FILOSOFIA ED ETICA DELLO SPORT NELL'ERA DIGITALE MODULO B

Insegnamento
FILOSOFIA ED ETICA DELLO SPORT NELL'ERA DIGITALE MODULO B
Insegnamento in inglese
Settore disciplinare
IUS/20
Corso di studi di riferimento
DIRITTO E MANAGEMENT DELLO SPORT
Tipo corso di studio
Laurea
Crediti
5.0
Ripartizione oraria
Ore Attività frontale: 25.0
Anno accademico
2020/2021
Anno di erogazione
2020/2021
Anno di corso
1
Lingua
ITALIANO
Percorso
Percorso comune
Docente responsabile dell'erogazione
PELLERINO Giovanni

Descrizione dell'insegnamento

Trattandosi di attività di primo anno, non sono previsti prerequisiti aggiuntivi rispetto a quelli occorrenti per iscriversi al Corso di laurea, né propedeuticità.

L’insegnamento si propone, in primo luogo, di fornire allo studente conoscenze di natura teorica sui fondamenti filosofici ed etici applicati all’ambito sport.

Sotto il profilo metodologico, vengono analizzati i paradigmi necessari ad inquadrare il fenomeno sportivo nell’ambito del sistema sociale, con particolare riferimento ai rapporti con i principali sottosistemi in cui si differenzia la società nonché in relazione alla funzione rivestita dallo sport. Inoltre, viene trattato il tema delle radici educative dello sport.

Infine, viene svolto un percorso di approfondimento sull’introduzione delle nuove tecnologie digitali dell’informazione e della comunicazione in ambito sportivo.

a) Conoscenze e comprensione - Lo studio dell’insegnamento di Filosofia ed etica dello sport nell’era digitale conduce il futuro giurista a una migliore conoscenza dei principi filosofici, etici e deontologici che devono rappresentare i fondamenti di un corretto operare in ambito sportivo. Le nozioni acquisite sono finalizzate alla comprensione dei concetti cardine della materia, nonché a collocare correttamente il fenomeno sportivo nell’ambito più ampio della realtà sociale.

b) Capacità di applicare  conoscenze  e comprensione - Si mira, altresì, a favorire l’acquisizione dei profili applicativi della filosofia, dell’etica e della sociologia, specificamente orientati all’ambito sportivo. A tale scopo, le lezioni forniranno dapprima, su ogni argomento, i principi e le nozioni basilari, per poi orientarsi verso l’analisi di profili applicativi declinati in ambito sportivo. Ad esempio, con specifico riferimento a Etica: dapprima i principi e le nozioni generali proprie della disciplina; poi, particolari applicazioni riguardanti la corretta condotta deontologica dell’atleta, il tutto anche mediante analisi di casi concreti.

c) Autonomia di giudizio - Attraverso lo studio della presente disciplina lo studente può acquisire flessibilità, iniziativa, attitudine al problem solving, capacità di analisi di documenti anche complessi e di valutazione di soluzioni anche in vista della loro applicazione, soprattutto con riferimento all’utilizzo delle nuove tecnologie digitali. L’autonomia di giudizio potrà essere perseguita anche attraverso l’analisi e la lettura di testi letterari classici, di testi di dottrina, normativi, sentenze, etc.

d) Abilità comunicative - Lo studente apprende, attraverso il corso, a comunicare in forma scritta e orale informazioni, problemi e soluzioni inerenti gli argomenti impartiti. A tale fine, saranno predisposte specifiche esercitazioni pratiche che potranno valersi anche dell’ausilio di esperti della materia.

e) Capacità di apprendimento - La metodologia didattica è mirata a favorire una conoscenza degli argomenti oggetto del corso non mnemonica ma critica, specialmente nella chiave della loro applicazione all’ambito sportivo.

Oltre alle lezioni frontali di tipo tradizionale, sono previsti seminari che vedranno coinvolti studiosi nazionali ed internazionali su invito del docente, nonché laboratori ed esercitazioni, che consentiranno agli studenti frequentanti un più specifico approfondimento dei temi trattati nel corso, l’accesso a metodologie didattiche e a prospettive d’indagine differenti, e la crescita di capacità di apprendimento, autonomia di giudizio, abilità applicative e comunicative.

L’esame si svolge in forma orale alla fine del corso. Conoscenza e comprensione e la relativa capacità di applicarle saranno accertate attraverso quesiti relativi ai concetti basilari della materia. L’autonomia di giudizio sarà verificata accertando, durante il colloquio, non soltanto la padronanza delle nozioni ma anche l’attitudine ad applicarle a casi concreti. Le capacità comunicative saranno testate, parimenti, nel corso dell’intero esame orale. La mancata conoscenza o la mancata comprensione dei fondamenti della materia preclude il superamento della prova. Il grado di sviluppo dell’autonomia di giudizio e di padronanza delle abilità comunicative influisce sull’attribuzione del punteggio nella forbice da 18 a 30.

Nel corso del semestre potranno essere effettuate delle verifiche intermedie, al mero scopo di agevolare la preparazione dell'esame.

In dettaglio, gli argomenti oggetto delle lezioni sono i seguenti:

 

1. L’etica e la deontologia in ambito sportivo

1.1 L’etica nello sport

1.2 Sport e valori

1.3 Lo sport come strumento di promozione dei diritti dell’uomo

1.4 Etica sportiva come fondamento di cittadinanza universale

1.5 La deontologia nello sport

2. Lo sport nel sistema sociale

2.1 Fondamenti di teoria dei sistemi sociali

2.2 Sport e società

2.3 Le funzioni dello sport nella società

2.4 Sport e sistema economico

2.5 Sport e sistema giuridico

3. Le radici educative dello sport

3.1 L’atleta filosofo

3.2 Filosofia dell’educazione e sport

3.3 Valori e limiti della filosofia dell’educazione olimpica

4. L’introduzione delle nuove tecnologie in ambito sportivo

4.1 Lo sport nell’era digitale

4.2 Le nuove tecnologie al servizio dello sport

4.3 Intelligenza artificiale, IoT e Big Data applicati allo sport

4.4 Sport e new media

4.5 La tutela della privacy in ambito sportivo

  • E. Isidori., L. Reid Heather, Filosofia dello sport, Bruno Mondadori, Milano 2011.
  • Materiali didattici distribuiti a lezione ovvero pubblicati sulla pagina personale del docente presente sul sito istituzionale di Ateneo.