Università del Salento

Collegamenti ai contenuti della pagina:
unisalento-theme-il-contenuto-pagina
Il menu di navigazione
Motore di ricerca
Area Riservata
Accessibilità


testata phonebook


 



unisalento-theme-contenuto-della-pagina [Inizio pagina]

Donato POSA

CORSI

 Statistica I

Anno Accademico: 2014/2015
Nome corso di laurea: L33 - ECONOMIA E FINANZA
Denominazione Insegnamento: STATISTICA I
CFU: 10
Anno di corso dell’insegnamento: PRIMO ANNO
Semestrale/Annuale: ANNUALE
Ambito disciplinare: BASE
SSD: SECS-S/01
Tipologia di insegnamento:  STATISTICO MONODISCIPLINARE
Periodo lezioni: fine SETTEMBRE 2014-MAGGIO 2015
 
Contenuti programma del corso:

Concetti introduttivi e formalismo. 1.1. Cenni storici. 1.2 Campi di applicazione della Statistica. 1.3. L'indagine statistica. 1.3. Fonti di rilevazione statistica. 1.4. Tecniche di campionamento. 1.5. Caratteri e modalità. 1.6. Il formalismo statistico. 2. Tabelle statistiche e rappresentazioni grafiche. 2.1. Le distribuzioni statistiche. 2.2. Le rappresentazioni grafiche. 3. Indici di posizione. 3.1. Le medie analitiche. 3.2. Le medie lasche. 3.3. Diagramma a scatola e baffi 4. Indici di variabilità. 4.1. Tipologie di indici di variabilità. 4.2. Indici di dispersione. 4.3. Indici di disuguaglianza. 4.4. Intervalli di variazione. 4.5. La variabilità relativa. 4.6. La concentrazione. 4.7. Scarti standardizzati. 5. Gli indici di forma. 5.1. Simmetria. 5.2. Curtosi. 6. I rapporti statistici. 6.1. Concetti generali. 6.2. Classi di rapporti statistici. 6.3. Numeri indici. 7. Analisi della dipendenza. 7.1. Indipendenza. 7.2. Analisi della regressione. 7.3. Indice di determinazione. 8. Analisi dell'interdipendenza. 8.1. Aspetti della correlazione. 8.2. Codevianza. 8.3. Coefficiente di correlazione lineare. 8.4. La cograduazione. 9. Distribuzioni empiriche e curva normale. 9.1. Distribuzione empirica e distribuzione teorica. 9.2 Curva normale. 9.3. Disuguaglianza di Bienaymé-Chebyshev. Cenni di calcolo combinatorio e teoria della probabilità.

Bibliografia di riferimento:

-D. Posa, S. De Iaco, M. Palma, Fondamenti di Statistica descrittiva: II edizione, Giappichelli Editore, 2008.

-D. Posa, S. De Iaco, M. Palma,  Elementi di calcolo combinatorio e teoria della probabilità, Giappichelli editore, 2009.

-D. Posa, S. De Iaco, M. Palma, S. Maggio, Esercizi di statistica descrittiva, Giappichelli editore, 2006.

Orario di ricevimento: MARTEDI’ ORE 18.00

 

Commissione di esame: Posa Donato (presidente); • De Iaco Sandra (componente); • Palma Monica (componente);  Maggio Sabrina (componente);Giungato Giuseppina (componente);Distefano Veronica (componente);Claudia Cappello (componente);Daniela Pellegrino (componente);Alessandra Spennato (componente).

Frequenza studenti: obbligatoria

Modalità didattiche: Lezioni frontali, esercitazioni in aula

Lingua dell’insegnamento: Italiano
 
Sede: Lecce
 
Aula: complesso Ecotekne

 

Prerequisiti: elementi di algebra lineare a livello di scuola secondaria di secondo grado

Eventuali propedeuticità: Nessuno

 

Risultati attesi secondo i descrittori di Dublino:

Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding):

- Acquisizione degli strumenti della Statistica descrittiva al fine di descrivere, sintetizzare numericamente, presentare e quindi interpretare le osservazioni relative ai fenomeni collettivi, anche in campo aziendale, economico e finanziario.

- Conoscenza delle Fonti statistiche ufficiali più utilizzate a livello nazionale (ISTAT, ISMEA, ecc.) per il reperimento dei dati.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)

- Capacità di raccogliere dati, archiviarli in database opportunamente definiti, elaborarli e presentare i risultati ottenuti.

