca online della docente (http://www.unisalento.it/web/guest/scheda_personale/-/people/elisa.palomba )

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità online (attraverso il portale studenti: studenti.unisalento.it )

Si ricorda che l’esame scritto è visualizzato sul portale studenti come “prova parziale”: per sostenere l’esame occorre quindi prenotarsi alla prova parziale.

Il percorso si articola in due passaggi:

1. Consolidamento e approfondimento delle conoscenze relative ai modelli teorici della progettazione, degli strumenti didattici e delle strategie di valutazione dei processi formativi. In particolare:

  • l’analisi dei bisogni: strumenti e metodi
  • Dai bisogni agli obiettivi: formulare traguardi verificabili
  • La strutturazione degli interventi e la stesura formale del progetto
  • Il piano di valutazione: modelli, fasi, strumenti

 

2. Applicazione delle conoscenze acquisite alla progettazione di servizi alla persona (dalla prima infanzia all’età adulta)

Baldassarre V.A., Zaccaro F., Ligorio B. (a cura di), Progettare la formazione. Dall'analisi dei bisogni alla valutazione dei risultati, Carocci, Roma 2004

M. Castagna, Progettare la formazione: guida metodologica per la progettazione del lavoro in aula, F. Angeli, Milano 2014

Progettazione degli interventi educativi (M-PED/03)
TEORIE E METODI DELLA FORMAZIONE

Corso di laurea CONSULENZA PEDAGOGICA E PROGETTAZIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

Settore Scientifico Disciplinare M-PED/03

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 36.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 30/09/2019 al 15/01/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

È richiesta la conoscenza dei principi di Educazione degli adulti e Lifelong Learning.

È richiesto un buon livello di competenza digitale (capacità di individuare, selezionare e valutare le informazioni in rete) nonché la padronanza dei software di uso più comune (word, powerpoint); altri software per la formazione saranno proposti a lezione.

L’insegnamento intende introdurre gli studenti alla formazione a distanza, in particolare attraverso (a) la conoscenza dei criteri e delle fasi di progettazione e (b)  l’impiego di software gratuiti per la formazione.

Al termine del percorso, i risultati attesi sono rappresentati da un sistema di conoscenze e abilità così articolato:

 

  • saper progettare un intervento formativo:
  1. conoscere i principali strumenti per la rilevazione dei bisogni formativi ed essere in grado di ri-elaborarli adattandoli ai contesti formativi;
  2. saper delineare i differenti livelli di obiettivi della formazione ed esser capaci di descrivere gli obiettivi didattici;
  3. conoscere le caratteristiche delle differenti strategie didattiche e padroneggiare i criteri per la loro selezione in relazione agli obiettivi;
  4. essere in grado di allestire l’ambiente di apprendimento (reale e/o virtuale):

preparazione dei materiali a corredo dell’intervento formativo

individuazione degli strumenti

predisposizione dei supporti tecnologici

logistica e allestimento dell’aula

La didattica prevede l’impiego di una combinazione di metodi in relazione ai diversi obiettivi:

  • lezioni frontali per l’introduzione ai principi e ai concetti fondamentali della disciplina;
  • problem solving per l’applicazione dei concetti generali ai casi specifici presentati a lezione;
  • studio di caso, simulazione e role playing come strategie didattiche per la formazione degli adulti;
  • lavoro in piccolo gruppo (2-3) per lo sviluppo delle capacità di comunicazione, collaborazione e negoziazione

Gli studenti non frequentanti sosterranno un esame scritto (domanda a risposta aperta) sui testi in programma, al fine di valutare le conoscenze acquisite e le capacità di elaborare connessioni e analisi critica dei temi proposti.

Gli studenti frequentanti saranno coinvolti in prove formative (esercitazioni, studio di caso, lavori di gruppo) durante lo svolgimento delle lezioni. La prova finale – per gli studenti frequentanti – consisterà nella progettazione di un intervento formativo da presentare al gruppo-classe, su un tema da concordare con la docente.

Le date degli esami sono disponibili sul Portale studenti (studenti.unisalento.it) e sulla bacheca online della docente (http://www.unisalento.it/web/guest/scheda_personale/-/people/elisa.palomba )

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità online (attraverso il portale studenti: studenti.unisalento.it )

Si ricorda che l’esame scritto è visualizzato sul portale studenti come “prova parziale”: per sostenere l’esame occorre quindi prenotarsi alla prova parziale.

L’insegnamento intende introdurre gli studenti alla formazione a distanza, in particolare attraverso

  1. la conoscenza dei criteri e delle fasi di progettazione: dall’analisi dei bisogni alla elaborazione degli obiettivi, dalla progettazione dei percorsi all’allestimento dei materiali di apprendimento;
  2. l’impiego di software gratuiti per la formazione: in particolare, sarà utilizzata la piattaforma formazioneonline.unisalento.it come ambiente di progettazione per la formazione

Al termine del percorso, i risultati attesi sono rappresentati da un sistema di conoscenze e abilità così articolato:

 

  • saper progettare un intervento formativo:
  1. conoscere i principali strumenti per la rilevazione dei bisogni formativi ed essere in grado di ri-elaborarli adattandoli ai contesti formativi;
  2. saper delineare i differenti livelli di obiettivi della formazione ed esser capaci di descrivere gli obiettivi didattici;
  3. conoscere le caratteristiche delle differenti strategie didattiche e padroneggiare i criteri per la loro selezione in relazione agli obiettivi;
  4. essere in grado di allestire l’ambiente di apprendimento (reale e/o virtuale):

preparazione dei materiali a corredo dell’intervento formativo

individuazione degli strumenti

predisposizione dei supporti tecnologici

logistica e allestimento dell’aula

 

Competenze trasversali

Competenze diagnostiche:

  • Valutare il livello delle proprie conoscenze e capacità, identificando punti di forza e di debolezza rispetto al percorso professionale prospettato

 

Competenze relazionali:

  • Scambiare informazioni con altri utilizzando la forma scritta e orale; scambiare informazioni con altri utilizzando anche strumenti informatici e telematici
  • riconoscere sentimenti ed emozioni e saperli esprimere in modo adeguato al contesto (interazione con i pari, con i superiori, nel gruppo di lavoro)
  • Costruire messaggi chiari e comprensibili utilizzando anche la forma scritta e i mezzi informatici e saper decodificare efficacemente messaggi che utilizzano la forma scritta o informatica
  • Riconoscere e valutare gli effetti della strategia comunicativa adottata e saper utilizzare i feedback per modificarla in tempo reale
  • Lavorare in gruppo, ovvero operare attivamente nel gruppo di lavoro per affrontare problemi, progettare soluzioni, produrre risultati collettivi

 

Competenze di coping:

  • Valutare una situazione problematica o un compito complesso, mettendoli in relazione con le proprie capacità, i propri scopi e le risorse situazionali
  • Definire una strategia di azione per affrontare un problema o una situazione, valutando vincoli e risorse del contesto in relazione agli obiettivi da raggiungere, tenendo presenti le conseguenze delle azioni adottate
  • Definire criteri e modalità per monitorare e valutare i risultati di una strategia di azione, assumendo anche punti di vista diversi dal proprio

Celentano M.G., Colazzo S., L’apprendimento digitale: prospettive tecnologiche e pedagogiche dell’e-learning, Carocci, Roma 2008.

TEORIE E METODI DELLA FORMAZIONE (M-PED/03)
DIDATTICA GENERALE

Corso di laurea EDUCATORE SOCIO-CULTURALE

Settore Scientifico Disciplinare M-PED/03

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 2

Semestre Secondo Semestre (dal 04/03/2019 al 31/05/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Conoscenza dei principali modelli epistemologici delle Scienze dell’educazione

Conoscenza delle principali fasi della storia della Pedagogia

Conoscenza dei processi di sviluppo della persona

Saranno analizzate quattro dimensioni fondamentali della Didattica:

 

A. dimensione strutturale

  • modelli e teorie dell’istruzione
  • Instructional Design
  • strategie didattiche (lezione, discussione, studio di caso, apprendimento di gruppo, problem solving, simulazione e role-playing, ecc.)
  • dispositivi progettuali e attuativi: curriculum e ambienti di apprendimento
  • dispositivi di valutazione

 

B. dimensione negoziale

  • i formati della comunicazione in didattica: verbale, non verbale, mediata dal computer
  • i processi simbolici e le pratiche discorsive nei contesti formativi
  • la gestione dei processi: i tempi, gli spazi, le attività
  •  

C. dimensione contestuale

  • la Didattica scolastica
  • la Didattica universitaria
  • la Didattica extra-scolastica
  • la Didattica degli adulti e nelle organizzazioni
  • la Didattica tecnologica
  • la Didattica interculturale

 

D. dimensione metodologico-conoscitiva

  • il circuito azione-riflessione e la formazione dei docenti

L'insegnamento intende fornire i fondamenti della Didattica, ovvero quelle conoscenze basilari per la progettazione, il monitoraggio e la valutazione dei processi di insegnamento e di apprendimento nei differenti contesti formativi.

Il fine generale dell’insegnamento è quello di promuovere - in chi apprende -la costruzione di categorie interpretative delle dinamiche didattiche, nonché l’attivazione di un atteggiamento di problematicismo critico attraverso cui analizzare i processi educativi.

Nello specifico, al termine del percorso, ciascuno studente avrà maturato:

Conoscenze

  • conoscenza dei principali modelli di progettazione didattica: caratteristiche, criticità, contesti di applicabilità
  • conoscenza delle differenti strategie didattiche: lezione, discussione, studio di caso, apprendimento di gruppo, problem solving, simulazione, role-playing;
  • conoscenza dei differenti contesti educativi e delle forme didattiche specifiche per ciascun contesto;
  • conoscenza degli strumenti per monitorare e per valutare i processi educativi;

 

Abilità

  • abilità di osservazione dei contesti educativi e abilità di analisi delle rispettive specificità;
  • abilità di interpretazione delle variabili intervenienti nei processi didattici (a livello relazionale, simbolico, comunicativo);
  • abilità di analisi di problemi educativi relativi al processo di progettazione didattica;
  • abilità di interpretazione dei processi comunicativi in ambito didattico;
  • abilità di generazione di ipotesi e formulazione di soluzioni rispetto a problematiche didattiche specifiche;
  • abilità di applicazione dei principi di progettazione didattica alla creazione di unità di apprendimento;
  • abilità di utilizzazione delle nuove tecnologie per la ricerca, selezione e individuazione dei materiali di apprendimento;
  • abilità di scrittura di un progetto didattico da sviluppare in un contesto specifico.

 

Competenze trasversali

Competenze diagnostiche:

  • Identificare e consultare fonti informative in relazione ad uno specifico problema didattico

Competenze di coping:

  • Definire una strategia di azione per affrontare un problema o una situazione, valutando vincoli e risorse del contesto formativo in relazione agli obiettivi da raggiungere, tenendo presenti le conseguenze delle azioni adottate
  • Definire con chiarezza obiettivi, risultati attesi e ambiti di azione possibili a fronte di un problema da risolvere di natura sociale, tecnica o organizzativa

La didattica prevede l’impiego di

  1. lezioni frontali per l’introduzione ai principi e ai concetti fondamentali della disciplina;
  2. esercitazioni per l’applicazione dei concetti appresi e la verifica dell’apprendimento;
  3. simulazioni per l’elaborazione di progetti didattici che saranno oggetto della valutazione finale (cfr. modalità di valutazione)

Tutti i materiali utilizzati a lezione saranno disponibili sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it , a cui è possibile accedere attraverso le stesse credenziali usate per il Portale studenti. 
 

Per gli studenti non frequentanti: l’esame si svolgerà in forma scritta – sui testi in programma – con domande a risposta chiusa. Un esempio di compito scritto è disponibile sulla piattaforma formazioneonline.unisalento.it

Per gli studenti frequentanti è prevista una prova intermedia (intorno alla metà di aprile); la prova intermedia sarà scritta con domande a risposta chiusa e sarà finalizzata a valutare la conoscenza dei concetti teorici illustrati a lezione. La prova finale richiederà – a ciascuno studente frequentante – l’elaborazione di un progetto didattico da inviare alla docente in forma scritta; la prova è finalizzata a valutare le capacità di progettazione didattica sviluppate da ciascun allievo

1) Presentazione e obiettivi del corso

L'insegnamento intende fornire i fondamenti della Didattica, ovvero quelle conoscenze basilari per la progettazione, il monitoraggio e la valutazione dei processi di insegnamento e di apprendimento nei differenti contesti formativi.

Il fine generale dell’insegnamento è quello di promuovere - in chi apprende -la costruzione di categorie interpretative delle dinamiche didattiche, nonché l’attivazione di un atteggiamento di problematicismo critico attraverso cui analizzare i processi educativi.

