Università del Salento

Collegamenti ai contenuti della pagina:
unisalento-theme-il-contenuto-pagina
Il menu di navigazione
Motore di ricerca
Area Riservata
Accessibilità


 


 



unisalento-theme-contenuto-della-pagina [Inizio pagina]

dall'interno

04.08.2017 - Premio “Ricerca e Innovazione” al dottor Valerio Micaroni

È stato assegnato al dottor Valerio Micaroni, biologo marino laureato in Coastal and Marine Biology and Ecology, l’edizione 2017 del Premio “Ricerca e Innovazione”: un riconoscimento promosso dal Comune di Monteroni con il Patrocinio di Regione Puglia, Provincia di Lecce, Confindustria di Lecce e di 17 Comuni del Salento. Il Premio, giunto alla VI edizione, è destinato a un/una giovane laureato/a dell’Università del Salento che si sia distinto per carriera universitaria e innovatività del lavoro di tesi, anche in riferimento a utili ricadute per il territorio salentino.
Valerio Micaroni è stato scelto dal Comitato Scientifico per essersi distinto per la brillante carriera universitaria e per la tesi di laurea magistrale “Project Biodiversity Mare Tricase: biodiversity inventory of the coastal area of Tricase (Lecce, Italy) in the Otranto channel”. Questo progetto di tesi aveva già vinto anche il premio Miglior Poster – Comitato Fauna d’Italia al Congresso Congiunto dell’Unione Zoologica Italiana e della Società Italiana di Ecologia, svoltosi a Milano nel settembre 2016.

12.07.2017 - Premio Canada-Italia per l’Innovazione 2017 al professor Antonio Caruso

Uno dei Premi Canada-Italia per l’Innovazione 2017 è stato assegnato al dott. Antonio Caruso, ricercatore di Informatica presso il Dipartimento di Matematica e Fisica “Ennio De Giorgi” dell’Università del Salento. Si tratta di un Premio nato con l’obiettivo di rafforzare i legami tra il Canada e l’Italia nei campi della scienza, della tecnologia e dell’innovazione; l’edizione di quest’anno, la quinta, ha registrato un elevato e qualificato numero di domande, tra le quali il professor Caruso è stato selezionato sulla base di un progetto di collaborazione con la professoressa Melike Erol-Kantarci, dell’Università di Ottawa.
Dopo il G7 di Taormina, a fine Maggio, il professor Caruso è stato ricevuto (assieme agli altri cinque vincitori, provenienti da Università e centri di ricerca di Bologna, Milano, Genova e Trento) presso la sede di rappresentanza dell’Ambasciatore del Canada a Roma, in occasione della visita del Primo Ministro Canadese Justin Trudeau.
Grazie al Premio Canada-Italia per l’Innovazione 2017, Antonio Caruso lavorerà come visiting researcher presso l’Università di Ottawa fino al prossimo settembre, sviluppando l’attività del progetto e ponendo le basi per future collaborazioni tra l’Italia e il Canada su queste tematiche.

17.06.2017 - Premio Nazionale “Francesca Molfino” a Lucia Potì, Laureata UniSalento

Il Premio Nazionale “Francesca Molfino” alla dottoressa Lucia Potì: va a una laureata dell’Università del Salento questo premio promosso dalla Fondazione Roma La Sapienza e destinato alla miglior tesi di laurea specialistica/magistrale sul tema della violenza contro le donne. La cerimonia di premiazione è in programma il prossimo 19 giugno 2017 nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza alle ore 16.30, quando alla vincitrice verrà consegnata una pergamena di riconoscimento e un premio in denaro di 1.500 euro.
Lucia Potì ha conseguito la laurea magistrale in Progettazione e Gestione dei Processi Formativi presso la Facoltà di Scienze della formazione, Scienze politiche e Sociali dell’Università del Salento (sessione del luglio 2016) con una tesi dal titolo “La violenza di genere: la formazione degli operatori”, discussa in Teorie e metodi della formazione. L’obiettivo generale della tesi è stato quello di analizzare il fenomeno del femminicidio, focalizzando in particolare l’attenzione sul processo di aiuto e sulle risorse territoriali per fronteggiare il problema. La tesi ha in particolare individuato gli elementi strategici per impostare il processo di lavoro con le donne che hanno subìto violenza.
L’approfondita e articolata riflessione teorica del lavoro di tesi è stata resa possibile grazie all’esperienza formativa di tirocinio svolta presso la “Comunità Chiara Luce – Salentopportunità Cooperativa Sociale Onlus” di Lecce. Grazie all’attività di osservazione partecipata e di affiancamento agli operatori della comunità, il lavoro della dottoressa Potì ha riguardato le madri ospiti della comunità assieme ai propri figli, con l’obiettivo di individuare le strategie di intervento e gli strumenti operativi volti alla tutela dell’infanzia, dell’adolescenza e dei nuclei in difficoltà.