- Capacità di lettura e valutazione dei metadati che accompagnano le fonti statistiche.

- Capacità di percezione dei problemi economici e della loro analisi attraverso il metodo statistico.

Autonomia di giudizio (making judgements)

Capacità di valutazione dei risultati derivanti dal calcolo di indicatori statistici e definizione dei metodi più idonei per il raggiungimento dei risultati.

Abilità comunicative (communication skills)

Capacità di presentare con chiarezza i risultati delle analisi statistiche effettuate e dello schema di campionamento scelto.

Capacità di apprendimento (learning skills)

Capacità di apprendimento delle varie fasi per la realizzazione di un’indagine statistica.

Modalità d’esame: prova scritta e orale

Descrizione dei metodi di accertamento:

- valutazione della partecipazione attiva degli studenti alle lezioni e alle esercitazioni in aula;

- prova scritta e orale a conclusione del ciclo di lezioni frontali (verifica delle nozioni acquisite mediante lo sviluppo di elaborati scritti per la parte inerente alle applicazioni statistiche e quesiti orali volti a valutare l’apprendimento delle nozioni teoriche). Del suo svolgimento viene redatto apposito verbale, sottoscritto dal Presidente e dai membri della commissione e dallo studente esaminato. Il superamento dell'esame presuppone il conferimento di un voto non inferiore ai diciotto/trentesimi (con eventuale assegnazione della lode) e prevede l'attribuzione dei corrispondenti CFU.

 Statistica II

 Anno Accademico: 2014/2015 e 2013/2014
Nome corso di laurea: L33 - ECONOMIA E FINANZA
Denominazione Insegnamento: STATISTICA II
CFU: 6
Anno di corso dell’insegnamento: SECONDO ANNO
Semestre: PRIMO SEMESTRE
Ambito disciplinare: CARATTERIZZANTE
SSD: SECS-S/01

Tipologia di insegnamento:  STATISTICO MONODISCIPLINARE

Periodo lezioni: fine settembre 2014-dicembre 2014 o fine settembre 2015-dicembre 2015
Contenuti programma del corso:

1. Principi di inferenza statistica. 2. Calcolo combinatorio ed eventi. Teoria degli insiemi. Elementi di calcolo combinatorio. Esperimenti casuali. Spazio campionario ed eventi. 3. Teoria della probabilità. Cenni storici. Concezione classica, frequentista, geometrica, soggettiva. Teoria assiomatica. Spazio di probabilità. Probabilità condizionata. Indipendenza tra eventi. 4. Variabili aleatorie. Alcuni concetti generali. Funzione di ripartizione. Variabili aleatorie: discrete, assolutamente continue. Variabili aleatorie doppie. Momenti di una variabile aleatoria: valore atteso e varianza. Variabile aleatoria standardizzata. Disuguaglianza di Chebyshev. Relazioni tra variabili aleatorie: indipendenza e correlazione. 5. Distribuzioni di probabilità notevoli: Bernoulli, binomiale, Poisson, gaussiana, chi-quadrato, T di Student, F di Fisher. 6. Campionamento casuale ed inferenza statistica. Paradigmi dell’inferenza statistica. Formalismo dell’inferenza statistica classica. Metodi di stima parametrici e non parametrici. Funzione di verosimiglianza. Statistiche e distribuzioni campionarie: media, varianza, proporzione. Distribuzioni campionarie fondamentali. Teorema del limite centrale. 7. Stima puntuale. Stimatori e stime di un parametro. Proprietà degli stimatori. Metodo della massima verosimiglianza. Stimatori puntuali per il valore atteso, la varianza e la proporzione. 8. Stima per intervalli. Intervalli di confidenza per un parametro. Inferenza parametrica per il valore atteso, la varianza e la proporzione. 9. Verifica delle ipotesi. Verifica di ipotesi per un parametro. Test parametrici per il valore atteso, la varianza e la proporzione. Analisi della varianza. Elementi di Analisi Statistica Spaziale. Descrizione dei dati spaziali. Campionamento spaziale. Analisi esplorativa dei dati. Mappe di localizzazione. Curve di livello. Mappe a livelli di grigio. Funzioni aleatorie. Momenti del primo e secondo ordine. Le ipotesi di stazionarietà. La correlazione spaziale. Covariogramma e variogramma. Modelli teorici. Stima del semivariogramma. Stima puntuale. Metodo poligonale. Metodo delle triangolazioni. Metodi ID. Kriging stazionario.