Obiettivo specifico del corso è l’acquisizione di conoscenze, la loro rielaborazione e padronanza rispetto alle quattro dimensioni fondamentali della Didattica:

dimensione strutturale

modelli e teorie dell’istruzione

Instructional Design

strategie didattiche (lezione, discussione, studio di caso, apprendimento di gruppo, problem solving, simulazione e role-playing, ecc.)

dispositivi progettuali e attuativi: curriculum e ambienti di apprendimento

dispositivi di valutazione

 

dimensione negoziale

i formati della comunicazione in didattica: verbale, non verbale, mediata dal computer

i processi simbolici e le pratiche discorsive nei contesti formativi

la gestione dei processi: i tempi, gli spazi, le attività

 

dimensione contestuale

la Didattica scolastica

la Didattica universitaria

la Didattica extra-scolastica

la Didattica degli adulti e nelle organizzazioni

la Didattica tecnologica

la Didattica interculturale

 

dimensione metodologico-conoscitiva

il circuito azione-riflessione e la formazione dei docenti

 

Breve descrizione di presentazione e degli obiettivi del Corso in Lingua Inglese

The course is intended to explore the main teaching models, analyzing four relevant areas: (a) educational design and strategies; (b) teaching and learning processes; (c) evaluation and monitoring strategies; (d) educational context analysis.

At the end of the course, learners are expected to understand and apply a set of interpretative categories on teaching processes; students are also expected to develop skills in (a) educational design and (b) learning contexts analysis, as well as the activation of an attitude of critical problematicism on teaching processes.

 

 

Bibliografia

G. Bonaiuti, A. Calvani, M. Ranieri, Fondamenti di didattica: teorie e prassi dei dispositivi formativi, Nuova edizione, Carocci, Roma 2016

 

2) Conoscenze e abilità da acquisire

Al termine del percorso, ciascuno studente avrà maturato

conoscenze:

  • conoscenza dei principali modelli di progettazione didattica: caratteristiche, criticità, contesti di applicabilità
  • conoscenza delle differenti strategie didattiche: lezione, discussione, studio di caso, apprendimento di gruppo, problem solving, simulazione, role-playing;
  • conoscenza dei differenti contesti educativi e delle forme didattiche specifiche per ciascun contesto;
  • conoscenza degli strumenti per monitorare e per valutare i processi educativi;

abilità:

  • abilità di osservazione dei contesti educativi e abilità di analisi delle rispettive specificità;
  • abilità di interpretazione delle variabili intervenienti nei processi didattici (a livello relazionale, simbolico, comunicativo);
  • abilità di analisi di problemi educativi relativi al processo di progettazione didattica;
  • abilità di interpretazione dei processi comunicativi in ambito didattico;
  • abilità di generazione di ipotesi e formulazione di soluzioni rispetto a problematiche didattiche specifiche;
  • abilità di applicazione dei principi di progettazione didattica alla creazione di unità di apprendimento;
  • abilità di utilizzazione delle nuove tecnologie per la ricerca, selezione e individuazione dei materiali di apprendimento;
  • abilità di scrittura di un progetto didattico da sviluppare in un contesto specifico.

 

Competenze trasversali

Competenze diagnostiche:

  • Identificare e consultare fonti informative in relazione ad uno specifico problema didattico

Competenze di coping:

  • Definire una strategia di azione per affrontare un problema o una situazione, valutando vincoli e risorse del contesto formativo in relazione agli obiettivi da raggiungere, tenendo presenti le conseguenze delle azioni adottate
  • Definire con chiarezza obiettivi, risultati attesi e ambiti di azione possibili a fronte di un problema da risolvere di natura sociale, tecnica o organizzativa

 

3) Prerequisiti

Conoscenza dei principali modelli epistemologici delle Scienze dell’educazione

Conoscenza delle principali fasi della storia della Pedagogia

Conoscenza dei processi di sviluppo della persona

 

4) Docenti coinvolti nel modulo didattico

---

 

5) Metodi didattici e modalità di esecuzione delle lezioni

La didattica prevede l’impiego di

  1. lezioni frontali per l’introduzione ai principi e ai concetti fondamentali della disciplina;
  2. esercitazioni per l’applicazione dei concetti appresi e la verifica dell’apprendimento;
  3. simulazioni per l’elaborazione di progetti didattici che saranno oggetto della valutazione finale (cfr. modalità di valutazione)

 

6) Materiale didattico

Il materiale didattico utilizzato a lezione sarà disponibile sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it , a cui è possibile accedere attraverso le stesse credenziali utilizzate per il Portale studenti.

7) Modalità di valutazione degli studenti

Per gli studenti non frequentanti: l’esame si svolgerà in forma scritta – sui testi in programma – con domande a risposta chiusa e a risposta aperta. Un esempio di compito scritto sarà disponibile sulla piattaforma formazioneonline.unisalento.it

Per gli studenti frequentanti è prevista una prova intermedia (intorno alla metà di aprile); la prova intermedia sarà scritta con domande a risposta chiusa e sarà finalizzata a valutare la conoscenza dei concetti teorici illustrati a lezione. La prova finale richiederà – a ciascuno studente frequentante – l’elaborazione di un progetto didattico da inviare alla docente in forma scritta; la prova è finalizzata a valutare le capacità di progettazione didattica sviluppate da ciascun allievo.

8) Modalità di prenotazione dell’esame e date degli appelli

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL. Le date degli appelli saranno visualizzabili sul Portale studenti e sulla bacheca online della docente (http://www.unisalento.it/web/guest/scheda_personale/-/people/elisa.palomba )

G. Bonaiuti, A. Calvani, M. Ranieri, Fondamenti di didattica: teorie e prassi dei dispositivi formativi, Nuova edizione, Carocci, Roma 2016

Tutti i materiali illustrati a lezione saranno disponibili sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it , a cui è possibile accedere attraverso le medesime credenziali usate per il Portale Studenti

DIDATTICA GENERALE (M-PED/03)
LABORATORIO DI COOPERATIVE LEARNING

Corso di laurea TEORIE E PRATICHE EDUCATIVE

Settore Scientifico Disciplinare NN

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 01/10/2018 al 25/01/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Conoscenze di base relative alla Didattica generale e alla Pedagogia generale

I contenuti del laboratorio vertono sulle caratteristiche fondamentali dell’apprendimento cooperativo:

  • principio di interdipendenza
  • processi di interazione
  • motivazione all'apprendimento
  • compito e ruolo dell'insegnante

Saranno esperite ed analizzate le condizioni che portano dalla formazione del gruppo al cooperative learning:

  • l’interdipendenza positiva,
  • la responsabilità individuale e di gruppo
  • la conoscenza costruttiva; 
  • le abilità sociali specifiche e necessarie nei rapporti interpersonali all’interno del piccolo gruppo; 

  • la valutazione di gruppo

I materiali utilizzati per il laboratorio saranno disponibili sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it , a cui è possibile accedere attraverso le credenziali usate per il Portale studenti.

Il laboratorio intende fornire agli allievi le conoscenze di base per la progettazione e la realizzazione di interventi improntati al cooperative learning. In particolare, il sistema di conoscenze/competenze si riferisce a specifici passaggi richiesti nella progettazione del cooperative learning:

- Definizione degli obiettivi del gruppo e spiegazione del compito
- Formazione dei gruppi e assegnazione dei ruoli
- Sistemazione dell'aula e organizzazione dei materiali didattici
- Monitoraggio del comportamento cooperativo degli studenti
- Verifica e valutazione dei risultati scolastici e del rendimento

Essendo un laboratorio, sarà utilizzato il metodo del cooperative learning per esperirne le caratteristiche e per focalizzarne i processi

Per gli studenti non frequentanti: i materiali utilizzati per il laboratorio saranno disponibili sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it , a cui è possibile accedere attraverso le credenziali usate per il Portale studenti.

Gli studenti frequentanti sarà richiesto di lavorare in piccolo gruppo su una tematica da concordare con la docente

Agli studenti non frequentanti sarà chiesto di elaborare una bibliografia ragionata sul tema del cooperative learning.

Prerequisiti

Conoscenza di base di Didattica generale e Pedagogia generale

Contenuti

Il laboratorio ha l’obiettivo di conoscere e sperimentare le caratteristiche dell’apprendimento cooperativo quale metodo didattico

  • principio di interdipendenza
  • processi di interazione
  • motivazione all'apprendimento
  • compito e ruolo dell'insegnante

Saranno analizzate le condizioni che portano dalla formazione del gruppo al cooperative learning

L’interdipendenza positiva,

  • La responsabilità individuale e di gruppo

  • L’interazione costruttiva; 

  • L’attuazione di abilità sociali specifiche e necessarie nei rapporti interpersonali all’interno del piccolo gruppo; 

  • La valutazione di gruppo. 


 

Obiettivi formativi

Il laboratorio intende fornire agli allievi le conoscenze di base per la progettazione e la realizzazione di interventi improntati al cooperative learning. In particolare, il sistema di conoscenze/competenze si riferisce a specifici passaggi richiesti nella progettazione:

- Definizione degli obiettivi del gruppo e spiegazione del compito
- Formazione dei gruppi e assegnazione dei ruoli
- Sistemazione dell'aula e organizzazione dei materiali didattici
- Monitorare il comportamento cooperativo degli studenti
- Verifica e valutazione dei risultati scolastici e del rendimento
 

Metodi didattici

Essendo un laboratorio, sarà utilizzato il metodo del cooperative learning per esperirne le caratteristiche e per focalizzarne i processi.

Modalità d’esame

Gli studenti frequentanti sarà richiesto di lavorare in piccolo gruppo su una tematica da concordare con la docente

Agli studenti non frequentanti sarà chiesto di elaborare una bibliografia ragionata sul tema del cooperative learning.

Testi di riferimento

D. W. Johnson, R. T. Johnson, E. Johnson Holubec, Apprendimento cooperativo in classe : migliorare il clima emotivo e il rendimento, Erickson, Trento 1998

 

D. W. Johnson, R. T. Johnson, E. Johnson Holubec, Apprendimento cooperativo in classe : migliorare il clima emotivo e il rendimento, Erickson, Trento 2015

I materiali utilizzati per il laboratorio saranno disponibili sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it , a cui è possibile accedere attraverso le credenziali usate per il Portale studenti.

LABORATORIO DI COOPERATIVE LEARNING (NN)
Laboratorio di guida allo studio

Corso di laurea EDUCATORE SOCIO-CULTURALE

Settore Scientifico Disciplinare NN

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 01/10/2018 al 25/01/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Livello sufficiente delle competenze di base, così come previste dallo European Qualification Framework

Il laboratorio è sviluppato in modalità online e in presenza. I contenuti sono articolati in tre aree: 

  1. le difficoltà di apprendimento: caratteristiche personali e contestuali;
  2. conosciamo il nostro stile di apprendimento: la motivazione, le strategie di studio, la gestione dello spazio, del tempo e dell’ansia;
  3. sviluppiamo una strategia di studio: l’analisi del compito, l’individuazione degli obiettivi, il metodo PQ4R.

Le aree sono sviluppate attraverso sei moduli, ciascuno dei quali presenta una breve unità teorica  accompagnata da una esercitazione. I moduli sono  disponibili online sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it 

A ciascuno studente è richiesto di iscriversi in piattaforma (utilizzando le proprie credenziali fornite al momento dell'immatricolazione) e di completare tutte le attività previste. Non esiste un termine per il completamento delle attività: la modalità online permette a ciascun allievo di procedere secondo i propri ritmi e le proprie esigenze familiari e/o di lavoro.

Occorre comunque terminare tutte le attività del Laboratorio entro il primo anno di iscrizione: il Laboratorio di guida allo studio è infatti propedeutico di studi previsti negli anni successivi.

Il laboratorio ha l'obiettivo di

  • sviluppare/migliorare le competenze meta-cognitive di ciascun allievo, con particolare riferimento alla consapevolezza del proprio stile di apprendimento e delle difficoltà incontrate nello studio;
  • sviluppare - in ciascun allievo - le capacità diagnostiche, progettuali e decisionali relative alla individuazione delle strategie di studio più efficaci rispetto ad un compito specifico.

I metodi sono quelli propri della formazione online attraverso la piattaforma di apprendimento Moodle di UniSalento. Il laboratorio prevede unità teorico-didattiche (formate da materiali didattici e video-lezioni). Ciascuna unità è accompagnata da una esercitazione, in cui a ciascun allievo è chiesto di elaborare un prodotto originale (mappa, schema, sintesi di un brano, glossario, ecc.) o di rispondere agli item di un questionario/test per conoscere le proprie caratteristiche di apprendimento.

Il laboratorio prevede una valutazione formativa con giudizio di idoneità, in seguito al completamento del percorso online e delle esercitazioni previste.

1) Presentazione e obiettivi del laboratorio

Il laboratorio è articolato in tre segmenti (modalità e-learning e in presenza), ciascuno dei quali presenta una breve unità teorica – disponibile online – accompagnata da una esercitazione:

  1. le difficoltà di apprendimento: caratteristiche personali e contestuali;
  2. conosciamo il nostro stile di apprendimento: la motivazione, le strategie di studio, la gestione dello spazio, del tempo e dell’ansia;
  3. sviluppiamo una strategia di studio: l’analisi del compito, l’individuazione degli obiettivi, il metodo PQ4R.