 

03.04.2017 - Attestato di “professionista accreditato presso la Fondazione Italia-USA” alla neolaureata UniSalento

L’attestato di “professionista accreditato presso la Fondazione Italia-USA” e una borsa di studio per frequentare il master “Global Marketing, Comunicazione e Made in Italy”. Sono i riconoscimenti ricevuti nei giorni scorsi a Roma da Francesca Annicchiarico, 27 anni, originaria di Grottaglie, laureata lo scorso luglio con il massimo dei voti all’Università del Salento in Studi Geopolitici e Internazionali.
La borsa di studio, una delle mille messe a disposizione dalla stessa Fondazione Italia-USA assieme al Centro Studi Comunicare l’Impresa, è stata assegnata attraverso una selezione tramite la banca dati Almalaurea, con l’obiettivo di formare professionisti che possano contribuire alla diffusione della cultura d’impresa nell’internazionalizzazione dell’Italia verso gli Stati Uniti.
Il master “Global Marketing, Comunicazione e Made in Italy” è ufficialmente riconosciuto a livello internazionale dalle Nazioni Unite attraverso il programma UNAI - United Nations Academic Impact, lanciato dal segretario generale dell’ONU nel 2010 e del quale la Fondazione Italia-Usa fa parte.
«Il premio rappresenta un riconoscimento molto importante per i corsi universitari che hanno il nobile intento di sviluppare una conoscenza transnazionale del mondo, intesa non come limite ma come riconoscimento e comprensione di valori e punti di vista differenti», dice la dottoressa Annicchiarico, «Il collegamento fra varie culture rappresenta il fulcro del dinamismo attuale che spesso sfugge alla logica delle politiche pubbliche o economiche. In questo quadro rientra il percorso formativo che l’Università del Salento promuove con il corso di laurea magistrale in Studi Geopolitici e Internazionali, grazie al quale ho potuto sviluppare una tesi di ricerca in Comparazione Costituzionale e Geopolitica con il professor Michele Carducci su “Il ruolo costituzionale delle Imprese Transnazionali”. Il lavoro di tesi ha analizzato il fenomeno dell’influenza delle imprese transnazionali e multinazionali a livello globale e costituzionale, con riferimento alla Responsabilità sociale d’impresa e ha posto particolare attenzione al fenomeno del lobbying (inteso come attività costituzionale delle imprese), comprendendo l’importanza delle relazioni istituzionali nelle democrazie pluralistiche nel rispetto di codici etici e nel bilanciamento degli interessi tra le parti».

 

08.02.2017 - Il professor Belmonte "Doctor Honoris Causa" all'Università di Valona

Dottore honoris causa per “la crescita scientifica dell’Università e la valorizzazione dell’ambiente naturale”: un riconoscimento che l’Università di Valona (Albania) ha voluto attribuire al professor Genuario Belmonte, ordinario di Zoologia all’Università del Salento presso il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche e Ambientali. La cerimonia si è svolta nei giorni scorsi a Valona, appunto, dove la locale Università ha voluto così valorizzare e premiare i risultati di una collaborazione didattico-scientifica che si protrae ormai da 15 anni.
«Abbiamo aperto un piccolo museo didattico di Biologia Marina», racconta il professor Belmonte, «e un laboratorio di analisi chimico-fisiche; progettato un acquario pubblico (già approvato dalle autorità e in attesa di essere realizzato) e un Centro Internazionale di Scienze per l’ambiente marino. Sulla base di questo lavoro, a Valona è stato recentemente fondato un corso di laurea triennale in Biologia. La collaborazione scientifica si svilupperà ulteriormente assieme alla promozione e alla valorizzazione del locale ambiente costiero. In questi anni abbiamo curato itinerari, mostre fotografiche, escursioni (didattiche e non) anche con gli studenti della nostra Università, e numerosi sono stati i progetti internazionali che hanno portato a pubblicazioni scientifiche. Il tutto nell’ambito di un’apposita convenzione quadro che lega le nostre Università in attività didattiche e di ricerca. Sono particolarmente colpito da questo riconoscimento, segno della fiducia riposta in me e nell’Università del Salento: un incoraggiamento a proseguire nella collaborazione, con l’obiettivo di “avvicinare” sempre di più i nostri due Paesi».

   

 

N.B. Le notizie segnalate anche in lingua inglese saranno pubblicate sul portale "International" (di prossimo avvio).


Data ultimo aggiornamento: 06.09.2017