Bibliografia di riferimento:

- Posa D., De Iaco S., Fondamenti di statistica inferenziale, Cleup, Padova, 2006

 - Posa D., De Iaco S., Geostatistica: teoria e applicazioni, G. Giappichelli Ed., Torino, 2009

Orario di ricevimento: MARTEDI’ ORE 18.00

Commissione di esame: Posa Donato (presidente); •De Iaco Sandra (componente); •Palma Monica (componente); •Maggio Sabrina (componente);

Frequenza studenti (facoltativa/obbligatoria): obbligatoria
Modalità didattiche: Lezioni frontali
Lingua dell’insegnamento: Italiano
Sede: Lecce
Aula: complesso Ecotekne

Prerequisiti: elementi di algebra della scuola secondaria e di statistica descrittiva

Eventuali propedeuticità: Nessuno
 
Risultati attesi secondo i descrittori di Dublino:

Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding):

- Acquisizione degli strumenti della Statistica inferenziale al fine di stimare diversi aspetti di fenomeni economici e finanziari, sulla base dell’osservazione di un campione estratto dalla popolazione di riferimento.

- Conoscenza dei metodi induttivi della Statistica inferenziale per la specificazione, stima e verifica dei parametri di modelli statistici utilizzabili a scopi previsivi e decisionali.

- Conoscenza dei metodi e delle procedure statistiche per analisi esplorative di dati univariati e multivariati.

 

Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)

- Capacità di spiegare fenomeni economici e finanziari mediante l'analisi statistica dei dati e la costruzione di modelli idonei, anche con l'impiego di strumenti di calcolo avanzati e di algoritmi sofisticati.

- Capacità di pianificare un’indagine statistica campionaria.

- Presentazione e interpretazione critica dei risultati inferenziali in ambito economico e finanziario.

 

Autonomia di giudizio (making judgements)

- Capacità di tradurre in termini statistici una esigenza conoscitiva nell’ambito dello studio delle dinamiche economiche e finanziarie.

- Capacità di utilizzare i risultati delle analisi dei dati per formulare ipotesi interpretative, ottenere indicazioni strategiche, assumere decisioni in condizioni di incertezza.

- Capacità di valutare gli aspetti etici e deontologici dei risultati di un’indagine, al fine di evitare un utilizzo inappropriato dell’informazione statistica.

Abilità comunicative (communication skills)

- Capacità di presentare, anche con l'ausilio di tecniche audiovisive, i metodi, i risultati e l'interpretazione

statistica di uno studio sia ad esperti del contesto applicativo che a specialisti nel campo statistico.

- Capacità di cogliere e di definire/circoscrivere l’obiettivo statistico di uno studio con interlocutori non esperti.

-Capacità di divulgare i risultati delle analisi statistiche con linguaggio tecnico adeguato.

Capacità di apprendimento (learning skills)

-Capacità di integrare le proprie conoscenze adattandosi alle diverse realtà e all’evoluzione della disciplina.

 
Modalità d’esame: prova scritta e orale
Descrizione dei metodi di accertamento:

-valutazione della partecipazione attiva degli studenti alle esercitazioni in aula;

-prova scritta e orale a conclusione del ciclo di lezioni frontali (verifica delle nozioni acquisite mediante lo sviluppo di elaborati scritti per la parte inerente alle applicazioni statistiche e quesiti orali volti a valutare l’apprendimento delle nozioni teoriche). Del suo svolgimento viene redatto apposito verbale, sottoscritto dal Presidente e dai membri della commissione e dallo studente esaminato. Il superamento dell'esame presuppone il conferimento di un voto non inferiore ai diciotto/trentesimi (con eventuale assegnazione della lode) e prevede l'attribuzione dei corrispondenti CFU. 