Agli allievi sarà chiesto di riflettere su ciascuna delle tre aree, riconducendole alla propria esperienza personale; per ciascuna area saranno proposte esercitazioni (questionari, test, simulazioni) che gli allievi potranno caricare online sulla piattaforma studenti.unisalento.it

Obiettivi del laboratorio:

  • sviluppare/migliorare le competenze meta-cognitive di ciascun allievo, con particolare riferimento alla consapevolezza del proprio stile di apprendimento e delle difficoltà incontrate nello studio;
  • sviluppare le capacità diagnostiche, progettuali e decisionali relative alla individuazione delle strategie di studio più efficaci rispetto ad un compito specifico.

 

Breve descrizione di presentazione e degli obiettivi del Corso in Lingua Inglese

The lab is divided into three segments, which are articulated in an online theoretical unit and a tutorial:

  1. Learning difficulties: personal and contextual characteristics
  2. Analyzing your own learning style: motivation, strategies, space and time managemet, anxiety control;
  3. Developing an effective learning strategy: task analysis, targeting, the PQ4R method.

Learners are expected to reflect upon their own personal learning experiences; online exercises (questionnaires, tests, simulations on studenti.unisalento.it) will be also proposed, in order to improve learners’ metacognitive competencies.

Laboratory Objectives:

  • developing / improving the learner meta-cognitive skills, to raise awareness of learning style and the difficulties encountered in the learning processes;
  • Developing diagnostic, planning and decision-making skills for identifying effective learning strategies matching a specific learning task.

 

Bibliografia

Il materiale di studio (testi, video) sarà disponibile online sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it ; saranno utilizzati brani tratti da diverse opere, sui cui gli allevi saranno chiamati ad esercitarsi.

 

2) Conoscenze e abilità da acquisire

Al termine del laboratorio, ci si aspetta che gli allievi abbiano conseguito

Conoscenze su:

  1. meta-cognizione e apprendimento: che cosa si intende per meta-cognizione, quali sono i processi coinvolti e le variabili che influiscono sull’apprendimento;
  2. motivazione e aspettative: relazione fra apprendimento e sistema personale di motivazione e atteggiamenti verso lo studio;
  3. criticità nell’apprendimento: quali sono i fattori – personali e contestuali – che ostacolano i processi di apprendimento.

 

Abilità relative a:

  1. auto-diagnosi delle proprie difficoltà di apprendimento;
  2. monitoraggio e valutazione dei propri processi di apprendimento;
  3. individuazione e selezione della migliore strategia rispetto alle caratteristiche del compito.

 

Competenze trasversali

Competenze diagnostiche:

  • Valutare il livello delle proprie conoscenze e capacità, identificando punti di forza e di debolezza rispetto al percorso professionale prospettato
  • Riconoscere e valutare il proprio stile cognitivo e i propri stili di risposta a problemi e situazioni
  • Ricostruire, verbalizzandole, le proprie strategie di azione, identificando punti di forza e di debolezza
  • Raccogliere, classificare e interpretare informazioni da fonti diverse (scritte, orali, iconografiche, elettroniche, ecc.)

 

Competenze di coping:

  • Sviluppare strategie efficaci di apprendimento dall’esperienza in contesti diversi
  • Ricostruire e valutare la qualità delle proprie strategie di azione e delle proprie prestazioni utilizzando feed-back esterni ed interni
  • Migliorare le proprie strategie di apprendimento utilizzando metodiche specifiche di riflessione sull’esperienza svolta in differenti contesti

 

3) Prerequisiti

Livello sufficiente delle competenze di base, così come previste dallo European Qualification Framework

 

4) Docenti coinvolti nel modulo didattico

Prof. Giuseppe Annacontini – Laboratorio di Istituzioni di Pedagogia e Didattica

 

5) Metodi didattici e modalità di esecuzione delle lezioni

Il laboratorio prevede unità teorico-didattiche – di circa dieci minuti ciascuna – consistenti in video-lezioni su aspetti specifici. Ciascuna unità è accompagnata da una esercitazione, in cui a ciascun allievo è chiesto di elaborare un prodotto originale (mappa, schema, sintesi di un brano, glossario, ecc.) o di rispondere agli item di un questionario/test per conoscere le proprie caratteristiche di apprendimento.

6) Materiale didattico

Testi, esercitazioni e video-lezioni saranno disponibili sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it

 

7) Modalità di valutazione degli studenti

Il laboratorio prevede una valutazione formativa con giudizio di idoneità, in seguito al completamento del percorso online e delle esercitazioni previste.

 

8) Modalità di prenotazione dell’esame e date degli appelli

Gli studenti possono prenotarsi per la verbalizzazione esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL. Le date degli appelli saranno visualizzabili sul Portale studenti e sulla bacheca online della docente (http://www.unisalento.it/web/guest/scheda_personale/-/people/elisa.palomba )

 

Il materiale didattico è interamente disponibile online, sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it , a cui è possibile accedere attraverso le medesime credenziali usate per il Portale Studenti

Laboratorio di guida allo studio (NN)
PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI FORMATIVI

Corso di laurea SOCIOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare M-PED/03

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 04/03/2019 al 31/05/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PROFESSIONALE (029)

È richiesto un buon livello di competenza digitale (capacità di individuare, selezionare e valutare le informazioni in rete) nonché la padronanza dei software di uso più comune (word, powerpoint); altri software per la formazione saranno proposti a lezione.

I contenuti dell’insegnamento sono finalizzati a rispondere alla domanda: come progettare un percorso di formazione?

Saranno costruire le conoscenze fondamentali relative alle fasi di lavoro che precedono l’attività d’aula:

a. analisi dei bisogni formativi e strumenti di rilevazione dei bisogni;

b. individuazione degli obiettivi

c. scelta dei contenuti

d. selezione delle strategie didattiche

e. valutazione della formazione

 

Al termine del percorso, i risultati attesi sono rappresentati da un sistema di conoscenze e abilità così articolato:

  • saper progettare un intervento formativo:
  1. conoscere i principali strumenti per la rilevazione dei bisogni formativi ed essere in grado di ri-elaborarli adattandoli ai contesti formativi;
  2. saper delineare i differenti livelli di obiettivi della formazione ed esser capaci di descrivere gli obiettivi didattici;
  3. conoscere le caratteristiche delle differenti strategie didattiche e padroneggiare i criteri per la loro selezione in relazione agli obiettivi;
  4. essere in grado di allestire l’ambiente di apprendimento (reale e/o virtuale):

(a) preparazione dei materiali a corredo dell’intervento formativo

(b) individuazione degli strumenti

(c) predisposizione dei supporti tecnologici

(d) logistica e allestimento dell’aula

La didattica prevede l’impiego di una combinazione di metodi in relazione ai diversi obiettivi:

  • lezioni frontali per l’introduzione ai principi e ai concetti fondamentali della disciplina;
  • problem solving per l’applicazione dei concetti generali ai casi specifici presentati a lezione;
  • studio di caso, simulazione e role playing come strategie didattiche per la formazione degli adulti;

Lavoro in piccolo gruppo (2-3) per lo sviluppo delle capacità di comunicazione, collaborazione e negoziazione.

Tutti i materiali utilizzati a lezione saranno disponibili sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it , a cui è possibile accedere attraverso le stesse credenziali usate per il Portale Studenti.

Gli studenti non frequentanti sosterranno un esame scritto (domanda a risposta aperta) sui testi in programma.

Gli studenti frequentanti saranno coinvolti in prove formative (esercitazioni, studio di caso, lavori di gruppo) durante lo svolgimento delle lezioni. La prova finale – per gli studenti frequentanti – consisterà nella progettazione di un intervento formativo su un tema da concordare con la docente.

Prerequisiti

È richiesto un buon livello di competenza digitale (capacità di individuare, selezionare e valutare le informazioni in rete) nonché la padronanza dei software di uso più comune (word, powerpoint); altri software per la formazione saranno proposti a lezione.

Contenuti

I contenuti dell’insegnamento sono finalizzati a rispondere alla domanda: come progettare un percorso di formazione?

Saranno costruire le conoscenze fondamentali relative alle fasi di lavoro che precedono l’attività d’aula:

a. analisi dei bisogni formativi e strumenti di rilevazione dei bisogni;

b. individuazione degli obiettivi

c. scelta dei contenuti

d. selezione delle strategie didattiche

e. valutazione della formazione

 

Obiettivi formativi

Al termine del percorso, i risultati attesi sono rappresentati da un sistema di conoscenze e abilità così articolato:

  • saper progettare un intervento formativo:
  1. conoscere i principali strumenti per la rilevazione dei bisogni formativi ed essere in grado di ri-elaborarli adattandoli ai contesti formativi;
  2. saper delineare i differenti livelli di obiettivi della formazione ed esser capaci di descrivere gli obiettivi didattici;
  3. conoscere le caratteristiche delle differenti strategie didattiche e padroneggiare i criteri per la loro selezione in relazione agli obiettivi;
  4. essere in grado di allestire l’ambiente di apprendimento (reale e/o virtuale):

(a) preparazione dei materiali a corredo dell’intervento formativo

(b) individuazione degli strumenti

(c) predisposizione dei supporti tecnologici

(d) logistica e allestimento dell’aula

 

Conoscenze e abilità da acquisire

Al termine del percorso, ciascuno studente avrà maturato

conoscenze:

  • conoscenza dei principali modelli di progettazione didattica: caratteristiche, criticità, contesti di applicabilità
  • conoscenza delle differenti strategie didattiche: lezione, discussione, studio di caso, apprendimento di gruppo, problem solving, simulazione, role-playing;
  • conoscenza degli strumenti per monitorare e per valutare i processi formativi.

abilità:

  • abilità di osservazione dei contesti formativi;
  • abilità di interpretazione delle variabili intervenienti nei processi formativi (a livello relazionale, simbolico, comunicativo);
  • abilità di analisi di problemi educativi relativi al processo di progettazione formativa;
  • abilità di generazione di ipotesi e formulazione di soluzioni rispetto a problematiche didattiche specifiche;
  • abilità di applicazione dei principi di progettazione didattica alla creazione di unità di apprendimento;
  • abilità di utilizzazione delle nuove tecnologie per la ricerca, selezione e individuazione dei materiali di apprendimento;
  • abilità di scrittura di un progetto formativo da sviluppare in un contesto specifico.

 

Metodi didattici

La didattica prevede l’impiego di una combinazione di metodi in relazione ai diversi obiettivi:

  • lezioni frontali per l’introduzione ai principi e ai concetti fondamentali della disciplina;
  • problem solving per l’applicazione dei concetti generali ai casi specifici presentati a lezione;
  • studio di caso, simulazione e role playing come strategie didattiche per la formazione degli adulti;

Lavoro in piccolo gruppo (2-3) per lo sviluppo delle capacità di comunicazione, collaborazione e negoziazione.

Tutti i materiali utilizzati a lezione saranno disponibili sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it , a cui è possibile accedere attraverso le stesse credenziali usate per il Portale Studenti.

 

Modalità d’esame

Gli studenti non frequentanti sosterranno un esame scritto (domanda a risposta aperta) sui testi in programma.

Gli studenti frequentanti saranno coinvolti in prove formative (esercitazioni, studio di caso, lavori di gruppo) durante lo svolgimento delle lezioni. La prova finale – per gli studenti frequentanti – consisterà nella progettazione di un intervento formativo su un tema da concordare con la docente.

