Claudio GIARDINO

Claudio GIARDINO

Professore II Fascia (Associato)

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01: PREISTORIA E PROTOSTORIA.

Dipartimento di Beni Culturali

Edificio ex INAPLI - Via Dalmazio Birago, 64 - LECCE (LE)

Ufficio, Piano terra

Telefono +39 0832 29 5667 +39 0832 29 5521

Area di competenza:

Preistoria e protostoria.

Metallurgia antica.

Orario di ricevimento

Al termine delle lezioni, o previo appuntamento.

Recapiti aggiuntivi

Via Dalmazio Birago, 64 LECCE - Tel. 0832 295667

Visualizza QR Code Scarica la Visit Card

Curriculum Vitae

Claudio Giardino è Professore Associato presso l’Università del Salento (Lecce). Laureato in Lettere presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, ha poi conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Archeologia, il diploma di Perfezionamento in Archeologia con specializzazione in Preistoria presso la Scuola Nazionale di Archeologia di Roma, nonché il post-dottorato di Ricerca in “Archeologia con specializzazione metallurgica” presso la facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Prima di divenire Ricercatore presso questo ateneo, ha insegnato, come professore a contratto, “Protostoria Europea”, “Archeometria”, “Archeometallurgia”, “Archeologia sperimentale” presso varie università italiane, fra cui l'Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli, l'Università degli Studi di Bologna, l’Università degli Studi di Siena. Ha preso parte come archeologo a missioni archeologiche in Italia e all'estero. Si ricordano in particolare gli scavi negli insediamenti protostorici dell'isola di Vivara (Napoli) e di Broglio di Trebisacce (Cosenza), le indagini sull’isola di Capri (Napoli), sul centro siderurgico etrusco di Populonia, le ricognizioni archeologiche nel territorio di Roma e quelle archeominerarie nell’alta Valle Camonica, le ricerche a Malta, a Cipro, in Gran Bretagna, in Germania, nel Sultanato di Oman e in Kazakistan. Ha diretto lo scavo archeologico della miniera preistorica di Poggio Malinverno (Allumiere – Roma) per conto dell’Istituto Archeologico Germanico di Roma, nonché l’Archaeological Prehistoric Research Project in Northern Zakynthos (Grecia). Collabora con vari laboratori italiani e stranieri per lo studio dei reperti metallici antichi. Membro di associazioni scientifiche archeologiche italiane ed europee, ha curato il progetto dell'Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria per lo studio archeometallurgico dell'Italia pre-protostorica. È autore di oltre 150 opere a stampa, tra le quali le monografie L'Europa a Sud e a Nord delle Alpi alle soglie della svolta protourbana (assieme a C. Belardelli e A. Malizia), Edizioni Unigrafica-Ostalpenkomitee, Treviso 1990; Il Mediterraneo occidentale fra il XVI e l'VIII sec. a.C. Cerchie minerarie e metallurgiche – West Mediterranean between 14th and 8th Century b.C. Mining and metallurgical spheres, BAR, Oxford 1995); I metalli nel mondo antico, Introduzione all’archeometallurgia, Laterza, Bari-Roma, 1998, nuova edizione aggiornata 2010; Magan – The Land of Copper. Prehistoric Metallurgy of Oman, Ministry of Heritage and Culture – Sultanate of Oman, Muscat 2017. Ha inoltre curato i volumi Culture marinare nel Mediterraneo centrale e occidentale fra il XVII e il XV secolo a.C., Bagatto Libri, Roma 2001; I ripostigli sardi algheresi della tarda età nuragica. Nuove ricerche archeometallurgiche (assieme a F. Lo Schiavo), Bagatto Libri, Roma 2007; Archeometallurgia: dalla conoscenza alla fruizione, Edipuglia, Bari, 2011; Goa Made. An archaeological discovery, (assieme a M. Vidale e G.L. Bonora), «L’Erma» di Bretschneider, Roma, 2012. Nell’ambito della divulgazione archeologica collabora con la rivista archeologica Archeo, di cui cura la rubrica sulla metallurgia antica.

 

Lo studente può scaricare tutti i programmi completi dei corsi degli A.A. 2016-17 e 2017-18 da Risorse correlate: documenti: files "Syllabi_AA2017-17 e 2017-2018".

 

- “Preistoria e Protostoria”  (A.A. 2017-18)
(Corso di Laurea triennale in Beni Archeologici)

 

 

- “Laboratorio di Pre-protostoria” (A.A. 2017-18)

(Corso di Laurea triennale in Beni Archeologici)

 

                

“Paletnologia”  (A.A. 2017-18)

(Corso di Laurea magistrale in Archeologia)

 

 

- “Laboratorio di Archeometallurgia della Protostoria”  (A.A. 2017-18)

(Corso di Laurea magistrale in Archeologia)

 

 

Didattica

A.A. 2019/2020

LABORATORIO DI ARCHEOMETALLURGIA DELLA PROTOSTORIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

LABORATORIO DI PRE-PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso ARCHEOLOGICO

PALETNOLOGIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso TECNOLOGICO

PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso ARCHEOLOGICO

A.A. 2018/2019

LABORATORIO DI ARCHEOMETALLURGIA DELLA PROTOSTORIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

LABORATORIO DI PRE-PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso ARCHEOLOGICO

PALETNOLOGIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso ARCHEOLOGICO

PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso TECNOLOGICO

A.A. 2017/2018

LABORATORIO DI ARCHEOMETALLURGIA DELLA PROTOSTORIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 12.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

LABORATORIO DI PRE-PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 12.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso ARCHEOLOGICO

PALETNOLOGIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Lingua ITALIANO

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso ARCHEOLOGICO

PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso TECNOLOGICO

A.A. 2016/2017

LABORATORIO DI ARCHEOMETALLURGIA DELLA PROTOSTORIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 12.0 Ore Studio individuale: 13.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

LABORATORIO DI PRE-PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 12.0 Ore Studio individuale: 13.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso ARCHEOLOGICO

PALETNOLOGIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0 Ore Studio individuale: 108.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 2

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso ARCHEOLOGICO

PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso TECNOLOGICO

A.A. 2015/2016

LABORATORIO DI PALETNOLOGIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 12.0 Ore Studio individuale: 13.0

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

LABORATORIO DI PRE-PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 12.0 Ore Studio individuale: 13.0

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso ARCHEOLOGICO

PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso ARCHEOLOGICO

PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso TECNOLOGICO

A.A. 2014/2015

LABORATORIO DI PRE-PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI ARCHEOLOGICI

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 8.0 Ore Studio individuale: 17.0

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI ARCHEOLOGICI

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

A.A. 2013/2014

LABORATORIO DI PRE-PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI ARCHEOLOGICI

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 8.0 Ore Studio individuale: 17.0

Anno accademico di erogazione 2013/2014

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI ARCHEOLOGICI

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Anno accademico di erogazione 2013/2014

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno di corso 1

Struttura DIPARTIMENTO DI BENI CULTURALI

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

Torna all'elenco
LABORATORIO DI ARCHEOMETALLURGIA DELLA PROTOSTORIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 24/02/2020 al 29/05/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

LABORATORIO DI ARCHEOMETALLURGIA DELLA PROTOSTORIA (L-ANT/01)
LABORATORIO DI PRE-PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 24/02/2020 al 29/05/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso ARCHEOLOGICO (A68)

LABORATORIO DI PRE-PROTOSTORIA (L-ANT/01)
PALETNOLOGIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 2

Semestre Secondo Semestre (dal 24/02/2020 al 29/05/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

PALETNOLOGIA (L-ANT/01)
PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 24/02/2020 al 29/05/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso TECNOLOGICO (A69)

PREISTORIA E PROTOSTORIA (L-ANT/01)
PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2019/2020

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 24/02/2020 al 29/05/2020)

Lingua ITALIANO

Percorso ARCHEOLOGICO (A68)

PREISTORIA E PROTOSTORIA (L-ANT/01)
LABORATORIO DI ARCHEOMETALLURGIA DELLA PROTOSTORIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 04/03/2019 al 07/06/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

Nessuno

Il laboratorio vuole fornire allo studente la conoscenza e la capacità di riconoscimento delle principali leghe usate nell’antichità e in particolare in età pre-protostorica e delle problematiche ad esse legate. I vari metalli hanno contribuito a caratterizzare le varie epoche nelle quali sono stati usati, tanto da essere stati impiegati sin dall’antichità per inquadrare alcune delle tappe evolutive della protostoria (età del Rame, del Bronzo, del Ferro).

Verrà stimolato l’approccio diretto degli studenti con i materiali metallici antichi, sia scorie di produzione, che prodotti finiti, affinché gli studenti acquisiscano la capacità pratica di riconoscere tali indicatori archeologici, troppo spesso mal identificati nel corso degli gli scavi. Il laboratorio mira inoltre a rendere gli studenti in grado di eseguire la schedatura e la documentazione sia grafica che fotografica dei reperti metallici.

Saranno fornite alcune pratiche e basilari nozioni sulle misure di primo trattamento conservativo sullo scavo per i metalli archeologici.

Sarà infine utilizzato anche un approccio legato all’etnoarcheologia, all’archeologia sperimentale e all’archeometria, facendo partecipare gli studenti ad attività sperimentali.

Approccio diretto degli studenti a materiali metallici protostorici, con uso delle attrezzature di laboratorio. Lezioni anche con ausili audiovisivi e informatici. Sono previsti sopraluoghi in siti e musei archeologici.

 

La frequenza del Laboratorio di Archeometallurgia della Protostoria è obbligatoria. La partecipazione alle attività seminariali del Laboratorio deve essere documentata tramite firma di presenza degli studenti. Tale partecipazione consente l’acquisizione di n. 1 CFU previsti.  

2018

16 settembre, ore 16:00

2 ottobre, ore 16:00

4 dicembre, ore 16:00

 

2019

29 gennaio, ore 16:00

15 febbraio, ore 16:00

23 aprile, ore 16:00

29 maggio, ore 16:00 (risevato ai laureandi)

19 giugno, ore 16:00

10 luglio, ore 16:00

Il corso è a frequenza obbligatoria e verranno registrate le presenze di ciascuno studente; tale partecipazione consente l’acquisizione di n. 1 CFU previsti.

Gli studenti possono prenotarsi esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL.

La verbalizzazione di n. 1 CFU previsti per il Laboratorio di Pre-protostoria ha luogo in coincidenza con le date stabilite per gli appelli d’esame dell’insegnamento di Preistoria e Protostoria. Tali appelli si svolgono presso lo studio del docente (Dipartimento di Beni Culturali, Nuovo Edificio, Via D. Birago 64). Le date vengono pubblicate tramite la bacheca elettronica del docente.

Ancor più della ceramica, il metallo è uno dei materiali più diffusi e resistenti con cui l’uomo ha fabbricato gli oggetti destinati ad accompagnarlo nella sua esistenza.

Nel corso delle attività di laboratorio verranno esaminate le antiche tecniche di produzione, di decorazione e di lavorazione delle leghe metalliche antiche, quali rame, ferro, argento e oro. Sarà stimolato l’approccio legato alle scienze fisiche e naturali, esaminando i vari metodi di indagine scientifica quantitativa. Verranno così analizzate le tematiche connesse con l'approvvigionamento delle materie prime e le produzioni caratteristiche dei diversi momenti culturali.

Ci si avvarrà inoltre delle esperienze maturate nel settore  e dell’archeologia sperimentale.

Nel corso delle lezioni verranno forniti testi di approfondimento (in PDF).

LABORATORIO DI ARCHEOMETALLURGIA DELLA PROTOSTORIA (L-ANT/01)
LABORATORIO DI PRE-PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 10.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 04/03/2019 al 07/06/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso ARCHEOLOGICO (A68)

Nessuno

L’attività di laboratorio mira a fornire una basilare conoscenza dei materiali pre-protostorici e in particolare di quelli metallici.

Il laboratorio vuole a fornire una conoscenza di base atta a favorire l’incontro e lo scambio di informazioni tra i settori umanistici e scientifici, nonché a munire gli studenti dei principi per eseguire e valutare un moderno studio dei manufatti protostorici. Esso si pone quindi come obiettivo l’apprendimento delle problematiche relative alla protostoria partendo dalla conoscenza dei materiali archeologici. Verranno esaminate le antiche tecniche di produzione e di lavorazione di pietra, ceramica e leghe metalliche, comparandole, quando possibile, con i dati delle ricerche etnoarcheologiche.

Gli studenti dovranno dimostrare di aver acquisito una buona conoscenza e a capacità di riconoscimento dei principali materiali usati in età pre-protostorica e delle problematiche ad essi legate.