 Analisi Statistica Spaziale

 Anno Accademico: 2014/2015

Nome corso di laurea: ECONOMIA, FINANZA E ASSICURAZIONI

Denominazione Insegnamento:ANALISISTATISTICA SPAZIALE
CFU: 6

Anno di corso dell’insegnamento: SECONDO ANNO

Semestre: PRIMO SEMESTRE

Ambito disciplinare: AFFINE

SSD: SECS-S/01

Tipologia di insegnamento:  STATISTICO MONODISCIPLINARE

Periodo lezioni: fine settembre-dicembre 2014

Contenuti programma del corso:

Concetti preliminari. Calcolo combinatorio. La teoria degli insiemi. Spazio campionario ed eventi. Concezione classica, frequentista, geometrica e soggettiva della probabilità. Teoria assiomatica e conseguenze. Probabilità condizionata ed indipendenza. Variabili aleatorie e loro distribuzione. Funzione di ripartizione. Funzione densità di probabilità. Momenti di una variabile aleatoria e proprietà. Descrizione dei dati spaziali. Campionamento spaziale. Analisi esplorativa dei dati. Mappe di localizzazione. Curve di livello. Mappe a livelli di grigio. Finestre mobili. Effetto proporzionale. Funzioni aleatorie. Momenti del primo e secondo ordine. Le ipotesi di stazionarietà. La correlazione spaziale. Covariogramma e variogramma e relative proprietà. Anisotropie. Presenza di un trend. Modelli teorici. Stima del semivariogramma. Stima puntuale. Metodo poligonale. Metodo delle triangolazioni. Metodi ID. Kriging stazionario e non-stazionario. I parametri del modello spaziale. Validazione del modello. Stima non lineare. Elementi di Geostatistica nonparametrica. Simulazione non condizionata. Simulazione condizionata. Applicazioni di laboratorio mediante l’utilizzo del software S-GEMS. 1 Cartografia e sistemi di riferimento, 2 Caratteristiche generali dei GIS e dei software GIS, 3 Tipologie e formato di dati 4 Modelli per l'organizzazione dei dati
5 WebGIS: caratteristiche e software 6 WebGIS per il monitoraggio ambientale, 7 WebGIS per le aree mercatali

Bibliografia di riferimento:

- Posa D., De Iaco S., Geostatistica: teoria e applicazioni, G. Giappichelli Ed., Torino, 2009

- De Iaco S., Distefano V., Palma M., Posa D., GIS e WRBGIS: elementi ed applicazioni, G. Giappichelli Ed., Torino, 2014

Orario di ricevimento: MARTEDI’ ORE 18.00

Commissione di esame: •Posa Donato (presidente); •De Iaco Sandra (componente); •Palma Monica (componente); •Maggio Sabrina (componente)

Frequenza studenti (facoltativa/obbligatoria): obbligatoria

Modalità didattiche: Lezioni frontali con uso di supporti audiovisivi

Lingua dell’insegnamento: Italiano

Sede: Lecce
Aula: complesso Ecotekne

Prerequisiti: Conoscenza delle nozioni di Statistica inferenziale e di Matematica

Eventuali propedeuticità: Nessuno

Risultati attesi secondo i descrittori di Dublino:

Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding):

- Acquisizione degli strumenti della Geostatistica per la descrizione, interpretazione, stima e simulazione dell’evoluzione spaziale dei fenomeni.

- Conoscenza degli strumenti informatici opportuni: software specialistici per l’analisi geostatistica.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)

- Capacità di fornire modelli stocastici a supporto di diverse aree strategiche del settore finanziario e  assicurativo.

- Capacità di analizzare dati a struttura spaziale  a  scopo previsivo  o  di simulazione.

- Capacità di pianificare un’indagine geostatistica.

- Presentazione e interpretazione critica dei risultati geostatistici in ambito finanziario e attuariale.

 

Autonomia di giudizio (making judgements)

- Capacità di utilizzare i risultati delle analisi geostatistiche per formulare ipotesi interpretative, ricavarne indicazioni strategiche, prendere decisioni in condizioni di incertezza.

- Capacità di valutare gli aspetti etici e deontologici dei risultati di un’indagine, al fine di evitare un utilizzo inappropriato dell’informazione geostatistica.

 

Abilità comunicative (communication skills)

- Capacità di presentare, anche con l'ausilio di tecniche audiovisive, i metodi, i risultati e l'interpretazione statistica di uno studio sia ad esperti di natura economico-finanziaria in ambito bancario, assicurativo che a specialisti nel campo statistico.

- Capacità di cogliere e di definire/circoscrivere l’obiettivo geostatistico di uno studio.

Capacità di apprendimento (learning skills)

- Capacità di integrare le proprie conoscenze adattandosi alle diverse realtà e all’evoluzione della disciplina.