 

Testi

Baldassarre V.A., Zaccaro F., Ligorio B. (a cura di), Progettare la formazione. Dall'analisi dei bisogni alla valutazione dei risultati, Carocci, Roma 2004

M. Castagna, Progettare la formazione: guida metodologica per la progettazione del lavoro in aula, F. Angeli, Milano 2014

 

Modalità di prenotazione dell’esame e date degli appelli

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL. Le date degli appelli saranno visualizzabili sul Portale studenti e sulla bacheca online della docente (http://www.unisalento.it/web/guest/scheda_personale/-/people/elisa.palomba )

Torre R., Dalla progettazione alla valutazione, Carocci, Roma 2018

M. Castagna, Progettare la formazione: guida metodologica per la progettazione del lavoro in aula, F. Angeli, Milano 2014

Tutti i materiali illustrati a lezione saranno disponibili sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it , a cui è possibile accedere attraverso le medesime credenziali usate per il Portale Studenti

PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI FORMATIVI (M-PED/03)
Progettazione e valutazione dei processi formativi

Corso di laurea CONSULENZA PEDAGOGICA E PROGETTAZIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

Settore Scientifico Disciplinare M-PED/04

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 10.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 2

Semestre Secondo Semestre (dal 04/03/2019 al 31/05/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Conoscenze di base per la progettazione didattica (teorie e modelli di progettazione, strategie didattiche e formative)

Il percorso si articola in due passaggi:

1. Consolidamento e approfondimento delle conoscenze relative ai modelli teorici della progettazione, degli strumenti didattici e delle strategie di valutazione dei processi formativi. In particolare:

  • l’analisi dei bisogni: strumenti e metodi
  • Dai bisogni agli obiettivi: formulare traguardi verificabili
  • La strutturazione degli interventi e la stesura formale del progetto
  • Il piano di valutazione: modelli, fasi, strumenti

 

2. Applicazione delle conoscenze acquisite alla progettazione di servizi per la prima infanzia: la recente approvazione del Piano di azione nazionale prevede la realizzazione di un sistema formativo integrato di educazione e istruzione nella fascia 0-6 anni. Si rende allora necessario ripensare i servizi per la prima infanzia (0-3), sia in relazione alla progettazione di servizi di qualità e sia in relazione alla formazione del personale. In particolare saranno analizzate

Modalità progettuali e valutative nei servizi 0-3 anni:

  • Progettare per obiettivi
  • Progettare per sfondi integratori
  • Progettare per campi di esperienza
  • Progettare per laboratori e progettare in azione

Le strategie di valutazione in relazione a

  • le routine
  • i tempi
  • gli spazi e le attività

Al termine del percorso, i risultati attesi sono rappresentati da un sistema di conoscenze e abilità così articolato:

  1. Saper leggere il contesto formativo specifico (caratteristiche, vincoli, normativa)
  2. conoscere i principali strumenti per la rilevazione dei bisogni formativi anche in fasce d’età molto bassa ed essere in grado di rielaborarli adattandoli allo specifico contesto;
  3. saper delineare i differenti livelli di obiettivi degli interventi educativi ed esser capaci di descrivere gli obiettivi didattici;
  4. conoscere le caratteristiche delle differenti strategie didattiche e padroneggiare i criteri per la loro selezione in relazione agli obiettivi;
  5. essere in grado di allestire l’ambiente di apprendimento
  6. essere in grado di individuare e usare indicatori per la valutazione dei processi formativi

La didattica prevede l’impiego di una combinazione di metodi in relazione ai diversi obiettivi:

  • lezioni frontali per l’introduzione ai principi e ai concetti fondamentali della disciplina;
  • problem solving per l’applicazione dei concetti generali ai casi specifici presentati a lezione;
  • studio di caso per l’analisi di contesti specifici

Lavoro in piccolo gruppo (2-3) per lo sviluppo delle capacità di comunicazione, collaborazione e negoziazione.

Tutti i materiali utilizzati a lezione saranno disponibili sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it , a cui è possibile accedere attraverso le stesse credenziali usate per il Portale Studenti.

Gli studenti non frequentanti sosterranno un esame scritto (domanda a risposta aperta) sui testi in programma.

Gli studenti frequentanti saranno coinvolti in prove formative (esercitazioni, studio di caso, lavori di gruppo) durante lo svolgimento delle lezioni. La prova finale – per gli studenti frequentanti – consisterà nella elaborazione di un progetto formativo da realizzare in contesti educativi per la prima infanzia.

 

Prerequisiti

Conoscenze di base per la progettazione didattica (teorie e modelli di progettazione, strategie didattiche e formative)

 

Contenuti

Il percorso si articola in due passaggi:

  1. Consolidamento e approfondimento delle conoscenze relative ai modelli teorici della progettazione, degli strumenti didattici e delle strategie di valutazione dei processi formativi. In particolare:

l’analisi dei bisogni: strumenti e metodi

Dai bisogni agli obiettivi: formulare traguardi verificabili

La strutturazione degli interventi e la stesura formale del progetto

Il piano di valutazione: modelli, fasi, strumenti

 

 

  1. Applicazione delle conoscenze acquisite alla progettazione di servizi per la prima infanzia: la recente approvazione del Piano di azione nazionale prevede la realizzazione di un sistema formativo integrato di educazione e istruzione nella fascia 0-6 anni. Si rende allora necessario ripensare i servizi per la prima infanzia (0-3), sia in relazione alla progettazione di servizi di qualità e sia in relazione alla formazione del personale. In particolare saranno analizzate

a.Modalità progettuali e valutative nei servizi 0-3 anni:

Progettare per obiettivi

Progettare per sfondi integratori

Progettare per campi di esperienza

Progettare per laboratori e progettare in azione

 

b. le strategie di valutazione in relazione a

- routine

- i tempi

- gli spazi e le attività

 

 

Obiettivi formativi

Al termine del percorso, i risultati attesi sono rappresentati da un sistema di conoscenze e abilità così articolato:

  1. Saper leggere il contesto formativo specifico (caratteristiche, vincoli, normativa)
  2. conoscere i principali strumenti per la rilevazione dei bisogni formativi anche in fasce d’età molto bassa ed essere in grado di rielaborarli adattandoli allo specifico contesto;
  3. saper delineare i differenti livelli di obiettivi degli interventi educativi ed esser capaci di descrivere gli obiettivi didattici;
  4. conoscere le caratteristiche delle differenti strategie didattiche e padroneggiare i criteri per la loro selezione in relazione agli obiettivi;
  5. essere in grado di allestire l’ambiente di apprendimento
  6. essere in grado di individuare e usare indicatori per la valutazione dei processi formativi

 

Metodi didattici

La didattica prevede l’impiego di una combinazione di metodi in relazione ai diversi obiettivi:

  • lezioni frontali per l’introduzione ai principi e ai concetti fondamentali della disciplina;
  • problem solving per l’applicazione dei concetti generali ai casi specifici presentati a lezione;
  • studio di caso per l’analisi di contesti specifici

Lavoro in piccolo gruppo (2-3) per lo sviluppo delle capacità di comunicazione, collaborazione e negoziazione.

Tutti i materiali utilizzati a lezione saranno disponibili sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it , a cui è possibile accedere attraverso le stesse credenziali usate per il Portale Studenti.

 

Modalità d’esame

Gli studenti non frequentanti sosterranno un esame scritto (domanda a risposta aperta) sui testi in programma.

Gli studenti frequentanti saranno coinvolti in prove formative (esercitazioni, studio di caso, lavori di gruppo) durante lo svolgimento delle lezioni. La prova finale – per gli studenti frequentanti – consisterà nella elaborazione di un progetto formativo da realizzare in contesti educativi per la prima infanzia.

 

Testi di riferimento:

Torre R., Dalla progettazione alla valutazione. Modelli e metodi per educatori e formatori, Carocci, Roma 2014

Restiglian R., Progettare al nido. Teorie e pratiche educative, Carocci, Roma 2017

Altre fonti:

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2018/01/25/18A00452/sg

Delibera del Consiglio dei Ministri del 11 dicembre 2017 sul Piano pluriennale pubblicato su Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 20 del 25/01/2018 (GU Serie Generale n.20 del 25-01-2018)

 

 

Torre R., Dalla progettazione alla valutazione. Modelli e metodi per educatori e formatori, Carocci, Roma 2014

Restiglian R., Progettare al nido. Teorie e pratiche educative, Carocci, Roma 2017

Tutti i materiali illustrati a lezione saranno disponibili sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it , a cui è possibile accedere usando le medesime credenziali usate per il Portale Studenti

Progettazione e valutazione dei processi formativi (M-PED/04)
TEORIE E METODI DELLA FORMAZIONE

Corso di laurea CONSULENZA PEDAGOGICA E PROGETTAZIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

Settore Scientifico Disciplinare M-PED/03

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 36.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 01/10/2018 al 25/01/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

È richiesta la conoscenza dei principi di progettazione educativa e didattica.

È richiesto un buon livello di competenza digitale (capacità di individuare, selezionare e valutare le informazioni in rete) nonché la padronanza dei software di uso più comune (word, powerpoint); altri software per la formazione saranno proposti a lezione.

I contenuti dell’insegnamento sono organizzati intorno a due passaggi:

  • come selezionare i metodi della formazione a fronte degli obiettivi di conoscenza/capacità/competenza? Obiettivo

Obiettivo è quello di conoscere le caratteristiche e i criteri di impiego di tre principali famiglie di metodi didattici utilizzati nella formazione degli adulti:

a. la lezione

b. le esercitazioni

3. le simulazioni

 

  • come condurre l’intervento formativo? Obiettivo è quello di conoscere e simulare alcuni momenti della gestione dell’aula, con particolare riferimento ad alcuni aspetti relativi ai vissuti del formatore:

a. la gestione dell’ansia e del tempo

b. l’atteggiamento rispetto ai gruppi di adulti in formazione

c. la gestione delle situazioni di disagio e di conflitto in aula.

Al termine del percorso, i risultati attesi sono rappresentati da un sistema di conoscenze e abilità così articolato:

  • essere in grado di realizzare un intervento formativo:
  1. conoscere le caratteristiche delle differenti strategie didattiche e padroneggiare i criteri per la loro selezione in relazione agli obiettivi;
  2. essere in grado di allestire l’ambiente di apprendimento reale e/o virtuale (materiali, strumenti, supporti tecnologici)
  3. essere in grado di gestire l’aula:

(a) gestione dei tempi di ascolto e di attenzione

(b) monitoraggio dei propri processi di comunicazione verbale e non verbale

(c) osservazione e rilevazione dei feedback

La didattica prevede l’impiego di una combinazione di metodi in relazione ai diversi obiettivi:

  • lezioni frontali per l’introduzione ai principi e ai concetti fondamentali della disciplina;
  • problem solving per l’applicazione dei concetti generali ai casi specifici presentati a lezione;
  • studio di caso, simulazione e role playing come strategie didattiche per la formazione degli adulti;

lavoro in piccolo gruppo (2-3) per lo sviluppo delle capacità di comunicazione, collaborazione e negoziazione.

Tutti i materiali didattici illustrati a lezione saranno disponibili sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it , a cui è possibile accedere attraverso le stesse credenziali usate per il Portale Studenti

Gli studenti non frequentanti sosterranno un esame scritto (domanda a risposta aperta) sui testi in programma.

Gli studenti frequentanti saranno coinvolti in prove formative (esercitazioni, studio di caso, lavori di gruppo) durante lo svolgimento delle lezioni. La prova finale – per gli studenti frequentanti – consisterà nella progettazione e realizzazione di un intervento formativo da presentare al gruppo-classe, su un tema da concordare con la docente.

1) Presentazione e obiettivi del corso

Il fine generale dell’insegnamento è quello di delineare il nucleo essenziale dei saperi teorico-metodologici per i professionisti della formazione, in una visione della pedagogia come disciplina dello sviluppo individuale e collettivo, aperta al dialogo con altre discipline.

I contenuti dell’insegnamento sono organizzati intorno a due passaggi:

  • come selezionare i metodi della formazione a fronte degli obiettivi di conoscenza/capacità/competenza? Obiettivo

Obiettivo è quello di conoscere le caratteristiche e i criteri di impiego di tre principali famiglie di metodi didattici utilizzati nella formazione degli adulti:

a. la lezione

b. le esercitazioni

3. le simulazioni

 

  • come condurre l’intervento formativo? Obiettivo è quello di conoscere e simulare alcuni momenti della gestione dell’aula, con particolare riferimento ad alcuni aspetti relativi ai vissuti del formatore:

a. la gestione dell’ansia e del tempo

b. l’atteggiamento rispetto ai gruppi di adulti in formazione

c. la gestione delle situazioni di disagio e di conflitto in aula.

 

Breve descrizione di presentazione e degli obiettivi del Corso in Lingua Inglese

The course is intended to outline the essential core of methodological knowledge for adult education. Contents are organized around some questions:

  1. how to design an adult training course? The aim is to consolidate the knowledge about needs analysis and teaching objectives definitions. Three design strategies will be also examined, related to knowledge, skills and behaviourial objectives;
  2. what are the strategies best suited to adult education? Three main families of educational strategies well be analyzed: (1) lesson, (2) exercises and cases, (3) simulations.
  3. how to realize an effective classroom management? Attention will be paid on specific aspects such as anxiety control, time management, conflicts resolutions.