Approccio diretto degli studenti a materiali archeologici protostorici, con uso delle attrezzature di laboratorio. Lezioni frontali anche con ausili audiovisivi e informatici. Sono previsti sopralluoghi in siti e musei archeologici.

La frequenza del Laboratorio di Pre-protostoria è obbligatoria. La partecipazione alle attività seminariali del Laboratorio deve essere documentata tramite firma di presenza degli studenti. Tale partecipazione consente l’acquisizione di n. 1 CFU previsti.  

2018

16 settembre, ore 16:00

2 ottobre, ore 16:00

4 dicembre, ore 16:00

 

2019

29 gennaio, ore 16:00

15 febbraio, ore 16:00

23 aprile, ore 16:00

29 maggio, ore 16:00 (risevato ai laureandi)

19 giugno, ore 16:00

10 luglio, ore 16:00

Il corso è a frequenza obbligatoria e verranno registrate le presenze di ciascuno studente; tale partecipazione consente l’acquisizione di n. 1 CFU previsti.

Gli studenti possono prenotarsi esclusivamente utilizzando le modalità previste dal sistema VOL.

La verbalizzazione di n. 1 CFU previsti per il Laboratorio di Pre-protostoria ha luogo in coincidenza con le date stabilite per gli appelli d’esame dell’insegnamento di Preistoria e Protostoria. Tali appelli si svolgono presso lo studio del docente (Dipartimento di Beni Culturali, Nuovo Edificio, Via D. Birago 64). Le date vengono pubblicate tramite la bacheca elettronica del docente.

Il programma del corso si articola in una serie di lezioni frontali a carattere pratico in cui si affronteranno tematiche relative ai principali materiali pre-protostorici e come riprodurli graficamente e fotograficamente.

Nel corso delle lezioni verranno forniti testi di approfondimento (in PDF).

LABORATORIO DI PRE-PROTOSTORIA (L-ANT/01)
PALETNOLOGIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 2

Semestre Secondo Semestre (dal 04/03/2019 al 07/06/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

Buona conoscenza della lingua italiana; conoscenza delle essenziali forme di periodizzazione cronologica antica; conoscenza del quadro geografico dell’Europa e del Mediterraneo, con particolare riguardo alle culture protostoriche italiane.

Il corso vuole fornire allo studente le nozioni di base sullo sviluppo delle culture preistoriche italiane, europee ed extraeurope.

Le lezioni mirano inoltre a fornire allo studente le basi teorico-pratiche di una moderna metodologia di indagine e di approccio ai materiali antichi che gli consentiranno di valutare ed eseguire lui stesso un moderno studio archeologico.

A tal fine verranno discussi i principali elementi di metodologia archeologica per lo studio e l’analisi delle problematiche paletnologiche, dai processi di ominazione sino alle soglie della protostoria.

È prevista una parte seminariale in cui gli allievi potranno affrontare e realizzare direttamente, sotto la guida del docente, lo studio diretto di problematiche preistoriche.

Gli studenti dovranno dimostrare di aver acquisito una buona conoscenza dei lineamenti della paletnologia, dal Paleolitico alle prime età dei metalli e di saper collocare correttamente nel tempo e nello spazio le forme culturali che hanno contraddistinto i vari periodi. Dovranno conoscere e saper utilizzare correttamente le diverse cronologie attualmente utilizzate negli studi protostorici e saper valutare criticamente le varie tipologie di manufatti archeologici. Dovranno essere in grado di elaborare in modo autonomo ed esporre correttamente uno studio a carattere preistorico.

- Lezioni frontali con ausili audiovisivi e informatici. Sono previsti dei sopraluoghi in siti e musei archeologici. La frequenza è obbligatoria e si ritiene assolta con la partecipazione ad almeno il 70% delle lezioni.

- Lavori individuali a carattere seminariale. La parte a carattere seminariale prevedrà la partecipazione attiva degli studenti, che effettueranno ricerche su tematiche paletnologiche. La tematica affrontata verrà concordata con gli studenti nel corso delle prime lezioni, scegliendola fra alcune problematiche proposte.

- Approccio diretto degli studenti a materiali archeologici preistorici, anche con l’ausilio di strumentazioni di laboratorio per la parte archeometrica.

Esame orale basato sullo studio dei testi consigliati e mirato a verificare la conoscenza dei temi sviluppati nel corso delle lezioni.

In sede di esame finale si valuterà, oltre alla conoscenza dei testi indicati per lo studio, del materiale didattico e la padronanza dei temi approfonditi a lezione, anche l’effettivo raggiungimento, da parte dello studente, degli obiettivi sopra indicati per il corso. Elementi di valutazione complementari saranno la proprietà di espressione, la capacità critica e di collegamento con altri ambiti del sapere. La frequenza ai corsi costituirà elemento di apprezzamento della valutazione dello studente, anche in termini di incremento del voto di media.

Particolare importanza avrà la presentazione da parte dello studente del lavoro svolto in sede di seminario, sul quale verterà parte dell’esame. Coloro i quali non hanno potuto frequentare dovranno invece relazionare su una tesina da loro elaborata previo accordo con il docente sull’argomento. Saranno formulate da tre a cinque domande e lo studente sarà valutato considerando la sua conoscenza sui contenuti della disciplina, la capacità di sintesi, la correttezza formale nell’esposizione, nonché la capacità di argomentare le proprie tesi.

2018

16 settembre, ore 16:00

2 ottobre, ore 16:00

4 dicembre, ore 16:00

 

2019

29 gennaio, ore 16:00

15 febbraio, ore 16:00

23 aprile, ore 16:00

29 maggio, ore 16:00 (risevato ai laureandi)

19 giugno, ore 16:00

10 luglio, ore 16:00

 

Il corso è a frequenza obbligatoria e verranno registrate le presenze di ciascuno studente. Gli studenti lavoratori o quelli che per comprovati motivi ritengono di non poter frequentare dovranno contattare il docente per mettere a punto un programma integrativo della parte del corso (lezioni frontali) loro mancante.

Il programma del corso si articola in due sezioni:

- Una serie di lezioni frontali in cui si affronteranno tematiche relative sia alla storia degli studi metodologici, che all’analisi delle problematiche paletnologiche, dai processi di ominazione sino alle soglie della protostoria, con particolare attenzione agli aspetti artistici.

- Una parte seminariale in cui gli studenti dovranno affrontare e realizzare uno studio a carattere paletnologico.

Nel corso delle lezioni verranno forniti testi di approfondimento (in PDF).

L’indicazione dei testi per lo studio prende in considerazione in primo luogo la tipologia standard dello studente frequentante; eventuali studenti impossibilitati a seguire le lezioni dovranno aggiungere un certo numero di testi compensativi.

 

I. Frequentanti:

- Pubblicazioni su riviste scientifiche (distribuite a lezione su supporto cartaceo o in formato .pdf.)

- F. Martini, Archeologia del Paleolitico, Storia e culture dei popoli cacciatori-raccoglitori, Roma, ed. Carocci, 2008.

- Pessina A., Tiné V., Archeologia del Neolitico, Roma 2008.

- Guidi A., Storia della Paletnologia, Bari, Laterza, 1988.

- Colin Renfrew C., Bahn P., Archeologia. Teoria, metodi e pratica (III edizione italiana condotta sulla settima ed. inglese), Zanichelli 2017.

 

II. Non frequentanti:

Ai testi sopra indicati per i frequentanti, vanno aggiunti:

- Cocchi Genick D., Preistoria, Verona, QuiEdit, 2009.

- Giardino C., I metalli nel mondo antico. Introduzione all’archeometallurgia, Roma, Bari, Laterza 2010.

- C. Giardino, Le cave e le tecniche di estrazione dei materiali lapidei: il vecchio mondo, in Il Mondo dell’Archeologia – Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, Roma 2002, pp. 821-827.

- Sara T. Levi, Dal coccio al vasaio. Manifattura, tecnologia e classificazione della ceramica, Bologna, Zanichelli 2010.

- Singer C., Holmyard E.J., Hall A.R., WilllamS T.I., Storia della tecnologia 1 (La preistoria e gli antichi imperi), Torino, Bollati Boringhieri 1993 (edizione economica paperback).

- Diamond J., Armi acciaio e malattie: Breve storia del mondo negli ultimi tredicimila anni, Torino, Einaudi, 2006.

- Tykot, R. H. Obsidian procurement and distribution in the Central and Western Mediterranean, in Journal of Mediterranean archaeology 9,1, 1996, pp. 39-82.

 

I non frequentanti dovranno inoltre presentare un breve elaborato, su soggetto da concordare con il docente.

PALETNOLOGIA (L-ANT/01)
PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 04/03/2019 al 07/06/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso ARCHEOLOGICO (A68)

Buona conoscenza della lingua italiana; conoscenza delle essenziali forme di periodizzazione cronologica antica; conoscenza del quadro geografico dell’Europa e del Mediterraneo.

Il corso vuole fornire allo studente le nozioni di base sullo sviluppo delle culture italiane ed europee della tarda preistoria, premessa indispensabile alla comprensione dei complessi fenomeni che avranno luogo in età storica.

Le lezioni mirano inoltre a dotare lo studente di una moderna metodologia di indagine e di approccio ai materiali antichi che gli consentiranno di valutare ed eseguire lui stesso un moderno studio archeologico.

A tal fine verranno discussi i principali elementi di metodologia archeologica, con particolare riferimento alle età pre-protostoriche dell’area italiana ed europea.

È prevista una parte seminariale in cui gli allievi potranno affrontare e realizzare direttamente, sotto la guida del docente, lo studio diretto di reperti pre-protostorici.

Gli studenti dovranno dimostrare di aver acquisito una buona conoscenza dei lineamenti della protostoria italiana e europea, dall’Antica età del Bronzo sino all’età del Ferro e di saper collocare correttamente nel tempo e nello spazio le facies culturali che hanno contraddistinto i vari periodi. Dovranno conoscere e saper utilizzare correttamente le diverse cronologie attualmente utilizzate negli studi protostorici e saper valutare criticamente le varie tipologie di manufatti archeologici. Dovranno essere in grado di elaborare in modo autonomo ed esporre correttamente uno studio crono tipologico.

- Lezioni frontali con ausili audiovisivi e informatici. Sono previsti dei sopraluoghi in siti e musei archeologici. La frequenza è obbligatoria e si ritiene assolta con la partecipazione ad almeno il 70% delle lezioni.

- Lavori di gruppo a carattere seminariale. La parte a carattere seminariale prevedrà la partecipazione attiva degli studenti, che effettueranno ricerche di gruppo su materiali archeologici protostorici editi. Su tali materiali gli studenti elaborareranno una sequenza crono-tipologica. La tematica affrontata verrà concordata con gli studenti nel corso delle prime lezioni, scegliendola fra alcune problematiche proposte.

- Approccio diretto degli studenti a materiali archeologici protostorici, anche con l’ausilio di strumentazioni di laboratorio per la parte archeometrica.

Esame orale basato sullo studio dei testi consigliati e mirato a verificare la conoscenza dei temi sviluppati nel corso delle lezioni.

In sede di esame finale si valuterà, oltre alla conoscenza dei testi indicati per lo studio, del materiale didattico e la padronanza dei temi approfonditi a lezione, anche l’effettivo raggiungimento, da parte dello studente, degli obiettivi sopra indicati per il corso. Elementi di valutazione complementari saranno la proprietà di espressione, la capacità critica e di collegamento con altri ambiti del sapere. La frequenza ai corsi costituirà elemento di apprezzamento della valutazione dello studente, anche in termini di incremento del voto di media.

Particolare importanza avrà la presentazione da parte dello studente del lavoro svolto in sede di seminario, sul quale verterà una congrua parte dell’esame. Coloro i quali non hanno potuto frequentare dovranno invece relazionare su una tesina da loro elaborata previo accordo con il docente sull’argomento. Saranno formulate da tre a cinque domande e lo studente sarà valutato considerando la sua conoscenza sui contenuti della disciplina, la capacità di sintesi, la correttezza formale nell’esposizione, nonché la capacità di argomentare le proprie tesi

2018

16 settembre, ore 16:00

2 ottobre, ore 16:00

4 dicembre, ore 16:00

 

2019

29 gennaio, ore 16:00

15 febbraio, ore 16:00

23 aprile, ore 16:00

29 maggio, ore 16:00 (risevato ai laureandi)

19 giugno, ore 16:00

10 luglio, ore 16:00

Il corso è a frequenza obbligatoria e verranno registrate le presenze di ciascuno studente. Gli studenti lavoratori o quelli che per comprovati motivi ritengono di non poter frequentare dovranno contattare il docente per mettere a punto un programma integrativo della parte del corso (lezioni frontali) loro mancante.

