Anna Maria CHERUBINI

Anna Maria CHERUBINI

Ricercatore Universitario

Dipartimento di Matematica e Fisica "Ennio De Giorgi"

Ex Collegio Fiorini - Via per Arnesano - LECCE (LE)

Ufficio, Piano 1°

Telefono +39 0832 29 7593

Professoressa aggregata/Ricercatrice universitaria

Area di competenza:

 
Ho un PhD in Matematica dell'Università di Bologna e sono attualmente professoressa aggregata/ricercatrice   presso il Dipartimento di Matematica e Fisica. 

Le mie aree di ricerca sono:

 

  • sistemi dinamici, in particolare i sistemi dinamici random
  • transizioni critiche in sistemi complessi, in cui ho anche studiato applicazioni all'ecologia
  • aspetti analitici e computazionali di sistemi hamiltoniani (teoria delle perturbazioni in meccanica classica e semiclassica; algoritmi geometrici per lo studio di sistemi hamiltoniani).

 

Sono inoltre esperta di temi di genere nella ricerca scientifica: in tale campo ho, tra l'altro,  coordinato un progetto finanziato dal Ministero del Lavoro per circa 100k euro. Il volume

 

  • AM Cherubini, P Colella, C Mangia eds, Empowerment e orientamento di genere nella scienza, Franco Angeli  (2011).

 

raccoglie anche parte dei risultati del progetto.

Sono componente dl Comitato Pari Opportunità dell'Unione Matematica Italiana e dello Standing Committee di European Women in Mathematics (EWM).  Per EWM coordino anche l'Editorial Team. Partecipo inoltre  al Centro Studi Osservatorio Donna di questa Università.  

 

***

 

I am a PhD in Mathematics of University of Bologna and I am currently a senior researcher at the Dipartimento di Matematica e Fisica of this university.

 

My main areas of research in the last years  are:

 

  • dynamical systems, in particular random dynamical systems;
  • critical transitions in complex systems (with applications to ecology, and in particular to desertification transitions);
  • analytical and numerical aspects of Hamiltonian systems (classical and semiclassical perturbation theory; geometric integrators for hamiltonian systems

 

I am expert in gender issues in science. I have coordinated a project  on gender and science funded by the Italian Ministry of Work  (value 100k euros) whose actions and results are partly collected in:

 

  • AM Cherubini, P Colella, C Mangia eds, Empowerment e orientamento di genere nella scienza, Franco Angeli  (2011).

 

I am currently member of the Equal Opportunities Committee of the Unione Matematica Italiana and of the Standing Committee of European Women in Mathematics (EWM). I am the coordinator of the Editorial Team of EWM. I am a member of Centro Studi Osservatorio Donna of this university.

 

Orario di ricevimento

Office Hours: Tuesday 13-14.

Martedi', dalle 13 alle 14, da ottobre a dicembre 2019 (consiglio di mandare un e-mail per prenotarsi).

In altri periodi previo appuntamento.

 

 

 

 

Recapiti aggiuntivi

Dipartimento di Matematica e Fisica Via Arnesano SNC 73100 Lecce, Italy

Visualizza QR Code Scarica la Visit Card

Curriculum Vitae

 
Ho un PhD in Matematica dell'università di Bologna, ho lavorato presso le università di Padova e Verona, sono stata  visiting researcher  al Department of Mathematics dell'Imperial College a Londra;  sono attualmente professoressa aggregata/ricercatrice   presso il Dipartimento di Matematica e Fisica. 

Le mie aree di ricerca sono:

  • sistemi dinamici, in particolare i sistemi dinamici random
  • transizioni critiche in sistemi complessi, in cui ho anche studiato applicazioni all'ecologia
  • aspetti analitici e computazionali di sistemi hamiltoniani (teoria delle perturbazioni in meccanica classica e semiclassica; algoritmi geometrici per lo studio di sistemi hamiltoniani).