Bibliografia

M. Castagna, Progettare la formazione: guida metodologica per la progettazione del lavoro in aula, F. Angeli, Milano 2014

Materiali didattici disponibili sulla piattaforma formazioneonline.unisalento.it

 

2) Conoscenze e abilità da acquisire

Al termine del percorso, i risultati attesi sono rappresentati da un sistema di conoscenze e abilità così articolato:

  • saper progettare un intervento formativo:
  1. conoscere i principali strumenti per la rilevazione dei bisogni formativi ed essere in grado di ri-elaborarli adattandoli ai contesti formativi;
  2. saper delineare i differenti livelli di obiettivi della formazione ed esser capaci di descrivere gli obiettivi didattici;
  3. conoscere le caratteristiche delle differenti strategie didattiche e padroneggiare i criteri per la loro selezione in relazione agli obiettivi;
  4. essere in grado di allestire l’ambiente di apprendimento (reale e/o virtuale):

preparazione dei materiali a corredo dell’intervento formativo

individuazione degli strumenti

predisposizione dei supporti tecnologici

logistica e allestimento dell’aula

  • essere in grado di realizzare un intervento formativo:
  1. saper individuare le tecniche didattiche più efficaci rispetto alle strategie progettate;
  2. essere in grado di gestire l’aula:

gestione dei tempi di ascolto e di attenzione

monitoraggio dei propri processi di comunicazione verbale e non verbale

osservazione e rilevazione dei feedback

 

Competenze trasversali

Competenze diagnostiche:

  • Valutare il livello delle proprie conoscenze e capacità, identificando punti di forza e di debolezza rispetto al percorso professionale prospettato

Competenze relazionali:

  • Scambiare informazioni con altri utilizzando la forma scritta e orale; scambiare informazioni con altri utilizzando anche strumenti informatici e telematici
  • riconoscere sentimenti ed emozioni e saperli esprimere in modo adeguato al contesto (interazione con i pari, con i superiori, nel gruppo di lavoro)
  • Costruire messaggi chiari e comprensibili utilizzando anche la forma scritta e i mezzi informatici e saper decodificare efficacemente messaggi che utilizzano la forma scritta o informatica
  • Riconoscere e valutare gli effetti della strategia comunicativa adottata e saper utilizzare i feedback per modificarla in tempo reale
  • Lavorare in gruppo, ovvero operare attivamente nel gruppo di lavoro per affrontare problemi, progettare soluzioni, produrre risultati collettivi

Competenze di coping:

  • Valutare una situazione problematica o un compito complesso, mettendoli in relazione con le proprie capacità, i propri scopi e le risorse situazionali
  • Definire una strategia di azione per affrontare un problema o una situazione, valutando vincoli e risorse del contesto in relazione agli obiettivi da raggiungere, tenendo presenti le conseguenze delle azioni adottate
  • Definire criteri e modalità per monitorare e valutare i risultati di una strategia di azione, assumendo anche punti di vista diversi dal proprio

 

3) Prerequisiti

È richiesta la conoscenza dei principi di Educazione degli adulti e Lifelong Learning.

È richiesto un buon livello di competenza digitale (capacità di individuare, selezionare e valutare le informazioni in rete) nonché la padronanza dei software di uso più comune (word, powerpoint); altri software per la formazione saranno proposti a lezione.

 

4) Docenti coinvolti nel modulo didattico

---

5) Metodi didattici e modalità di esecuzione delle lezioni

La didattica prevede l’impiego di una combinazione di metodi in relazione ai diversi obiettivi:

  • lezioni frontali per l’introduzione ai principi e ai concetti fondamentali della disciplina;
  • problem solving per l’applicazione dei concetti generali ai casi specifici presentati a lezione;
  • studio di caso, simulazione e role playing come strategie didattiche per la formazione degli adulti;
  • lavoro in piccolo gruppo (2-3) per lo sviluppo delle capacità di comunicazione, collaborazione e negoziazione.

 

6) Materiale didattico

Sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it saranno disponibili i materiali e le risorse su cui gli studenti lavoreranno (documenti Isfol, materiali video, mappe e slide, rimandi a risorse della Rete). Alla piattaforma è possibile accedere attraverso le stesse credenziali utilizzate per il Portale studenti. La piattaforma servirà anche da spazio di discussione e condivisione dei lavori prodotti dagli studenti (v. il prossimo punto).

 

7) Modalità di valutazione degli studenti

Gli studenti non frequentanti sosterranno un esame scritto (domanda a risposta aperta) sui testi in programma.

Gli studenti frequentanti saranno coinvolti in prove formative (esercitazioni, studio di caso, lavori di gruppo) durante lo svolgimento delle lezioni. La prova finale – per gli studenti frequentanti – consisterà nella progettazione e realizzazione di un intervento formativo da presentare al gruppo-classe, su un tema da concordare con la docente.

 

8) Modalità di prenotazione dell’esame e date degli appelli

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL. Le date degli appelli saranno visualizzabili sul Portale studenti e sulla bacheca online della docente (http://www.unisalento.it/web/guest/scheda_personale/-/people/elisa.palomba )

M. Castagna, Progettare la formazione: guida metodologica per la progettazione del lavoro in aula, F. Angeli, Milano 2014

Tutti i materiali illustrati a lezione saranno disponibili sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it , a cui è possibile accedere attraverso le medesime credenziali usate per il Portale Studenti

TEORIE E METODI DELLA FORMAZIONE (M-PED/03)
DIDATTICA GENERALE

Corso di laurea TEORIE E PRATICHE EDUCATIVE

Settore Scientifico Disciplinare M-PED/03

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 2

Semestre Secondo Semestre (dal 05/03/2018 al 31/05/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Conoscenza dei principali modelli epistemologici delle Scienze dell’educazione

Conoscenza delle principali fasi della storia della Pedagogia

Conoscenza dei processi di sviluppo della persona

Saranno analizzate quattro dimensioni fondamentali della Didattica:

 

A. dimensione strutturale

  • modelli e teorie dell’istruzione
  • Instructional Design
  • strategie didattiche (lezione, discussione, studio di caso, apprendimento di gruppo, problem solving, simulazione e role-playing, ecc.)
  • dispositivi progettuali e attuativi: curriculum e ambienti di apprendimento
  • dispositivi di valutazione

 

B. dimensione negoziale

  • i formati della comunicazione in didattica: verbale, non verbale, mediata dal computer
  • i processi simbolici e le pratiche discorsive nei contesti formativi
  • la gestione dei processi: i tempi, gli spazi, le attività
  •  

C. dimensione contestuale

  • la Didattica scolastica
  • la Didattica universitaria
  • la Didattica extra-scolastica
  • la Didattica degli adulti e nelle organizzazioni
  • la Didattica tecnologica
  • la Didattica interculturale

 

D. dimensione metodologico-conoscitiva

  • il circuito azione-riflessione e la formazione dei docenti

L'insegnamento intende fornire i fondamenti della Didattica, ovvero quelle conoscenze basilari per la progettazione, il monitoraggio e la valutazione dei processi di insegnamento e di apprendimento nei differenti contesti formativi.

Il fine generale dell’insegnamento è quello di promuovere - in chi apprende -la costruzione di categorie interpretative delle dinamiche didattiche, nonché l’attivazione di un atteggiamento di problematicismo critico attraverso cui analizzare i processi educativi.

Nello specifico, al termine del percorso, ciascuno studente avrà maturato:

Conoscenze

  • conoscenza dei principali modelli di progettazione didattica: caratteristiche, criticità, contesti di applicabilità
  • conoscenza delle differenti strategie didattiche: lezione, discussione, studio di caso, apprendimento di gruppo, problem solving, simulazione, role-playing;
  • conoscenza dei differenti contesti educativi e delle forme didattiche specifiche per ciascun contesto;
  • conoscenza degli strumenti per monitorare e per valutare i processi educativi;

 

Abilità

  • abilità di osservazione dei contesti educativi e abilità di analisi delle rispettive specificità;
  • abilità di interpretazione delle variabili intervenienti nei processi didattici (a livello relazionale, simbolico, comunicativo);
  • abilità di analisi di problemi educativi relativi al processo di progettazione didattica;
  • abilità di interpretazione dei processi comunicativi in ambito didattico;
  • abilità di generazione di ipotesi e formulazione di soluzioni rispetto a problematiche didattiche specifiche;
  • abilità di applicazione dei principi di progettazione didattica alla creazione di unità di apprendimento;
  • abilità di utilizzazione delle nuove tecnologie per la ricerca, selezione e individuazione dei materiali di apprendimento;
  • abilità di scrittura di un progetto didattico da sviluppare in un contesto specifico.

 

Competenze trasversali

Competenze diagnostiche:

  • Identificare e consultare fonti informative in relazione ad uno specifico problema didattico

Competenze di coping:

  • Definire una strategia di azione per affrontare un problema o una situazione, valutando vincoli e risorse del contesto formativo in relazione agli obiettivi da raggiungere, tenendo presenti le conseguenze delle azioni adottate
  • Definire con chiarezza obiettivi, risultati attesi e ambiti di azione possibili a fronte di un problema da risolvere di natura sociale, tecnica o organizzativa

La didattica prevede l’impiego di

  1. lezioni frontali per l’introduzione ai principi e ai concetti fondamentali della disciplina;
  2. esercitazioni per l’applicazione dei concetti appresi e la verifica dell’apprendimento;
  3. simulazioni per l’elaborazione di progetti didattici che saranno oggetto della valutazione finale (cfr. modalità di valutazione)

Per gli studenti non frequentanti: l’esame si svolgerà in forma scritta – sui testi in programma – con domande a risposta chiusa. Un esempio di compito scritto è disponibile sulla piattaforma formazioneonline.unisalento.it

Per gli studenti frequentanti è prevista una prova intermedia (intorno alla metà di aprile); la prova intermedia sarà scritta con domande a risposta chiusa e sarà finalizzata a valutare la conoscenza dei concetti teorici illustrati a lezione. La prova finale richiederà – a ciascuno studente frequentante – l’elaborazione di un progetto didattico da inviare alla docente in forma scritta; la prova è finalizzata a valutare le capacità di progettazione didattica sviluppate da ciascun allievo

G. Bonaiuti, A. Calvani, M. Ranieri, Fondamenti di didattica: teorie e prassi dei dispositivi formativi, Nuova edizione, Carocci, Roma 2016

P. Selleri, La comunicazione in classe, Carocci, Roma 2016

DIDATTICA GENERALE (M-PED/03)
LABORATORIO DI ETNOGRAFIA EDUCATIVA

Corso di laurea TEORIE E PRATICHE EDUCATIVE

Settore Scientifico Disciplinare NN

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 15.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 05/03/2018 al 31/05/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Aver acquisito i concetti fondamentali relativi alla Pedagogia generale e alla Didattica generale.

Il laboratorio affronta due principali aree di contenuti:

  • la ricerca etnografica: obiettivi, strumenti, fasi di attuazione
  • l’osservazione: in particolare, saranno prese in esame l’osservazione partecipante e quella naturalistica

Per ciascuna delle due aree saranno disponibili letture e materiali didattici, scaricabili dalla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it

A partire da tali materiali didattici, gli allievi saranno chiamati a sviluppare un lavoro personale (in formato testuale, multimediale, ecc. cfr. la sezione “modalità d’esame”).

Il laboratorio ha l’obiettivo di sviluppare negli allievi le capacità di analisi delle interazioni quotidiane nei contesti educativi. In particolare, al termine del percorso ci si attende che gli allievi siano in grado di:

  • individuare le espressioni indicali e i loro significati;
  • comprendere le regole di interazione, ovvero le norme che individuano i comportamenti appropriati in relazione allo status e al contesto;
  • analizzare come le persone costruiscono la propria realtà sociale, ovvero come interpretano ed etichettano i comportamenti, come inferiscono le cause, come spiegano i fenomeni;
  • osservare e comprendere la comunicazione non verbale e la gestualità;
  • saper riconoscere i rituali e le cerimonie all’interno di un gruppo, analizzandone i significati

Essendo un laboratorio, saranno utilizzati metodi didattici di tipo attivo:

- esercitazioni sui concetti principali della ricerca etnografica e della ricerca osservativa

- simulazione delle fasi principali della ricerca etnografica

- lavoro di gruppo per la progettazione e la realizzazione del lavoro finale

Agli allievi è richiesta l’ideazione, la progettazione e la realizzazione di una piccola ricerca etnografica nel contesto educativo in cui sono attualmente immersi, ovvero quello universitario.

Gli allievi potranno decidere se: (a) realizzare una serie di interviste su un tema specifico della vita universitaria, (b) sviluppare una griglia per l’osservazione delle relazioni, (c) realizzare un video sui momenti ritenuti più significativi, (d) elaborare una presentazione (in powerpoint, prezi, ecc.) per descrivere l’esperienza universitaria.

È anche possibile incrociare più strumenti e prodotti (es. realizzare un video che contiene anche interviste): in generale, gli allievi sono invitati a dare voce alla propria creatività, ideando e realizzando un lavoro che risponda ai criteri e agli obiettivi della ricerca etnografica.

Il materiale di studio (testi, video) sarà disponibile online sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it

LABORATORIO DI ETNOGRAFIA EDUCATIVA (NN)
Laboratorio di guida allo studio

Corso di laurea EDUCATORE SOCIO-CULTURALE

Settore Scientifico Disciplinare NN

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 15.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 02/10/2017 al 26/01/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Livello sufficiente delle competenze di base, così come previste dallo European Qualification Framework

Il laboratorio è sviluppato in modalità online e in presenza. I contenuti sono articolati in tre aree: 

  1. le difficoltà di apprendimento: caratteristiche personali e contestuali;
  2. conosciamo il nostro stile di apprendimento: la motivazione, le strategie di studio, la gestione dello spazio, del tempo e dell’ansia;
  3. sviluppiamo una strategia di studio: l’analisi del compito, l’individuazione degli obiettivi, il metodo PQ4R.

Le aree sono sviluppate attraverso sei moduli, ciascuno dei quali presenta una breve unità teorica  accompagnata da una esercitazione. I moduli sono  disponibili online sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it 

A ciascuno studente è richiesto di iscriversi in piattaforma (utilizzando le proprie credenziali fornite al momento dell'immatricolazione) e di completare tutte le attività previste. Non esiste un termine per il completamento delle attività: la modalità online permette a ciascun allievo di procedere secondo i propri ritmi e le proprie esigenze familiari e/o di lavoro.