Il programma del corso si articola in due sezioni:

- Una serie di lezioni frontali in cui si affronteranno tematiche relative alle principali facies culturali che hanno caratterizzato l’area italiana e l’Europa centrale nel corso dell’arco temporale che dal Bronzo antico giunge sino all’età del Ferro.

- Una parte seminariale in cui gli studenti dovranno affrontare e realizzare lo studio crono-tipologico di materiali protostorici.

Nel corso delle lezioni verranno forniti testi di approfondimento (in PDF).

L’indicazione dei testi per lo studio prende in considerazione in primo luogo la tipologia standard dello studente frequentante; eventuali studenti impossibilitati a seguire le lezioni dovranno aggiungere un certo numero di testi compensativi.

 

I. Frequentanti:

- Pubblicazioni su riviste scientifiche (distribuiti a lezione su supporto cartaceo o in formato .pdf.)

- Bietti Sestieri A.M., L’Italia nell’età del Bronzo e del Ferro, Carocci, Roma, 2010.

- Giardino C., Il Mediterraneo occidentale fra il XVI e l'VIII sec. a. C.  Cerchie minerarie e metallurgiche - West Mediterranean between 14th and 8th century B.C.  Mining and metallurgical spheres, BAR Int. Series 612, Tempus Reparatum, Oxford 1995.

- Fokkens H., Harding A. (eds.), The European Bronze Age, Oxford, Oxford University Press 2013: pp. 723-745, 786-812.

Cazzella A., Recchia G., Tunzi A.M., La Puglia tra Bronzo Antico e Bronzo Recente, in Preistoria e Protostoria della Puglia, Studi di Preistoria e protostoria 4, IIPP Firenze 2017, pp. 431-442.

 

II. Non frequentanti:

 

Ai testi sopra indicati per i frequentanti, vanno aggiunti:

- Fokkens H., Harding A. (eds.), The European Bronze Age, Oxford, Oxford University Press 2013: capitoli da concordare.

- Coles J.M., Harding A.F., The Bronze Age in Europe. An introduction to the prehistory of Europe c. 2000-700 BC, London, Methuen & CO LTD, 1979: pp. 23-112; 335-385.

- Giardino C. (a cura di), Culture marinare nel Mediterraneo centrale e occidentale fra il XVII e il XV secolo a.C., Roma, Bagatto Libri, 2001: pp. 109-123, 203-305, 339-366.

- Peroni R., L’Italia alle soglie della storia, Bari-Roma, Laterza, 2004: capitoli da concordare.

 

I non frequentanti dovranno inoltre presentare un breve elaborato, su soggetto da concordare con il docente.

PREISTORIA E PROTOSTORIA (L-ANT/01)
PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2018/2019

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 04/03/2019 al 07/06/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso TECNOLOGICO (A69)

Buona conoscenza della lingua italiana; conoscenza delle essenziali forme di periodizzazione cronologica antica; conoscenza del quadro geografico dell’Europa e del Mediterraneo.

Il corso vuole fornire allo studente le nozioni di base sullo sviluppo delle culture italiane ed europee della tarda preistoria, premessa indispensabile alla comprensione dei complessi fenomeni che avranno luogo in età storica.

Le lezioni mirano inoltre a dotare lo studente di una moderna metodologia di indagine e di approccio ai materiali antichi che gli consentiranno di valutare ed eseguire lui stesso un moderno studio archeologico.

A tal fine verranno discussi i principali elementi di metodologia archeologica, con particolare riferimento alle età pre-protostoriche dell’area italiana ed europea.

È prevista una parte seminariale in cui gli allievi potranno affrontare e realizzare direttamente, sotto la guida del docente, lo studio diretto di reperti pre-protostorici.

Gli studenti dovranno dimostrare di aver acquisito una buona conoscenza dei lineamenti della protostoria italiana e europea, dall’Antica età del Bronzo sino all’età del Ferro e di saper collocare correttamente nel tempo e nello spazio le facies culturali che hanno contraddistinto i vari periodi. Dovranno conoscere e saper utilizzare correttamente le diverse cronologie attualmente utilizzate negli studi protostorici e saper valutare criticamente le varie tipologie di manufatti archeologici. Dovranno essere in grado di elaborare in modo autonomo ed esporre correttamente uno studio crono tipologico.

- Lezioni frontali con ausili audiovisivi e informatici. Sono previsti dei sopraluoghi in siti e musei archeologici. La frequenza è obbligatoria e si ritiene assolta con la partecipazione ad almeno il 70% delle lezioni.

- Lavori di gruppo a carattere seminariale. La parte a carattere seminariale prevedrà la partecipazione attiva degli studenti, che effettueranno ricerche di gruppo su materiali archeologici protostorici editi. Su tali materiali gli studenti elaborareranno una sequenza crono-tipologica. La tematica affrontata verrà concordata con gli studenti nel corso delle prime lezioni, scegliendola fra alcune problematiche proposte.

- Approccio diretto degli studenti a materiali archeologici protostorici, anche con l’ausilio di strumentazioni di laboratorio per la parte archeometrica.

Esame orale basato sullo studio dei testi consigliati e mirato a verificare la conoscenza dei temi sviluppati nel corso delle lezioni.

In sede di esame finale si valuterà, oltre alla conoscenza dei testi indicati per lo studio, del materiale didattico e la padronanza dei temi approfonditi a lezione, anche l’effettivo raggiungimento, da parte dello studente, degli obiettivi sopra indicati per il corso. Elementi di valutazione complementari saranno la proprietà di espressione, la capacità critica e di collegamento con altri ambiti del sapere. La frequenza ai corsi costituirà elemento di apprezzamento della valutazione dello studente, anche in termini di incremento del voto di media.

Particolare importanza avrà la presentazione da parte dello studente del lavoro svolto in sede di seminario, sul quale verterà una congrua parte dell’esame. Coloro i quali non hanno potuto frequentare dovranno invece relazionare su una tesina da loro elaborata previo accordo con il docente sull’argomento. Saranno formulate da tre a cinque domande e lo studente sarà valutato considerando la sua conoscenza sui contenuti della disciplina, la capacità di sintesi, la correttezza formale nell’esposizione, nonché la capacità di argomentare le proprie tesi

2018

16 settembre, ore 16:00

2 ottobre, ore 16:00

4 dicembre, ore 16:00

 

2019

29 gennaio, ore 16:00

15 febbraio, ore 16:00

23 aprile, ore 16:00

29 maggio, ore 16:00 (risevato ai laureandi)

19 giugno, ore 16:00

10 luglio, ore 16:00

Il corso è a frequenza obbligatoria e verranno registrate le presenze di ciascuno studente. Gli studenti lavoratori o quelli che per comprovati motivi ritengono di non poter frequentare dovranno contattare il docente per mettere a punto un programma integrativo della parte del corso (lezioni frontali) loro mancante.

Il programma del corso si articola in due sezioni:

- Una serie di lezioni frontali in cui si affronteranno tematiche relative alle principali facies culturali che hanno caratterizzato l’area italiana e l’Europa centrale nel corso dell’arco temporale che dal Bronzo antico giunge sino all’età del Ferro.

- Una parte seminariale in cui gli studenti dovranno affrontare e realizzare lo studio crono-tipologico di materiali protostorici.

Nel corso delle lezioni verranno forniti testi di approfondimento (in PDF).

L’indicazione dei testi per lo studio prende in considerazione in primo luogo la tipologia standard dello studente frequentante; eventuali studenti impossibilitati a seguire le lezioni dovranno aggiungere un certo numero di testi compensativi.

 

I. Frequentanti:

- Pubblicazioni su riviste scientifiche (distribuiti a lezione su supporto cartaceo o in formato .pdf.)

- Bietti Sestieri A.M., L’Italia nell’età del Bronzo e del Ferro, Carocci, Roma, 2010.

- Giardino C., Il Mediterraneo occidentale fra il XVI e l'VIII sec. a. C.  Cerchie minerarie e metallurgiche - West Mediterranean between 14th and 8th century B.C.  Mining and metallurgical spheres, BAR Int. Series 612, Tempus Reparatum, Oxford 1995.

- Fokkens H., Harding A. (eds.), The European Bronze Age, Oxford, Oxford University Press 2013: pp. 723-745, 786-812.

Cazzella A., Recchia G., Tunzi A.M., La Puglia tra Bronzo Antico e Bronzo Recente, in Preistoria e Protostoria della Puglia, Studi di Preistoria e protostoria 4, IIPP Firenze 2017, pp. 431-442.

 

II. Non frequentanti:

 

Ai testi sopra indicati per i frequentanti, vanno aggiunti:

- Fokkens H., Harding A. (eds.), The European Bronze Age, Oxford, Oxford University Press 2013: capitoli da concordare.

- Coles J.M., Harding A.F., The Bronze Age in Europe. An introduction to the prehistory of Europe c. 2000-700 BC, London, Methuen & CO LTD, 1979: pp. 23-112; 335-385.

- Giardino C. (a cura di), Culture marinare nel Mediterraneo centrale e occidentale fra il XVII e il XV secolo a.C., Roma, Bagatto Libri, 2001: pp. 109-123, 203-305, 339-366.

- Peroni R., L’Italia alle soglie della storia, Bari-Roma, Laterza, 2004: capitoli da concordare.

 

I non frequentanti dovranno inoltre presentare un breve elaborato, su soggetto da concordare con il docente.

PREISTORIA E PROTOSTORIA (L-ANT/01)
LABORATORIO DI ARCHEOMETALLURGIA DELLA PROTOSTORIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 12.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 26/02/2018 al 25/05/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

LABORATORIO DI ARCHEOMETALLURGIA DELLA PROTOSTORIA (L-ANT/01)
LABORATORIO DI PRE-PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 12.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 26/02/2018 al 25/05/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso ARCHEOLOGICO (A68)

LABORATORIO DI PRE-PROTOSTORIA (L-ANT/01)
PALETNOLOGIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 2

Semestre Secondo Semestre (dal 26/02/2018 al 25/05/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

PALETNOLOGIA (L-ANT/01)
PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 26/02/2018 al 25/05/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso ARCHEOLOGICO (A68)

PREISTORIA E PROTOSTORIA (L-ANT/01)
PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 26/02/2018 al 25/05/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso TECNOLOGICO (A69)

PREISTORIA E PROTOSTORIA (L-ANT/01)
LABORATORIO DI ARCHEOMETALLURGIA DELLA PROTOSTORIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 12.0 Ore Studio individuale: 13.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 20/02/2017 al 20/05/2017)

Lingua

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

LABORATORIO DI ARCHEOMETALLURGIA DELLA PROTOSTORIA (L-ANT/01)
LABORATORIO DI PRE-PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 12.0 Ore Studio individuale: 13.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 20/02/2017 al 20/05/2017)

Lingua

Percorso ARCHEOLOGICO (A68)

LABORATORIO DI PRE-PROTOSTORIA (L-ANT/01)
PALETNOLOGIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 6.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 42.0 Ore Studio individuale: 108.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 2

Semestre Secondo Semestre (dal 20/02/2017 al 20/05/2017)

Lingua

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

PALETNOLOGIA (L-ANT/01)
PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 20/02/2017 al 20/05/2017)

Lingua

Percorso ARCHEOLOGICO (A68)

PREISTORIA E PROTOSTORIA (L-ANT/01)
PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 20/02/2017 al 20/05/2017)

Lingua

Percorso TECNOLOGICO (A69)

PREISTORIA E PROTOSTORIA (L-ANT/01)
LABORATORIO DI PALETNOLOGIA

Corso di laurea ARCHEOLOGIA

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea Magistrale

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 12.0 Ore Studio individuale: 13.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 03/03/2016 al 06/06/2016)

Lingua

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2010)

LABORATORIO DI PALETNOLOGIA (L-ANT/01)
LABORATORIO DI PRE-PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 12.0 Ore Studio individuale: 13.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 22/02/2016 al 21/05/2016)

Lingua

Percorso ARCHEOLOGICO (A68)

LABORATORIO DI PRE-PROTOSTORIA (L-ANT/01)
PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 22/02/2016 al 21/05/2016)

Lingua

Percorso ARCHEOLOGICO (A68)

PREISTORIA E PROTOSTORIA (L-ANT/01)
PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI CULTURALI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 22/02/2016 al 21/05/2016)

Lingua

Percorso TECNOLOGICO (A69)

PREISTORIA E PROTOSTORIA (L-ANT/01)
LABORATORIO DI PRE-PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI ARCHEOLOGICI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 8.0 Ore Studio individuale: 17.0

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 02/03/2015 al 30/05/2015)

Lingua

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2008)

Sede Lecce - Università degli Studi

LABORATORIO DI PRE-PROTOSTORIA (L-ANT/01)
PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI ARCHEOLOGICI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno accademico di erogazione 2014/2015

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 02/03/2015 al 30/05/2015)

Lingua

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2008)

Sede Lecce - Università degli Studi

PREISTORIA E PROTOSTORIA (L-ANT/01)
LABORATORIO DI PRE-PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI ARCHEOLOGICI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 1.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 8.0 Ore Studio individuale: 17.0

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno accademico di erogazione 2013/2014

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 03/03/2014 al 06/06/2014)

Lingua

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2008)

Sede Lecce - Università degli Studi

LABORATORIO DI PRE-PROTOSTORIA (L-ANT/01)
PREISTORIA E PROTOSTORIA

Corso di laurea BENI ARCHEOLOGICI

Settore Scientifico Disciplinare L-ANT/01

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 72.0 Ore Studio individuale: 153.0

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno accademico di erogazione 2013/2014

Anno di corso 1

Semestre Secondo Semestre (dal 03/03/2014 al 06/06/2014)

Lingua

Percorso PERCORSO GENERICO/COMUNE (PDS0-2008)

Sede Lecce - Università degli Studi

PREISTORIA E PROTOSTORIA (L-ANT/01)

Pubblicazioni

 

Monografie

1) C. Belardelli, C. Giardino, A. Malizia, L'Europa a Sud e a Nord delle Alpi alle soglie della svolta protourbana, Edizioni Unigrafica-Ostalpenkomitee, Treviso 1990.