Sono inoltre esperta di temi di genere nella ricerca scientifica: in tale campo ho, tra l'altro,  coordinato un progetto finanziato dal Ministero del Lavoro per circa 100k euro. 

in tale campo ho, tra l'altro,  coordinato un progetto finanziato dal Ministero del Lavoro per circa 100k euro. Il volume

  • AM Cherubini, P Colella, C Mangia eds, Empowerment e orientamento di genere nella scienza,Franco Angeli  (2011).

raccoglie anche parte dei risultati del progetto.

Sono componente dl Comitato Pari Opportunità dell'Unione Matematica Italiana e dello Standing Committee di European Women in Mathematics (EWM).  Per EWM coordino anche l'Editorial Team. Partecipo inoltre  al Centro Studi Osservatorio Donna di questa Università.  

I miei ultimi lavori pubblicati sono:

  •  C. Cerroni and A.M. Cherubini. A che punto è la notte: i numeri delle donne nella matematica italiana. Matematica, Cultura e Società 3 (2018)
  • A.M. Cherubini, J.S.W. Lamb, M. Rasmussen, and Y. Sato. A random dynamical system perspective onstochastic resonance.Nonlinearity 30 (2017)
  • F. Bagarello, A.M. Cherubini and F. Oliveri. An operatorial description of desertification.SIAM Journal on Applied Mathematics, 76.2 (2016)
  • R. Corrado, A.M. Cherubini and C. Pennetta. Critical Desertification Transition in Semi-Arid Ecosystems:the role of local facilitation and colonization rate. Communications in Nonlinear Science and Numerical Simulations, 22.1 (2015).
  • R. Corrado, A.M. Cherubini and C. Pennetta. Desertification transitions in semi-arid ecosystems and directed percolation. ISCS 2014: Interdisciplinary Symposium on Complex Systems, A. Sanayei, O. E. R¨ossler, I. Zelinka eds, Series: Emergence, complexity and computation, 14, Springer (2015)
  • R. Corrado, A.M. Cherubini and C. Pennetta. Early warning signals of desertification transitions in semi-aridecosystems. Physical Review E 90.6 (2014)
  • R. Corrado, A.M. Cherubini and C. Pennetta. Signals of Critical Transitions in Ecosystems Associated with Fluctuations of Spatial Patterns. IEEE procs. 2013, 22nd Int. Conf. In Noise and Fluctuations (2013)

***

I am a PhD in Mathematics of University of Bologna, I have worked at the Universities of Padova and of Verona, I have been a visiting researcher at the Department of Mathematics of Imperial College London. I am currently a senior researcher at the Dipartimento di Matematica e Fisica of this university.

My main areas of research in the last years  are:

  • dynamical systems, in particular random dynamical systems;
  • critical transitions in complex systems (with applications to ecology, and in particular to desertification transitions);
  • analytical and numerical aspects of Hamiltonian systems (classical and semiclassical perturbation theory; geometric integrators for hamiltonian systems

I am expert in gender issues in science. I have coordinated a project  on gender and science funded by the Italian Ministry of Work  (value 100k euros) whose actions and results are partly collected in:

  • AM Cherubini, P Colella, C Mangia eds, Empowerment e orientamento di genere nella scienza, Franco Angeli  (2011).

I am currently member of the Equal Opportunities Committee of the Unione Matematica Italiana and of the Standing Committee of European Women in Mathematics (EWM). I am the coordinator of the Editorial Team of EWM. I am a member of Centro Studi Osservatorio Donna of this university.

My most recent publications are:

  •  C. Cerroni and A.M. Cherubini. A che punto è la notte: i numeri delle donne nella matematica italiana. Matematica, Cultura e Società 3 (2018)
  • A.M. Cherubini, J.S.W. Lamb, M. Rasmussen, and Y. Sato. A random dynamical system perspective onstochastic resonance.Nonlinearity 30 (2017)
  • F. Bagarello, A.M. Cherubini and F. Oliveri. An operatorial description of desertification.SIAM Journal on Applied Mathematics, 76.2 (2016)
  • R. Corrado, A.M. Cherubini and C. Pennetta. Critical Desertification Transition in Semi-Arid Ecosystems:the role of local facilitation and colonization rate. Communications in Nonlinear Science and Numerical Simulations, 22.1 (2015).
  • R. Corrado, A.M. Cherubini and C. Pennetta. Desertification transitions in semi-arid ecosystems and directed percolation. ISCS 2014: Interdisciplinary Symposium on Complex Systems, A. Sanayei, O. E. R¨ossler, I. Zelinka eds, Series: Emergence, complexity and computation, 14, Springer (2015)
  • R. Corrado, A.M. Cherubini and C. Pennetta. Early warning signals of desertification transitions in semi-aridecosystems. Physical Review E 90.6 (2014)
  • R. Corrado, A.M. Cherubini and C. Pennetta. Signals of Critical Transitions in Ecosystems Associated with Fluctuations of Spatial Patterns. IEEE procs. 2013, 22nd Int. Conf. In Noise and Fluctuations (2013)