Occorre comunque terminare tutte le attività del Laboratorio entro il primo anno di iscrizione: il Laboratorio di guida allo studio è infatti propedeutico di studi previsti negli anni successivi.

Obiettivi del laboratorio:

  • sviluppare/migliorare le competenze meta-cognitive di ciascun allievo, con particolare riferimento alla consapevolezza del proprio stile di apprendimento e delle difficoltà incontrate nello studio;
  • sviluppare le capacità diagnostiche, progettuali e decisionali relative alla individuazione delle strategie di studio più efficaci rispetto ad un compito specifico.

I metodi sono quelli propri della formazione online attraverso la piattaforma di apprendimento Moodle di UniSalento. Il laboratorio prevede unità teorico-didattiche (formate da materiali didattici e video-lezioni). Ciascuna unità è accompagnata da una esercitazione, in cui a ciascun allievo è chiesto di elaborare un prodotto originale (mappa, schema, sintesi di un brano, glossario, ecc.) o di rispondere agli item di un questionario/test per conoscere le proprie caratteristiche di apprendimento.

Laboratorio di guida allo studio (NN)
LABORATORIO DI PROGETTAZIONE FORMATIVA

Corso di laurea TEORIE E PRATICHE EDUCATIVE

Settore Scientifico Disciplinare NN

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 15.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 05/03/2018 al 31/05/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Il laboratorio intende analizzare il concetto di competenza e le sue declinazioni nel processo formativo. In particolare, sarà analizzato

- il concetto di competenza nell'ambito dell'European Qualification Framework (EQF)

- il concetto di competenze come emerge dal Repertorio regionale delle figure professionali

Obiettivo generale del laboratorio è lo sviluppo della capacità di avvalersi degli strumenti regionali, nazionali ed europei nella progettazione formativa.

Obiettivo specifico del laboratorio è saper applicare il Quadro Europeo delle Qualifiche (EQF) al Repertorio Regionale delle Figure professionali.

Il percorso è in presenza e online. Gli studenti impossibilitati a frequentare possono accedere alla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it e cliccare su "Laboratorio di metodologia dello studio": quella pagina è un'aula virtuale dove è possibile scaricare i materiali e caricare i propri lavori

Per accedere alla piattaforma, occorre usare le proprie credenziali (le stesse usate per il Portale studenti) e inserire la chiave di accesso (studio2017)

Agli studenti (frequentanti e non) è richiesto di elaborare una relazione finale in cui ciascun allievo

- analizzerà una delle 12 figure professionali riconosciute dalla Regione Puglia in ambito educativo e formativo

- indicherà, per la figura professionale scelta, la/e competenza/e chiave da sviluppare

Il format della relazione, così come i materiali utili per elaborarla, sono disponibili sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it , nella sezione dedicata al laboratorio di progettazione formativa (per conoscere come vi si accede, cfr. la sezione "metodi didattici" in questa stessa scheda).

Tutti i materiali di riferimento (EQF e Repertorio regionale delle professioni) sono disponibili sulla piattaforma formazioneonline.unisalento.it (per informazioni su come accedervi, cfr. la sezione "Metodi didattici" in questa stessa scheda)

LABORATORIO DI PROGETTAZIONE FORMATIVA (NN)
PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI FORMATIVI

Corso di laurea SOCIOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare M-PED/03

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 05/03/2018 al 31/05/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso PROFESSIONALE (029)

È richiesta la conoscenza dei principi di Educazione degli adulti e Lifelong Learning.

È richiesto un buon livello di competenza digitale (capacità di individuare, selezionare e valutare le informazioni in rete) nonché la padronanza dei software di uso più comune (word, powerpoint); altri software per la formazione saranno proposti a lezione.

I contenuti dell’insegnamento sono organizzati intorno a tre passaggi:

  • come progettare un percorso di formazione per adulti? Obiettivo è quello di consolidare le conoscenze relative alle fasi di lavoro che precedono l’attività d’aula, con particolare riferimento agli strumenti di rilevazione per l’analisi dei bisogni e alla definizione degli obiettivi didattici. Saranno esaminate tre strategie di progettazione:

a. la progettazione a fronte di obiettivi di conoscenza;

b. la progettazione a fronte di obiettivi di capacità;

c. la progettazione per la modifica dei comportamenti.

 

  • quali tecniche didattiche utilizzare? Obiettivo è quello di conoscere le caratteristiche e i criteri di impiego di tre principali famiglie di tecniche didattiche utilizzate nella formazione degli adulti: (1) la lezione, (2) le esercitazioni e i casi, (3) le simulazioni.

 

  • come condurre l’intervento formativo? Obiettivo è quello di conoscere e simulare alcuni momenti della gestione dell’aula, con particolare riferimento ad alcuni aspetti relativi ai vissuti del formatore:

a. la gestione dell’ansia e del tempo

b. l’atteggiamento rispetto ai gruppi di adulti in formazione

c. la gestione delle situazioni di disagio e di conflitto in aula.

Al termine del percorso, i risultati attesi sono rappresentati da un sistema di conoscenze e abilità così articolato:

  • saper progettare un intervento formativo:
  1. conoscere i principali strumenti per la rilevazione dei bisogni formativi ed essere in grado di ri-elaborarli adattandoli ai contesti formativi;
  2. saper delineare i differenti livelli di obiettivi della formazione ed esser capaci di descrivere gli obiettivi didattici;
  3. conoscere le caratteristiche delle differenti strategie didattiche e padroneggiare i criteri per la loro selezione in relazione agli obiettivi;
  4. essere in grado di allestire l’ambiente di apprendimento (reale e/o virtuale):

(a) preparazione dei materiali a corredo dell’intervento formativo

(b) individuazione degli strumenti

(c) predisposizione dei supporti tecnologici

(d) logistica e allestimento dell’aula

 

  • essere in grado di realizzare un intervento formativo:
  1. saper individuare le tecniche didattiche più efficaci rispetto alle strategie progettate;
  2. essere in grado di gestire l’aula:

(a) gestione dei tempi di ascolto e di attenzione

(b) monitoraggio dei propri processi di comunicazione verbale e non verbale

(c) osservazione e rilevazione dei feedback

La didattica prevede l’impiego di una combinazione di metodi in relazione ai diversi obiettivi:

  • lezioni frontali per l’introduzione ai principi e ai concetti fondamentali della disciplina;
  • problem solving per l’applicazione dei concetti generali ai casi specifici presentati a lezione;
  • studio di caso, simulazione e role playing come strategie didattiche per la formazione degli adulti;

lavoro in piccolo gruppo (2-3) per lo sviluppo delle capacità di comunicazione, collaborazione e negoziazione.

Gli studenti non frequentanti sosterranno un esame scritto (domanda a risposta aperta) sui testi in programma.

Gli studenti frequentanti saranno coinvolti in prove formative (esercitazioni, studio di caso, lavori di gruppo) durante lo svolgimento delle lezioni. La prova finale – per gli studenti frequentanti – consisterà nella progettazione e realizzazione di un intervento formativo da presentare al gruppo-classe, su un tema da concordare con la docente.

M. Castagna, Progettare la formazione: guida metodologica per la progettazione del lavoro in aula, F. Angeli, Milano 2014

M. Castagna, La lezione nella formazione degli adulti, F. Angeli, Milano 2015

PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI FORMATIVI (M-PED/03)
TEORIE E METODI DELLA FORMAZIONE

Corso di laurea PROGETTAZIONE E GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

Settore Scientifico Disciplinare M-PED/03

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 2

Semestre Secondo Semestre (dal 05/03/2018 al 31/05/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

È richiesta la conoscenza dei principi di Educazione degli adulti e Lifelong Learning.

È richiesto un buon livello di competenza digitale (capacità di individuare, selezionare e valutare le informazioni in rete) nonché la padronanza dei software di uso più comune (word, powerpoint); altri software per la formazione saranno proposti a lezione.

I contenuti dell’insegnamento sono organizzati intorno a tre passaggi:

  • come progettare un percorso di formazione per adulti? Obiettivo è quello di consolidare le conoscenze relative alle fasi di lavoro che precedono l’attività d’aula, con particolare riferimento agli strumenti di rilevazione per l’analisi dei bisogni e alla definizione degli obiettivi didattici. Saranno esaminate tre strategie di progettazione:

a. la progettazione a fronte di obiettivi di conoscenza;

b. la progettazione a fronte di obiettivi di capacità;

c. la progettazione per la modifica dei comportamenti.

 

  • quali tecniche didattiche utilizzare? Obiettivo è quello di conoscere le caratteristiche e i criteri di impiego di tre principali famiglie di tecniche didattiche utilizzate nella formazione degli adulti: (1) la lezione, (2) le esercitazioni e i casi, (3) le simulazioni.

 

  • come condurre l’intervento formativo? Obiettivo è quello di conoscere e simulare alcuni momenti della gestione dell’aula, con particolare riferimento ad alcuni aspetti relativi ai vissuti del formatore:

a. la gestione dell’ansia e del tempo

b. l’atteggiamento rispetto ai gruppi di adulti in formazione

c. la gestione delle situazioni di disagio e di conflitto in aula.

Al termine del percorso, i risultati attesi sono rappresentati da un sistema di conoscenze e abilità così articolato:

  • saper progettare un intervento formativo:
  1. conoscere i principali strumenti per la rilevazione dei bisogni formativi ed essere in grado di ri-elaborarli adattandoli ai contesti formativi;
  2. saper delineare i differenti livelli di obiettivi della formazione ed esser capaci di descrivere gli obiettivi didattici;
  3. conoscere le caratteristiche delle differenti strategie didattiche e padroneggiare i criteri per la loro selezione in relazione agli obiettivi;
  4. essere in grado di allestire l’ambiente di apprendimento (reale e/o virtuale):

(a) preparazione dei materiali a corredo dell’intervento formativo

(b) individuazione degli strumenti

(c) predisposizione dei supporti tecnologici

(d) logistica e allestimento dell’aula

 

  • essere in grado di realizzare un intervento formativo:
  1. saper individuare le tecniche didattiche più efficaci rispetto alle strategie progettate;
  2. essere in grado di gestire l’aula:

(a) gestione dei tempi di ascolto e di attenzione

(b) monitoraggio dei propri processi di comunicazione verbale e non verbale

(c) osservazione e rilevazione dei feedback

La didattica prevede l’impiego di una combinazione di metodi in relazione ai diversi obiettivi:

  • lezioni frontali per l’introduzione ai principi e ai concetti fondamentali della disciplina;
  • problem solving per l’applicazione dei concetti generali ai casi specifici presentati a lezione;
  • studio di caso, simulazione e role playing come strategie didattiche per la formazione degli adulti;

lavoro in piccolo gruppo (2-3) per lo sviluppo delle capacità di comunicazione, collaborazione e negoziazione.

Gli studenti non frequentanti sosterranno un esame scritto (domanda a risposta aperta) sui testi in programma.

Gli studenti frequentanti saranno coinvolti in prove formative (esercitazioni, studio di caso, lavori di gruppo) durante lo svolgimento delle lezioni. La prova finale – per gli studenti frequentanti – consisterà nella progettazione e realizzazione di un intervento formativo da presentare al gruppo-classe, su un tema da concordare con la docente.

M. Castagna, Progettare la formazione: guida metodologica per la progettazione del lavoro in aula, F. Angeli, Milano 2014

M. Castagna, La lezione nella formazione degli adulti, F. Angeli, Milano 2015

TEORIE E METODI DELLA FORMAZIONE (M-PED/03)
DIDATTICA GENERALE

Corso di laurea TEORIE E PRATICHE EDUCATIVE

Settore Scientifico Disciplinare M-PED/03

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 228.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 03/10/2016 al 27/01/2017)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Didattica generale

Corso di Laurea in Teorie e pratiche educative

Crediti: 12

Presentazione e obiettivi del corso

L'insegnamento intende fornire i fondamenti della Didattica, ovvero quelle conoscenze basilari per la progettazione, il monitoraggio e la valutazione dei processi di insegnamento e di apprendimento nei differenti contesti formativi.

Il fine generale dell’insegnamento è quello di promuovere - in chi apprende -la costruzione di categorie interpretative delle dinamiche didattiche, nonché l’attivazione di un atteggiamento di problematicismo critico attraverso cui analizzare i processi educativi.

Obiettivo specifico del corso è l’acquisizione di conoscenze, la loro rielaborazione e padronanza rispetto alle quattro dimensioni fondamentali della Didattica:

Testi d’esame:

G. Bonaiuti, A. Calvani, M. Ranieri, Fondamenti di didattica: teorie e prassi dei dispositivi formativi, Nuova edizione, Carocci, Roma 2016

L. Binanti, S. Colazzo et al., Istituzioni di Pedagogia e Didattica. Manuale dell’attualità educativa e sociale, Pearson, Milano-Torino 2016

Prerequisiti

Conoscenza dei principali modelli epistemologici delle Scienze dell’educazione

Conoscenza delle principali fasi della storia della Pedagogia

Conoscenza dei processi di sviluppo della persona

Materiale didattico

Il materiale didattico utilizzato a lezione sarà disponibile sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it , a cui è possibile accedere attraverso le stesse credenziali utilizzate per il Portale studenti.