2) C. Giardino, Il Mediterraneo occidentale fra il XVI e l'VIII sec. a. C. Cerchie minerarie e metallurgiche - West Mediterranean between 14th and 8th century B.C. Mining and metallurgical spheres, BAR Int. Series 612, Tempus Reparatum, Oxford 1995.

3) C. Giardino, I metalli nel mondo antico. Introduzione all'archeometallurgia, Laterza, Roma-Bari 1998 (nuova ed. aggiornata e ampliata 2010).

4) C. Giardino, Magan – The Land of Copper. Prehistoric Metallurgy of Oman, Ministry of Heritage and Culture – Sultanate of Oman, Muscat 2017 (ISBN 978-99969-0-033-4).

 

Curatore

1)C. Giardino (a cura di), Culture marinare nel Mediterraneo centrale e occidentale fra il XVII e il XV secolo a.C., Bagatto Libri, Roma 2001.

2) C. Giardino e F. Lo Schiavo (a cura di), I ripostigli sardi algheresi della tarda età nuragica. Nuove ricerche archeometallurgiche, Bagatto Libri, Roma 2007.

3) C. Giardino (a cura di), Archeometallurgia: dalla conoscenza alla fruizione, Edipuglia, Bari, 2011.

4) C. Giardino, M. Vidale, G.L. Bonora (a cura di), Goa Made. An archaeological discovery, «L’Erma» di Bretschneider, Roma, 2012.

 

 

Articoli scientifici

1982

1) C. Giardino, Broglio di Trebisacce - I materiali dell'età del bronzo media e recente, in Ricerche sulla protostoria della Sibaritide, 2, Cahiers du Centre Jean Berard VIII, Centre Jean Berard, Naples 1982, pp. 25-62.

2) C. Giardino, Ipotesi di sfruttamento delle risorse minerarie nel Lazio durante l'età del bronzo media e recente, in Lazio minerale, 13-15, 1982, pp. 30-34 .

3) C. Giardino, Credenze e riti nelle più antiche fasi della cultura laziale (X-IX secolo a.C.) , in Lazio ieri e oggi, 5, 1982, pp. 110-113 .

4) C. Giardino, A sud del Tevere dieci secoli prima di Cristo - Civiltà laziali nell'ultima parte dell'età del bronzo e della prima età del ferro, in Lazio Regione, 5-6, 1982, pp. 29-30.

1983

5) C. Giardino, Gli inizi della metallurgia in Europa, in Lazio minerale, 16-20, 1982-1983, pp. 40-46.

1984

6) B. Capoferri, C. Giardino, Broglio di Trebisacce - I materiali dell'età del bronzo media e recente, in Nuove ricerche sulla protostoria della Sibaritide, Paleani Editrice, Roma 1984, pp. 46-123.

7) B. Capoferri, C. Giardino, Broglio di Trebisacce - I materiali dell'età del bronzo media e recente, in Ricerche sulla Protostoria della Sibaritide 3, Paleani Editrice, Roma 1984, pp. 29-100.

8) C. Giardino, Insediamenti e sfruttamento minerario del territorio durante la media e tarda età del bronzo nel Lazio: ipotesi e considerazioni, in Nuovo Bullettino Archeologico Sardo, I, 1984, pp. 123-141.

1985

9) C. Giardino, Il ripostiglio di Nemi, in Documenta Albana, 7, 1985, pp. 7-15.

1986

10) C. Belardelli, C. Giardino, A. Malizia, Necropoli ed analisi socio-rituali: l'area circumalpina centro-orientale nella tarda età dei Campi di Urne, in Dialoghi di Archeologia, 2, 1986, pp. 295-301 .

11) R. Dottarelli, C. Giardino, M.P. Moscetta, F. Parenti, R. Sebastiani, G. Veloci, S. Vitagliano, Prospections dans l'environnement urbain: le cas romain, in Nouvelles de l'Archeologie, 24, 1986, pp. 53-61.

1987

12) C. Giardino, Sicilia e Sardegna fra la tarda età del bronzo e la prima età del ferro. Aspetti di contatti nel Mediterraneo centro-occidentale nell'ambito della metallurgia, in Atti del 2° Convegno di Studi "Un millennio di relazioni fra la Sardegna e i Paesi del Mediterraneo" (Selargius-Cagliari 1986), Stef, Cagliari 1987, pp. 419-429.

13) C. Giardino, Sfruttamento minerario e metallurgia nella Sardegna protostorica, in Studies in Sardinian Archaeology III. Nuragic Sardinia and the Mycenaean World, B.A.R. Int. Series 387, Tempus Reparatum, Oxford 1987, pp. 189-222.

14) C. Giardino, Intervento alla relazione Gualandi, in Informatica e Archeologia Classica (a cura di F. D'Andria), Congedo Editore, Galatina 1987, pp. 335-336.

15) C. Giardino, Il ripostiglio di Polizzello, in Sicilia Archeologica, 65, 1987, pp. 39-55.

1988

16) M. Angle, S. Beuschini, C. Caneva, O. Colazingari, R. Dottarelli, M.T. Fulgenzi, A. Gianni, C. Giardino, G. Gobbi, A. Guidi, Il computer nello strato: integrazione di tecniche informatiche alla ricerca archeologica, in Archeologia e Informatica, Casa Editrice Quasar, Roma 1988, pp. 83-124.

17) C. Giardino, Intervento alla relazione Sperl, in Etruria meridionale. Conoscenza, conservazione, fruizione, Casa Editrice Quasar, Roma 1988, pp. 335-336.

1989

18) C. Giardino, Le miniere della Tolfa fra archeologia e ambiente, in Economia e Ambiente VIII, 4, 1989, pp. 91-98.

19) P. Piana Agostinetti, M. Buonfiglio, M.L. D’Annibale, T. Fratini, V. Leonelli, O. Missikoff, S. Sbarra, O. Colazingari, A. Guidi, A.M. D’Amadio, C. Giardino, E. Silvestrini, G. Mieli, Il concetto di tipo: un'esperienza nel campo della ceramica, in Origini XIV, 1988-1989, pp. 653- 695.

1991

20) C. Belardelli, C. Giardino, A. Malizia, Power and the individual in funerary ideology: the emergence of the aristocracy in the Villanovan period in the Bologna Region, in Papers of the Fourth Conference of Italian Archaeology (London 1990), The Archaeology of Power, 2, Accordia Research Centre, London 1991, pp. 9-19.

1992

21) C. Caneva, C. Giardino, The beginnings and early development of Italian metallurgy: new avenues for archaeometallurgical research, in Papers of the Fourth Conference of Italian Archaeology (London 1990), New Development in Italian Archaeology, Accordia Research Centre, London 1992, pp. 35-47.

22) C. Caneva, C. Giardino, Indagini metallografiche, in Angle M., Caneva C., Conti A.M., Dottarelli R., Gianni A., Giardino C., Persiani C., Casale Nuovo (LT) e la tarda età del Bronzo nel Lazio meridionale, in La Sardegna nel Mediterraneo tra il Bronzo medio e il Bronzo recente (XVI-XIII Sec. a.C.). Atti del 3° Convegno di Studi "Un millennio di relazioni fra la Sardegna e i Paesi del Mediterraneo" (Selargius-Cagliari 1987), Edizioni Della Torre, Cagliari 1992, pp. 265-303.

23) C. Caneva, C. Giardino, La radiografia come metodo di soluzione di problematiche archeometallurgiche. Il caso della transizione bronzo-ferro, in 3a Conferenza Internazionale sulle Prove non Distruttive, Metodi microanalitici e indagini ambientali per lo studio e la conservazione delle opere d'arte (Viterbo 1992), BetaGamma Editrice, Viterbo 1992, pp. 231-243.

24) C. Caneva, C. Giardino, La fibula della Tomba 40 di Osteria dell'Osa: aspetti archeometallurgici, in La necropoli laziale di Osteria dell'Osa (a cura di A. M. Bietti Sestieri), Quasar, Roma 1992, pp. 484-486.

25) C. Giardino, Nuragic Sardinia and the Mediterranean: Metallurgy and Maritime Traffic, in Sardinia in the Mediterranean: A Footprint in the Sea, Studies in Sardinian Archaeology Presented to M.S. Balmuth (ed. R.H. Tykot & T.K. Andrews), Sheffield Academic Press, Sheffield 1992, pp. 304-316.

26) C. Caneva, C. Giardino, Archaeometallurgy of Sicilian Artifacts of the Late Bronze Age: the Polizzello Hoard, in Archeometallurgia Ricerche e prospettive. Atti del Colloquio Internazionale di Archeometallurgia (Bologna, Dozza Imolese 1989), (a cura di E. Antonacci Sanpaolo), Editrice Clueb, Bologna 1992, pp. 291-305.

1993

27) C. Belardelli, C. Giardino, A. Malizia, Ritual and Society during the Late Urnfield Period: the East-Alpine Region, in Actes du XIIe Congrès International des Sciences Préhistoriques et Protohistoriques (Bratislava 1991), 3, Institut archéologique de l'Académie Slovaque des Sciences, Nitra 1993, pp. 139-144.

1994

28) C. Giardino, Broglio di Trebisacce - I materiali dell'età del Bronzo recente, in Enotri e Micenei nella Sibaritide (a cura di R. Peroni e F. Trucco), Istituto per la Storia e l'Archeologia della Magna Grecia, Taranto 1994, pp. 185-264.

29) C. Giardino, Bronzi protostorici dalla Sibaritide conservati presso il British Museum, in Enotri e Micenei nella Sibaritide (a cura di R. Peroni e F. Trucco), Istituto per la Storia e l'Archeologia della Magna Grecia, Taranto 1994, pp. 779-782.

30) C. Giardino, Studio, salvaguardia e musealizzazione delle antiche aree minerarie. L'esperienza europea, in Geo-archeologia 1991, 1, 1994, pp. 129-141.

31) C. Giardino, Strategie insediamentali e sviluppi economici nell'area campana del Bronzo medio in relazione ai traffici transmarini, in Vivara II. Le tracce dei contatti con il mondo egeo (scavi 1976-1982), Il Bagatto, Roma 1994, pp. 66-98.

32) G. Di Stefano, C. Giardino, Scicli (Ragusa) - Il ripostiglio di bronzi in contrada Castelluccio sull’Irminio, in Notizie degli Scavi di Antichità dell'Accademia dei Lincei 1990-1991, 1994, pp. 489-546.

1995

33) C. Giardino, G.E. Gigante, Ricerche archeometriche sui materiali metallici del "Gran Carro" (Bolsena - VT): alcuni risultati preliminari mediante ED-XRF, in P. Tamburini, Un abitato villanoviano perilacustre. Il "Gran Carro" sul Lago di Bolsena (1959-1985), G. Bretschneider Editore, Roma 1995, pp. 316-232.