 

Didattica

A.A. 2019/2020

FISICA MATEMATICA

Corso di laurea MATEMATICA

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI MATEMATICA E FISICA "ENNIO DE GIORGI"

Percorso PERCORSO COMUNE

A.A. 2018/2019

FISICA MATEMATICA

Corso di laurea MATEMATICA

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI MATEMATICA E FISICA "ENNIO DE GIORGI"

Percorso PERCORSO COMUNE

A.A. 2017/2018

FISICA MATEMATICA

Corso di laurea MATEMATICA

Tipo corso di studio Laurea

Lingua ITALIANO

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI MATEMATICA E FISICA "ENNIO DE GIORGI"

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede Lecce

A.A. 2016/2017

FISICA MATEMATICA

Corso di laurea MATEMATICA

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0 Ore Studio individuale: 162.0

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI MATEMATICA E FISICA "ENNIO DE GIORGI"

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

A.A. 2015/2016

FISICA MATEMATICA

Corso di laurea MATEMATICA

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0 Ore Studio individuale: 162.0

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno di corso 3

Struttura DIPARTIMENTO DI MATEMATICA E FISICA "ENNIO DE GIORGI"

Percorso PERCORSO COMUNE

Sede Lecce - Università degli Studi

Torna all'elenco
FISICA MATEMATICA

Corso di laurea MATEMATICA

Settore Scientifico Disciplinare MAT/07

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Per immatricolati nel 2017/2018

Anno accademico di erogazione 2019/2020

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 23/09/2019 al 20/12/2019)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Prerequisiti:

Nozioni sullo studio spettrale di matrici (determinazione di autovalori, autovettori, autospazi e diagonalizzazione).

Competenza sulla risoluzione di sistemi lineari di equazioni differenziali ordinarie a coefficienti costanti.

Nozione di curva, superficie e spazio tangente.

Nozioni di meccanica: equazioni di Newton, energia totale, energia potenziale, momento e quantita' di moto. Nozioni sulla meccanica del corpo rigido. Capacita' di ricavare le equazioni del moto per semplici sistemi di punti o corpi rigidi.

 

Nella prima parte del corso si trattera' lo studio qualitativo delle equazioni differenziali ordinarie, nella seconda una introduzione alla meccanica lagrangiana.

In the first part of the course will be presented fundamental concepts and results at the basis of the qualitative theorey of ordinary differential equations; the second part consists in an introduction to Lagrangian mechanics.

Conoscenze e comprensione. Acquisizione di concetti,  risultati e metodi fondamentali nello studio della fisica matematica, sia per quanto riguarda l'area dei sistemi dinamici sia per quanto riguarda i sistemi lagrangiani .

Capacità di applicare conoscenze e comprensione: 
1 . Capacità di comprendere in modo autonomo testi  di argomento fisico-matematico, siano essi libri di testo introduttivi o semplici articoli specialistici.
2.  Capacità di dimostrare risultati matematici correlati a quelli spiegati durante il corso e di reperire autonomamente, ove necessario,  le  informazioni  necessarie alla soluzioni di semplici problemi in ambito fisico-matematico. 

3.  Capacità  di formalizzare matematicamente, analizzare e risolvere problemi di moderata difficoltà.

Autonomia di giudizio. Le modalità di esposizione dei contenuti sono finalizzate  a migliorare la capacità  critica degli studenti, necessaria al lavoro matematico, per esempio nell' analizzare la correttezza di una dimostrazione o  la rilevanza di un metodo o di  un'argomentazione relativamente all'ambito in cui si lavora.