Modalità d’esame: prova orale e prova di laboratorio

Descrizione dei metodi di accertamento:

- prova orale e di laboratorio a conclusione del ciclo di lezioni frontali (quesiti orali volti a valutare l’apprendimento delle nozioni teoriche e discussione di un caso di studio sviluppato in laboratorio); la prova d’esame si svolge ai sensi dell'art. 26 del Regolamento Didattico di Ateneo. Del suo svolgimento viene redatto apposito verbale, sottoscritto dal Presidente e dai membri della commissione e dallo studente esaminato. Il superamento dell'esame presuppone il conferimento di un voto non inferiore ai diciotto/trentesimi (con eventuale assegnazione della lode) e prevede l'attribuzione dei corrispondenti CFU. 

  Statistica I

Anno Accademico: 2013/2014
Nome corso di laurea: L33 - ECONOMIA E FINANZA
Denominazione Insegnamento: STATISTICA I
CFU: 10
Anno di corso dell’insegnamento: PRIMO ANNO
Semestrale/Annuale: ANNUALE
Ambito disciplinare: BASE
SSD: SECS-S/01
Tipologia di insegnamento:  STATISTICO MONODISCIPLINARE
Periodo lezioni: fine SETTEMBRE 2013-MAGGIO 2014
 
Contenuti programma del corso:

Concetti introduttivi e formalismo. 1.1. Cenni storici. 1.2 Campi di applicazione della Statistica. 1.3. L'indagine statistica. 1.3. Fonti di rilevazione statistica. 1.4. Tecniche di campionamento. 1.5. Caratteri e modalità. 1.6. Il formalismo statistico. 2. Tabelle statistiche e rappresentazioni grafiche. 2.1. Le distribuzioni statistiche. 2.2. Le rappresentazioni grafiche. 3. Indici di posizione. 3.1. Le medie analitiche. 3.2. Le medie lasche. 3.3. Diagramma a scatola e baffi 4. Indici di variabilità. 4.1. Tipologie di indici di variabilità. 4.2. Indici di dispersione. 4.3. Indici di disuguaglianza. 4.4. Intervalli di variazione. 4.5. La variabilità relativa. 4.6. La concentrazione. 4.7. Scarti standardizzati. 5. Gli indici di forma. 5.1. Simmetria. 5.2. Curtosi. 6. I rapporti statistici. 6.1. Concetti generali. 6.2. Classi di rapporti statistici. 6.3. Numeri indici. 7. Analisi della dipendenza. 7.1. Indipendenza. 7.2. Analisi della regressione. 7.3. Indice di determinazione. 8. Analisi dell'interdipendenza. 8.1. Aspetti della correlazione. 8.2. Codevianza. 8.3. Coefficiente di correlazione lineare. 8.4. La cograduazione. 9. Distribuzioni empiriche e curva normale. 9.1. Distribuzione empirica e distribuzione teorica. 9.2 Curva normale. 9.3. Disuguaglianza di Bienaymé-Chebyshev. Cenni di calcolo combinatorio e teoria della probabilità.

Bibliografia di riferimento:

-D. Posa, S. De Iaco, M. Palma, Fondamenti di Statistica descrittiva: II edizione, Giappichelli Editore, 2008.

-D. Posa, S. De Iaco, M. Palma,  Elementi di calcolo combinatorio e teoria della probabilità, Giappichelli editore, 2009.

-D. Posa, S. De Iaco, M. Palma, S. Maggio, Esercizi di statistica descrittiva, Giappichelli editore, 2006.

Orario di ricevimento: MARTEDI’ ORE 18.00

 

Commissione di esame: Posa Donato (presidente); • De Iaco Sandra (componente); • Palma Monica (componente);  Maggio Sabrina (componente);Giungato Giuseppina (componente);Distefano Veronica (componente);Claudia Cappello (componente);Daniela Pellegrino (componente);Alessandra Spennato (componente).