1996

34) C. Giardino, Miniere e tecniche metallurgiche nella Sicilia protostorica: nuove linee di ricerca, in Early societies in Sicily. New developments in archaeological research (ed.: R. Leighton), Accordia Research Centre, London 1996, pp. 129-138.

35) C. Caneva, R Cesareo, C. Giardino, G.E. Gigante, M. Marabelli, Méthodologies de recherches pour la paléométallurgie: les metaux du site Villanovien du Gran Carro (Bolsena), in Actes du Colloque de Périgueux 1995, Supplément à la Revue d'Archéométrie, 1996, pp. 153-156.

36) I. Caruso, R. Cesareo, C. Giardino, G.E. Gigante, Nouvelles recherches sur les "ors etrusques" de la Collection Castellani, in Actes du Colloque de Périgueux 1995, Supplément à la Revue d'Archéométrie, 1996, pp. 157-162.

37) C. Caneva, C. Giardino, Extractive techniques and alloying in prehistoric central Anatolia: experimental methods in Archeometallurgy, in Archaeometry 94. Proceedings of the 29th International Symposium on Archaeometry (Ankara 1994) (eds.: S. Demirci, A.M. Özer, G.D. Summers), Tubitak, Ankara 1996, pp. 451-459.

38) C. Giardino, G.E. Gigante, G. Guida, R. Mazzeo, EDXRF and metallography for in situ simultaneous analysis of archaeological metal artefacts, in Art '96. Proceedings of the 5th International Conference on non destructive testing, microanalytical methods and environmental evaluation for study and conservation of works of art (Budapest 1996), MKE-AIPnD-ICR, Budapest 1996, pp. 327-337.

39) C. Giardino, Dal manufatto al minerale. Possibilità e limiti delle analisi archeometallurgiche: bronzo, argento e piombo, in La miniera, l'uomo e l'ambiente. Fonti e metodi a confronto per la storia delle attività minerarie e metallurgiche in Italia. Convegno di Studi (Cassino 1994) (a cura di F. Piola Caselli e P. Piana Agostinetti), All'insegna del Giglio, Firenze 1996, pp. 53-76.

40) I. Bonincontro, C. Giardino, G.E. Gigante, I risultati delle indagini scientifiche in campo archeologico: il problema dell'archiviazione, in Paola Moscati(a cura di)III Convegno Internazionale di Archeologia e Informatica (Roma 1995), Archeologia e Calcolatori 7, All'insegna del Giglio, Firenze 1996, pp. 409-416.

1997

41) C. Giardino, La metallotecnica nella Sicilia pre-protostorica, in Prima Sicilia: alle origini della società siciliana (a cura di S. Tusa), Ediprint, Palermo 1997, pp. 404-414 [ripubblicato in Preistoria. Dalle coste della Sicilia alle Isole Flegree (a cura di M. Marazzi, S. Tusa), Arnaldo Lombardi Editore, Napoli 2001, pp. 404-414].

1998

42) C. Giardino, G.E. Gigante, G. Guida, R. Mazzeo, Analysis of archaeological metal artefacts with metallography and EDXRF (in cinese), in Sciences of conservation and archaeology, 10 (1), Shanghai 1998, pp. 58-64.

43) C. Caneva, C. Giardino, G.E. Gigante, Indagini archeometallurgiche sui materiali dell'insediamento villanoviano del "Gran Carro", in Protovillanoviani e/o protoetruschi. Ricerche e scavi, Atti del III incontro di studi 'Preistoria e protostoria in Etruria' (Manciano-Farnese 1995) (a cura di N. Negroni Catacchio), Octavo, Firenze 1998, pp. 467-473.

44) A. M. Bietti Sestieri, C. Caneva, C. Giardino, G. E. Gigante, R. Mazzeo, C. Morigi Govi, A. Palmieri, S. Ridolfi, Production and Functions of Early Iron Age Metal Artifacts from the Bologna Area. Archaeometallurgical Research on the Bronze Hoard from San Francesco (Bologna), in Proceedings of the XIII International Congress of Prehistoric and Protohistoric Sciences (Forlì 1996), vol. IV, A.B.A.C.O. Edizioni, Forlì 1998, pp. 801-808.

45) C. Giardino, Tyrrhenian Italy and Sicily in the protohistoric metal trade across the Mediterranean: an archaeometallurgical outline, in L'atelier du bronzier en Europe du XXe au VIIIe siècle avant notre ère. Actes du colloque international Bronze '96 (Neuchâtel et Dijon 1996), II (a cura di C. Mordant, M. Pernot, R. Rychner), CTHS, Paris 1998, pp. 157-167.

46) C. Giardino, L'Isola di Capri dal neolitico alla prima età del ferro, in Capri Antica. Dalla preistoria alla fine dell'età romana (a cura di E. Federico ed E. Miranda), La Conchiglia, Capri 1998, pp. 67-105.

47) C. Giardino, Resti castellucciani di lavorazione dello zolfo a Monte Grande: indagini archeometriche, in G. Castellana, Il santuario castelluciano di Monte Grande e l'approvvigionamento dello zolfo nel Mediterraneo nell'Età del Bronzo, Regione Sicilia, Palermo 1998, pp. 407-430.

48) A. Aiello, C. Caneva, C. Giardino, A. Pampallona, La termografia all'infrarosso per la conservazione ed il restauro delle pitture murali, in Proceedings of 1st International Congress on "Science and Technology for the safeguard of Cultural Heritage in the Mediterranean basin" (Catania, Siracusa 1995), I, Palermo 1998, pp. 667-669.

49) A. M. Bietti Sestieri, C. Giardino, G. E. Gigante, L'alligazione del rame nella tarda preistoria, ovvero: l'antico metallurgista disponeva di ricettari?, in Paléométallurgie des cuivres. Actes du colloque de Bourg-en-Bresse et Beaune 1997 (a cura di M.-C. Frère-Sautot), Éditions Monique Mergoil, Montagnac 1998, pp. 165-172.

50) C. Giardino, G.E. Gigante, Silver vessels from Boscoreale in the collections of the Capitoline Museums: archaeometallurgical notes, in Les métaux antiques: travail et conservation (Actes du colloque de Poitiers, 1995) (a cura di G. Nicolini e N. Dieudonné-Glad), Éditions Monique Mergoil, Montagnac 1998, pp. 47-52.

51) C. Giardino, G.F. Guidi, P. Moioli, P. Negri, Correlazione mediante spettrometria XRF di reperti in ossidiana provenienti da Capri con ossidiane del bacino del Mediterraneo, in Le Scienze della Terra e l'Archeometria. Atti della IV Giornata delle Scienze della Terra e dell'Archeometria (Napoli 1997) (a cura di C. D'Amico e C. Albore Livadie), CUEN, Napoli 1998, pp. 295-299.

52) C. Caneva, C. Giardino, G.E. Gigante, Metodologie di indagine non distruttiva e non invasiva su vasellame d'argento romano, in Le Scienze della Terra e l'Archeometria. Atti della IV Giornata delle Scienze della Terra e dell'Archeometria (Napoli 1997) (a cura di C. D'Amico e C. Albore Livadie), CUEN, Napoli 1998, pp. 53-58.

53) C. Giardino, Ricerche archeometallurgiche nell'isola di Vivara, in Le Scienze della Terra e l'Archeometria. Atti della IV Giornata delle Scienze della Terra e dell'Archeometria (Napoli 1997) (a cura di C. D'Amico e C. Albore Livadie), CUEN, Napoli 1998, pp. 39-43.

54) C. Giardino, Nuovi dati sulla metallurgia della facies del Gaudo: i pugnali da Pontecagnano e da Paestum, in G. Bailo Modesti, A. Salerno, Pontecagnano II.5 La necropoli eneolitica. L'età del rame in Campania nei villaggi dei morti, AION ArchStAnt Quad. 11, Napoli 1998, pp. 210-215.

55) C. Giardino, L'arcipelago flegreo, punto nodale per lo sviluppo di un commercio mirato all'acquisizione delle materie prime, in Vivara. Un'isola al centro della storia (a cura di M. Marazzi e C. Moccheggiani Carpano), Altrastampa Edizioni, Napoli 1998, pp. 48-52.

56) C. Pepe, C. Giardino, Gli incontri, gli scambi e l'assetto della comunità protostorica vivarese, in Vivara. Un'isola al centro della storia (a cura di M. Marazzi e C. Moccheggiani Carpano), Altrastampa Edizioni, Napoli 1998, pp. 64-73.

1999

57) C. Caneva, C. Giardino, F. Paglietti, P. Plescia, Individuazione mediante PnD degli elementi costituzionali di vetri protostorici e romani dell'area campana a fini archeologici e di conservazione, in Il vetro in Italia meridionale e insulare. Atti del Primo Convegno Multidisciplinare (Napoli 1998) (a cura di C. Piccioli e F. Sogliani), A. De Frede, Napoli 1999, pp. 441-445.

58) C. Giardino, C. Pepe, I più antichi vetri della Campania. I rinvenimenti da Vivara (NA) ed il loro contesto archeologico, in Il vetro in Italia meridionale e insulare. Atti del Primo Convegno Multidisciplinare (Napoli 1998) (a cura di C. Piccioli e F. Sogliani), A. De Frede, Napoli 1999, pp. 171-178.

59) D. Artioli, C. Giardino, G. Guida, Analisi archeometriche su rosticci di zolfo preistorici, in Art '99. 6th International Conference on "Non-Destructive Testing and Microanalysis for the Diagnostics and Conservation of the Cultural and Environmental Heritage (Roma 1999), 3, Roma 1999, pp. 1685-1697.

60a) C. Giardino, La metallurgia in area medio adriatica, in Piceni. Popolo d'Europa, De Luca, Roma 1999, pp. 110-111, 132.

60b) C. Giardino, Die Metallverarbeitung, in Die Picener. Ein Volk Europas, De Luca, Roma 1999, pp. 110-111, 132.

2000

61) C. Giardino, Risorse metallifere nell'area di Arcisate, in Sibrium XXIII, 1994-2000, pp. 129-131.

62) C. Giardino, The beginning of metallurgy in Tyrrhenian south-central Italy: The Eneolithic facies of Gaudo, in Ancient Italy in its Mediterranean setting. Studies in honour of Ellen Macnamara (eds. D. Ridgway, F. R. Serra Ridgway, M. Pearce, E. Herring, R. D. Whitehouse & J. B. Wilkins), Accordia Research Institute - University of London, London 2000, pp. 49-65.

63) D. Artioli, C. Giardino, G.E. Gigante, M.R. Giuliani, G. Guida, Caratterizzazione dei manufatti metallici della necropoli eneolitica del Gaudo (SA), in Atti del I Congresso Nazionale di Archeometria (Verona 1999), Pàtron Editore, Bologna 2000, pp. 185-193.

64) C. Giardino, Sicilian hoards and protohistoric metal trade in the Central West Mediterranean, in Metals Make The World Go Round. The Supply and Circulation of Metals in Bronze Age Europe. Proceedings of a Conference held at the University of Birmingham in June 1997 (a cura di C.F.E. Pare), Oxbow, Oxford 2000, pp. 99-107.

65) C. Giardino, Prehistoric copper activity at Pyrgos, in Report of the Department of Antiquities of Cyprus 2000, pp. 19-32.

2001

66) C. Giardino, Mediterraneo occidentale, medio Tirreno, Egeo: attività metallurgiche e traffici nella prima metà del II millennio, in Culture marinare nel Mediterraneo centrale e occidentale fra il XVII e il XV secolo a.C. (a cura di C. Giardino), Bagatto Libri, Roma 2001, pp. 339-366.

67) C. Giardino, Archeometallurgia a Vivara, in La ricerca archeologica a Vivara e le attività dei laboratori dell’Istituto Universitario Suor Orsola Benincasa (a cura di C. Pepe), Imago, Napoli 2001, pp. 59-63.

68) C. Giardino, VII. 2. Metalli e attestazioni metallurgiche, in Preistoria. Dalle coste della Sicilia alle Isole Flegree. Catalogo della mostra (a cura di M. Marazzi, S. Tusa), Arnaldo Lombardi Editore, Napoli 2001, pp. 300-303.

69) C. Giardino, F. Lugli, L’attività siderurgica nel Giardino Romano, in Bullettino della Commissione Archeologica Comunale di Roma CII, 2001, pp. 327-328.

2002

70) C. Giardino, Le cave e le tecniche di estrazione dei materiali lapidei: il vecchio mondo, in Il Mondo dell’Archeologia – Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani, Istituto dell’Enciclopedia Italiana,Roma 2002, pp. 821-827.