Abilità comunicative. La modalità di esposizione dei contenuti del corso è volta anche ad educare gli studenti all'uso di un corretto linguaggio  matematico  e ad una efficace comunicazione di problemi, questioni e risultati scientifici.

Capacità di apprendimento Nel corso delle lezioni verranno proposti esercizio correlati con gli argomenti  trattati affinché studenti e studentesse possano applicare e sperimentare in modo autonomo quanto appreso durante il corso.

 

Lezioni frontali

L'esame è orale.
Nel corso dell'esame si richiederà l'esposizione di argomenti teorici, in particolare teoremi con semplici dimostrazioni, per verificare la compresione della teoria e la padronanza del ragionamento dimostrativo.
Inoltre si proporranno problemi ed esercizi per verificare la padronanza profonda degli strumenti matematici esposti durante il corso e la capacità da parte degli esaminandi di risolvere quesiti matematici in autonomia.

Gli studenti possono anche fare riferimento a
https://fismat19-20.blogspot.it

Students are invited to check also https://fismat19-20.blogspot.it


 

Orario di ricevimento :
Martedi', dalle 13 alle 14, da ottobre a dicembre 2018 (consiglio di mandare un e-mail per prenotarsi).

In altri periodi previo appuntamento.

Office Hours: Tuesday 13-14.

In Italiano:

1 Studio qualitativo di sistemi di equazioni differenziali ordinarie.

Definizione spazio delle fasi, soluzione, orbita per sistemi di ODE al primo ordine (o sistema dinamico).
Teorema di Cauchy-Kowalevskaya; dipendenza continua dai dati iniziali e dai parametri.

Definizione e proprieta’ del flusso.

Integrali primi; derivata di Lie.

Stabilita’: funzione di Lyapunov e secondo teorema di stabilita’ di Lyapunov. Teorema di Lagrange-Dirichlet

Ritratto in fase di sistemi meccanici con un grado di liberta.

 

Esponenziale di una matrice e soluzioni di un

sistema dinamico lineare, con particolare

attenzione al caso diagonalizzabile.

Classificazione dell’equilibrio di un sistema lineare piano.

Stabilita’ dell’equilibrio di un sistema lineare n-dimensionale. Definizione

di sottospazi stabili,instabili e centrali. Definizione di matrice iperbolica

o ellittica; definizione di equilibrio iperbolico.

Equilibrio in sistemi non lineari:

Il teorema di Hartman-Grobman.
Il teorema della varietà stabile.

Primo teorema di Lyapunov.


Cicli limite.

Teorema di Poincaré-Bendixson.
 

Biforcazioni in un sistemi mono e bidimensionale. Biforcazione tangente,

transcritica, a forchetta.
Biforcazione di Hopf .

 

2 Elementi di meccanica lagrangiana

 

Introduzione e motivazione del formalismo lagrangiano.

Equazioni di Lagrange per N punti materiali soggetti a vincoli ideali fissi

o dipendenti dal tempo

Coordinate cicliche. Lagrangiane ridotte.

Il teorema di Noether.

Lagrangiana per un corpo rigido.

Piccole oscillazioni per problemi lagrangiani; modi normali dioscillazione.

Equazione di Eulero-Lagrange e principio di minima azione.

In English:

 

1. Qualitative Theory for ordinary differential equations
 

Definition of phase space, solution and orbit for a system of ODEs (dynamical system).

Cauchy - Kowalevskaya theorem; continuous dependence of solutions from initial data and parameters .

Definition and properties of the flow .

First integrals and Lie derivative.
Stability: Lyapunov function and second Lyapunov theorem; Lagrange - Dirichlet theorem

Phase portrait of mechanical systems with one degree of freedom.

Exponential of a matrix and solutions of a linear dynamic system.

Classification of equilibria of a linear plane system.

Stability of an n-dimensional linear system; stable, unstable and central subspaces.

Stability in non- linear systems: the Hartman - Grobman theorem, the stable manifold theorem, first Lyapunov theorem.