Modalità di valutazione degli studenti

L’esame si svolgerà in forma scritta – sui testi in programma – con domande a risposta chiusa e a risposta aperta. Un esempio di compito scritto sarà disponibile sulla piattaforma formazioneonline.unisalento.it

Gli studenti frequentanti saranno coinvolti in prove formative (esercitazioni, studio di caso, lavori di gruppo) durante lo svolgimento delle lezioni. I lavori prodotti da ciascuno studente costituiranno un portfolio, cioè una raccolta dei propri elaborati, che rappresenterà una attestazione delle conoscenze/abilità maturate durate il percorso.

Modalità di prenotazione dell’esame e date degli appelli

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL

DIDATTICA GENERALE (M-PED/03)
DIDATTICA GENERALE

Corso di laurea SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA

Settore Scientifico Disciplinare M-PED/03

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 48.0 Ore Studio individuale: 152.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 1

Semestre Primo Semestre (dal 03/10/2016 al 27/01/2017)

Lingua

Percorso GENERALE (000)

Didattica Generale

Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione primaria

A.A. 2016-2017 – crediti: 8

Presentazione e obiettivi del corso

Il corso ha l’obiettivo di sviluppare la padronanza delle conoscenze e delle abilità fondamentali per la progettazione, il monitoraggio e la valutazione dei processi di insegnamento e di apprendimento nell’ambito della scuola dell’infanzia e primaria.
In particolare, il corso sarà focalizzato sui modelli di progettazione curricolare e di progettazione per competenze, in accordo con le strategie dell’UE per lo sviluppo delle competenze chiave per l’apprendimento permanente.

I temi del corso saranno articolati in quattro passaggi fondamentali:
a. European Qualification Framework: le otto competenze per la cittadinanza
b. Dall’EQF alle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione

  • - La progettazione del curricolo

  • - I traguardi per lo sviluppo delle competenze

  • - La certificazione delle competenze

  • c. La progettazione della rubrica delle competenze nella scuola dell’infanzia e primaria:

  • - La scomposizione delle competenze in abilità e conoscenze

  • - L’individuazione dei livelli di padronanza

  • - La formulazione dei criteri e l’individuazione degli strumenti per la valutazione dell’apprendimento

  • - La progettazione delle unità di apprendimento e l’elaborazione dei compiti significativi

d. Le strategie didattiche:

  • - apprendimento per scoperta

  • - discussione

  • - studio di caso

  • - apprendimento di gruppo

  • - lezione

  • - problem solving

  • - simulazione e role-playing

    Testi d’esame:

    G. Bonaiuti, A. Calvani, M. Ranieri, Fondamenti di Didattica: teorie e prassi dei dispositivi formativi, Nuova edizione, Carocci, Roma 2016
    L. Binanti, S. Colazzo et al., Istituzioni di Pedagogia e Didattica. Manuale dell’attualità educativa e sociale, Pearson, Milano-Torino 2016

    Schede didattiche, report e documenti ufficiali, forniti a lezione e disponibili sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it

Conoscenze e abilità da acquisire

Al termine del percorso, ciascuno studente avrà maturato
conoscenze:
- conoscenza dei principi fondamentali della progettazione curriculare e della progettazione per

competenze;
- conoscenza delle strategie e degli strumenti per monitorare e per valutare i processi educativi; - conoscenza dei differenti metodi didattici specifici per la scuola dell’infanzia e primaria; - conoscenze dei criteri di selezione e di utilizzazione delle strategie e degli strumenti didattici in

relazione a obiettivi specifici.

abilità:
- abilità di analisi e di scomposizione delle competenze complesse in conoscenze e abilità specifiche;
- abilità di elaborazione degli obiettivi didattici e dei loro criteri di valutazione;
- abilità di applicazione dei principi di progettazione didattica alla creazione di unità di apprendimento;
- abilità di generazione di ipotesi e formulazione di soluzioni rispetto a problematiche didattiche specifiche;
- abilità di utilizzazione delle nuove tecnologie per la ricerca, selezione e individuazione dei materiali di apprendimento.

 

Metodi didattici e modalità di esecuzione delle lezioni

La didattica prevede l’impiego di una combinazione di metodi in relazione ai diversi obiettivi:

  • - lezioni frontali per l’introduzione ai principi e ai concetti fondamentali della disciplina;

  • - esercitazioni su schede didattiche per lo sviluppo delle abilità di progettazione di unità di

    apprendimento;

  • - problem solving per l’applicazione dei concetti generali ai casi specifici presentati a lezione;

  • - studio di caso per lo sviluppo delle abilità di analisi dei problemi didattici e per la

    generazione di ipotesi di soluzione;

  • - lavoro in piccolo gruppo (2-3) per lo sviluppo delle capacità di comunicazione,

    collaborazione e negoziazione.

  • Materiale didattico

  • Il materiale didattico utilizzato a lezione sarà disponibile sulla piattaforma di apprendimento formazioneonline.unisalento.it , a cui è possibile accedere attraverso le stesse credenziali utilizzate per il Portale studenti. La piattaforma servirà anche da spazio di discussione e di condivisione dei lavori prodotti dagli studenti (v. il prossimo punto).

    Modalità di valutazione degli studenti

    L’esame si svolgerà in forma scritta – sui testi in programma – con domande a risposta chiusa e a risposta aperta. Un esempio di compito scritto sarà disponibile sulla piattaforma formazioneonline.unisalento.it
    Gli studenti frequentanti saranno coinvolti in prove formative (esercitazioni, studio di caso, lavori di gruppo) durante lo svolgimento delle lezioni. I lavori prodotti da ciascuno studente costituiranno un portfolio, cioè una raccolta dei propri elaborati, che rappresenterà una attestazione delle conoscenze/abilità maturate durate il percorso.

 

Modalità di prenotazione dell’esame e date degli appelli
Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL

DIDATTICA GENERALE (M-PED/03)
TEORIE E METODI DELLA FORMAZIONE

Corso di laurea SOCIOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare M-PED/03

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 8.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 120.0

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 03/10/2016 al 27/01/2017)

Lingua

Percorso PROFESSIONALE (029)

Teorie e metodi della formazione – 8 cfu

Corso di Laurea in Sociologia

Presentazione e obiettivi del corso

Il fine generale dell’insegnamento è quello di delineare il nucleo essenziale dei saperi teorico-metodologici per i professionisti della formazione, in una visione della pedagogia come disciplina dello sviluppo individuale e collettivo, aperta al dialogo con altre discipline.

I contenuti dell’insegnamento sono organizzati intorno a tre passaggi:

  • come progettare un percorso di formazione per adulti? Obiettivo è quello di consolidare le conoscenze relative alle fasi di lavoro che precedono l’attività d’aula, con particolare riferimento agli strumenti di rilevazione per l’analisi dei bisogni e alla definizione degli obiettivi didattici. Saranno esaminate tre strategie di progettazione:

la progettazione a fronte di obiettivi di conoscenza;

la progettazione a fronte di obiettivi di capacità;

la progettazione per la modifica dei comportamenti.

  • quali tecniche didattiche utilizzare? Obiettivo è quello di conoscere le caratteristiche e i criteri di impiego di tre principali famiglie di tecniche didattiche utilizzate nella formazione degli adulti: (1) la lezione, (2) le esercitazioni e i casi, (3) le simulazioni.
  • come condurre l’intervento formativo? Obiettivo è quello di conoscere e simulare alcuni momenti della gestione dell’aula, con particolare riferimento ad alcuni aspetti relativi ai vissuti del formatore:

la gestione dell’ansia e del tempo

l’atteggiamento rispetto ai gruppi di adulti in formazione

la gestione delle situazioni di disagio e di conflitto in aula.

Testi d’esame

Bibliografia:

M. Castagna, Progettare la formazione: guida metodologica per la progettazione del lavoro in aula, F. Angeli, Milano 2014

M. Castagna, La lezione nella formazione degli adulti, F. Angeli, Milano 2015

Prerequisiti

È richiesto un buon livello di competenza digitale (capacità di individuare, selezionare e valutare le informazioni in rete) nonché la padronanza dei software di uso più comune (word, powerpoint); altri software per la formazione saranno proposti a lezione.

Modalità di valutazione degli studenti

Gli studenti non frequentanti sosterranno un esame scritto (domanda a risposta aperta) sui testi in programma.

Gli studenti frequentanti saranno coinvolti in prove formative (esercitazioni, studio di caso, lavori di gruppo) durante lo svolgimento delle lezioni. Gli studenti frequentanti saranno impegnati nella progettazione e realizzazione di un intervento formativo da presentare al gruppo-classe, su un tema da concordare con la docente.

Modalità di prenotazione dell’esame e date degli appelli

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL

TEORIE E METODI DELLA FORMAZIONE (M-PED/03)
TEORIE E METODI DELLA FORMAZIONE

Corso di laurea PROGETTAZIONE E GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

Settore Scientifico Disciplinare M-PED/03

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 228.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 03/10/2016 al 27/01/2017)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Teorie e metodi della formazione – 12 cfu

Corso di Laurea in Progettazione e gestione dei processi formativi

Presentazione e obiettivi del corso

Il fine generale dell’insegnamento è quello di delineare il nucleo essenziale dei saperi teorico-metodologici per i professionisti della formazione, in una visione della pedagogia come disciplina dello sviluppo individuale e collettivo, aperta al dialogo con altre discipline.

I contenuti dell’insegnamento sono organizzati intorno a tre passaggi:

  • come progettare un percorso di formazione per adulti? Obiettivo è quello di consolidare le conoscenze relative alle fasi di lavoro che precedono l’attività d’aula, con particolare riferimento agli strumenti di rilevazione per l’analisi dei bisogni e alla definizione degli obiettivi didattici. Saranno esaminate tre strategie di progettazione:

la progettazione a fronte di obiettivi di conoscenza;

la progettazione a fronte di obiettivi di capacità;

la progettazione per la modifica dei comportamenti.

  • quali tecniche didattiche utilizzare? Obiettivo è quello di conoscere le caratteristiche e i criteri di impiego di tre principali famiglie di tecniche didattiche utilizzate nella formazione degli adulti: (1) la lezione, (2) le esercitazioni e i casi, (3) le simulazioni.
  • come condurre l’intervento formativo? Obiettivo è quello di conoscere e simulare alcuni momenti della gestione dell’aula, con particolare riferimento ad alcuni aspetti relativi ai vissuti del formatore:

la gestione dell’ansia e del tempo

l’atteggiamento rispetto ai gruppi di adulti in formazione

la gestione delle situazioni di disagio e di conflitto in aula.

Testi d’esame

Bibliografia:

M. Castagna, Progettare la formazione: guida metodologica per la progettazione del lavoro in aula, F. Angeli, Milano 2014

M. Castagna, La lezione nella formazione degli adulti, F. Angeli, Milano 2015

Materiali didattici disponibili sulla piattaforma formazioneonline.unisalento.it

Conoscenze e abilità da acquisire

Al termine del percorso, i risultati attesi sono rappresentati da un sistema di conoscenze e abilità così articolato:

  • saper progettare un intervento formativo:
  • essere in grado di realizzare un intervento formativo:

Prerequisiti

È richiesto un buon livello di competenza digitale (capacità di individuare, selezionare e valutare le informazioni in rete) nonché la padronanza dei software di uso più comune (word, powerpoint); altri software per la formazione saranno proposti a lezione.

Modalità di valutazione degli studenti

Gli studenti non frequentanti sosterranno un esame scritto (domanda a risposta aperta) sui testi in programma.

Gli studenti frequentanti saranno coinvolti in prove formative (esercitazioni, studio di caso, lavori di gruppo) durante lo svolgimento delle lezioni. Gli studenti frequentanti saranno impegnati nella progettazione e realizzazione di un intervento formativo da presentare al gruppo-classe, su un tema da concordare con la docente.

Modalità di prenotazione dell’esame e date degli appelli

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL

TEORIE E METODI DELLA FORMAZIONE (M-PED/03)
DIDATTICA GENERALE

Corso di laurea TEORIE E PRATICHE EDUCATIVE

Settore Scientifico Disciplinare M-PED/03

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 240.0

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 28/09/2015 al 29/01/2016)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

Didattica generale – 12 cfu

Corso di Laurea in Teorie e pratiche educative

Presentazione e obiettivi del corso

L'insegnamento intende fornire i fondamenti della Didattica, ovvero quelle conoscenze basilari per la progettazione, il monitoraggio e la valutazione dei processi di insegnamento e di apprendimento nei differenti contesti formativi.

Il fine generale dell’insegnamento è quello di promuovere - in chi apprende -la costruzione di categorie interpretative delle dinamiche didattiche, nonché l’attivazione di un atteggiamento di problematicismo critico attraverso cui analizzare i processi educativi.