71) C. Giardino, Il vetro, in Il Mondo dell’Archeologia – Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, Roma 2002, pp. 844-849.

72) C. Giardino, I metalli e le leghe: archeometria e metallotecnica, in Il Mondo dell’Archeologia – Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, Roma 2002, pp. 850-864.

73) C. Giardino, G.E. Gigante, S. Ridolfi, Archaeometallurgical investigations on the Early-Middle Bronze Age finds from the area of Pyrgos (Limassol), in Report of the Department of Antiquities of Cyprus 2002, pp. 33-48.

74) C. Giardino, Prove ed analisi non distruttive e non invasive. Tecniche di studio e di diagnostica per i Beni Culturali, in Raccolta di scritti in memoria di Antonio Villani, Istituto Suor Orsola Benincasa, Napoli 2002, pp. 1269-1291.

75) C. Giardino, G. Guida, A. Migliarelli, M. Vidale, La documentazione archeologica dell’antica lavorazione del ferro, in Atti del Secondo Congresso Nazionale di Archeometria (Bologna 2002) (a cura di C. D’Amico), Pàtron, Bologna 2002, pp. 639-656.

76) A.M. Bietti Sestieri, C. Giardino, G.E. Gigante, G. Guida, S. Ridolfi, Primi risultati delle indagini non invasive mediante EDXRF sul ripostiglio di S. Francesco di Bologna, in Atti del Secondo Congresso Nazionale di Archeometria (Bologna 2002) (a cura di C. D’Amico), Pàtron, Bologna 2002, pp. 669-682.

 

2003

77) C. Giardino, F. Lugli, La fabrication des récipients métalliques à Patan (Népal): contribution à la connaisance de la technique du monda antique, in Cu+. Bulletin du Groupe de Travail International sur la paléométallurgie des cuivres et des minerais associés, 3, Sept. 2003, pp. 17-20.

78) A. M. Bietti Sestieri, C. Giardino, Alcuni dati sull’industria metallurgica in Abruzzo, in Atti della XXXVI Riunione Scientifica I.I.P.P. “Preistoria e Protostoria dell’Abruzzo” (Chieti, Celano 2001), Istituto italiano di preistoria e protostoria, Firenze 2003, pp. 411-430.

79) C. Giardino, Gli specchi antichi: segreti tecnologici per fabbricare un riflesso, in Attraverso lo specchio. Storia inganni e verità di uno strumento di conoscenza (a cura di A. Campanelli, M. P. Pennetta), Carsa Edizioni, Pescara 2003, pp. 40-45.

80) C. Giardino, G.E. Gigante, S. Ridolfi, Archeometallurgical studies, in S. Swiny, G. Rapp, E. Herscher (a cura di), Sotira Kaminoudhia. An Early Bronze Age Site in Cyprus, ASOR, Boston, MA 2003, pp. 385-396.

81) C. Caneva, C. Giardino, G. Guida, Interpretative limit evaluation in compositional studies of protohistoric bronzes, in Proceedings of the International Conference Archaeometallurgy in Europe (Milan, Sept. 2003), 2, AIM, Milano 2003, pp. 303-310.

2004

82) C. Giardino, La Sicilia. I ripostigli, in L'età del Bronzo Recente in Italia. Atti del Congresso Nazionale (Lido di Camaiore 2000) (a cura di D. Cocchi Genick), Baroni editore, Viareggio – Lucca 2004, pp. 347-356.

83) C. Giardino, Prehistoric metallurgical activity at Pyrgos-Mavroraki, in Belgiorno M.R., Pyrgos-Mavroraki “Advanced technology in Bronze Age Cyprus”, Theopress, Nicosia 2004, pp. 52-57.

2005

84) C. Giardino, C. Pepe, The Island of Vivara: An international Port of Trade of the Middle of the Second Millennium B.C. in a Volcanic Landscape, in M.S. Balmuth, D. K. Chester, P. A. Johnstone (a cura di), Cultural Response to the Volcanic Landscape. The Mediterranean and Beyond, Archaeological institute of America Colloquia and Conference Papers 8, Archaeological Institute of America, Boston, Massachusetts 2005, pp. 149-169.

85) C. Giardino, The island of Capri in the Gulf of Naples between the 5th and the 2nd millennium BC, in P. Attema, A. Nijboer, A. Zifferero (a cura di), Papers in Italian Archaeology VI, Communities and Settlements from the Neolithic to the Early Medieval Period. Proceedings of the 6th Conference of Italian Archaeology (Groningen 2003), BAR Int. Series 1452 (I), Archaeopress, Oxford 2005, pp. 625-632.

86) C. Giardino,Metallurgy in Italy between the Late Bronze Age and the Early Iron Age: the Coming of Iron, in P. Attema, A. Nijboer, A. Zifferero (a cura di), Papers in Italian Archaeology VI, Communities and Settlements from the Neolithic to the Early Medieval Period. Proceedings of the 6th Conference of Italian Archaeology (Groningen 2003), BAR Int. Series 1452 (II), Archaeopress, Oxford 2005, pp. 491-505.

87) C. Giardino, G. F. Guidi, G. Trojsi, L’insediamento etrusco di San Giovenale (Blera, Viterbo). Caratterizzazione chimico-fisica dei residui delle attività produttive, in Opuscula Romana 30, 2005, pp. 73-84.

88) D. Artioli, C. Giardino, G. Guida, A. Lazzari, M. Vidale, On the exploitation of copper ores at Shahr-i Sokhta (Sistan, Iran) in the 3rd millennium BC, in U., Franke-Vogt & H.-J. Weisshaar (a cura di), South Asian Archaeology 2003. Proceedings of the Seventeenth International Conference of South Asian Archaeologists (Bonn 2003), Linden Soft Verlag, Aachen 2005, pp. 179-184.

2006

89) C. Giardino, G. F. Guidi, P. Moioli, G. Trojsi, Scambi commerciali dell’ossidiana nel Tirreno centro-meridionale: archeologia ed archeometria da Capri, in Atti della XXXIX Riunione Scientifica IIPP, “Materie prime e scambi nella Preistoria italiana” (Firenze 2004), Istituto italiano di preistoria e protostoria, Firenze 2006, pp. 521-529.

90) C. Giardino, G. Guida, Le fibule della prima età del ferro da Osteria dell’Osa. Indagini archeometallurgiche, in Atti della XXXIX Riunione Scientifica IIPP, “Materie prime e scambi nella Preistoria italiana” (Firenze 2004), Istituto italiano di preistoria e protostoria, Firenze 2006, pp. 1379-1390.

91) C. Giardino, Miniere e metallurgia sui Monti della Tolfa. Un’attività plurimillenaria, in De Re Metallica. Dalla produzione antica alla copia moderna (a cura di M. Cavallini, G. E. Gigante), “L’Erma” di Bretschneider, Roma 2006, pp. 29-41.

92) C. Giardino, La metallurgia a Parre in età protostorica, in R. Poggiani Keller (a cura di), L’oppidum degli Orobi a Parre (BG), Edizioni ET, Milano 2006, pp. 37-40.

93) C. Giardino, G. Guida, Nuovi dati sulla metallotecnica in Campania nell’Antica età del Bronzo. Indagini non invasive sulle asce da Paestum (Salerno), in Innovazioni tecnologiche per i Beni Culturali in Italia. Atti del Convegno dell’Associazione Nazionale di Archeometria (Caserta 2005) (a cura di C. d’Amico), Patron Editore, Bologna 2006, pp. 475-484.

94) C. Giardino, Le prime attestazioni di estrazione del rame dai suoi minerali nell’area prealpina: le evidenze di Lovere (Bergamo), in Il Bicchiere Campaniforme: dal simbolo alla vita quotidiana. Aspetti insediativi nella Lombardia centro-orientale di un fenomeno culturale europeo del III millennio a.C. Annali del Museo 20, 2003-2006 (a cura di M. Baioni e R. Poggiani Keller), Civico Museo Archeologico della Valle Sabbia, Gavardo 2006, pp. 51-59.

95) C. Giardino, A. Caporella, G. Troisi, L’ossidiana di Capri tra archeologia e archeometria, in Conoscere Capri. Studi e materiali per la storia di Capri 4, 2006, pp. 29-41.

96) E. Buresta, C. Gaggi, C. Giardino, A. Moroni Lanfredini, V. Nicolardi, G. Protano, Indagini archeometallurgiche su reperti preistorici dalla Val di Chiana: lo sfruttamento dei giacimenti toscani nelle prime fasi delle età dei metalli, in Rivista di Scienze Preistoriche LVI, 2006, pp. 272-292.

97) C. Giardino, L. Pontieri, Gli Etruschi sapevano fondere in sabbia? Esperimenti per la realizzazione di uno specchio, in Padusa XLII, 2006, pp. 191-198.

98) C. Giardino, L’estrazione del ferro a Populonia. Nuove evidenze, in ΑΓΩΓΗ. Atti della Scuola di Specializzazione in Archeologia dell’Università di Pisa III, Edizioni Plus - Pisa University Press, Pisa 2006, pp. 269-284.

99) C. Giardino, Il villaggio dell’età del Bronzo di Casale Nuovo: lavorazione di rame e piombo in un sito con ceramica di tipo egeo, in Atti del Convegno Astura, Satricum, Pometia, un itinerario alle origini della città di Latina (Latina 2004), Comune di Latina, Latina 2006, pp. 26-49.

100) C. Giardino, Il ripostiglio di Monte Rovello: una nota archeometallurgica, in Studi in onore di Renato Peroni, All'Insegna del Giglio, Firenze 2006, pp. 62-65.

2007

101) C. Giardino,G. Guida, S. Ridolfi, The prehistoric metals from Oman: new data, Proceedings of the 2nd International Conference “Archaeometallurgy in Europe 2007”, file 78 (pubblicazione informatica PDF, ISBN 88-85298-61-3), AIM, Milano 2007, pp. 1-8.

102) C. Giardino, S. Rovira, Pyrgos-Mavroraki (Cyprus): copper smelting slag of the beginning of second Millennium B.C., Proceedings of the 2nd International Conference “Archaeometallurgy in Europe 2007”, file 153 (pubblicazione informatica PDF, ISBN 88-85298-61-3), AIM, Milano 2007, pp. 1-8.

103) C. Giardino, La metallurgia della Sardegna nord-occidentale e il suo contesto mediterraneo, in I ripostigli sardi algheresi della tarda età nuragica. Nuove ricerche archeometallurgiche (a cura di C. Giardino e F. Lo Schiavo), Bagatto Libri, Roma 2007, pp. 9-20.

104) C. Giardino, I giacimenti della Nurra, in I ripostigli sardi algheresi della tarda età nuragica. Nuove ricerche archeometallurgiche (a cura di C. Giardino e F. Lo Schiavo), Bagatto Libri, Roma 2007, pp. 33-38.

105) C. Giardino, La composizione dei ripostigli dell'Algherese e la metodologia d'indagine, in I ripostigli sardi algheresi della tarda età nuragica. Nuove ricerche archeometallurgiche (a cura di C. Giardino e F. Lo Schiavo), Bagatto Libri, Roma 2007, pp. 39-43.

106) A. Castellano, R. Cesareo, C. Giardino, G. E. Gigante, G. Guida, M. Marabelli, Indagini di fluorescenza X sulla composizione della lega nei manufatti dei ripostigli di Sant'Imbenia e di Flumenelongu, in I ripostigli sardi algheresi della tarda età nuragica. Nuove ricerche archeometallurgiche (a cura di C. Giardino e F. Lo Schiavo), Bagatto Libri, Roma 2007, pp. 45-74.

107) C. Giardino, A. Palmieri, Indagini composizionali mediante spettrometria al plasma sui reperti dei ripostigli di Sant'Imbenia e di Flumenelongu, in I ripostigli sardi algheresi della tarda età nuragica. Nuove ricerche archeometallurgiche (a cura di C. Giardino e F. Lo Schiavo), Bagatto Libri, Roma 2007, pp. 75-80.

108) C. Caneva, C. Giardino, Informazioni ottenute mediante indagini al SEM, in I ripostigli sardi algheresi della tarda età nuragica. Nuove ricerche archeometallurgiche (a cura di C. Giardino e F. Lo Schiavo), Bagatto Libri, Roma 2007, pp. 81-87.

109) C. Giardino, G. Guida, Indagini metallografiche sui reperti in lega di rame dei ripostigli di Sant'Imbenia e di Flumenelongu, in I ripostigli sardi algheresi della tarda età nuragica. Nuove ricerche archeometallurgiche (a cura di C. Giardino e F. Lo Schiavo), Bagatto Libri, Roma 2007, pp. 89-98.