Limit cycles and Poincaré-Bendixson theorem .

Bifurcations in one and two-dimensional systems: tangent, transcritical and pitchfork bifurcation.

Hopf bifurcation.

 

2. Introduction to Lagrangian mechanics

Introduction and motivation of the Lagrangian formalism.

Lagrange equations for N points under ideals constraints.

Cyclic coordinates and reduced Lagrangian .

Noether's theorem .

Lagrangian for a rigid body .

Small oscillations and normal modes of oscillation.

Euler- Lagrange equations and the principle of minimum action.

 

Testi di riferimento:

G.Benettin, L.Galgani, A.Giorgilli, Appunti di Meccanica Razionale, Ed. Progetto, Padova

A.Celletti, Esercizi di meccanica razionale, Aracne, Roma (2003)

P.Glendinning, Stability, Instability and Chaos: An Introduction to the Theory of Nonlinear Differential Equations, Cambridge University Press (1994)

M.Hirsch, S.Smale, R.Devaney, Differential Equations, Dynamical Systems and an Introduction to Chaos, III Edition, Elsevier (2012)

L. Perko, Differential Equations and Dynamical Systems, III Edition, Springer (2001).

S. Strogatz, Nonlinear dynamics and chaos: with applications to physics, biology, chemistry, and engineering, II edition, Westview Books (2015)

FISICA MATEMATICA (MAT/07)
FISICA MATEMATICA

Corso di laurea MATEMATICA

Settore Scientifico Disciplinare MAT/07

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Per immatricolati nel 2016/2017

Anno accademico di erogazione 2018/2019

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 24/09/2018 al 21/12/2018)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Prerequisiti:

Nozioni sullo studio spettrale di matrici (determinazione di autovalori, autovettori, autospazi e diagonalizzazione).

Competenza sulla risoluzione di sistemi lineari di equazioni differenziali ordinarie a coefficienti costanti.

Nozione di curva, superficie e spazio tangente.

Nozioni di meccanica: equazioni di Newton, energia totale, energia potenziale, momento e quantita' di moto. Nozioni sulla meccanica del corpo rigido. Capacita' di ricavare le equazioni del moto per semplici sistemi di punti o corpi rigidi.

 

Nella prima parte del corso si trattera' lo studio qualitativo delle equazioni differenziali ordinarie, nella seconda una introduzione alla meccanica lagrangiana.

In the first part of the course will be presented fundamental concepts and results at the basis of the qualitative theorey of ordinary differential equations; the second part consists in an introduction to Lagrangian mechanics.

Conoscenze e comprensione. Acquisizione di concetti,  risultati e metodi fondamentali nello studio della fisica matematica, sia per quanto riguarda l'area dei sistemi dinamici sia per quanto riguarda i sistemi lagrangiani .

Capacità di applicare conoscenze e comprensione: 
1 . Capacità di comprendere in modo autonomo testi  di argomento fisico-matematico, siano essi libri di testo introduttivi o semplici articoli specialistici.
2.  Capacità di dimostrare risultati matematici correlati a quelli spiegati durante il corso e di reperire autonomamente, ove necessario,  le  informazioni  necessarie alla soluzioni di semplici problemi in ambito fisico-matematico. 

3.  Capacità  di formalizzare matematicamente, analizzare e risolvere problemi di moderata difficoltà.

Autonomia di giudizio. Le modalità di esposizione dei contenuti sono finalizzate  a migliorare la capacità  critica degli studenti, necessaria al lavoro matematico, per esempio nell' analizzare la correttezza di una dimostrazione o  la rilevanza di un metodo o di  un'argomentazione relativamente all'ambito in cui si lavora.

Abilità comunicative. La modalità di esposizione dei contenuti del corso è volta anche ad educare gli studenti all'uso di un corretto linguaggio  matematico  e ad una efficace comunicazione di problemi, questioni e risultati scientifici.

Capacità di apprendimento Nel corso delle lezioni verranno proposti esercizio correlati con gli argomenti  trattati affinché studenti e studentesse possano applicare e sperimentare in modo autonomo quanto appreso durante il corso.