Frequenza studenti: obbligatoria

Modalità didattiche: Lezioni frontali, esercitazioni in aula

Lingua dell’insegnamento: Italiano
 
Sede: Lecce
 
Aula: complesso Ecotekne

 

Prerequisiti: elementi di algebra lineare a livello di scuola secondaria di secondo grado

Eventuali propedeuticità: Nessuno

                                                  ~*~*~

 

Analisi Statistica Spaziale
 
Anno Accademico: 2013/2014

Nome corso di laurea: ECONOMIA, FINANZA E ASSICURAZIONI

Denominazione Insegnamento:ANALISISTATISTICA SPAZIALE
CFU: 6

Anno di corso dell’insegnamento: SECONDO ANNO

Semestre: PRIMO SEMESTRE

Ambito disciplinare: AFFINE

SSD: SECS-S/01

Tipologia di insegnamento:  STATISTICO MONODISCIPLINARE

Periodo lezioni: fine settembre-dicembre 2013

Contenuti programma del corso:

Concetti preliminari. Calcolo combinatorio. La teoria degli insiemi. Spazio campionario ed eventi. Concezione classica, frequentista, geometrica e soggettiva della probabilità. Teoria assiomatica e conseguenze. Probabilità condizionata ed indipendenza. Variabili aleatorie e loro distribuzione. Funzione di ripartizione. Funzione densità di probabilità. Momenti di una variabile aleatoria e proprietà. Descrizione dei dati spaziali. Campionamento spaziale. Analisi esplorativa dei dati. Mappe di localizzazione. Curve di livello. Mappe a livelli di grigio. Finestre mobili. Effetto proporzionale. Funzioni aleatorie. Momenti del primo e secondo ordine. Le ipotesi di stazionarietà. La correlazione spaziale. Covariogramma e variogramma e relative proprietà. Anisotropie. Presenza di un trend. Modelli teorici. Stima del semivariogramma. Stima puntuale. Metodo poligonale. Metodo delle triangolazioni. Metodi ID. Kriging stazionario e non-stazionario. I parametri del modello spaziale. Validazione del modello. Stima non lineare. Elementi di Geostatistica nonparametrica. Simulazione non condizionata. Simulazione condizionata. Applicazioni di laboratorio mediante l’utilizzo del software S-GEMS.

Bibliografia di riferimento:

- Posa D., De Iaco S., Geostatistica: teoria e applicazioni, G. Giappichelli Ed., Torino, 2009

Orario di ricevimento: MARTEDI’ ORE 18.00

Commissione di esame: •Posa Donato (presidente); •De Iaco Sandra (componente); •Palma Monica (componente); •Maggio Sabrina (componente)

Frequenza studenti (facoltativa/obbligatoria): obbligatoria

Modalità didattiche: Lezioni frontali con uso di supporti audiovisivi

Lingua dell’insegnamento: Italiano

Sede: Lecce
Aula: complesso Ecotekne

Prerequisiti: Conoscenza delle nozioni di Statistica inferenziale e di Matematica

Eventuali propedeuticità: Nessuno

                                         ~*~*~

 Statistica Descrittiva per le Scienze Sociali

 Anno Accademico: 2013/2014

Nome corso di laurea: Servizio Sociale  CFU: 6 Anno di corso dell’insegnamento: SECONDO ANNO

Semestre: PRIMO SEMESTRE
SSD: SECS-S/01

 Programma: 1. Concetti introduttivi e definizioni fondamentali. 1.1. Definizione e campi di applicazione della statistica. 1.2. L'indagine statistica. 1.3. Fonti di rilevazione statistica. 1.4. Tecniche di campionamento. 1.5. Caratteri e modalità. 1.6. Il formalismo statistico. 2. Tabelle statistiche e rappresentazioni grafiche. 2.1. Le distribuzioni statistiche. 2.2. Le rappresentazioni grafiche. 3. Le medie. 3.1. Le medie analitiche. 3.2. Le medie lasche. 3.3. Il diagramma a scatola e baffi.  4. La variabilità.  4.1. gli indici di variabilità. 4.2. indici di dispersione. 4.3. indici di disuguaglianza.  4.4. intervalli di variazione. 4.5. la variabilità relativa 5. Analisi dell'interdipendenza.  5.1. Aspetti della correlazione. 5.2. Codevianza. 5.3. Coefficiente di correlazione lineare. 5.4. La cograduazione. 

 Testi d'esame:

  • D. Posa, S. De Iaco, M. Palma, Statistica descrittiva: elementi ed esercizi , Giappichelli Editore, 2007.
  • D. Posa, S. De Iaco, M. Palma, S. Maggio, Esercizi di statistica descrittiva, Giappichelli editore, 2006.

 Modalità d'esame: scritto