110) C. Giardino, L. Pinarelli, Indagini sulla composizione isotopica del Pb nei lingotti dei ripostigli di S. Imbenia, in I ripostigli sardi algheresi della tarda età nuragica. Nuove ricerche archeometallurgiche (a cura di C. Giardino e F. Lo Schiavo), Bagatto Libri, Roma 2007, pp. 99-109.

111) C. Giardino, Un bilancio archeometallurgico, in I ripostigli sardi algheresi della tarda età nuragica. Nuove ricerche archeometallurgiche (a cura di C. Giardino e F. Lo Schiavo), Bagatto Libri, Roma 2007, pp. 111-117.

112) C. Giardino, La metallurgia pre-protostorica nell’area bergamasca, in Storia economica e sociale di Bergamo, I – I primi millenni. Dalla preistoria al medioevo (a cura di M. Fortunati, R. Poggiani Keller), Fondazione per storia economica e sociale di Bergamo, Bergamo 2007, pp. 263-273.

113) C. Giardino, V. Spera, M. Trifuoggi, S. Tusa, Nuovi dati archeometrici sul Bronzo Antico siciliano: le evidenze di Mursia – Pantelleria, in Atti del IV Congresso Nazionale AIAR (Pisa 2006) (a cura di C. D’Amico), Pàtron Editore, Bologna 2007, pp. 525-536.

114) N. Gale, C. Giardino, C. Parisi Presicce, La provenienza del metallo adoperato nella fabbricazione della Lupa Capitolina, in Studi Etruschi LXXI, 2007, pp. 129-141.

115) Giardino C., Merkouri C., Siti insulari dell’età del Bronzo nel Golfo di Napoli: le dinamiche del popolamento, in Atti XL Riunione Scientifica IIPP. Strategie di insediamento fra Lazio e Campania in età preistorica e protostorica (Roma, Napoli, Pompei 2005) II, Istituto italiano di preistoria e protostoria, Firenze 2007, pp. 733-756.

2008

116) S. Needham, C. Giardino, From Sicily to Salcombe: a Mediterranean Bronze Age object from British coastal waters, in Antiquity 82, 2008, pp. 60-72.

117) C. Giardino, Conference Review “Archaeometallurgy in Europe 2007”, in HMS News. Historical Metallurgy Society, 67, 2007/8, pp. 12-14.

118) M. Marazzi, C. Giardino, C. Pepe, Vivara, Settlement of Punta d’Alaca, Naples, Italy. Late Helladic I-II, 16th-15th centuries B.C., in Archaeology Meets Science. Biomolecolar Investigations in Bronze Age Greece. The Primary Scientific Evidence (1997-2003) (a cura di Y. Tzedakis, H. Martlew, M. K. Jones), Oxbow Books, Oxford 2008, pp. 273-280.

119) Giardino C., Strumenti e tecniche tradizionali per la produzione del vasellame metallico: il ramaio di Roccagorga (Latina) e l’archeometallurgia, in Atti del 3° Convegno Nazionale di Etnoarcheologia (Mondaino 2004), Proceedings of the 3rd Italian Congress of Ethnoarchaeology (Mondaino, Italy 2004) (a cura di F. Lugli, A. A. Stoppiello), BAR Int. Series 1841, Archaeopress, Oxford 2008, pp. 27-35.

120) C. Giardino, A. Quercia, Metallurgy in ancient Lecce: new evidence from the excavations of Piazzetta Epulione and Piazzetta Castromediano, in Charcoal from the past. Cultural and Palaeoenvironmental implications. Proceedings of the Third International Meeting of AnthracologyG. Fiorentino, D. Magri), BAR Int. Series 1807, Archaeopress, Oxford 2008, pp. 129-138. (Cavallino-Lecce 2004) (a cura di

121) C.P. Thornton, C. Giardino, Alla ricerca di un paradigma archeometallurgico, in Rivista di Scienze Preistoriche LVIII, 2008, pp. 385–404.

122) C. Giardino, Due nuovi studi sui metalli pre-protostorici italiani: “Bright Blades and Red Metal. Essays on north Italian prehistoric metalworks” di Mark Pearce e “Prehistoric Metal Artefacts from Italy (3500-720 BC) in the British Museum” diAnna Maria Bietti Sestieri ed Ellen Macnamara, in Rivista di Scienze Preistoriche LVIII, 2008, pp. 436-439.

123) C. Giardino, G. Trojsi, Analisi di ceramiche invetriate e di lucerne: risultati preliminari, in Horti at sordes. Uno scavo alle falde del Gianicolo (a cura di F. Filippi), Edizioni Quasar, Roma 2008, pp. 317-323.

124) P. Baraldi, C. Giardino, G. Moscardi, G. Trojsi, Analisi dei vetri: alcuni risultati preliminari, in Horti at sordes. Uno scavo alle falde del Gianicolo (a cura di F. Filippi), Edizioni Quasar, Roma 2008, pp. 357-362.

125) C. Giardino, Paesaggi minerari dell’Etruria pre-protostorica, in Paesaggi reali e paesaggi mentali. Ricerche e scavi, Atti dell’Ottavo Incontro di Studi Preistoria e Protostoria in Etruria (Valentano (Vt) – Pitigliano (Gr) 2006), Centro Studi di Preistoria e Archeologia, Milano 2008, pp. 73-89.

126) C. Giardino, C. Merkouri, C. Pepe, Vivara and the Mycenaeans: a Bronze Age Melting Pot ? An International Port of Trade in the Western Mediterranean at the Beginning of Mycenaean Period, in Trade and Production in premonetary Greece. Crossing Borders. Proceedings of the 7th, 8th, 9th International Workshops Athens 1997-1999 (a cura di C. Gillis, B. Sjöberg), Paul Åström förlag, Sävedalen 2008, pp. 211-228.

127) C. Giardino, C. Merkouri, Greece and Southern Italy: the “precious” connection, in Proceedings Cultural cross fertilization of Southern Italy and Western Greece through history (a cura di S.A. Paipetis, Ch. Giannopoulou), N.E.O. Patron-Athinon, Patras 2008, pp. 108-128.

128) C. Giardino, F. Lugli, Metallurgia, in Il tempio di Giove e le origini del Colle Capitolino, Electa, Milano 2008, pp. 58-59.

129) C. Giardino, G. F. Guidi, Indagini archeometallurgiche sulle tavolette in piombo e su altri reperti metallici dal santuario della Mefite nella valle d’Ansanto, in Il culto della dea Mefite e la valle d’Ansanto. Ricerche su un giacimento archeologico e culturale dei Samnites Hirpini (a cura di A. Mele), Sellino Editore, Avellino 2008, pp. 337-342.

2010

130) C. Giardino, Aspetti archeometallurgici, in G. Bartoloni (a cura di), La Lupa Capitolina. Nuove prospettive di studio. Incontro-dibattito in occasione della pubblicazione del volume di A. M. Carruba, La Lupa Capitolina: un bronzo medievale (Roma 2008), L’Erma di Bretschneider, Roma 2010, pp. 25-36.

131) A. De Santis, A. Celant, S. Cosentino, C. Giardino, G. Mieli, C. Minniti, I.M. Muntoni, Un’area artigianale dell’età del Ferro nel centro di Roma: l’impianto produttivo del Foro di Cesare, in Tra centro e periferia. Nuovi dati sul bucchero nell'Italia centrale tirrenica, Officina di Etruscologia, Roma 2010, pp. 169-195.

132) A. De Santis, G. F. Mieli, C. Rosa, R. Matteucci, A. Celant, C. Minniti, P. Catalano, F. De Angelis, S. Di Giannantonio, C. Giardino, P. Giannini, Le fasi di occupazione nell’area centrale di Roma in età protostorica: nuovi dati dagli scavi nel Foro di Cesare, in Scienze dell’Antichità. Storia archeologia antropologia, 16, 2010, pp. 259-538.

2011

133) C. Giardino, “Archeometallurgia: dalla conoscenza alla fruizione”. Dal workshop al volume, in C. Giardino (a cura di), Archeometallurgia: dalla conoscenza alla fruizione. Atti del Workshop (Cavallino-LE 2006), Beni Archeologici - Conoscenza e Tecnologie Quaderno 8, Edipuglia, Bari 2011, pp. 15-22.

134) C. Giardino, Matrici per vasellame metallico e altri residui di fusione di età ellenistica da Castro (Lecce), in C. Giardino (a cura di), Archeometallurgia: dalla conoscenza alla fruizione. Atti del Workshop (Cavallino-LE 2006), Beni Archeologici - Conoscenza e Tecnologie Quaderno 8, Edipuglia, Bari 2011, pp. 151-160.

135) C. Giardino, G. Guida, Il vasellame bronzeo romano dell’area vesuviana: indagini archeometallurgiche, in C. Giardino (a cura di), Archeometallurgia: dalla conoscenza alla fruizione. Atti del Workshop (Cavallino-LE 2006), Beni Archeologici - Conoscenza e Tecnologie Quaderno 8, Edipuglia, Bari 2011, pp. 181-191.

136) C. Giardino, G. F. Guidi, G. Trojsi, Le attività metallurgiche nell’isola di Vivara (Napoli) durante il Bronzo Medio: le evidenze delle scorie, in C. Giardino (a cura di), Archeometallurgia: dalla conoscenza alla fruizione. Atti del Workshop (Cavallino-LE 2006), Beni Archeologici - Conoscenza e Tecnologie Quaderno 8, Edipuglia, Bari2011, pp. 111-119.

137) C. Giardino, V. Spagnolo, Lo sfruttamento antico delle risorse ferrifere pugliesi. Nuovi dati, in C. Giardino (a cura di), Archeometallurgia: dalla conoscenza alla fruizione. Atti del Workshop (Cavallino-LE 2006), Beni Archeologici - Conoscenza e Tecnologie Quaderno 8, Edipuglia, Bari2011, pp. 271-279.

138) C. Giardino, Dizionario archeometallurgico / Archaeometallurgical dictionary, in C. Giardino (a cura di), Archeometallurgia: dalla conoscenza alla fruizione. Atti del Workshop (Cavallino-LE 2006), Beni Archeologici - Conoscenza e Tecnologie Quaderno 8, Edipuglia, Bari2011, pp.393-405.

139) C. Giardino, D. Steiniger, Evidenze di miniere preistoriche nell’Etruria Meridionale, in C. Giardino (a cura di), Archeometallurgia: dalla conoscenza alla fruizione. Atti del Workshop (Cavallino-LE 2006), Beni Archeologici - Conoscenza e Tecnologie Quaderno 8, Edipuglia, Bari 2011, pp. 289-292.

150) A.M. Bietti Sestieri, C. Giardino, M.A. Gorgoglione, Metal finds at the Middle and Late Bronze Age settlement of Scoglio del Tonno (Taranto, Apulia): results from archaeometallurgical analyses, in Proceedings of the International Conference Archaeometallurgy: technological, economic and social perspectives in Late Prehistoric Europe – TESME, Madrid 2009,Trabajos de Prehistoria 67/2, 2010, pp. 457-468.

141) C. Giardino, G. Guida, G. Occhini, La prima metallurgia dell’Italia Centrale tirrenica e lo sviluppo tecnologico della facies di Rinaldone: Atti XLIII Riunione Scientifica IIPP. L’età del Rame in Italia (Bologna 2008), IIPP Firenze 2011, pp. 181-186.evidenze archeologiche e sperimentazione, in

142) A. Carannante, C. Giardino, U. Savarese, In search of garum. The “Colatura d’alici” from the amalfitan coast (Campania, Italy): an heir of the ancient Mediterranean fish sauces, in F. Lugli, A. A. Stoppiello, S. Biagetti (a cura di), Atti del 4° Convegno Nazionale di Etnoarcheologia (Roma 2006), BAR International Series 2235, Archaeopress, Oxford 2011, pp. 69-79.

143) C. Giardino, Gian Piero Laurenzi, Adriana Moroni Lanfredini, Le rocce lavorate, in A. Moroni Lanfredini, G.P. Laurenzi, (a cura di), Pietralba. Indagine multidisciplinare su alcuni manufatti rupestri dell’Alta Valtiberina, Aboca Edizioni, Sansepolcro (AR), pp. 48-55.

144) C. Giardino, L’indagine tecnologica, in A. Moroni Lanfredini, G.P. Laurenzi (a cura di), Pietralba. Indagine multidisciplinare su alcuni manufatti rupestri dell’Alta Valtiberina, Aboca Edizioni, Sansepolcro (AR), pp. 55-61.