 

Lezioni frontali

L'esame è orale.
Nel corso dell'esame si richiederà l'esposizione di argomenti teorici, in particolare teoremi con semplici dimostrazioni, per verificare la compresione della teoria e la padronanza del ragionamento dimostrativo.
Inoltre si proporranno problemi ed esercizi per verificare la padronanza profonda degli strumenti matematici esposti durante il corso e la capacità da parte degli esaminandi di risolvere quesiti matematici in autonomia.

In Italiano:

1 Studio qualitativo di sistemi di equazioni differenziali ordinarie.

Definizione spazio delle fasi, soluzione, orbita per sistemi di ODE al primo ordine (o sistema dinamico).
Teorema di Cauchy-Kowalevskaya; dipendenza continua dai dati iniziali e dai parametri.

Definizione e proprieta’ del flusso.

Integrali primi; derivata di Lie.

Stabilita’: funzione di Lyapunov e secondo teorema di stabilita’ di Lyapunov. Teorema di Lagrange-Dirichlet

Ritratto in fase di sistemi meccanici con un grado di liberta.

 

Esponenziale di una matrice e soluzioni di un

sistema dinamico lineare, con particolare

attenzione al caso diagonalizzabile.

Classificazione dell’equilibrio di un sistema lineare piano.

Stabilita’ dell’equilibrio di un sistema lineare n-dimensionale. Definizione

di sottospazi stabili,instabili e centrali. Definizione di matrice iperbolica

o ellittica; definizione di equilibrio iperbolico.

Equilibrio in sistemi non lineari:

Il teorema di Hartman-Grobman.
Il teorema della varietà stabile.

Primo teorema di Lyapunov.


Cicli limite.

Teorema di Poincaré-Bendixson.
 

Biforcazioni in un sistemi mono e bidimensionale. Biforcazione tangente,

transcritica, a forchetta.
Biforcazione di Hopf .

 

2 Elementi di meccanica lagrangiana

 

Introduzione e motivazione del formalismo lagrangiano.

Equazioni di Lagrange per N punti materiali soggetti a vincoli ideali fissi

o dipendenti dal tempo

Coordinate cicliche. Lagrangiane ridotte.

Il teorema di Noether.

Lagrangiana per un corpo rigido.

Piccole oscillazioni per problemi lagrangiani; modi normali dioscillazione.

Equazione di Eulero-Lagrange e principio di minima azione.

In English:

 

1. Qualitative Theory for ordinary differential equations
 

Definition of phase space, solution and orbit for a system of ODEs (dynamical system).

Cauchy - Kowalevskaya theorem; continuous dependence of solutions from initial data and parameters .

Definition and properties of the flow .

First integrals and Lie derivative.
Stability: Lyapunov function and second Lyapunov theorem; Lagrange - Dirichlet theorem

Phase portrait of mechanical systems with one degree of freedom.

Exponential of a matrix and solutions of a linear dynamic system.

Classification of equilibria of a linear plane system.

Stability of an n-dimensional linear system; stable, unstable and central subspaces.

Stability in non- linear systems: the Hartman - Grobman theorem, the stable manifold theorem, first Lyapunov theorem.

Limit cycles and Poincaré-Bendixson theorem .

Bifurcations in one and two-dimensional systems: tangent, transcritical and pitchfork bifurcation.

Hopf bifurcation.

 

2. Introduction to Lagrangian mechanics

Introduction and motivation of the Lagrangian formalism.

Lagrange equations for N points under ideals constraints.

Cyclic coordinates and reduced Lagrangian .

Noether's theorem .

Lagrangian for a rigid body .

Small oscillations and normal modes of oscillation.

Euler- Lagrange equations and the principle of minimum action.