Testi d’esame

G. Bonaiuti, A. Calvani, M. Ranieri, Fondamenti di didattica : teorie e prassi dei dispositivi formativi, Carocci, Roma 2007

E. Felisatti (a cura di), Modelli progettuali e valutativi per l’intervento didattico, Cleup, Padova 2005

Conoscenze e abilità da acquisire

Al termine del percorso, ciascuno studente avrà maturato

  • conoscenza e individuazione dei modelli di progettazione didattica più efficaci rispetto a specifici contesti e bisogni formativi;
  • capacità di individuare, osservare e monitorare le variabili dei processi didattici caratterizzanti ciascun contesto formativo;
  • conoscenza delle differenti strategie didattiche e padronanza dei loro criteri di selezione;
  • capacità di osservare le interazioni didattiche e di individuarne i modelli impliciti;
  • capacità di stabilire connessioni fra i processi didattici e i fondamentali paradigmi educativi.

Prerequisiti

Conoscenza dei principali modelli epistemologici delle Scienze dell’educazione.

Modalità di valutazione degli studenti

Esame scritto.

Modalità di prenotazione dell’esame

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL.

 

DIDATTICA GENERALE (M-PED/03)
TEORIE E METODI DELLA FORMAZIONE

Corso di laurea PROGETTAZIONE E GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

Settore Scientifico Disciplinare M-PED/03

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 240.0

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 28/09/2015 al 29/01/2016)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

Teorie e metodi della formazione – 12 cfu

Corso di Laurea Magistrale in Progettazione e gestione dei processi formativi

Presentazione e obiettivi del corso

Il fine generale dell’insegnamento è quello di delineare il nucleo essenziale dei saperi teorico-metodologici per i professionisti della formazione, in una visione della pedagogia come disciplina dello sviluppo individuale e collettivo, aperta al dialogo con altre discipline.

I contenuti dell’insegnamento sono organizzati intorno ad alcune domande:

  • come progettare un percorso di formazione per adulti? Obiettivo è quello di consolidare le conoscenze relative alle fasi di lavoro che precedono l’attività d’aula, con particolare riferimento agli strumenti di rilevazione per l’analisi dei bisogni e alla definizione degli obiettivi didattici. Saranno esaminate tre strategie di progettazione:

la progettazione a fronte di obiettivi di conoscenza;

la progettazione a fronte di obiettivi di capacità;

la progettazione per la modifica dei comportamenti.

  • quali tecniche didattiche utilizzare? Obiettivo è quello di conoscere le caratteristiche e i criteri di impiego di tre principali famiglie di tecniche didattiche utilizzate nella formazione degli adulti: (1) la lezione, (2) le esercitazioni e i casi, (3) le simulazioni.
  • come condurre l’intervento formativo? Obiettivo è quello di conoscere e simulare alcuni momenti della gestione dell’aula, con particolare riferimento ad alcuni aspetti relativi ai vissuti del formatore:

la gestione dell’ansia e del tempo

l’atteggiamento rispetto ai gruppi di adulti in formazione

la gestione delle situazioni di disagio e di conflitto in aula.

Testi d’esame

M. Castagna, Progettare la formazione : guida metodologica per la progettazione del lavoro in aula, F. Angeli, Milano 2014

M. Castagna, La lezione nella formazione degli adulti, F. Angeli, Milano 2015

Modalità di valutazione degli studenti

Gli studenti frequentanti saranno impegnati nella progettazione e realizzazione di un intervento formativo da presentare al gruppo-classe, su un tema da concordare con la docente.

Gli studenti non frequentanti sosterranno un esame scritto (domanda a risposta aperta) sui testi riportati nel presente programma.

Modalità di prenotazione dell’esame

Gli studenti possono prenotarsi per l’esame finale esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL

TEORIE E METODI DELLA FORMAZIONE (M-PED/03)
DIDATTICA GENERALE

Corso di laurea SCIENZE DELLA FORMAZIONE E SAPERI FILOSOFICI

Settore Scientifico Disciplinare M-PED/03

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 12.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 228.0

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 07/10/2014 al 31/01/2015)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

DIDATTICA GENERALE – 12 cfu

Scienze della Formazione e dei Saperi filosofici

L'insegnamento intende fornire una presentazione complessiva degli ambiti di studio e ricerca della Didattica generale. Saranno esaminati i concetti di insegnamento e di apprendimento, analizzando alcuni temi nodali per la progettazione didattica, quali quelli relativi al concetto di obiettivo, ai modelli didattici della individualizzazione e della personalizzazione e agli strumenti ad essi riferibili. Vengono inoltre analizzate altre variabili fondamentali della progettazione didattica connesse con la definizione dei tempi, degli spazi e delle dimensioni sociali e affettive dell'esperienza educativa. Infine sono presi in esame alcuni modelli per la progettazione didattica e per la valutazione degli apprendimenti.

RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI

Al termine del percorso, ciascuno studente avrà maturato un sistema di conoscenze/competenze. In particolare, per quanto concerne le conoscenze, i risultati attesi sono rappresentati dall’acquisizione di

- metodologie di ricerca e di intervento relative ai contesti formativi scolastici ed extrascolastici;

  • criteri di analisi dei sistemi educativi formali e non formali e delle forme di integrazione;
  • conoscenza e individuazione dei modelli didattici più efficaci rispetto a specifici contesti e bisogni formativi.

TESTI DI RIFERIMENTO

G. Bonaiuti, A. Calvani, M. Ranieri, Fondamenti di didattica: teorie e prassi dei dispositivi formativi, Carocci, Roma 2007

E. Felisatti (a cura di), Modelli progettuali e valutativi per l’intervento didattico, Cleup, Padova 2005

METODO DI VALUTAZIONE/ACCERTAMENTO DEI RISULTATI

Esame scritto

DIDATTICA GENERALE (M-PED/03)
TEORIE E METODI DELLA FORMAZIONE

Corso di laurea Scienze Pedagogiche

Settore Scientifico Disciplinare M-PED/03

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 10.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 60.0 Ore Studio individuale: 190.0

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Anno di corso 2

Semestre Primo Semestre (dal 06/10/2014 al 30/01/2015)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

Teorie e metodi della formazione – 10 cfu

Corso di laurea in Scienze pedagogiche

Programma

L’insegnamento ha l’obiettivo di delineare il nucleo essenziale dei saperi teorico-pratici per i professionisti della formazione, in un contesto complesso caratterizzato da una economia della conoscenza. L’insegnamento intende analizzare i saperi di base del formatore, in una visione della pedagogia come disciplina dello sviluppo individuale e collettivo, aperta al dialogo con altre scienze umane.

Oltre alle conoscenze, l’insegnamento intende approfondire alcune aree di competenza:

  • comprendere la complessità dello sviluppo educativo e formativo, sia nelle organizzazioni di impresa che nella società;
  • applicare gli strumenti metodologici ai contesti in formazione;
  • valutare i processi posti in atto.

Saranno infine analizzati alcuni temi chiave della formazione: in particolare, le reti di apprendimento e l’intercultura

Risultati di apprendimento attesi

Al termine del percorso, i risultati attesi sono rappresentati da un sistema di conoscenze/competenze articolato in due macrocategorie:

  • Saper progettare un intervento formativo : dall’analisi dei bisogni alla valutazione dei risultati
  • Saper utilizzare le differenti metodologie didattiche in risposta ai bisogni formativi ipotizzati

Testi d'esame

F. Bochicchio, I formatori: l’educatore. Competenze, tecniche e strumenti per la formazione degli adulti, Celid 2000

M. Castagna, Progettare la formazione : guida metodologica per la progettazione del lavoro in aula, F. Angeli

Metodo di valutazione

Esame scritto

Criteri di ammissione all'esame

Prenotazione online

TEORIE E METODI DELLA FORMAZIONE (M-PED/03)

Pubblicazioni

 

Fra le pubblicazioni:

  • Simone M., Perucca A., De Canale B. De Simone G.C., Marselli G., Palomba E., laboratoriointercultura.it: una piattaforma per lo sviluppo delle competenze interculturali, in Rui M., Messina L., Minerva T., Teach different! Proceedings della Multiconferenza EmemItalia 2015, Genova University Press, 2015, 978-88-97752-60-8

  • E. Palomba, A. Perucca, laboratoriointercultura.it Esperienze formative in ambiente virtuale, Armando, Roma 2014, 9788866778431
  • E. Palomba, Potenzialità e criteri di una didattica on-line per l’intercultura, in E. Palomba, A. Perucca, laboratoriointercultura.it Esperienze formative in ambiente virtuale, Armando, Roma 2014, 9788866778431, pp. 29-67
  • E. Palomba, La progettazione dei percorsi on-line: le differenze culturali, in E. Palomba, A. Perucca, laboratoriointercultura.it Esperienze formative in ambiente virtuale, Armando, Roma 2014, 9788866778431, pp. 69-98.
  • E. Palomba, Fondamenti di Pedagogia dell’infanzia, Unisalento Press, Lecce 2013, ISBN 9788896515228
  • E. Palomba, Progettazione educativa e capability approach, in L. Binanti (a cura di), La capacitazione in prospettiva pedagogica, Pensa Multimedia, Lecce, 2014, ISBN 978-88-6760-202-5
  • G. Marselli, E. Palomba, M.G. Simone, The Euro-Mediterranean Intercultural Dialogue Laboratorio (E-Midia Lab Project), ICT in Higher Education and Lifelong Learning, Bari 14-15 novembre 2013.
  • The Euro-Mediterranean Intercultural Dialogue Laboratorio, Iated Publications (International Association of Technology, Education and Development), 2013
  • Virtualità come spazio di possibilità, in L. Martiniello (a cura di), Comunicazione multimediale e processi formativi, Guida, Napoli 2011
  • Fili di fiaba. Percorsi narrativi di intercultura per la scuola dell'infanzia, Edizioni Universitarie, Roma 2011
  • Ambienti virtuali e intercultura, in Sapere pedagogico (a cura di S. Colazzo), Armando, Roma 2010
  • Indicatori, criteri e politiche europee, in N. Paparella (a cura di), La progettazione educativa, Armando, Roma 2009, vol. 1
  • Intercultural Guidelines in M.G. Onorati, F. Bednarz (Eds.), Building Intercultural Competences: A Handbook for Professionals in Education, Social Work and Health Care, Acco, Leuven 2010
  • Storie, favole e fiabe, in E. Palomba (a cura di), La scuola dell'infanzia. Uno scenario in costruzione, EuRoma, Roma 2009
  • Fiaba e cartoon, in in E. Palomba (a cura di), La scuola dell'infanzia. Uno scenario in costruzione, EuRoma, Roma 2009
  • Emotions and Cognition in Online Learning: a Sight from Educational Neurosciences, in Proceedings of ED-Media 2008, World Conference on Educational Multimedia, Hypermedia & Telecommunications, AACE - Association for the Advancement of Computing in Education, Chesapeake, VA, USA 2008
  • Indicatori, criteri e politiche europee, in N. Paparella (a cura di) La progettazione educativa, Armando, Roma 2009
  • Strumenti per la progettazione e la valutazione degli interventi comunitari: Quality Framework e Logical Framework Matrix, in S. Colazzo (a cura di), Contesti e metodologie della valutazione dei processi formativi in età adulta, Amaltea Ed., Lecce 2009
  • Il pensiero del bambino e la sfida tecnologica, in S. Serenella Macchietti (a cura di), Il bambino di oggi per il mondo di domani. Quali prospettive, EuRoma, Roma 2008
  • ICT Technologies and Intercultural Issues, in Current Developments in Technology-Assisted Education (vol. 1), Formatex, Badajoz (Spain) 2007
  • Multimedialità, tecnologia, intercultura, in P. Limone (a cura di), Nuovi media e formazione, Armando, Roma 2007
  • La persona e i suoi artefatti. Realtà, virtualità e immagine di sé, Armando, Roma 2006
  • Simulazione e linguaggio, in N. Paparella (a cura di) Ontologie, simulazione, competenze, Edizioni Amaltea, Castrignano dei Greci 2006
  • L'esperienza negli ambienti simulati, in N. Paparella (a cura di), Ontologie, simulazione, competenze, Edizioni Amaltea, Castrignano dei Greci 2006
  • La persona e il suo destino: fra ibridazioni tecnologiche e scelte di autopotenziamento, in L. Binanti (a cura di), Identità, educazione e socializzazione. Epistemologie dell'agire educativo a confronto, Barbieri Selvaggi Editori, Taranto 2007
  • Piste di ricerca, Edizioni Amaltea, Castrignano dei Greci, 2007 Apprendimento e Multimedia Design: processi cognitivi e nuove tecnologie, in S. Colazzo (a cura di), Di pietra in pietra. Viaggio attraverso le pietrefitte salentine, Edizioni Amaltea, Castrignano dei Greci, 2007

Temi di ricerca

 

  • infanzia e narrazione
  • contesti virtuali e identità
  • giochi e simulazione
  • processi di sviluppo e driver tecnologico
  • intercultura e processi educativi

Risorse correlate

Documenti

Collegamenti

Piattaforma Unisalento (Apre una nuova finestra)