145) C. Giardino, Indagini archeometallurgiche sui reperti, in Gran-Aymerich J., Domínguez-Arranz A. (eds.), La Castellina a sud di Civitavecchia : origini ed eredità. Origines protohistoriques et évolution d'un habitat étrusque, “L’Erma” di Bretschneider, Roma 2011, pp. 981-998.

2012

147) C. Giardino, M. Vidale, Research background, in C. Giardino, M. Vidale, G.L. Bonora (a cura di), Goa Made. An archaeological discovery, «L’Erma» di Bretschneider, Roma 2012, pp. 6-8.

148) C. Giardino, F. Genchi, M. Vidale, Topography and archaeology of the Goa Made site, in C. Giardino, M. Vidale, G.L. Bonora (a cura di), Goa Made. An archaeological discovery, «L’Erma» di Bretschneider, Roma 2012, pp. 9-37.

149) C. Giardino, G. Guida, M. Vidale, S. Ridolfi (with contribution of G. Trojsi, P. Baraldi, A. Bartoli, M. Bordo), The peculiarmaterial of the Goa Made artifacts, in C. Giardino, M. Vidale, G.L. Bonora (a cura di), Goa Made. An archaeologicaldiscovery, «L’Erma» di Bretschneider, Roma 2012, pp. 39-67.

150) C. Giardino, M. Vidale, A preliminarytypology of the Goa Made Artifacts, in C. Giardino, M. Vidale, G.L. Bonora (a cura di), Goa Made. An archaeological discovery, «L’Erma» di Bretschneider, Roma 2012, pp. 103-105.

151) C. Giardino, R. Poggiani Keller, Le produzioni metallurgiche del Bronzo Tardo in Maremma: nuove evidenze da Scarceta, in Atti del X Incontro di Studi “Preistoria e Protostoria in Etruria. L’Etruria dal Paleolitico al Primo Ferro. Lo stato delle ricerche” (Valentano, Pitigliano 2010),Centro Studi di Preistoria e Archeologia, Milano 2012, pp. 407-418.

152) Ch. P. Thornton, C. Giardino, Serge Cleuziou and the ‘Tin Problem, in J. Giraud, G. Gernez (a cura di), Aux marges de l’archéologie. Hommage à Serge Cleuziou, TAP, Ed. De Boccard, Paris 2012, pp. 253-260.

153) C.E. Bottaini, C. Giardino, G. Paternoster, in M. I. Dias, J. L. Cardoso (a cura di), Estudo de um conjunto de machados metálicos do Norte de Portugal, in Actas do IX Congresso Ibérico de Arqueometria (Lisboa, 2011), Estudios Arqueológicos de Oeiras 19, Barcarena 2012, pp. 19-34.

154) C. Giardino, V. Spera, S. Tusa, Nuovi dati sulla metallurgia della Sicilia occidentale nell'età del Bronzo, in Dai Ciclopi agli Ecisti. Società e territorio nella Sicilia preistorica e protostorica. Atti XLI Riunione Scientifica IIPP (San Cipirello - PA 2006), Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria, Firenze 2012, pp. 697-708.

155) C. Giardino, A. Carannante, G. Paternoster, V. Spera, G. Trojsi, S. Tusa, Indagini archeometriche su forme di fusione dal sito di Mursia (Pantelleria), in Dai Ciclopi agli Ecisti. Società e territorio nella Sicilia preistorica e protostorica. Atti XLI Riunione Scientifica IIPP (San Cipirello - PA 2006), Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria, Firenze 2012, pp. 1213-1217.

156) C. Giardino, G. Paternoster, V. Spera, M. Trifuoggi, S. Tusa, Analisi archeometallurgiche sul ripostiglio di Erbe Bianche, in Dai Ciclopi agli Ecisti. Società e territorio nella Sicilia preistorica e protostorica. Atti XLI Riunione Scientifica IIPP (San Cipirello - PA 2006), Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria, Firenze 2012, pp. 1267-1271.

157) C. Giardino, G. Paternoster, V. Spera, M. Trifuoggi, S. Tusa, Indagini archeometallurgiche dal sito di Mursia (Pantelleria), in Dai Ciclopi agli Ecisti. Società e territorio nella Sicilia preistorica e protostorica. Atti XLI Riunione Scientifica IIPP (San Cipirello - PA 2006), Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria, Firenze 2012, pp. 1273-1276.

158) A. M. Sestieri, C. Giardino, L. Salzani, DasVotivdepot von Pila del Brancón, Nogara, Provinz Verona, in W. Meighörner (a cura di), Waffenfür die Götter. Krieger Trophäenheiligtümer, Tiroler Landesmuseen-Betriebsgesellschaftm.b.H., Innsbruck 2012, pp. 125-126.

159) C. Giardino, Archaeometric Analyses on Metal, Glass, and Plaster, in E. Lapadula (J. C. Carter ed.), The Chora of Metaponto 4. The Late Roman Farmhouse at San Biagio, Institute of Classical Archaeology, Packard Humanities Institute, University of Texas Press, Austin – Texas 2012, pp. 194-207.

2013

160) C. Giardino, Villanovan and Etruscan Mining and Metallurgy, in J. Turfa (a cura di), The Etruscan World, Routledge, Abingdon 2013, pp. 721-737.

161) D. Steiniger, C. Giardino, Prehistoric mining in central Italy: New evidence from the Monti della Tolfa (Latium), in Mining in European History and its Impact on Environment and Human Societies – Proceedings for the 2nd Mining in European History Conference of the FZ HiMAT (2012 Innsbruck), Innsbruck University Press, Innsbruck 2013, pp. 81-87.

162) C. Giardino, From natural resources to cultural commodities: metal technology in Central and Southern Italian Copper Age, in Accordia Research Papers XII 2009-2012,  Accordia Research Institute, London 2013, pp. 15-40

163) G. Mastronuzzi, G. Colaianni, G. Fiorentino, C. Giardino, V. Melissano, Analisi stratigrafica e funzionale di un’area di combustione nel luogo di culto messapico di Piazza Dante (Vaste – Lecce), in Fasti Online Documents & Research, The Journal of Fasti Online, 292 PDF, Associazione Internazionale di Archeologia Classica, Roma 2013, pp. 1-23.

164) C. Giardino, T. Burka, Production vs. Destruction: Ethnoarchaeological Considerations on the Ideological Role of the Metals in the Oromo Society and in Antiquity, in F. Lugli, A. A. Stoppiello, S. Biagetti, Ethnoarchaeology: Current Research and Field Methods, Conference Proceedings (Rome, Italy 2010), BAR Int. Series 2472, Archaeopress, Oxford 2013, pp. 88-98.

165) A.M.Bietti Sestieri, L. Salzani, C. Giardino, G. Verly, Ritual treatment of weapons as a correlate of structural change in the Italian LBA communities: the bronze hoard of Pila del Brancon (Nogara, Verona), in Rivista di Scienze Preistoriche LXIII, 2013, pp.  155-169.

2014

166) C. Giardino, L’archeologia sperimentale e la preistoria: un contributo alla conoscenza del passato, in Conimbriga 51, 2012 (2014), pp. 5-33.

167) C. Giardino, G. Occhini, P. Petitti, D. Steiniger, Ricerche Archeominerarie in Etruria meridionale, in Negroni Catacchio N. (a cura di), Preistoria e Protostoria in Etruria. Paesaggi Cerimoniali, Atti dell’XI Incontro di Studi (Valentano - VT, Pitigliano - GR 2012), vol. II, Centro Studi di Preistoria e Archeologia, Milano 2014, pp. 653-666.

168) C. Giardino, A. Lazzari, Bronze Age Metal Manufacturing in Eastern Arabia: Evidences from Ra’s al-Jinz (Oman) and Failaka (Kuwait), in K. Lamberg-Karlovsky, B. Genito, B. Cerasetti (a cura di), ‘My life is like the Summer Rose’. Maurizio Tosi e l’archeologia come modo di vivere. Papers in honour of Maurizio Tosi for his 70th birthday, Archaeopress – BAR, Oxford 2014, pp. 311-322.

169) C. Giardino, Metalli e tufo. Miniere e metallurgia dell’Etruria rupestre dalle origini al periodo etrusco, in L’Etruria meridionale rupestre, Atti del convegno internazionale L’Etruria rupestre dalla protostoria al medioevo. Insediamenti, necropoli, monumenti, confronti” (Barbarano Romano, Blera 2010),Palombi Editori, Roma 2014, pp. 521-528.

2015

170) C. Bottaini, C. Giardino, G. Paternoster, The Final Bronze Age hoard from Solveira (northern Portugal): a multidisciplinary approach, in Hauptmann A., Modarressi-Tehrani D. (a cura di), Archaeometallurgy in Europe III, Proceedings of the 3rd International Conference (Deutsches Bergbau-Museum Bochum 2011), Der Anschnitt 26, Springer Verlag, Berlin, Heidelberg, New York 2015, pp. 125-133.

171) C. Giardino, The Beginning of Copper Metallurgy in Oman, in: The Archaeological Heritage of Oman. Proceedings of the Symposium (Paris - UNESCO 2012), Ministry of Heritage & Culture - Sultanate of Oman, Muscat 2015 (ISBN 9789996904752), pp. 115-125.

172) A. M. Bietti Sestieri, P. Bellintani, L. Salzani, I. Angelini, B. Chiaffoni, J. De Grossi Mazzorin, C. Giardino, M. Saracino, F. Soriano, Frattesina: un centro internazionale di produzione e di scambio nell’Età del bronzo del Veneto, in G. Leonardi, V. Tiné (a cura di), Preistoria e Protostoria del Veneto, Studi di Preistoria e Protostoria 2, Atti della XLVIII Riunione Scientifica dell’Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria (Padova  2013), Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria, Firenze 2015 (ISBN 978-88-6045-056-2), pp. 427-436.

173) A. Dolfini, C. Giardino, L’archeometallurgia preistorica nel Mediterraneo centrale. Bilanci e programmi agli inizi del XXI secolo, in Studi di Antichità 13 (ISBN 9788867661145), pp. 141-174.

2016

174) C. Giardino, Evidence for foreign Contacts in Sicilian and Southern Italian Hoards of the Late Bronze Age and Early Iron Age, in Holger Baitinger (ed.) Materielle Kultur und Identität im Spannungsfeld zwischen Mediterraner Welt und Mitteleuropa - Material Culture and Identity between the Mediterranean World and Central Europe, Akten der Internationalen Tagung am Römisch-Germanischen Zentralmuseum (Mainz 2014), RGZM – Tagungen Band 27, Verlag des Römisch-Germanischen Zentralmuseums,  Mainz 2016 (ISBN 978-3-88467-262-4), pp. 239-261.

175) F. Nomi, C. Giardino, Il progetto C.A.P.R.I.3. Vecchie e nuove indagini paletnologiche sull’isola, in A. Cazzella, A. Guidi, F. Nomi (a cura di), Ubi minor… Le isole minori del Mediterraneo centrale dal Neolitico ai primi contatti coloniali. Convegno di Studi in ricordo di Giorgio Buchner, a 100 anni dalla nascita (1914-2014) (Anacapri, Capri, Ischia/Lacco Ameno 2014), Scienze dell’Antichità 22, Fasc. 2, 2016, pp. 201-219, 481-484.

2017

176) C. Giardino, C. D’Annibale, Pizzica Pantanello (Metaponto): la più antica testimonianza di attività metallurgiche dall’Italia meridionale, in AION - Annali di Archeologia e Storia Antica 21-22 (2014-2015), 2017, pp. 47-63.

177) C. Giardino, R. Rizzo, Computer vision in Cultural Heritage: a versatile and inexpensive tool, in Atti IMEKO International Conference on Metrology for Archaeology and Cultural Heritage (Lecce, Ottobre 2017), Lecce 2017 (ISBN 978-92-990084-0-9), pp. 674–679.

178) C. Giardino, Archeometallurgia alla Corna Nibbia Bione, in M. Baioni (a cura di), Bione, Corna Nibbia. 5000 anni fa in Valle Sabbia, EVS Edizioni Valle Sabbia, Bione (BS) 2017 (ISBN 9788897690153), pp. 162-167.

 

Temi di ricerca

Preistoria e protostoria europea.

Metallurgia Antica.

Archeologia dei materiali.

Archeologia sperimentale.

Etnoarcheologia.

Preistoria e protostoria dell'Oman.

 

Risorse correlate

Documenti

Collegamenti

claudiogiardino.eu (Apre una nuova finestra)