 

Testi di riferimento:

G.Benettin, L.Galgani, A.Giorgilli, Appunti di Meccanica Razionale, Ed. Progetto, Padova

A.Celletti, Esercizi di meccanica razionale, Aracne, Roma (2003)

P.Glendinning, Stability, Instability and Chaos: An Introduction to the Theory of Nonlinear Differential Equations, Cambridge University Press (1994)

M.Hirsch, S.Smale, R.Devaney, Differential Equations, Dynamical Systems and an Introduction to Chaos, III Edition, Elsevier (2012)

L. Perko, Differential Equations and Dynamical Systems, III Edition, Springer (2001).

S. Strogatz, Nonlinear dynamics and chaos: with applications to physics, biology, chemistry, and engineering, II edition, Westview Books (2015)

FISICA MATEMATICA (MAT/07)
FISICA MATEMATICA

Corso di laurea MATEMATICA

Settore Scientifico Disciplinare MAT/07

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0

Per immatricolati nel 2015/2016

Anno accademico di erogazione 2017/2018

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 25/09/2017 al 15/12/2017)

Lingua ITALIANO

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce

FISICA MATEMATICA (MAT/07)
FISICA MATEMATICA

Corso di laurea MATEMATICA

Settore Scientifico Disciplinare MAT/07

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0 Ore Studio individuale: 162.0

Per immatricolati nel 2014/2015

Anno accademico di erogazione 2016/2017

Anno di corso 3

Semestre Primo Semestre (dal 26/09/2016 al 16/12/2016)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

FISICA MATEMATICA (MAT/07)
FISICA MATEMATICA

Corso di laurea MATEMATICA

Settore Scientifico Disciplinare MAT/07

Tipo corso di studio Laurea

Crediti 9.0

Ripartizione oraria Ore Attività frontale: 63.0 Ore Studio individuale: 162.0

Per immatricolati nel 2013/2014

Anno accademico di erogazione 2015/2016

Anno di corso 3

Semestre Secondo Semestre (dal 29/02/2016 al 31/05/2016)

Lingua

Percorso PERCORSO COMUNE (999)

Sede Lecce - Università degli Studi

FISICA MATEMATICA (MAT/07)

Pubblicazioni

 

Most recent papers:
 

  • A Random Dynamical Systems Perspective on Stochastic Resonance (with J.S.W Lamb, M. Rasmussen and Y. Sato), to appear in Nonlinearity
  • An Operatorial Description of Desertification (with F. Bagarello and F. Oliveri), SIAM Journal on Applied Mathematics 76.2 (2016): 479-499. DOI:10.1137/15M1016515
  • "Critical desertification transition in semi-arid ecosystems: the role of local facilitation and colonization rate (with R.Corrado and C. Pennetta), Communications in Nonlinear Science and Numerical Simulation 22.1 (2015): 3-12. 

    DOI: 10.1016/j.cnsns.2014.08.041

  • Desertification Transition in Semi-arid Ecosystems and Directed Percolation (with R.Corrado and C. Pennetta), in: ISCS 2014: Interdisciplinary Symposium on Complex Systems, pp. 99-107, Springer International Publishing, 2015.
  • Early warning signals of desertification transitions in semiarid ecosystems (with R.Corrado and C. Pennetta), Physical Review E 90.6 (2014): 062705.
    DOI: 10.1103/PhysRevE.90.062705
  • Signals of critical transitions in ecosystems associated with fluctuations of spatial patterns.(with R.Corrado and C. Pennetta), IEEE Procs. of the 22nd Internationa Conference on Noise and Fluctuations, ICNF 2013, 2013. 
    DOI: 10.1109/ICNF.2013.6578895
  • On the short horizon of spontaneous iterative reasoning in logical puzzles and games (with K. Mazzocco and P. Cherubini), Organizational Behavior and Human Decision Processes, 121.1 (2013)
    DOI: 10.1016/j.obhdp.2012.11.002

 

 

Temi di ricerca

Areas of Research  

 

  • Random dynamical systems
  • Critical transitions in complex systems
  • Analytical and numerical aspects of Hamiltonian systems  (classical and semiclassical perturbation theory; geometric integrators for hamiltonian systems)

 

Aree di ricerca

  • Random dynamical systems
  • Transizioni critiche per sistemi complessi
  • Aspetti analitici e computazionali di sistemi hamiltoniani (teoria delle perturbazioni in meccanica classica e semiclassica; algoritmi geometrici per lo studio di sistemi hamiltoniani).